I coloni israeliani hanno attaccato un uomo palestinese, rompendogli entrambe le braccia. Poi l’esercito lo ha arrestato.

Set 14, 2022 | Notizie

di Yumna Patel,  

Mondoweiss, 13 settembre 2022.  

Mentre stava lavorando alla sua terra, un gruppo di coloni israeliani armati di bastoni, tubi di metallo e M16 ha attaccato Hafez Huraini e suo figlio Muhammad. Hafez è stato gravemente ferito e gli sono state rotte entrambe le braccia. Quando un’ambulanza palestinese è arrivata per evacuarlo, i coloni hanno tagliato le gomme del veicolo, ma i soldati israeliani hanno arrestato Huraini, sostenendo che aveva ferito uno dei coloni.

Una foto di Hafez Huraini diffusa sui social media. (foto: Twitter)

Hafez Huraini, 52 anni, stava lavorando sulla terra della sua famiglia insieme al figlio Muhammad alla periferia del loro villaggio di at-Tuwani a Masafer Yatta, nella Cisgiordania occupata meridionale, quando un gruppo di coloni israeliani armati provenienti dal vicino avamposto di Havat Ma’on li ha attaccati.

“Cinque coloni li hanno attaccati, alcuni erano armati, almeno uno di loro aveva un fucile M16, e gli altri portavano tubi di metallo. Uno dei coloni ha iniziato a colpirli con il tubo di metallo, rompendo il braccio sinistro di mio padre”, ha raccontato a Mondoweiss Sami Huraini, 24 anni, figlio di Hafez.

“Mio padre è caduto a terra e hanno continuato a picchiarlo, finché non gli hanno rotto anche il braccio destro”, ha raccontato Sami. “Poi il colono con la pistola ha iniziato a sparare proiettili vivi in aria”.

Sami, insieme ai suoi vicini, si è precipitato sul posto, a poche centinaia di metri da casa sua, su una collina impervia. Quando sono arrivati e hanno affrontato i coloni, alcuni si sono ritirati, mentre i coloni armati sono rimasti.

Poi è arrivato l’esercito.

“Decine di soldati sono arrivati sul posto dopo che i coloni li avevano chiamati. Mio padre era disteso a terra, con entrambe le braccia rotte, ma i soldati hanno iniziato a colpirci e a spingerci indietro mentre i coloni stavano dietro di loro”, ha raccontato Sami.

Sami ha raccontato che i coloni “davano ordini” ai soldati, dicendo loro di arrestare suo padre e altri residenti di at-Tuwani.

Mentre i soldati israeliani continuavano a spingere i palestinesi, un’ambulanza della Mezzaluna Rossa palestinese è arrivata sulla scena.

“I paramedici hanno iniziato a curare mio padre e a prestargli il primo soccorso. Per tutto il tempo i soldati e i coloni ci hanno spinto e cacciato indietro”, ha raccontato Sami.

“Quando abbiamo messo mio padre sulla barella e abbiamo cercato di caricarlo sull’ambulanza, i soldati hanno iniziato a spingerci indietro, dicendo che volevano arrestarlo, perché i coloni dicevano che li aveva colpiti”, ha continuato.

Secondo Sami, soldati e coloni israeliani hanno bloccato le porte dell’ambulanza per impedire ai medici di caricare Hafez sul veicolo.

“Continuavano a colpirci. Alla fine siamo riusciti a farlo entrare nell’ambulanza, ma poi i coloni hanno tirato fuori un coltello e hanno tagliato le gomme dell’ambulanza in modo che non potesse muoversi”, ha raccontato Sami.

Una foto dell’ambulanza dopo che i suoi pneumatici sono stati tagliati dai coloni israeliani. (foto: Sami Huraini)

“I soldati hanno continuato a colpirci e i coloni hanno iniziato a distruggere gli alberi che sono sulla nostra terra. Poi i soldati hanno iniziato a sparare gas lacrimogeni e bombe sonore contro di noi e verso le case di Tuwani”, ha raccontato Sami.

Anche dopo l’arrivo di una seconda ambulanza della PRCS [la Croce Rossa Palestinese], i soldati israeliani si sono rifiutati di rilasciare Hafez perché potesse ricevere cure mediche. Secondo Sami, i soldati hanno trattenuto suo padre prima di portalo via con un’ambulanza israeliana.

I soldati israeliani hanno portato Hafez al centro medico Soroka di Beersheba, nel sud di Israele, dove è stato curato per le due braccia rotte. Secondo Sami, Hafez è stato accompagnato da soldati armati per tutto il tempo e gli è stato impedito di ricevere visite o di parlare con il suo avvocato.

Fotogramma di un video girato da Hafez Huraini all’interno dell’ospedale di Soroka (foto: Muhammad Huraini).

Dopo essere stato ingessato per le braccia rotte, Hafez è stato arrestato.

L’arresto

Lunedì, a tarda notte, la famiglia Huraini ha appreso dal proprio avvocato che il padre era stato portato in un centro di detenzione all’interno dell’insediamento di Kiryat Arba, a Hebron, dove sarebbe stato sottoposto a interrogatorio.

All’avvocato della famiglia è stato permesso di parlare con Hafez per qualche minuto prima che fosse portato in centrale per l’interrogatorio, anche se all’avvocato non è stato permesso di essere  presente durante l’interrogatorio.

L’appello per la liberazione di Hafez Huraini viene diffuso sui social media. (foto: Twitter)

Secondo Sami, l’esercito sta accusando suo padre di aver attaccato un colono, un crimine che potrebbe comportare una condanna a diversi anni di carcere se venisse ufficialmente accusato e condannato.

Sami ha raccontato a Mondoweiss che durante l’attacco a Hafez e Mohammed, mentre i coloni li picchiavano con tubi di metallo, Hafez ha cercato di difendersi dai coloni.

Haaretz ha riferito che un colono israeliano ha riportato “gravi ferite alla testa” lunedì sera in quella che ha descritto come “una rissa con un palestinese” vicino all’avamposto di Havat Maon.

Haaretz ha citato un funzionario della sicurezza israeliana secondo cui “un gruppo di palestinesi si è avvicinato all’avamposto, spingendo due israeliani dell’avamposto agricolo ad affrontarli”. Uno dei palestinesi ha poi attaccato uno degli israeliani, ha detto la fonte, e l’altro israeliano ha sparato in aria. Le truppe israeliane sono poi arrivate sul posto per separare le due parti”.

Haaretz ha anche riferito che il “sospetto” palestinese è stato “leggermente ferito” nello scontro. Non hanno menzionato il fatto che entrambi i bracci di Hafez sono stati rotti dai coloni durante l’attacco.

Sami ha dichiarato che le accuse contro suo padre sono “false”, sottolineando che sono stati i coloni a istigare l’attacco contro Hafez e che Hafez non rappresentava una minaccia per i coloni quando hanno lanciato l’attacco.

“Come può un uomo con due braccia rotte picchiare qualcuno?”. Sami dice indignato.

“Sono stati loro [i coloni] ad attaccare mio padre e a picchiarlo. Gli hanno rotto entrambe le braccia. Ma è stato mio padre a essere arrestato”. Sami ha continuato. “Sono loro che hanno cercato di ucciderlo!”.

“Questa è una chiara rappresentazione del sistema di Apartheid in cui viviamo”, ha detto Sami.

Sami ha detto che i residenti di at-Tuwani subiscono da tempo gli attacchi dei coloni israeliani, che raramente vengono arrestati o chiamati a rispondere dei loro crimini.

“Sappiamo per esperienza che i coloni detengono il potere. Possono rivolgere i loro attacchi contro di noi e l’esercito arresterà e imprigionerà [uno come Hafez] per qualsiasi cosa, con accuse fasulle basate sulle false testimonianze dei coloni”, ha detto.

Mondoweiss ha contattato l’esercito per un commento sulla detenzione di Hafez e per sapere se anche i coloni che lo hanno attaccato sono oggetto di indagine. Al momento della pubblicazione, il portavoce dell’esercito non aveva risposto alla nostra richiesta.

Gruppi per i diritti umani, come il gruppo israeliano B’Tselem, riferiscono che l’esercito spesso collabora con i coloni negli attacchi ai palestinesi. “Invece di intraprendere azioni preventive, le autorità israeliane aiutano e favoriscono i coloni a danneggiare i palestinesi e a usare la loro terra”, ha dichiarato il gruppo.

Secondo B’Tselem, dal 2020 il gruppo ha documentato 757 episodi di violenza dei coloni contro i palestinesi e le loro proprietà.

Nei rari casi in cui viene aperta un’indagine sulla violenza dei coloni contro i palestinesi, Yesh Din, un gruppo israeliano per i diritti umani che documenta gli episodi di violenza dei coloni in Cisgiordania, afferma che la stragrande maggioranza di queste indagini viene chiusa.

Il gruppo afferma che il 92% delle indagini sui crimini ideologici contro i palestinesi viene chiuso senza alcuna incriminazione.

Era come una zona di guerra

Nello stesso momento in cui Hafez Huraini veniva arrestato ed evacuato in ambulanza, le forze israeliane hanno arrestato altri due palestinesi di Masafer Yatta che sono ancora in custodia.

Poco dopo, altre decine di soldati israeliani hanno fatto irruzione nel villaggio di at-Tuwani e hanno iniziato una massiccia operazione di arresti che si è protratta fino alle prime ore del mattino.

“Hanno chiuso tutte le entrate e le uscite del villaggio, hanno iniziato a fare irruzione nelle case e a sparare gas lacrimogeni e bombe sonore nelle case e nelle auto delle persone”, ha raccontato Sami a Mondoweiss.

“Hanno arrestato decine di giovani tirandoli fuori dalle loro case e li hanno interrogati in un sito militare di fortuna allestito vicino all’ingresso del villaggio. Hanno continuato ad arrestare le persone, ad interrogarle per qualche ora e poi a rimandarle a casa”, ha raccontato Sami.

“Hanno picchiato le persone all’interno delle loro case e hanno sparato gas lacrimogeni e bombe sonore contro le nostre case e le nostre auto. Era diventata una zona di guerra”, ha detto.

Sami ha raccontato a Mondoweiss che i residenti di at-Tuwani sono abituati alle incursioni notturne dei soldati israeliani e agli attacchi dei coloni dei vicini insediamenti e avamposti. Ma ha detto che gli eventi di lunedì sera sono stati “irreali”.

“Tutto questo fa parte dei loro piani di pulizia etnica e dei loro sforzi per spaventarci, intimidirci e costringerci a lasciare le nostre case”, ha detto Sami, riferendosi ai piani israeliani di costringere oltre 1.000 palestinesi a Masafer Yatta a lasciare le loro case per far posto a una zona di tiro israeliana.

“I coloni possono vivere felici mentre ci attaccano e mentre anche i soldati ci attaccano. Vogliono minacciarci e spaventarci per farci smettere di resistere ai loro piani”, ha detto Sami. “Ma la nostra forza di volontà è forte”.

Martedì sera, ora locale, le forze israeliane hanno fatto irruzione ad at-Tuwani per la seconda notte consecutiva, lanciando gas lacrimogeni e bombe sonore contro le case degli abitanti.

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio