Un ministro israeliano descrive il tentativo segreto del governo di consolidare il controllo sulla Cisgiordania

Giu 22, 2024 | Notizie

di Natan Odenheimer, Ronen Bergman e Patrick Kingsley,

The New York Times, 21 giugno 2024. 

I giudici israeliani hanno da tempo stabilito che il controllo di Israele sul territorio è un’occupazione militare temporanea e conforme al diritto internazionale. Il recente discorso di un potente ministro, ripreso da una registrazione, suggerisce che il governo sta cercando di cambiare questa situazione.

Un soldato israeliano a un posto di guardia in Cisgiordania. Dicembre 2023. Avishag Shaar-Yashuv per il New York Times

I nostri giornalisti hanno esaminato la registrazione di un recente discorso tenuto da Bezalel Smotrich, un ministro israeliano di estrema destra che guida gli sforzi per consolidare il controllo israeliano sulla Cisgiordania occupata.

Un influente membro della coalizione del Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha detto ai coloni della Cisgiordania occupata da Israele che il governo è impegnato in uno sforzo silenzioso per cambiare irreversibilmente il modo in cui il territorio è governato, al fine di consolidare il controllo di Israele su di esso senza essere accusato di una formale annessione.

In una registrazione del discorso, si può sentire il ministro Bezalel Smotrich suggerire, durante un evento privato all’inizio del mese, che l’obiettivo è impedire che la Cisgiordania diventi parte di uno stato palestinese.

“Vi dico che [il progetto] è mega-drammatico”, ha detto Smotrich ai coloni. “Cambiamenti di questo tipo modificano il DNA di un sistema”.

Mentre l’opposizione di Smotrich alla cessione del controllo sulla Cisgiordania non è un segreto, la posizione ufficiale del governo israeliano è che lo status della Cisgiordania rimane aperto ai negoziati tra i leader israeliani e palestinesi. La Corte Suprema israeliana ha stabilito che il dominio di Israele sul territorio è un’occupazione militare temporanea supervisionata da generali dell’esercito, non un’annessione civile permanente amministrata da funzionari israeliani.

Il discorso di Smotrich del 9 giugno a un raduno in Cisgiordania potrebbe rendere questa posizione più difficile da mantenere. Il ministro ha delineato un programma accuratamente orchestrato per togliere l’autorità sulla Cisgiordania dalle mani dell’esercito israeliano e affidarla a civili che lavorano per Smotrich nel ministero della Difesa. Alcune parti del piano sono già state introdotte gradualmente negli ultimi 18 mesi e alcuni poteri sono già stati trasferiti ai civili.

Il ministro delle Finanze israeliano, Bezalel Smotrich, si rivolge ai parenti degli ostaggi durante una manifestazione a Gerusalemme nel giugno 2024. Menahem Kahana/Agence France-Presse – Getty Images

“Abbiamo creato un sistema civile separato”, ha detto Smotrich. Per sviare il controllo internazionale, il governo ha permesso al ministero della Difesa di rimanere coinvolto nel processo, in modo che sembri che i militari siano ancora al centro del governo della Cisgiordania.

“Sarà più facile da digerire nel contesto internazionale e legale”, ha detto Smotrich. “In questo modo non si dirà che stiamo facendo un’annessione”.

I giornalisti del New York Times hanno ascoltato una registrazione del discorso di circa mezz’ora fornita da uno dei partecipanti, un ricercatore di Peace Now, un gruppo contro l’occupazione. Un portavoce di Smotrich, Eytan Fold, ha confermato che il ministro ha tenuto il discorso e ha detto che l’evento non era segreto.

Smotrich, un legislatore di estrema destra, ha detto che Netanyahu era a conoscenza dei dettagli del piano, in gran parte prefigurato in un accordo di coalizione tra i loro partiti che consente al primo ministro di rimanere al potere. Netanyahu è “con noi a tutti gli effetti”, ha detto Smotrich nel suo discorso.

Se il governo dovesse crollare, una futura coalizione potrebbe annullare i cambiamenti, ma in passato le mosse del governo per la Cisgiordania sono rimaste in vigore anche nelle amministrazioni successive.

Nuovi edifici nell’insediamento israeliano di Eli in Cisgiordania, a dicembre 2023. Avishag Shaar-Yashuv per il New York Times

Per molti palestinesi, il discorso in sé sarà probabilmente accolto con meno sorpresa del fatto che Smotrich abbia pronunciato quelle parole ad alta voce.

“È interessante sentire Smotrich confermare con parole sue gran parte di ciò che sospettavamo sul suo programma”, ha dichiarato Ibrahim Dalalsha, direttore dell’Horizon Center, un gruppo di analisi politica di Ramallah, in Cisgiordania.

Tuttavia, ha detto Dalalsha, l’approccio non è nuovo.

I palestinesi affermano da anni che i leader israeliani stanno cercando di annettere la Cisgiordania in tutto e per tutto, costruendo insediamenti in luoghi strategici nel tentativo di impedire un controllo palestinese contiguo sul territorio. “È dal 1967 che va avanti questa storia”, ha detto Dalalsha. “Da molto prima che Smotrich entrasse in scena”, ha aggiunto.

Israele ha preso il controllo del territorio dalla Giordania nel 1967, durante una guerra con tre stati arabi. Da quando lo ha occupato, Israele ha insediato più di 500.000 civili israeliani, che sono soggetti alla legge civile israeliana, accanto ai circa tre milioni di palestinesi del territorio, che sono soggetti alla legge militare israeliana. Circa il 40% del territorio è amministrato dall’Autorità Palestinese, un organismo semiautonomo gestito dai palestinesi che dipende dalla cooperazione di Israele per gran parte dei suoi finanziamenti.

Per decenni, la Corte Suprema di Israele ha descritto il governo israeliano sul territorio come un’occupazione militare, supervisionata da un alto generale, che rispetta le leggi internazionali che si applicano ai territori occupati. L’attuale coalizione al governo contesta il termine “occupazione”, ma nega anche pubblicamente che la Cisgiordania sia stata annessa in modo permanente e posta sotto il controllo sovrano delle autorità civili israeliane.

“Lo status finale di questi territori sarà determinato dalle parti in negoziati diretti”, ha dichiarato l’ufficio del primo ministro in una dichiarazione in risposta al discorso di Smotrich. “Questa politica non è cambiata”, ha aggiunto il comunicato.

Il discorso di Smotrich suggerisce il contrario.

Coloni israeliani scrutano attraverso i finestrini oscurati di un’auto per vedere se ci sono palestinesi all’interno, mentre il veicolo viaggia vicino al villaggio di Wadi as Seeq, in Cisgiordania, a dicembre 2023. Sergey Ponomarev per il New York Times

In particolare, il discorso sottolinea un cambiamento in base al quale gli ufficiali militari non supervisionano più la maggior parte del processo di espansione degli insediamenti israeliani, l’esproprio di terreni e la costruzione di strade in Cisgiordania. Questi ruoli sono ora supervisionati da “un civile che lavora sotto il ministero della Difesa” e che non lavora per i comandanti militari, ma in un nuovo direttorato supervisionato da Smotrich.

Anche se cresce la pressione internazionale per la dichiarazione di uno stato palestinese che comprenda la Cisgiordania e Gaza, i commenti di Smotrich suggeriscono che Israele sta lavorando silenziosamente per rafforzare il suo controllo sulla Cisgiordania e renderla più difficile da separare dal controllo israeliano.

I diplomatici stanno cercando di raggiungere un “grande accordo” per il Medio Oriente che ponga fine alla guerra israeliana con Hamas nella Striscia di Gaza e migliori i legami di Israele con le altre nazioni della regione. L’Arabia Saudita, ad esempio, ha dichiarato che riconoscerà Israele – ma solo se Israele permetterà a sua volta la creazione di uno stato palestinese.

Il discorso di Smotrich suggerisce quanto questa prospettiva possa essere lontana, dal momento che si sta muovendo per unire il governo della Cisgiordania occupata con il governo dello Stato di Israele.

Il discorso di Smotrich “mina fondamentalmente l’argomentazione di lunga data dello stato di Israele, secondo cui gli insediamenti sono legali perché temporanei”, ha dichiarato Talia Sasson, un’ex funzionaria di alto livello del ministero della Giustizia israeliano che nel 2005 ha guidato un’influente inchiesta governativa sul sostegno del governo agli insediamenti illegali.

Il discorso ha chiarito quanto sia diventato potente il movimento dei coloni di Israele, un tempo marginale.

Smotrich è un attivista di lunga data che ha lavorato al di fuori dell’establishment israeliano per costruire accampamenti di coloni considerati illegali anche dalla legge israeliana. Come religioso integralista, crede che la Cisgiordania – a cui gli israeliani si riferiscono con i nomi biblici di Giudea e Samaria – sia stata data agli ebrei da Dio.

Nell’ultimo decennio, come legislatore, Smotrich ha attirato l’attenzione per i suoi commenti estremisti, tra cui l’invito a distruggere una città palestinese, il suo sostegno alla segregazione tra arabi ed ebrei nei reparti di maternità e il suo appoggio ai proprietari terrieri ebrei che non vogliono vendere proprietà agli arabi.

Dalla fine del 2022, Smotrich ha acquisito una straordinaria influenza sulla politica del governo. È stato allora che il suo partito si è unito alla coalizione del Primo Ministro Benjamin Netanyahu, aiutandolo a ottenere una piccola maggioranza in Parlamento.

Una veduta aerea della recinzione lungo la linea del 1948 che separa il villaggio palestinese di Hable, a sinistra, e quello israeliano di Matan, in Cisgiordania, a dicembre 2023. Sergey Ponomarev per il New York Times

Smotrich ha usato questa leva per convincere Netanyahu ad assegnargli sia la posizione nel ministero della Difesa che quella nel ministero delle Finanze, un ruolo che Smotrich ha usato per bloccare i fondi per l’Autorità Palestinese.

“Il mio obiettivo – e penso anche di tutti i presenti – è innanzitutto quello di impedire la creazione di uno stato del terrore nel cuore della terra d’Israele”, ha dichiarato Smotrich nel discorso registrato.

Smotrich ha detto che il suo principale risultato è stato quello di porre sotto il controllo civile molti dei compiti dell’esercito in Cisgiordania. Sebbene l’esercito abbia spesso chiuso un occhio sull’espansione degli insediamenti e abbia persino protetto gli insediamenti non autorizzati dagli attacchi dei palestinesi, i soldati hanno anche talvolta distrutto gli accampamenti dei coloni costruiti senza il permesso del governo e impedito agli attivisti israeliani di entrare in Cisgiordania.

Per contrastare queste attività contro i coloni, ha detto Smotrich, il governo ha:

– dato ai civili un maggiore controllo sui piani di costruzione degli insediamenti e una supervisione sugli avvocati che decidono le questioni legali negli insediamenti.

– Ha tolto al comandante supremo dell’esercito in Cisgiordania la possibilità di bloccare i piani di costruzione degli insediamenti.

– Ha ottenuto quasi 270 milioni di dollari dal bilancio della difesa di Israele per sorvegliare gli insediamenti nel 2024-2025.

– Si è avvicinato alla creazione di una nuova squadra di sicurezza che potrebbe demolire più rapidamente gli edifici palestinesi in Cisgiordania costruiti senza il permesso di Israele.

In un certo senso, i commenti di Smotrich sono sembrati un tentativo di disinnescare le critiche della sua stessa base sul suo operato in carica. Gli attivisti dei coloni affermano che l’esercito impedisce ancora troppo spesso la costruzione di nuovi avamposti di insediamento e che Smotrich non ha fatto abbastanza per intervenire.

“Quindici anni fa, ero uno di quelli che correvano sulle colline, erigendo tende”, ha detto Smotrich ai coloni nel suo discorso. Ora, ha detto che il suo lavoro dietro le quinte avrà un impatto molto maggiore rispetto alla costruzione di qualunque accampamento di coloni.

Johnatan Reiss ha contribuito con un reportage da Tel Aviv e Adam Rasgon da Gerusalemme.

Ronen Bergman è uno scrittore del New York Times Magazine, con sede a Tel Aviv. Il suo ultimo libro è “Rise and Kill First: The Secret History of Israel’s Targeted Assassinations”, pubblicato da Random House.

Patrick Kingsley è il capo ufficio del Times a Gerusalemme e si occupa di Israele, Gaza e Cisgiordania.

https://www.nytimes.com/2024/06/21/world/middleeast/israel-west-bank-netanyahu-bezalel-smotrich.html?campaign_id=2&emc=edit_th_20240622&instance_id=126913&nl=today%27s-headlines&regi_id=70178108&segment_id=170247&te=1&user_id=189440506a0574962c5baaf044befaca

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

Non sempre AssoPacePalestina condivide gli articoli che pubblichiamo, ma pensiamo che opinioni anche diverse possano essere utili per capire.

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio