Il molo statunitense per gli aiuti a Gaza sta fallendo e potrebbe essere smantellato in anticipo

Giu 20, 2024 | Notizie

di Helene Cooper e Eric Schmitt,

The New York Times, 18 giugno 2024. 

I funzionari sperano che la scadenza incombente faccia pressione su Israele per l’apertura di altri accessi via terra al territorio, che sta affrontando livelli estremi di fame.

Un’immagine satellitare del molo temporaneo di Gaza all’inizio di questo mese. Maxar Technologies, via Reuters

Il molo temporaneo da 230 milioni di dollari che l’esercito americano ha costruito in fretta per far affluire gli aiuti umanitari a Gaza ha ampiamente fallito la sua missione, dicono le organizzazioni umanitarie, e probabilmente terminerà le operazioni diverse settimane prima del previsto.

Nel mese trascorso da quando è stato fissato alla costa, il molo è stato in funzione solo per circa 10 giorni. Per il resto del tempo è stato riparato dopo che il mare mosso lo aveva fatto a pezzi, staccato per evitare ulteriori danni o messo in pausa per questioni di sicurezza.

Il molo non è mai stato pensato per essere qualcosa più di una misura provvisoria, mentre l’amministrazione Biden spingeva Israele a consentire l’ingresso di più cibo e altri rifornimenti a Gaza attraverso le vie terrestri, un modo molto più efficiente di distribuire gli aiuti. Ma anche i modesti obiettivi del molo rischiano di non essere raggiunti, secondo alcuni ufficiali militari americani.

Quando il molo è stato concepito, le autorità sanitarie avvertivano che il territorio di Gaza era sull’orlo della carestia. Nelle ultime settimane, Israele ha concesso alle organizzazioni umanitarie un accesso più ampio, ma i gruppi di soccorso dicono che la situazione rimane disastrosa.

Inizialmente, l’amministrazione Biden aveva previsto che il molo sarebbe diventato inutilizzabile solo a settembre, a causa dell’innalzamento del mare. Ma gli ufficiali militari stanno ora avvertendo le organizzazioni umanitarie che il progetto potrebbe essere smantellato già il mese prossimo, una scadenza incombente che i funzionari dicono di sperare faccia pressione su Israele affinché apra altri ingressi via terra.

Il presidente Biden ha ordinato alle forze armate statunitensi di iniziare la costruzione del molo a marzo, in un momento in cui veniva aspramente criticato per non aver fatto di più per contenere la risposta militare di Israele agli attacchi del 7 ottobre guidati da Hamas.

I primi camion carichi di aiuti hanno iniziato a sbarcare dal molo il 17 maggio. Da allora, il progetto ha stentato a decollare, mentre molti gazawi soffrono una fame immensa, dicono i gruppi di aiuto.

Nell’ultimo colpo inferto agli sforzi per gli aiuti, venerdì l’esercito americano ha dichiarato che avrebbe spostato temporaneamente il molo per evitare che venisse danneggiato dall’alto mare.

La decisione “non è presa a cuor leggero, ma è necessaria per garantire che il molo temporaneo possa continuare a fornire aiuti in futuro”, ha dichiarato il Comando Centrale degli Stati Uniti in un post sui social media, precisando che il molo sarebbe stato trainato in Israele. Sabrina Singh, una portavoce del Pentagono, ha dichiarato lunedì che il molo potrebbe essere riattaccato e le consegne di aiuti potrebbero riprendere nel corso della settimana.

Il molo “non funziona, almeno non per i palestinesi”, ha scritto Stephen Semler, cofondatore del Security Policy Reform Institute, in un saggio per Responsible Statecraft, una pubblicazione del Quincy Institute. Semler ha sostenuto che il molo è riuscito solo a fornire una “copertura umanitaria” alla politica dell’amministrazione Biden di sostenere i bombardamenti di Israele su Gaza.

I funzionari statunitensi affermano che, oltre a consegnare gli aiuti ora che molte delle rotte terrestri sono chiuse, il molo ha anche acceso i riflettori sull’urgente necessità di fornire più assistenza umanitaria a Gaza. Ma le sfide del progetto hanno frustrato e deluso gli alti funzionari dell’amministrazione Biden.

Nonostante i ritardi dovuti alle condizioni meteorologiche e gli altri problemi, c’è stato un punto positivo: Il molo non è ancora stato colpito da un attacco.

All’inizio del mese, il Pentagono ha respinto le affermazioni sui social media secondo cui il molo sarebbe stato usato in un raid israeliano che ha liberato quattro ostaggi ma che ha portato alla morte di decine di palestinesi.

Nelle ore successive alla liberazione degli ostaggi, è circolato online un video che mostrava un elicottero militare israeliano decollare dalla spiaggia con il molo statunitense sullo sfondo.

Dopo la diffusione dei video, il Comando Centrale degli Stati Uniti ha dichiarato in un comunicato che il molo e “le sue attrezzature, il personale e le strutture non sono stati utilizzati nell’operazione di salvataggio degli ostaggi oggi a Gaza”.

I funzionari militari americani erano particolarmente preoccupati di possibili attacchi perché dopo il salvataggio erano emerse notizie secondo cui gli Stati Uniti avevano fornito informazioni sugli ostaggi prima dell’operazione.

La scorsa settimana, il Magg. Gen. Patrick S. Ryder, addetto stampa del Pentagono, ha denunciato “affermazioni imprecise sui social media” secondo cui il molo avrebbe partecipato al salvataggio, ma ha detto che “c’è stato un certo movimento di elicotteri” vicino al molo durante l’operazione.

Arlan Fuller, direttore della risposta alle emergenze di Project Hope, ha detto che l’immagine di un elicottero che decolla dalla spiaggia è in contrasto con l’uso generale dello spazio umanitario. Ha aggiunto che l’immagine “confonde le acque” e potrebbe mettere maggiormente a rischio gli operatori umanitari al molo.

Inoltre, il Comando Centrale aveva appena annunciato che il molo era di nuovo utilizzabile dopo una pausa di quasi due settimane per le riparazioni quando è avvenuto il salvataggio degli ostaggi. Il giorno dopo, il Programma Alimentare Mondiale ha dichiarato di aver nuovamente sospeso la distribuzione degli aiuti dal molo a causa di problemi di sicurezza.

Biden ha sorpreso il Pentagono quando ha parlato improvvisamente del molo nel suo discorso sullo stato dell’Unione. Gli ingegneri dell’esercito hanno costruito e dispiegato il molo in due mesi, con circa 1.000 truppe statunitensi ora coinvolte in una parte del progetto.

Quando Biden ha annunciato il progetto, i funzionari prevedevano che avrebbe contribuito a fornire fino a due milioni di pasti al giorno ai gazawi. Il Pentagono chiama il progetto JLOTS, per Joint Logistics Over the Shore, un progetto già utilizzato in passato per i soccorsi umanitari in Somalia, Kuwait e Haiti.

Nei giorni in cui il molo ha funzionato, ha permesso la consegna di migliaia di tonnellate di aiuti a Gaza, dicono gli ufficiali.

Il vice-comandante del Comando Centrale, il vice-ammiraglio Brad Cooper, ha recentemente dichiarato che i problemi con il molo “sono stati causati esclusivamente da condizioni meteorologiche impreviste”.

Di solito, la primavera e l’inizio dell’estate sulle coste di Gaza sono più tranquille. “Fai i tuoi piani su X, e la natura ti manda 2X”, ha detto Paul D. Eaton, un maggiore generale in pensione che si trovava in Somalia nel 1993, quando l’esercito americano vi installò un molo per consegnare aiuti umanitari ai civili coinvolti nella guerra.

Diversi repubblicani del Congresso hanno criticato il progetto per i suoi costi e i potenziali rischi per le truppe statunitensi.

“Questo esperimento irresponsabile e costoso sfida ogni logica, tranne l’ovvia spiegazione politica: placare l’estrema sinistra del presidente”, ha dichiarato all’inizio del mese il senatore Roger Wicker del Mississippi, il repubblicano più anziano della Commissione per i Servizi Armati.

Gli operatori umanitari affermano che le consegne di cibo e altri rifornimenti sono state rallentate dai colli di bottiglia ai valichi di frontiera, causati dalle lunghe ispezioni dei camion, dalle ore di lavoro limitate e dalle proteste degli israeliani.

Israele ha sostenuto che non ci sono limiti alla quantità di aiuti che permette di entrare. Il governo israeliano incolpa regolarmente la disorganizzazione dei gruppi di aiuto -e i furti da parte di Hamas- per l’impossibilità di consegnare cibo ai palestinesi in modo efficiente.

Venerdì il Comando Centrale ha dichiarato che dall’inizio dell’operazione, il 17 maggio, sono state consegnate a terra 3.500 tonnellate di aiuti utilizzando il molo, di cui circa 2.500 tonnellate sono state consegnate da quando il molo è stato ri-ancorato e ha ripreso le operazioni l’8 giugno.

Ma gran parte degli aiuti che riescono a passare non raggiungono i palestinesi, secondo i gruppi di aiuto, a causa dei problemi logistici e di sicurezza e dei saccheggi.

Gli operatori umanitari affermano che l’equivalente di soli sette camion di assistenza arriva a Gaza attraverso il molo ogni giorno, molto al di sotto dell’obiettivo di arrivare a 150 camion al giorno.

“Il volume degli aiuti è trascurabile”, ha dichiarato J. Stephen Morrison, direttore del Global Health Policy Center presso il Center for Strategic and International Studies. “E i mari diventeranno sempre più agitati”.

Helene Cooper è corrispondente dal Pentagono. In precedenza è stata redattrice, corrispondente diplomatica e corrispondente dalla Casa Bianca.

Eric Schmitt è corrispondente del Times per la sicurezza nazionale e specialista di questioni militari statunitensi e di antiterrorismo all’estero, argomenti di cui si occupa da oltre tre decenni.

https://www.nytimes.com/2024/06/18/us/politics/gaza-pier-israel-aid.html?campaign_id=2&emc=edit_th_20240619&instance_id=126628&nl=today%27s-headlines&regi_id=70178108&segment_id=169965&te=1&user_id=189440506a0574962c5baaf044befaca

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

Non sempre AssoPacePalestina condivide gli articoli che pubblichiamo, ma pensiamo che opinioni anche diverse possano essere utili per capire.

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio