Esiste ancora il sionismo?

Set 3, 2022 | Notizie

di Anshel Pfeffer

Haaretz, 1 settembre 2022.  

Una visione, un simbolo per i bigotti, una forza per il bene o per il male? Da quando Israele è diventato una realtà, non c’è stato consenso su ciò che definisce il sionismo, sul suo significato e se, tra i rappresentanti e gli oppositori di Herzl, esso sopravviva ancora.

Un’immagine di Theodor Herzl mostrata durante un evento di gala per il 125° anniversario del Primo Congresso Sionista nella sua sede originale, lo Stadtcasino Basel, a Basilea, SvizzeraCredit: ARND WIEGMANN/ REUTERS

Per quanto riguarda i risultati più facili da ottenere, pochi eventi sono più adatti a essere presi in giro della rievocazione del primo Congresso sionista, che ha avuto luogo questa settimana nella sede originale di Basilea, in Svizzera, in occasione del suo 125° anniversario. È davvero troppo facile. Tutti questi ex politici spenti, impiegati prematuramente invecchiati, miliardari vanagloriosi e i loro seguaci che si riuniscono per fingere che i loro giochi di prestigio abbiano una qualche rilevanza per la vita in Israele o per il suo futuro.

Ogni aspetto è assurdo. E non solo il budget segreto di decine di milioni speso per l’evento di due giorni dall’Organizzazione Sionista Mondiale, il cui capo, un anonimo personaggio del Likud di nome Yaakov Hagoel, ha il talento di sprecare il denaro altrui in inutili pubbliche relazioni: all’inizio di quest’anno ha pagato a Canale 12 una pubblicità in prima serata durante la finale di “Ballando con le stelle”.

C’è anche l’autostima esagerata, il servilismo nei confronti degli oligarchi e le sessioni in competizione tra loro per trovare il titolo più insignificante in gergo finto-tecnologico, come “Impatto a beneficio dell’umanità” o “Israele: l’esperienza ambidestra”. Ho pensato che il titolo “Implementare il sionismo in Africa” fosse particolarmente, involontariamente, toccante, dato che il movimento sionista si è quasi lacerato quando Theodor Herzl, al sesto Congresso sionista del 1903 (il suo ultimo), ha suggerito proprio questo: implementare il sionismo in Africa invece che a Sion.

Ma poiché è davvero troppo facile prendere in giro gli organizzatori e i partecipanti per la loro presunzione e il loro totale distacco dal vero Israele, poniamoci una domanda più difficile. Cosa c’era di così speciale nel Congresso sionista originale di Theodor Herzl nel 1897?

Dopo tutto, il sionismo – sia come movimento nella diaspora, sia come pionieri che fondano nuovi insediamenti agricoli nella patria ebraica – esisteva già da decenni. Il congresso di Herzl a Basilea non fu nemmeno il primo congresso sionista. Quel titolo spetta di diritto al congresso tenutosi 15 anni prima a Focsani, in Romania, dal movimento Hovevei Zion. Alcuni dei delegati di Focsani proseguirono poi in barca verso la Palestina ottomana, dove costruirono Rosh Pina e Zichron Yaakov, il che è molto più di quanto hanno fatto i delegati a Basilea in abito da sera formale dopo aver concluso i lavori al casino.

Theodor Herzl pronuncia il discorso inaugurale del Sesto Congresso Sionista di Basilea, 1903: Ha evocato dal nulla la grandiosa visione di un moderno Stato-nazione ebraicoCredit: Imagno / Getty Images

Ma ciò che rese possibile il “primo” Congresso di Basilea furono le incredibili capacità di Herzl nelle pubbliche relazioni. Non aveva un vero e proprio movimento, né pionieri o soldati sul campo. Non aveva alcuna garanzia che il Sultano turco o il Kaiser o i leader di Francia, Gran Bretagna e Stati Uniti lo avrebbero accolto. Aveva una comprensione realistica degli arabi (o di molti ebrei, se è per questo) molto limitata.

Ma nel suo lavoro di giornalista, nei suoi libri, nei suoi discorsi e nel suo attivismo, Herzl ha evocato dal nulla una visione grandiosa di un moderno Stato-nazione ebraico nell’antica terra degli ebrei. Una visione così avvincente, così ricca di promesse, così giusta, che ha continuato a motivare gli ebrei a realizzarla anche dopo la morte di Herzl.

Cinquantuno anni dopo il Congresso di Basilea, Israele divenne una realtà. Il sogno sionista di Herzl era stato realizzato. Da allora nessuno è stato in grado di capire cosa significhi il sionismo, o se esista ancora nel mondo reale al di fuori di congressi e conferenze.

La parola stessa è diventata un simbolo per gli ebrei in generale, una comoda scusa per i bigotti – del tipo “mi stanno bene gli ebrei, solo che non mi piacciono i sionisti” – e una comoda etichetta per i virtuosi di ogni genere. Ma non c’è consenso sulla sua definizione, né tra coloro che si dichiarano sionisti né tra coloro che lo aborriscono.

Incendiata la bandiera israeliana a Teheran: Sionisti e antisionisti hanno qualcosa in comune. Il vero Israele non assomiglia alle loro fantasieCredit: Vahid Salemi/AP

Un’altra cosa che i cosiddetti sionisti e antisionisti hanno in comune è quanto poco l’Israele reale assomigli alla loro Sion idealizzata o demonizzata. Coloro che credono nel sionismo nel 2022, come forza del bene o del male, sono ossessionati da un’astrazione come alternativa all’affrontare le sfide e le ambiguità morali di Israele, meno eccitanti ma molto reali.

Quel congresso del 1897 si occupava delle sfide reali che gli ebrei dovevano affrontare in Europa. I pogrom, la discriminazione, la mancanza di sicurezza. Uno Stato ebraico sovrano era solo una delle soluzioni alla situazione degli ebrei, e all’epoca una delle più stravaganti. Ma il sionismo vinse. Quello Stato è nato. Uno Stato che ora deve affrontare sfide enormi, non per la sua esistenza, ma per il suo carattere, per il tipo di Stato ebraico e democratico che sta diventando.

Ma nessuno dei gruppi di discussione di questa settimana ha affrontato queste sfide reali. Come avrebbero potuto? Erano troppo impegnati a “impattare”, “innovare” e “implementare”.

Ecco cosa c’è di così diverso tra i due congressi di Basilea. Herzl non aveva nulla, ma dalle sue parole e dalla sua passione fu costruito un vero Stato ebraico. 125 anni dopo, Hagoel e le altre nullità nella loro patetica rievocazione sono riusciti a trasformare un Israele molto reale in due giorni di sole parole vuote, insulse e sterili.

https://www.haaretz.com/israel-news/2022-09-01/ty-article-opinion/.highlight/does-zionism-even-exist-anymore/00000182-f8d5-dab4-a79e-fdfdc8bc0000?utm_source=App_Share&utm_medium=iOS_Native

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio