Due anni dopo gli accordi di Abraham, perché l’affare F-35 degli Emirati Arabi Uniti resta in sospeso

Set 14, 2022 | Notizie

di Ben Samuels

Haaretz, 13 settembre 2022.  

Se l’accordo storico dovesse mai andare avanti, gli americani probabilmente chiederanno un contributo per i futuri acquisti militari degli Emirati Arabi Uniti. E cosa c’entra la Cina?

Un F-35 israeliano in decollo durante un’esercitazione militare.Credit: IDF Spokesman’s Unit

WASHINGTON – Nel secondo anniversario della firma degli Accordi di Abramo, uno dei principali accordi collaterali alla normalizzazione di Israele con il mondo arabo, non si è ancora concretizzato: la vendita di aerei da combattimento avanzati agli Emirati Arabi Uniti.

L’accordo è rimasto sostanzialmente bloccato da dicembre a causa delle preoccupazioni per il vantaggio militare qualitativo di Israele e per i legami dello Stato del Golfo con la Cina.

Negli ultimi mesi dell’amministrazione Trump, gli Stati Uniti e gli Emirati Arabi Uniti hanno negoziato un accordo che comprende fino a 50 caccia F-35, 18 droni MQ-9 Reaper e quasi 10 miliardi di dollari in munizioni avanzate prodotte da Lockheed Martin, General Atomics e Raytheon.

Questo storico accordo avrebbe reso gli Emirati Arabi Uniti il primo Stato arabo a procurarsi sia gli F-35 che gli MQ-9, mettendo immediatamente in discussione il mantenimento del vantaggio militare qualitativo di Israele nella regione, previsto dalla legge. Israele ha nel suo arsenale 50 F-35 Lightning II prodotti da Lockheed Martin. La vendita dell’F-35 è stata ambita dagli Emirati Arabi Uniti per anni.

La vendita proposta ha provocato messaggi incoerenti da parte dei funzionari israeliani. L’allora primo ministro Benjamin Netanyahu ha inizialmente negato l’esistenza di una correlazione diretta tra la vendita di armi e la normalizzazione di Israele-UAE.

Un mese dopo la normalizzazione, tuttavia, Netanyahu e il Ministro della Difesa Benny Gantz hanno dichiarato che non si sarebbero opposti alla vendita, poiché gli Stati Uniti avrebbero garantito il mantenimento del vantaggio militare qualitativo di Israele. Gantz avrebbe in seguito affermato di essere stato tenuto all’oscuro, insieme ad altri funzionari della sicurezza israeliana, dei dettagli relativi ai negoziati.

L’amministrazione Trump ha indicato per la prima volta pubblicamente di voler procedere con la vendita nel novembre 2020, due mesi prima della firma formale dell’accordo nell’ultimo giorno di mandato di Trump. Ma quando è subentrato Joe Biden, la sua amministrazione ha deciso di rivedere formalmente l’accordo, accantonandolo fino all’aprile 2021.

Il Presidente Joe Biden incontra il Presidente degli Emirati Arabi Uniti Mohammed bin Zayed a Gedda lo scorso luglio.Credit: Evan Vucci/AP

In quel periodo, i funzionari statunitensi hanno iniziato a trasmettere le loro preoccupazioni, attraverso le fughe di notizie dei media, riguardo alle relazioni nascenti degli Emirati Arabi Uniti con la Cina. 

Forse la cosa più urgente per gli americani è stato l’uso della tecnologia 5G di Huawei negli Emirati Arabi Uniti, che la Cina e gli Emirati Arabi Uniti hanno concordato nel 2019. Gli Stati Uniti temono che l’installazione della rete di telefonia mobile, che comprende centinaia di torri cellulari, vicino alle basi degli F-35, possa aiutare la Cina a tracciare e raccogliere con discrezione informazioni relative ai jet.

I legami tra la Cina e gli Emirati Arabi Uniti si sono rafforzati solo durante la pandemia COVID-19: I due Paesi hanno concordato la costruzione di un impianto per la produzione di vaccini Sinopharm, mentre gli Emirati Arabi Uniti avrebbero utilizzato applicazioni cinesi per somministrare e monitorare le vaccinazioni.

L’amministrazione Biden ha richiesto la garanzia che gli Emirati Arabi Uniti non avrebbero trasferito alcun materiale relativo alla tecnologia militare statunitense alla Cina o a terzi, garantendo al contempo il vantaggio militare qualitativo di Israele e impegnandosi a non utilizzare le armi in questione nelle guerre in corso in Yemen e Libia.

Gli Emirati Arabi Uniti hanno risposto di avere una comprovata esperienza nella protezione della tecnologia militare statunitense, ma i negoziati si sono prolungati oltre la data prevista di aprile fino all’estate del 2021. Nel frattempo, gli Emirati Arabi Uniti hanno iniziato a sentirsi frustrati dal fatto che le imposizioni degli Stati Uniti sull’uso delle armi avessero iniziato a sconfinare in quella che potrebbe essere considerata una violazione della loro sovranità.

Lo scorso novembre, gli Stati Uniti hanno dichiarato di voler procedere con l’accordo, ma gli Emirati Arabi dovevano dimostrare di comprendere gli obblighi necessari prima, durante e dopo la consegna. Un mese dopo, gli EAU hanno informato gli americani che stavano sospendendo le trattative, citando “requisiti tecnici, restrizioni operative sovrane e analisi costi/benefici”.

Poco dopo il blocco delle trattative, gli Emirati Arabi Uniti hanno firmato un accordo da 19 miliardi di dollari con la Francia per l’acquisto di 80 jet da combattimento Rafale, seguendo paesi come il rivale Qatar, oltre a Grecia, Egitto e Croazia. Tuttavia, l’accordo non è stato visto come un sostituto dell’F-35, ma come una copertura e un segnale di impazienza e incertezza sull’approccio di Biden al Medio Oriente.

Se l’accordo dovesse andare avanti dopo il lungo congelamento, gli Stati Uniti probabilmente chiederanno un contributo per i futuri acquisti militari degli Emirati Arabi Uniti, in modo simile a come hanno bloccato la vendita di F-35 alla Turchia, che voleva utilizzare il caccia americano insieme al sistema di difesa missilistico russo S-400. E proprio come le preoccupazioni degli Stati Uniti per i legami tra Emirati Arabi Uniti e Cina, è probabile che siano molto preoccupati anche per l’acquisto da parte degli Emirati Arabi Uniti dei sistemi di difesa aerea russi Pantsir-S1.

Biden, tuttavia, ha notevolmente ricalibrato le sue relazioni con il Golfo negli ultimi mesi, raggiungendo l’apice con la sua visita al vertice del CCG+3 a Gedda, in Arabia Saudita, a luglio. Durante la sua visita, il presidente ha sottolineato i legami bilaterali tra Stati Uniti e UAE, che i funzionari statunitensi considerano cruciali di fronte alla crisi energetica globale innescata dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia.

Il resoconto dell’incontro del Presidente con il suo omologo degli Emirati Arabi Uniti Mohammed bin Zayed “ha affermato il loro impegno ad approfondire l’ampia cooperazione in materia di sicurezza che ha reso entrambi i Paesi più sicuri e ha contribuito in modo determinante alla pace e alla stabilità regionale”. Gli Emirati Arabi Uniti, nel frattempo, si sono impegnati a fare degli Stati Uniti il loro principale partner per la sicurezza.

Dopo la visita di Biden in Medio Oriente, il Dipartimento di Stato ha approvato e notificato al Congresso la possibile vendita di 2,2 miliardi di dollari di missili del sistema THAAD, controllo del fuoco THAAD, stazioni di comunicazione e attrezzature correlate.

Il Consiglio di sicurezza nazionale non ha risposto alle richieste di commento. Anche l’ambasciata degli Emirati Arabi Uniti a Washington ha rifiutato di commentare, con un portavoce che ha precisato che non commenta le operazioni di approvvigionamento militare.

https://www.haaretz.com/israel-news/security-aviation/2022-09-13/ty-article/.premium/two-years-after-abraham-accords-why-the-uae-f-35-deal-remains-grounded/00000183-3743-d070-abef-f7d755450000?utm_source=App_Share&utm_medium=iOS_Native

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio