Rivelate le trascrizioni del processo per il massacro di Kafr Qasem: il comandante ha detto che le vittime erano volute

Ago 2, 2022 | Notizie

di Ofer Aderet,

Haaretz, 29 luglio 2022.

Commemorazione per il 64° anniversario del massacro di “Kafr Qasem”

Le trascrizioni del massacro di Kafr Qasem sono state tenute segrete fino ad ora, con l’affermazione che rivelarle avrebbe messo a rischio la sicurezza nazionale di Israele.

Trascrizioni appena scoperte del processo del famigerato massacro di Kafr Qasem del 1956 riportano che un agente della polizia di frontiera israeliana avrebbe affermato che “era auspicabile che ci fosse un certo numero di vittime”.

Il comandante della compagnia operava nel settore in cui è avvenuto il massacro e il suo commento è rimasto segreto nei decenni successivi, fino a quando non è stato rivelato nelle trascrizioni del processo rilasciate per la prima volta venerdì.

Durante il massacro, 50 civili arabi, compresi i bambini, sono stati uccisi dalle truppe della Polizia di Frontiera quando sono tornati a casa senza sapere che l’orario di inizio del coprifuoco era stato cambiato.

Le trascrizioni sono state rivelate al pubblico dal Ministero della Difesa a seguito di un appello dello storico Adam Raz dell’Istituto Akevot per la ricerca sul conflitto israelo-palestinese. Inizialmente lo Stato si era rifiutato di rilasciare le trascrizioni, sostenendo che il loro contenuto avrebbe potuto compromettere la sicurezza nazionale.

A Chaim Levy, che comandava la compagnia meridionale della Polizia di Frontiera, il cui settore comprendeva Kafr Qasem, fu chiesto durante il processo del 1957 dall’avvocato Asher Levitsky: “Lei (dice) sempre che il comandante avrebbe detto che era meglio se ci fossero state delle vittime”.

Il comandante in questione era il Col. Issachar “Yiska” Shadmi, che supervisionava il settore che comprendeva Kafr Qasem. Levy rispose: Ha detto “È auspicabile che ci siano alcune vittime”. In seguito, l’avvocato ha chiesto: “Nonostante questo, ha sottolineato di non commettere un omicidio, giusto?”. Levy ha risposto: “Non vedo alcuna differenza”.

Il massacro di Kafr Qasem ebbe luogo il primo giorno della Campagna del Sinai, nell’ottobre del 1956. Gli arabi nel Paese erano ancora soggetti alla legge marziale. All’epoca, l’IDF temeva che lo scontro con l’Egitto sul suo fronte meridionale avrebbe scatenato una guerra aperta che avrebbe potuto coinvolgere anche la Giordania sul fronte orientale, allora molto vicino a Kafr Qasem. Il villaggio fu posto sotto coprifuoco.

Ma alcuni residenti non sapevano del cambio di orario del coprifuoco, perché lavoravano ancora fuori dal villaggio. Al loro ritorno, sono stati uccisi dalle truppe della Polizia di frontiera. Il numero dei morti, secondo il conteggio degli abitanti di Kafr Qasem, è di 50, tra cui bambini, anziani e una donna incinta. Nella sua testimonianza, Levy ha confermato di aver sentito l’ordine “vale per loro come per chiunque altro” per quanto riguarda l’ordine di sparare ai cittadini che tornavano dai campi dopo l’ora del coprifuoco, anche se non sapevano che era stato portato avanti.

A Levy è stato chiesto: “La vostra ragione non vi dice che ‘violare un coprifuoco’  implica che qualcuno sappia che c’è un coprifuoco?”. Levy rispose affermativamente. Successivamente gli è stato chiesto: “Come può dire che qualcuno le ha detto di uccidere persone che non sanno che c’è il coprifuoco?”. Al che ha risposto: “Perché mi è stato dato un ordine di questo tipo… Oggi lo trovo irragionevole. All’epoca mi sembrava ragionevole”.

A Levy è stato inoltre chiesto: “Da quello che ha capito, la politica era quella di sbarazzarsi degli arabi?”. A questa domanda ha risposto che l’ordine non era stato dato per iscritto, ma verbalmente. “Il comandante della compagnia disse che il lato orientale doveva essere aperto. Quando vorranno andarsene, se ne andranno… Ho capito che non sarebbe stata una grande calamità se avessero colto l’occasione per andarsene”. Qui Levy si riferiva a un piano – attivo o passivo – di deportare gli arabi dell’area del Piccolo Triangolo, nel centro di Israele, in Giordania.

Questo piano, chiamato in codice Hafarperet (Talpa), fu alla fine accantonato. Fu rivelato per la prima volta dal giornalista e scrittore Ruvik Rosenthal, ma i suoi dettagli completi non sono mai stati rivelati. Le testimonianze ora scoperte nei verbali del tribunale permettono di dare un’occhiata parziale ai dettagli del piano, così come sono stati raccontati a porte chiuse dai testimoni del processo a coloro che sono stati accusati di aver ordinato e realizzato il massacro.

Le trascrizioni riportano alcune frasi riguardanti il piano segreto, accantonato. Tra queste c’è “avviso di evacuazione agli anziani” – una prova che esisteva un piano per trasferire alcuni o tutti gli arabi del Piccolo Triangolo in caso di escalation della guerra. Alcuni testimoni parlano di una deportazione verso est, verso la Giordania. Altri indicano che l’intenzione era di espellerli dalle loro case in altri luoghi all’interno di Israele.

In ogni caso, il piano rimase sulla carta. La testimonianza di Levy ha fatto riferimento ad altri due aspetti del piano: “Creare recinti” e “trasportare le persone”, come ha detto lui stesso. Questo può essere tradotto nella detenzione degli arabi israeliani nei campi e l’espulsione dalle loro case.

In questo contesto è stato chiesto a Levy: “Cosa c’entrano gli arabi in fuga con l’ordine di sparare ai violatori del coprifuoco?”. Lui ha risposto: “Il nesso è che, di conseguenza, una parte della popolazione si spaventerebbe e deciderebbe che è meglio vivere dall’altra parte. È così che lo interpreto”. Gli è stato poi chiesto: “L’applicazione del coprifuoco potrebbe aver contribuito a aumentare il desiderio di fuga rispetto al piano Talpa?”. -in altre parole, ha capito che c’era una connessione tra il coprifuoco e l’incoraggiamento all’espulsione degli arabi? Egli ha risposto in modo affermativo.

Le trascrizioni includono anche parti della testimonianza del Col. Shadmi, che comandava il settore e che era l’ufficiale più alto in grado ad essere processato per il suo ruolo nel massacro. Alla fine è stato assolto dall’accusa di omicidio. “Chiunque sia esperto in materia sa che gli arabi israeliani possono rappresentare un problema molto scomodo, forse un ostacolo, per qualsiasi operazione che potrebbe avere luogo nel Piccolo Triangolo”, ha detto nella sua testimonianza.

Alla domanda, “Li incoraggiamo a lasciare i nostri confini?” ha risposto: “Non credo sia un segreto”. Rispondendo alla domanda se il coprifuoco o gli spari contro i violatori del coprifuoco potessero incoraggiare i residenti di Kafr Qasem a fuggire oltre il confine, ha risposto: “Potrebbe incoraggiare questo pensiero… che l’uccisione di poche persone come misura intimidatoria possa incoraggiare gli spostamenti verso est, purchè suggeriamo loro [agli arabi] il movimento verso est”.

Ci sono anche testimonianze di soldati che hanno interpretato l’intenzione dell’ordine di coprifuoco sui villaggi della zona per terrorizzare i loro residenti o incoraggiarli a fuggire in Giordania.

“L’obiettivo immediato è quello di tenerli nelle loro case e il secondo obiettivo è quello di non doverli intimidire in futuro e di richiedere meno manodopera, perché alla fine saranno come pecore innocenti”, ha testimoniato uno dei soldati.

Alla domanda se avesse spiegato al suo plotone che c’era l’intenzione di lasciare diverse persone morte in ogni villaggio, un soldato ha risposto in maniera affermativa, aggiungendo che “il generale disse che sarebbe stato auspicabile avere poche vittime, cioè morti… Io ho detto che sarebbe stato meglio uccidere un po’ di persone… in modo che in futuro ci sia un po’ di tranquillità, e non avremmo avuto bisogno di avere tutta questa forza armata che sorvegliano questi villaggi”.

Un altro soldato ha testimoniato che il metodo era quello di “spaventarli seriamente con un coprifuoco. Si tendeva a lasciare qualche morti in ogni villaggio, in modo che domani le frontiere sarebbero state aperte e gli arabi si sarebbero divisi in due: quelli che sarebbero fuggiti attraverso il confine; e quelli che sarebbero rimasti e sarebbero stati come pecore innocenti e non avrebbero fatto nulla”.

Secondo ulteriori testimonianze, l’obiettivo era quello di spaventare gli arabi “in modo che alcuni scappino e quelli che rimangono diventino più fedeli allo Stato e si siedano in silenzio”.

Al capo del Comando Centrale dell’epoca, Tzvi Tzur (in seguito capo di stato maggiore), fu chiesto se l’affermazione che, in caso di attacco, “La migrazione degli arabi verso est sarebbe stata guardata favorevolmente” Tzur ha risposto di essere “disposto a concordare che c’era un posto anche per questo pensiero”. Tuttavia, ha sottolineato che non esisteva una politica di questo tipo, ma solo un “pensiero” sulla questione.

Tzur ha aggiunto che, sebbene “possa sembrare strano”, l’obiettivo del coprifuoco imposto a Kafr Qasem è stato quello di proteggere i suoi residenti ed evitare attriti tra loro e l’esercito israeliano.

Il ministro della Cooperazione regionale e residente a Kafr Qasem Esawi Freige, che ha perso dei parenti nel massacro, ha dichiarato dopo la pubblicazione delle trascrizioni: “Finalmente leggo le parole che ho sognato di leggere per tutta la vita”. Le testimonianze su questo omicidio pianificato, sul confine orientale di Kafr Qasem che era stato lasciato aperto nella speranza che i sopravvissuti recepissero il messaggio e fuggissero. Ma accanto al dolore c’è la pace.

“Dopo 66 anni, la verità viene fuori. Per tanto tempo il nostro governo ha voluto nasconderci la verità sul massacro che ha ferito tutte le famiglie di Kafr Qasem, compresa la mia famiglia, e questo ci perseguita ancora oggi”.

Freige ha aggiunto che, dopo la richiesta di perdono da parte di Israele e la pubblicazione delle trascrizioni, “Non ci resta che fare in modo che la memoria del massacro e le sue lezioni non vengano dimenticati. Che venga menzionato nei libri di scuola, e non solo come nota a piè di pagina”.

https://www.haaretz.com/israel-news/2022-07-29/ty-article/.premium/kafr-qasem-massacre-trial-transcripts-the-commander-said-fatalities-were-desirable/00000182-49f2-d2c3-a5a3-5df201a50000?utm_source=App_Share&utm_medium=iOS_Native

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio