Di quante altre prove ha bisogno Biden per capire che Netanyahu non è un alleato degli Stati Uniti?

Giu 20, 2024 | Notizie

di Alon Pinkas,

Haaretz, 19 giugno 2024.   

Il video di Benjamin Netanyahu, in cui con occhi roteanti ha accusato gli americani di bloccare un carico di armi e ha evocato ancora una volta Winston Churchill, fa politica: è l’unica cosa che sa fare. Il suo invito a parlare al Congresso USA a luglio dovrebbe essere rimandato a dopo le elezioni statunitensi.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu parla durante una cerimonia commemorativa per le vittime dell’affare Altalena del 1948, a Tel Aviv il 18 giugno 2024. Shaul Golan / Pool / AFP

Chi lo sapeva? Noi lo sapevamo. Chi non lo sapeva? L’amministrazione Biden e alcuni democratici del Congresso.

Martedì 18, dopo tutto quello che il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha fatto per Israele dal 7 ottobre in poi, il Primo Ministro israeliano si è presentato tutto truccato e ben vestito davanti a una telecamera, fingendo di essere sconvolto, con un’espressione di esagerata preoccupazione e accusando ipocritamente gli Stati Uniti di non essere al fianco di Israele.

Dopo che Biden ha fornito oltre 14 miliardi di dollari in aiuti militari d’emergenza, dopo che ha autorizzato la vendita di decine di jet F-35 e F-15, dopo che ha inviato due gruppi per l’attacco di portaerei nel Mediterraneo, Benjamin Netanyahu si è presentato alle telecamere per accusare gli americani di bloccare le spedizioni di armi.

Non ha mancato di evocare Winston Churchill che nel 1941 chiedeva a Franklin D. Roosevelt di inviare armi a una Gran Bretagna assediata. Perché, ovviamente, Hamas è la Wehrmacht tedesca e questa è la Seconda Guerra Mondiale.

Il suo comportamento richiederebbe nuove definizioni delle parole “ingratitudine”, “cinismo”, “menzogna” e “manipolazione”. Eccolo qui, in tutto il suo splendore di ingrato, che alza gli occhi al cielo in un video clip, facendo una faccia agonizzante. Era il primo ministro di Israele che si lamentava e distorceva e falsificava in modo insensato la notizia secondo cui gli Stati Uniti avrebbero interrotto le spedizioni di armi a Israele, insinuando che Biden stesse impedendo a Israele di ottenere una “vittoria totale” – una garanzia che egli pronuncia bizzarramente ogni giorno con sufficienza.

Una manifestante anti-Netanyahu regge un cartello pro-Biden durante una manifestazione a Gerusalemme martedì. Leo Correa/AP

Ma questo non dovrebbe essere una sorpresa. La dichiarazione di martedì era stata programmata da mesi, ed è stato del tutto chiaro che si trattava di una truffa per coloro che preferiscono rifiutare questi atteggiamenti di gratuita negazione della verità. La decisione degli Stati Uniti di sospendere una sessione di “dialogo strategico” e una riunione di consultazione sull’Iran programmata per questo giovedì è del tutto sproporzionata rispetto all’attacco ridicolo e premeditato di Netanyahu.

Dopo aver incolpato i Servizi Segreti militari, le Forze di Difesa Israeliane e il servizio di sicurezza Shin Bet di averlo ingannato il 7 ottobre, Netanyahu è ricorso a incolpare implicitamente gli Stati Uniti. L’uomo che si è sottratto a ogni responsabilità per la politica tragicamente sbagliata di rafforzare intenzionalmente Hamas, e che rifiuta ogni responsabilità per il disastro del 7 ottobre, è impegnato da novembre a fabbricare una narrazione parallela.

Per il primo ministro, non si trattava di un attacco di Hamas, ma del mondo intero, in particolare degli Stati Uniti, che cercano di imporre uno stato palestinese a Israele. È per questo che gli Stati Uniti stanno impedendo una vittoria israeliana decisiva, che l’IDF ammette essere irraggiungibile, ma di cui Netanyahu continua a vaneggiare. Gli americani vogliono costringere Israele a negoziare con i palestinesi.

Questo è l’uomo che nel 1991 accusò arrogantemente gli americani di aver sbagliato tutto in Medio Oriente e fu designato persona non grata dall’allora Segretario di Stato James Baker III. L’uomo che, in un’audizione alla Camera dei Rappresentanti nel 2002, consigliò agli americani di invadere l’Iraq perché questo avrebbe stabilizzato e democratizzato il Medio Oriente. L’uomo che ha influenzato l’allora presidente Donald Trump a ritirarsi dall’accordo nucleare con l’Iran nel 2018 perché “c’era un accordo migliore”. Ora torna a incolpare gli Stati Uniti e osa contrapporli alla Gran Bretagna nel 1941, prima dell’invasione tedesca dell’Unione Sovietica e dell’attacco giapponese a Pearl Harbor.

Apparentemente distaccato e slegato dalla realtà, Netanyahu sapeva esattamente cosa stava facendo martedì. In realtà, Biden era stato avvertito dell’imminente arrivo di tutto questo già a novembre – e poi ancora a dicembre, gennaio e ogni mese da allora. Il primo ministro stava deliberatamente pianificando un confronto con gli americani per poter incolpare Biden dei suoi fallimenti.

La sua evocazione di Churchill è particolarmente ridicola. Questa è la citazione completa di Churchill, tratta da una trasmissione radiofonica del 9 febbraio 1941: “L’altro giorno, il Presidente Roosevelt ha consegnato al suo avversario nelle ultime elezioni presidenziali [Wendell Willkie] una lettera di presentazione per me, nella quale ha scritto di suo pugno un verso di Longfellow che, ha detto, “vale per voi come per noi”.

Una manifestante di sinistra regge un manifesto dispregiativo del Presidente degli Stati Uniti Joe Biden e del Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu, a Kolkata, in India, mercoledì scorso. Bikas Das/AP

“Ecco il verso: ‘Salpa, o nave di Stato! Salpa, o unione, forte e grande! L’umanità con tutte le sue paure, con tutte le speranze per gli anni futuri, è appesa senza fiato al tuo destino!”.

“Qual è la risposta che darò, in vostro nome, a questo grande uomo, capo scelto per tre volte di una nazione di centotrenta milioni? Ecco la risposta che darò al Presidente Roosevelt: ‘Riponga la sua fiducia in noi. Ci dia la sua fede e la sua benedizione e, secondo la provvidenza, tutto andrà bene. Non falliremo né vacilleremo; non ci indeboliremo né ci stancheremo. Né l’urto improvviso della battaglia, né le lunghe prove della vigilanza e dello sforzo, ci logoreranno. Dateci gli strumenti e finiremo il lavoro’ “.

Quindi, secondo Netanyahu, che senza alcun merito o giustificazione si paragona abitualmente a Churchill, la Gran Bretagna del febbraio 1941 – tutta sola contro la Germania nazista, che aveva già occupato la maggior parte dell’Europa – è analoga a Israele del 2024, che combatte contro una barbara organizzazione terroristica a Gaza.

Ma questa è la manipolazione di Netanyahu: questa guerra è in realtà contro l’Iran, quindi come potrebbe Biden bloccare le armi? Il fatto che gli Stati Uniti abbiano bloccato un solo carico di 3.500 bombe, mentre gli armamenti continuano a fluire, è ovviamente irrilevante per Netanyahu. In realtà, gli Stati Uniti hanno dato a Israele, in proporzione, molto più di quanto abbiano dato alla Gran Bretagna dopo lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, quando la Germania invase la Polonia nel settembre 1939.

Netanyahu sta facendo politica. È l’unica cosa che sa fare. Il video è solo un’anticipazione della sua visita a Washington, dove si è autoinvitato in combutta con lo speaker repubblicano della Camera dei Rappresentanti per parlare a una sessione congiunta del Congresso il 24 luglio. Lo fa per danneggiare Biden e trasformare Israele in una questione di parte in vista delle elezioni presidenziali americane del 5 novembre.

Ringrazierà a parole gli Stati Uniti e Biden, per poi attaccare il Presidente per avergli fatto pressione durante “una guerra per la sopravvivenza”. L’unica minaccia esistenziale che Israele potrebbe dover affrontare è quella dello stesso Netanyahu, vista l’inettitudine della sua gestione della guerra negli ultimi otto mesi.

Nessun amico di Israele dovrebbe partecipare a questo circo“, ha scritto martedì Thomas Friedman sul New York Times. Netanyahu ha colluso con i repubblicani per indebolire Biden. Serve una prova? Qualche ora dopo la pubblicazione del video, il leader della minoranza del Senato Mitch McConnell ha lanciato la stessa accusa al Senato. Che coincidenza.

Il leader della minoranza repubblicana del Senato Mitch McConnell parla durante una conferenza stampa al Campidoglio martedì. Ha ripetuto i punti salienti del video di Benjamin Netanyahu lo stesso giorno. Anna Moneymaker/Getty Images via AFP

Presidente Biden, questo è l’uomo che lei vede come un alleato degli americani. Non lo è. L’uomo di cui sospettavate, sì, ma con cui credevate di poter ragionare. Non è così. L’uomo che credevate davvero di poter influenzare e controllare con la logica. Non è così. L’uomo di cui pensavate di potervi fidare in un momento di crisi. No.

L’uomo con il quale pensavate di poter collaborare e al quale fornire un prezioso aiuto militare vi ha preso in giro. È bugiardo, manipolatore, cinico e disperato. E a luglio ha in programma di recarsi a Washington per parlare a una sessione congiunta del Congresso, “invitato” in modo nefasto da repubblicani sinistri e da democratici creduloni e permissivi – entrambi disposti ad anteporre la politica spicciola alla ragione e al buon senso.

È venuto per indebolire, ferire e danneggiare lei, signor Presidente. La sua fiducia in Israele è inattaccabile, ma è stato invitato a un’azione che potrebbe rivelarsi molto costosa. Benjamin Netanyahu non è un suo alleato.

Caro leader della maggioranza del Senato Chuck Schumer, la sua buona fede su Israele è inattaccabile, ma anche lei è stato ingannato da qualcuno che conosce molto bene. Non è troppo tardi per ritirare l’invito e rimandare il discorso a dopo le elezioni americane di novembre.

https://www.haaretz.com/israel-news/2024-06-19/ty-article/.highlight/how-much-more-proof-does-biden-need-that-netanyahu-is-not-a-u-s-ally/00000190-30e8-d4fa-ad9d-ffe94ffa0000

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

Non sempre AssoPacePalestina condivide gli articoli che pubblichiamo, ma pensiamo che opinioni anche diverse possano essere utili per capire.

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio