Nessuno frena l’accordo “apocalittico”

Set 1, 2022 | Notizie

di Evan Gottesman

Times of Israel, 30 agosto 2022.  

Il 12 settembre è previsto un passo quasi definitivo verso l’approvazione del piano di insediamento E1, che ostacolerebbe la creazione di uno Stato palestinese confinante.

 Un bambino palestinese cavalca un asino nell’area E-1, vicino all’insediamento cisgiordano di Ma’ale Adumim, il 5 dicembre 2012. (Sebastian Scheiner/AP)

In vista della visita di luglio del Presidente Joe Biden in Israele, il governo provvisorio del Primo Ministro Yair Lapid sembrava intenzionato a entrare in conflitto con gli Stati Uniti per il controverso piano di insediamento noto come E1. Fin dalle sue origini negli anni ’90, questo massiccio piano di insediamenti ha rappresentato una questione critica per Washington e per le capitali europee a causa della sua posizione a est di Gerusalemme: la sua costruzione avrebbe tagliato in due la Cisgiordania, complicando in modo significativo le prospettive di uno Stato palestinese autonomo. Per questo motivo, l’E1 si è guadagnato il soprannome di “insediamento del giorno del giudizio”.

Prima del viaggio del Presidente in Medio Oriente a luglio, era stata fissata un’udienza sulle obiezioni alla costruzione nella zona E1 per il 18 luglio, tre giorni dopo la partenza di Biden da Israele. L’udienza, che si terrebbe davanti al Comitato superiore di pianificazione dell’Amministrazione Civile israeliana, è di fatto il penultimo passo nel processo di pianificazione degli insediamenti. La vicinanza di questa riunione alla visita di Biden ha dato a Lapid una facile scusa per togliere l’E1 dall’agenda. I precedenti governi israeliani, compresi quelli guidati da Benjamin Netanyahu, hanno fatto proprio questo. Tuttavia, mentre persino Netanyahu aveva tolto del tutto l’E1 dal programma, sotto Lapid Israele si è limitato a spostare l’incontro al 12 settembre, lasciando l’orologio dell’apocalisse a cinque minuti dalla mezzanotte anziché azzerarlo.

Con il mese di settembre alle porte e con l’avvicinarsi della data della nuova udienza, vale la pena di chiedersi perché c’è un’apparente mancanza di urgenza e di azioni decisive.

Il contesto elettorale non può essere ignorato: è possibile che Lapid sia timoroso di allontanare gli elettori di destra. Il Ministro della Difesa Benny Gantz, che sta cercando di porsi come alternativa sia a Lapid che a Netanyahu e la cui firma è necessaria per portare avanti un piano, potrebbe pensarla allo stesso modo. Ma un sondaggio di agosto dell’Israel Democracy Institute mostra che solo l’11% dà priorità alle “questioni di politica estera e di sicurezza” – in senso lato – nel determinare per chi votare. Coloro che si preoccupano specificamente degli insediamenti costituiscono probabilmente un sottoinsieme ancora più piccolo di questo gruppo, e per la minoranza di elettori che votano solo per gli insediamenti, Lapid e Gantz sono già stati quasi certamente etichettati come troppo di sinistra.

L’amministrazione Biden vorrà comunque evitare l’impressione di far pendere l’ago della bilancia dalla parte della campagna elettorale israeliana. Inoltre, una battaglia pubblicizzata su un progetto di insediamento il cui impatto è considerato teorico non sarà una priorità per la Casa Bianca quando tra Stati Uniti e Israele stanno già sorgendo disaccordi molto concreti su un potenziale nuovo accordo nucleare con l’Iran.

La mancanza di attenzione al conflitto israelo-palestinese è comunque eloquente. Mentre le questioni economiche e il costo della vita spesso mettono in ombra le questioni israelo-palestinesi nella mente degli elettori israeliani, l’indifferenza sta arrivando anche a quei partiti e a quei politici che storicamente si sono espressi in modo più deciso sugli insediamenti. I leader dei partiti Meretz e Labor hanno taciuto sulla questione durante l’estate e in prossimità della nuova data dell’udienza di settembre. Questo silenzio la dice lunga se confrontato con il tono delle loro precedenti critiche all’E1: una decina di anni fa, Zehava Galon del Meretz definì la costruzione dell’insediamento “folle e irresponsabile”, mentre Merav Michaeli del Labour accusò il governo di “giocare con le vite umane”.

Naturalmente, nella politica israeliana si dà sempre più importanza alla personalità e al percorso rispetto alla politica. Forse Gantz o Gadi Eisenkot potrebbero parlare più apertamente dell’E1, ma lo farebbero a rischio di inimicarsi i loro partner politici di destra Gideon Sa’ar e Matan Kahana? Quando si tratta di scegliere se appoggiare o opporsi a Netanyahu o se sostenere le istituzioni democratiche all’interno dell’Israele verde, è facile che una questione come l’E1 sfugga all’attenzione.

Forse perché l’etichetta di “insediamento apocalittico” è meno incisiva di questi tempi. Gli attivisti di sinistra e per i diritti umani continueranno a opporsi agli insediamenti per una serie di ragioni: la politica del movimento dei coloni, l’impatto dirompente degli insediamenti sulla vita quotidiana dei palestinesi e sul transito nei territori occupati, e così via. Gli israeliani di centro e di centro-destra, come Lapid e Gantz, rispettivamente, potrebbero considerare gli insediamenti non degni di problemi con i palestinesi o con gli Stati Uniti (soprattutto alla luce del JCPOA), o quantomeno non sentirsi ideologicamente coinvolti nel loro successo. Ma quali insediamenti siano particolarmente negativi è una domanda che interessa soprattutto chi si preoccupa di tracciare una linea su una mappa. L’E1 è stato cancellato per l’ultima volta nel contesto dell’iniziativa di pace di Kerry; la lontananza di un risultato a due Stati nel breve periodo toglie ogni possibilità di cancellare del tutto l’E1.

Tutto ciò non significa che l’E1 sia destinato ad andare avanti a settembre. Le elezioni sono una scusa come un’altra per un primo ministro anti-annessione come Yair Lapid per dare un calcio al barattolo. Se questo significhi rimuovere l’E1 dal programma o semplicemente rimandare ancora la discussione dipenderà da una serie di fattori, tra cui la percezione da parte dei funzionari israeliani della minaccia rappresentata da un simile progetto. Ma il solo fatto di spostare la data di un altro mese (o più) significa che l’E1 verrà ripreso al più presto.

https://blogs.timesofisrael.com/doomsday-is-approaching-and-the-silence-is-deafening/

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio