Dalal Abu Amneh in viaggio con le nonne nella resistenza musicale 

Apr 13, 2022 | Notizie

Dii Luis Brehoni – 11 Aprile 2022

Fonte:https://www.palestinechronicle.com/

Dipingendo la terra e le persone con colori vivaci, la cantante e ricercatrice di Nazareth Dalal Abu Amneh ha intrapreso nell’estate 2021 un viaggio in Palestina per la serie di Al Araby 2 “Mishwar Sitti” (Il viaggio di mia nonna), cantando oltre 100 canzoni, scoprendo storie locali e mettendo le donne anziane al centro del racconto delle loro storie e delle loro lotte.

la cantante palestinese Dalal Abu Amneh. (Foto: pagina FB di Abu Damneh)

Sostenuta da un gruppo di strumentisti shabab che suonavano oud, buzuq e percussioni, l’entourage di Dalal ha esplorato le regioni della Palestina storica dilaniate da una Nakba ancora in corso. Quando la serie volgeva al termine il 31 marzo 2022, Dalal visibilmente commossa, diceva alle telecamere:“Nei mesi che sono passati abbiamo fatto tanti viaggi. Abbiamo viaggiato attraverso tutta la bella Palestina, attraverso le nostre città e i nostri villaggi. Abbiamo avuto modo di conoscere le storie delle persone”.

Relativamente pochi palestinesi potrebbero percorrere le stesse strade della Palestina storica percorse da Dalal e dal suo gruppo attraverso la serie. Scrivendo del suo ritorno agrodolce in “I Saw Ramallah” dopo l’accordo di “pace” di Oslo, il poeta palestinese Mourid Barghouti ha descritto la patria attraverso la metafora di una canzone, chiedendo:“Qual è l’amore che non conosce l’amato? E perché non siamo riusciti a mantenere la canzone? Perché la polvere di fatto è più potente del miraggio di un inno? O perché il mito doveva scendere dalle sue alte vette fino a questo vero vicolo?»

“Mishwar Sitti” evocava i ricordi dei suoi luoghi e di coloro che vi erano rimasti, contando gli sfollati entro i confini della propria patria disgregata. Questi includono Rabah Abdallah, un palestinese sfollato interno di Tabariyya (Tiberio), che guida i musicisti in un’emozionante passeggiata per la città, ricordando i suoi bagni turchi e le tradizioni agricole pre-Nakba. Camminando verso la sua casa ora colonizzata, Rabah e Dalal irrompono in “Marmar Zamani”, i cui testi dal cuore spezzato e la melodia maqam huzam hanno assunto un nuovo significato per i nativi di Tabariyya, costretti nella loro interezza a lasciare la sua terra:

“Amarezza furono le mie giornate

Come furono amareggiate le mie giornate”

Tra una canzone e l’altra, Rabah spia la sua casa da lontano e Dalal parla con speranza del suo diritto a tornare. Come in altri episodi di “Mishwar Sitti”, il gruppo intona canti celebrativi della zaffa, o corteo nuziale, riempiendo le antiche passerelle di energia ritmica e ottimismo.

Nello stesso viaggio, sotto un gigantesco fico ricordato dai residenti dispersi di Qariyat al-Shajara (“Villaggio dell’albero”), Dalal e lo shabab stanno con Abu Nasser, 81 anni, costretto a lasciare il suo villaggio con la sua famiglia durante la Nakba a all’età di 7 anni e il cugino del leggendario poeta-cantante Abu Arab. Raccolti sul suolo espropriato dallo stato sionista, Dalal inizia con una nota introduzione vocale mawwal che ricorda i frutti della terra, mentre il gruppo dedica un’interpretazione della canzone araba di Abu “Hadi Ya Bahr” (Sii calmo, oh oceano) a il ricordo di un incrollabile combattente per la Palestina:

 “Lo giuro su Dio e sui rivoluzionari

Per non dimenticare mai il tuo diritto, casa mia

Che non importa quanto sia lungo il viaggio

Tornerò da te, mio ​​villaggio

Sii calmo, oh oceano, sii calmo

Siamo stati a lungo in separazione

Porgi i miei saluti

Alla terra che ci ha cresciuti”

Sopraffatto dall’emozione alla fine del canto, Abu Nasser viene abbracciato da Dalal, che gli assicura: “stiamo tornando, stiamo tornando”. Un continuo messaggio di sumud, un fermo rifiuto di sottomettersi, scorre attraverso la musica e le storie.

In viaggio verso al-Khalil (Hebron) l’8 marzo, Dalal viene accolta dal romanziere e ricercatore di canzoni Ahmad Herbawi, che mostra le donne in giro per la città vecchia, risalenti a prima del 3000 a.C. Al-Khalil è stato nominato patrimonio dell’UNESCO nel 2017, nonostante l’opposizione israeliana. Come Gerusalemme occupata, qui c’è una città palestinese in cui il colonialismo ha morso il suo stesso cuore, con continui “insediamenti” sionisti che distinguono la città da se stessa, rendendo la conservazione e la ricerca sulla storia culturale di al-Khalil un elemento importante delle lotte sociali e politiche . Le storie passate e presenti della terra sono profondamente connesse, come ci ricorda Barghouti:

“La cantiamo solo per ricordare l’umiliazione di avercela portata via. La nostra canzone non è per qualche cosa sacra del passato, ma per il nostro attuale rispetto per noi stessi che viene violato ogni giorno di nuovo dall’Occupazione”.

Ahmad e Dalal discutono delle continue espulsioni dei palestinesi dalle loro case mentre Israele tenta di Zionizzare al-Khalil. Ahmad spiega: “Ancora oggi stiamo subendo gli effetti degli ultimi 70 anni di occupazione, incapaci di preservare il patrimonio culturale della città e di costruire economicamente”. Sulla colonna sonora del gruppo di “Muntasib al-Qamiti Amshi” (“Cammino eretto”), una poesia di Samih al-Qasim musicata dall’icona libanese Marcel Khalife, Dalal è emozionata delle tradizionali ceramiche khazaf e dello spirito del popolo Khalili : “Tutto ad al-Khalil è sumud . Vivi questa occupazione ogni giorno, forse nelle città più difficili della Palestina… affrontando una provocazione quotidiana”.

Evidenziando la violenta separazione dei palestinesi – e i limiti del tentativo di un viaggio musicale attraverso la Palestina – il finale di “Mishwar Sitti” vede Dalal, le donne e i musicisti che si collegano simbolicamente a Gaza, “una città che ho sognato di visitare per tutta la vita… Un’università di tristezza e gioia, prigionia e libertà, passato e futuro, morte e vita”. Le riprese dell’episodio miravano a “sfidare gli ostacoli” che separano il popolo palestinese, a “rompere l’isolamento di Gaza” e “connettersi con il nostro popolo incrollabile”.

Un collegamento video in diretta ha unito il gruppo di Dalal nell’antica città costiera di Tantura, a sud di Haifa, con una folla di donne su una spiaggia di Gaza. Vestita con il tradizionale ricamo tatreez e con l’obiettivo di rievocare una zaffa di Gaza, l’esperimento ha portato le gioie e le speranze delle donne palestinesi, che hanno cantato:

Gaza, oh polso del nostro paese

Lo splendore della tua terra è la nostra terra

Gaza, oh popolo potente

Il tuo stendardo si alza con esso la Palestina

Non per la prima volta nella serie, gli incontri musicali sembravano una dimostrazione, una richiesta di essere ascoltati. Simbolicamente stare su una terra di fronte all’intensificarsi dell’invasione ha evocato le proteste e le campagne di rimpatrio dei palestinesi del ’48 da Iqrit, Wadi Subala e altri villaggi, dove musica e poesia hanno accompagnato le richieste politiche. L’episodio di Dalal del 13 marzo sulla musica del Naqab è andato in onda nel mezzo di un crescente confronto tra le forze dello stato e il potere popolare delle donne e dei giovani beduini che combattevano l’accaparramento sionista della terra.

Ci sono segni che l’Intifada dell’Unità del maggio 2021 abbia galvanizzato e incoraggiato i palestinesi in tutto il paese e la devozione di lunga data di Dalal alla conservazione culturale suona fedele ai molti radicalizzati dal movimento. Opponendosi alla normalizzazione, Dalal ha sostenuto il boicottaggio del “festival dell’oud” israeliano nella Gerusalemme occupata e, nel corso di “Mishwar Sitti”, ha chiesto il boicottaggio dell’Expo di Dubai per la sua festa del sionismo.

Espressione dell’impegno nei confronti della narrativa femminile palestinese, la serie di Dalal ha suscitato l’interesse di migliaia di telespettatori. Mentre le piattaforme mediatiche tradizionali come Al Araby potrebbero non essere esse stesse “strumenti di liberazione”, per prendere in prestito un termine da Leila Khaled, “Mishwar Sitti” mostra che le narrazioni contro l’oppressione colonialista, parlando apertamente e cantando il diritto al ritorno possono trovare un modo per essere ascoltate.

Traduzione a cura di AssoPace Palestina

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio