Israele uccide decine di palestinesi in due “massacri” a Gaza

Giu 22, 2024 | Notizie

da Staff di MEE,

Middle East Eye, 22 giugno 2024.   

Gli attacchi hanno preso di mira il campo profughi di Shati e il quartiere Tuffah di Gaza City

Un palestinese sul luogo degli attacchi israeliani alle case, durante il conflitto tra Israele e Hamas, nel campo profughi di Al Shati a Gaza City, 22 giugno 2024. (Reuters/Ayman Al Hassi)

Almeno 43 persone sono state uccise in due attacchi israeliani a Gaza, sabato 22 giugno.

Gli attacchi hanno preso di mira il campo profughi di Shati, nel nord di Gaza, e il quartiere di Tuffah, a Gaza City, ha dichiarato ad Al Jazeera il capo dell’ufficio stampa del governo.

Ha detto che 24 persone sono state uccise in sette case a Shati. La protezione civile di Gaza ha dichiarato di aver recuperato 19 corpi da Tuffah.

Hamas ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma che Israele “continua a colpire brutalmente i civili inermi di Gaza e compie nuovi massacri nei campi di Shati, Mawasi e Rafah”.

Il gruppo ha invitato la comunità internazionale a intraprendere “azioni più efficaci” per impedire a Israele di commettere tali atti.

“L’occupazione e i suoi leader nazisti pagheranno il prezzo delle loro violazioni contro il nostro popolo palestinese, e questi crimini non spezzeranno la volontà [dei palestinesi]”, si legge nella dichiarazione.

Il ministero della Sanità di Gaza ha dichiarato che 101 palestinesi sono stati uccisi in attacchi israeliani nelle ultime 24 ore, portando il totale a 37.551 persone uccise nell’enclave dal 7 ottobre.

Inoltre, 85.911 persone sono state ferite dall’inizio della guerra.

La crisi umanitaria a Gaza causata dai bombardamenti e dall’assedio di Israele rischia di peggiorare a causa del caldo torrido, ha avvertito venerdì 21 l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

“Abbiamo assistito a sfollamenti massicci nelle ultime settimane e negli ultimi mesi, e sappiamo che la combinazione di sfollamenti e caldo torrido possono causare un aumento delle malattie”, ha dichiarato Richard Peeperkorn dell’OMS.

“Abbiamo contaminazione dell’acqua che è più calda e avremo un maggiore deterioramento del cibo a causa dell’alta temperatura. Ci saranno zanzare e mosche, disidratazioni e colpi di calore”.

L’OMS ha chiesto la riapertura del valico di Rafah a sud -sequestrato da Israele all’inizio di maggio e successivamente distrutto- per facilitare gli aiuti e le evacuazioni mediche per 10.000 feriti che necessitano di cure all’estero.

Mentre il bilancio delle vittime civili e le condizioni umanitarie, in particolare la crescente crisi della fame nel nord di Gaza, continuano a peggiorare, il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha negato di aver deliberatamente preso di mira i civili o di aver imposto una politica di fame.

In un’intervista rilasciata all’emittente conservatrice statunitense Punchbowl News, Netanyahu ha etichettato le accuse come “calunnie di sangue contro il popolo ebraico”.

“Queste sono due delle calunnie che vengono rivolte allo Stato ebraico, così come hanno detto che uccidevamo i bambini cristiani per cuocere il pane azzimo nel Medioevo o che diffondiamo parassiti per avvelenare intere popolazioni”, ha affermato.

I gruppi per i diritti umani e gli esperti delle Nazioni Unite hanno accusato Israele di punizioni collettive contro i palestinesi dopo l’attacco guidato da Hamas del 7 ottobre, compreso l’uso della fame come arma di guerra.

Il direttore dell’ospedale Kamal Adwan, nel nord di Gaza, ha dichiarato sabato che in una sola settimana quattro bambini sono morti per malnutrizione nel suo ospedale.

“Nelle scorse ore abbiamo perso un bambino nel reparto nursery dell’ospedale. È il quarto bambino morto in ospedale nell’ultima settimana a causa della malnutrizione”, ha dichiarato in una conferenza stampa.

https://www.middleeasteye.net/news/israel-kills-dozens-palestinians-two-massacres-gaza

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

Non sempre AssoPacePalestina condivide gli articoli che pubblichiamo, ma pensiamo che opinioni anche diverse possano essere utili per capire.

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio