Aviv Geffen, icona della sinistra israeliana, durante un concerto in Cisgiordania si scusa per aver criticato i coloni.

Set 2, 2022 | Notizie

di Philissa Cramer,

Jewish Telegraphic Agency, 30 agosto 2022. 

Il cantante israeliano Aviv Geffen parla alla cerimonia per i 25 anni dall’assassinio del Primo Ministro israeliano Yitzhak Rabin a Tel Aviv, il 7 novembre 2020. (Miriam Alster/Flash90)

La rockstar israeliana Aviv Geffen, simbolo della sinistra del Paese, ha annunciato durante un recente concerto in Cisgiordania di essersi pentito delle sue critiche del passato ai coloni che vivono lì e che lui ha denunciato a lungo come ostacoli alla pace.

“È molto commovente essere qui. Ho compiuto un viaggio personale che non è stato semplice e non è stato breve e ho capito che io e i miei fratelli – voi – siamo stati costretti a separarci per una serie di ragioni, tra cui la mia ignoranza, che derivava dal desiderio di compiacere una parte del mio pubblico”, ha detto Geffen il 24 agosto durante un concerto a Beit El, l’insediamento sostenuto da David Friedman, l’ex ambasciatore dell’amministrazione Trump in Israele.

“Ho parlato per ignoranza e non capivo le ragioni degli altri”, ha aggiunto Geffen. “Ora sono maturato e voglio chiedervi sinceramente perdono dal profondo del cuore”.

I concerti e i commenti di Geffen in Cisgiordania offrono un segnale eloquente del fatto che gli insediamenti, visti a livello internazionale come una barriera alla pace e considerati illegali secondo il diritto internazionale, sono diventati parte del discorso politico popolare in Israele.

Non era così nel 1995, quando Geffen è balzato agli onori della cronaca internazionale dopo essere stato l’ultima persona ad abbracciare il Primo Ministro israeliano Yitzhak Rabin, prima che Rabin venisse assassinato da un estremista di destra arrabbiato perché aveva accettato di cedere parti della Cisgiordania nel tentativo di fare la pace con i Palestinesi. L’assassinio avvenne durante un concerto organizzato a Tel Aviv dai sostenitori liberali di Rabin, tra cui Geffen.

Geffen ha detto che le sue convinzioni fondamentali non sono cambiate. “Sono rimasto a sinistra, ma un uomo che non sa fare la pace con quelli del suo popolo, non saprà fare la pace con i suoi vicini”, ha twittato lunedì.

Sul palco, Geffen ha attribuito la sua evoluzione a quella che ha detto essere un’amicizia con Ayelet Shaked, una donna politica di destra che è attualmente Ministro degli Interni di Israele. Lei ha risposto su Twitter, dicendo: “Aviv, sono felice di aver contribuito a illuminare i tuoi occhi su tutto il bene di questa comunità, sale della terra; spero che la tua voce contribuisca ad aumentare l’unità e l’amore nella nostra meravigliosa nazione”.

Geffen ha anche indossato una kippah a maglia del tipo preferito dai sionisti religiosi – una mossa significativa in una cultura in cui lo stile del copricapo di un uomo è un indicatore della sua ideologia politica – prima di esibirsi con Avraham Fried, un popolare cantante chassidico ortodosso. Fried e Geffen hanno stretto un’amicizia all’inizio della pandemia, dopo che, durante un concerto online, Geffen aveva espresso solidarietà verso la città ortodossa di Bnei Brak, i cui residenti erano stati duramente colpiti dal COVID-19.

Geffen si è esibito in due diversi insediamenti, ciascuno con una forte fede religiosa sionista: a Kedumim, dove vive Bezalel Smotrich, un politico di destra che vuole che Israele sia governato dalla legge ebraica, e a Beit El. Pur essendosi autodefinito obiettore di coscienza in un Paese in cui il servizio militare è obbligatorio, Geffen si è anche esibito per la prima volta negli ultimi mesi nelle basi dell’Esercito Israeliano.

I commenti di Geffen arrivano mentre Israele si avvicina a un’elezione – la quinta in tre anni – in cui Shaked è alla guida di un nuovo partito, Spirito Sionista, che potrebbe determinare se l’ex Primo Ministro Benjamin Netanyahu tornerà in carica. Al di là di questa ipotesi, appare chiaro che un numero maggiore di israeliani sta pianificando di votare per i partiti di destra che si oppongono a qualsiasi concessione per quanto riguarda la Cisgiordania.

“Il centro è scivolato a destra e la retorica si concentra ora su chi è la ‘destra autentica’”, ha scritto il sociologo Or Anabi in un’analisi distribuita martedì dal centro di ricerca apartitico Israel Democracy Institute.

Mentre Shaked e altre figure di destra hanno celebrato i commenti di Geffen, questi hanno attirato critiche e tristezza da sinistra. Scrivendo sul quotidiano liberale Haaretz, Carolina Landsmann ha collegato il cambiamento di Geffen a una disputa tra la città di Tel Aviv e il Ministero dell’Educazione nazionale sulla possibilità di esporre nelle scuole mappe che delineano la fine dei confini israeliani del 1967 e l’inizio degli insediamenti. Il governo afferma che tali mappe sono proibite, ma molte scuole di Tel Aviv hanno comunque intenzione di esporle all’inizio delle lezioni questa settimana.

“Senza la soluzione dei due Stati all’orizzonte, non c’è più significato per la vecchia divisione politica o per la disputa ideologica sul futuro della Cisgiordania e del progetto di insediamento”, ha scritto Landsmann. “La cancellazione della Linea Verde era il prezzo reale e non dichiarato del ‘governo del cambiamento’ che i cittadini di Tel Aviv hanno creato insieme ai coloni. Geffen, da questa prospettiva, non è affatto all’avanguardia. È un conformista che ora segue la linea ideologica segnata”.

Nei suoi commenti durante il concerto di Beit El, Geffen ha riconosciuto la grandezza della sua presenza.

“Essere qui oggi a Bet El è qualcosa che non avrei mai sognato diversi anni fa e sono molto felice di essere qui con voi in amore e in onore”, ha detto. “Vi chiedo quello che chiedo a me stesso: solo unità, basta con l’incitamento, dobbiamo capire che siamo veri fratelli. Vi ringrazio per avermi invitato qui e vi voglio bene”.

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio