Ci sono acquirenti? L’esercito israeliano cerca di vendere le armi in disuso

Set 3, 2022 | Notizie

di Oded Yaron

Haaretz, 1 settembre 2022.  

Un piccolo annuncio su un giornale apre una finestra sulle armi in eccedenza di Israele – dai missili a guida laser alle vecchie mine – e persino sul suo piano di vendita.

Razzo Accular in fase di lancio.Credito: תעש

Il Ministero della Difesa israeliano sta invitando gli esponenti della difesa a partecipare a una gara d’appalto per la vendita di munizioni pesanti, come missili anticarro, proiettili d’artiglieria, carri armati e persino razzi d’artiglieria di precisione.

Secondo un annuncio pubblicato la scorsa settimana dal SIBAT – la Direzione per la Cooperazione Internazionale alla Difesa del Ministero della Difesa – si tratta di munizioni in eccedenza delle forze di terra dell’esercito israeliano. “Gli articoli sono destinati all’uso di militari stranieri e la loro vendita tramite esportatori/società sarà soggetta alla presentazione di un certificato di utilizzo finale firmato da un funzionario governativo del Paese di destinazione”, si legge nell’annuncio.

In una situazione ideale, questa sezione dell’annuncio dovrebbe garantire che tutte le munizioni finiscano in mani meritevoli – ad esempio, l’esercito ucraino che ha un disperato bisogno di ulteriori attrezzature per continuare a combattere l’invasione russa. Ma la lunga storia delle esportazioni di armi israeliane e dei suoi clienti passati e presenti – come l’Uganda o il Myanmar, ad esempio – non ispira grande fiducia che ciò accada.

Il lungo elenco di munizioni contenuto nell’annuncio include i razzi di artiglieria di precisione Accular, un modello sviluppato dalle Israel Military Industries e venduto oggi da Elbit Systems, che ha acquistato l’IMI quando il governo ha privatizzato l’azienda. I razzi Accular sono disponibili nel calibro di 122 millimetri e sono conosciuti nel corpo di artiglieria dell’IDF con il nome di Romach, o “Spear” in inglese. È disponibile anche la versione da 160 millimetri, dotata di un sistema GPS per la guida o di una guida inerziale – che non dipende da un sistema satellitare – e che consente attacchi di precisione su bersagli a una distanza compresa tra 35 e 40 km (21 e 24 miglia). Questi razzi possono essere lanciati da dispositivi di lancio appositamente sviluppati da Israele, ma anche da altre piattaforme comuni come l’M270 MLRS (Multiple Launch Rocket System) di produzione statunitense, che sono state utilizzate dall’IDF per decenni – e anche l’esercito ucraino le utilizza.

L’elenco comprende anche proiettili da mortaio, da 60 e 120 millimetri, e proiettili da carro armato da 105 millimetri. Sembra che i proiettili per carri armati non abbiano più potenziali utenti nell’IDF dopo che l’esercito ha dismesso il carro armato Merkava 2 dalle sue unità di servizio e di riserva due anni fa. Sono in vendita anche i missili anticarro guidati Lahat a puntamento laser, progettati per essere sparati dai cannoni dei carri armati Merkava per fornire ai carri armati la capacità di colpire bersagli a distanze molto maggiori. Da allora, sono state sviluppate nuove versioni da utilizzare su altre piattaforme come elicotteri, veicoli leggeri e navi.

Missili Flare installati su un elicottero MI-17Credit: Israel Aerospace Industries

Una delle parti più problematiche della gara d’appalto contiene una sola parola: “mine”. Non è chiaro che tipo di mine siano in vendita, ma è importante ricordare che Israele utilizza ancora mine antiuomo, come quelle che l’IDF ha piazzato nel 2011 al confine con la Siria. Nei mesi di maggio e giugno di quell’anno, centinaia di manifestanti siriani attraversarono la barriera di confine e, secondo i media arabi, oltre 20 persone furono uccise dal fuoco delle forze israeliane.

Israele è membro della Convenzione dell’Ufficio delle Nazioni Unite per il Disarmo di alcune armi convenzionali (CCW), che limita l’uso delle mine antiuomo e delle trappole esplosive – ma non fa parte del Trattato di Ottawa, che impone il divieto totale delle mine antiuomo. Gli ultimi 20 anni hanno dimostrato che Israele ha scelto con cura quali trattati firmare – o quali non firmare – per quanto riguarda i vari protocolli della Convenzione CCW – e questo anche prima delle tre pagine di condizioni inserite al momento della ratifica della Convenzione. Per esempio, Israele ha deciso di non ratificare il Protocollo III della Convenzione, che vieta l’uso di armi incendiarie contro i civili, e chiunque abbia seguito le operazioni militari nella Striscia di Gaza negli ultimi 15 anni o giù di lì, ricorderà le immagini ormai iconiche dei proiettili al fosforo bianco che esplodono su aree altamente popolate, mentre i civili corrono al riparo.

Israele ha anche evitato di firmare il Protocollo V della CCW, adottato per la prima volta nel 2003, riguardante i “residuati bellici esplosivi”, che richiede che tutte “le parti in un conflitto armato prendano tutte le precauzioni possibili nel territorio sotto il loro controllo colpito da residuati bellici esplosivi per proteggere la popolazione civile, i singoli civili e gli oggetti civili dai rischi e dagli effetti dei residuati bellici esplosivi”.

Tre anni dopo, Israele viene trascinato in quella che divenne nota come Seconda Guerra del Libano, durante la quale l’esercito lanciò migliaia di razzi MLRS, ognuno dei quali trasportava centinaia di bombe. Un soldato che sparava munizioni a grappolo ha raccontato ad Haaretz di aver ricevuto l’ordine di “inondare” l’area con munizioni a grappolo senza obiettivi specifici. “Abbiamo coperto interi villaggi con le bombe a grappolo. Quello che abbiamo fatto è stato folle e mostruoso”, ha dichiarato ad Haaretz un altro comandante di un’unità di missili MLRS. L’IDF ha sparato circa 1.800 razzi con bombe a grappolo contro il Libano, con oltre 1,2 milioni di proiettili, ha aggiunto. Oltre all’uso di proiettili di artiglieria e di bombe a grappolo sganciate dagli aerei, il numero di ordigni lanciati sul Libano durante la guerra era molto più alto.

Un esperto di bombe esamina le bombe a grappolo israeliane inesplose in Libano dopo la guerra del 2006.Credit: AP

Secondo un rapporto di Amnesty International, dopo la guerra, circa un milione di bombe non sono esplose quando hanno colpito il suolo. Le bombe inesplose lasciate sul terreno hanno ucciso oltre 200 civili libanesi negli anni successivi. Le bombe a grappolo non sono incluse nell’elenco delle munizioni che Israele ha messo in vendita.

Un’altra frase interessante del bando di vendita lo chiarisce: “Gli articoli offerti in vendita sono di varie quantità e sono a diversi livelli di riparazione (i dettagli sono riportati nei documenti di gara) e nelle loro condizioni attuali: ‘Così com’è, dove è'”. È ovviamente difficile sapere quali siano i dettagli, ma più le munizioni sono vecchie e peggiori sono le condizioni di stoccaggio, più è probabile che si trovino guasti o altri problemi gravi.

Per sapere esattamente quali munizioni in eccedenza l’IDF sta offrendo, bisogna studiare i documenti della proposta, che però non si trovano sui siti web del SIBAT, del Ministero della Difesa o delle gare d’appalto governative a cui l’annuncio fa riferimento.

Haaretz ha inviato i documenti della gara d’appalto all’indirizzo e-mail indicato nell’annuncio, ma non ha ancora ricevuto risposta.

https://www.haaretz.com/israel-news/2022-09-01/ty-article/.highlight/any-buyers-israeli-army-looking-to-sell-leftover-weapons/00000182-f886-d310-ade7-fbcf38d60000

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio