Pet rescue a Gaza: la missione di un uomo per prendersi cura degli animali abbandonati

Apr 13, 2022 | Notizie

Di Ziad Ali in Gaza City – 11 Aprile 2022

Fonte: https://www.theguardian.com/

Inorridito da una campagna ufficiale per uccidere i randagi, Saeed al-Err ha fatto del prendersi cura di cani e gatti in città il lavoro della sua vita.

Mubarak, 20 anni, gioca con i cani al centro Sulala Animal Rescue di Gaza City, che si prende cura di oltre 350 cani. Fotografia: Anas Baba

Il cane giaceva nel mezzo di Shuhada Street a Gaza City. Era stato investito da un’auto. Si guardò intorno, incerto e terrorizzato, ma abbaiava furiosamente ogni volta che qualcuno cercava di raccoglierlo.

Dopo una telefonata è arrivato un uomo in jeans e felpa con cappuccio. Senza alcun problema, è sceso dall’auto, ha preso il cane e lo portò via.

Questo era Saeed al-Err, il 50enne fondatore di SULALA ANIMAL RESCUE , il primo e unico ente di beneficenza di Gaza che salva animali abbandonati.

Il suo rifugio a Gaza City ospita più di 350 cani. Un’altra casa in affitto in città ospita circa 40 gatti, mentre altri 30 sono accuditi a casa sua.

Err dice che ha sempre amato gli animali e che spesso accoglieva i randagi. Ma una svolta è arrivata dopo aver visto un post su Facebook di uno dei comuni di Gaza, in cui si diceva che avrebbe pagato $ 3 (£ 2,30) per ogni cane ucciso nella zona.

Err era inorridito e ha pubblicato una risposta. Ha ricevuto messaggi da membri del pubblico, giornalisti e varie organizzazioni che sostengono i diritti degli animali. La mattina dopo, è andato all’ufficio del comune e ha spiegato al personale perché il piano era sbagliato. I funzionari hanno rimosso il post.

Con un prestito della banca, Err affittò un terreno per ospitare gli animali. Ha usato i suoi soldi e i contributi del pubblico per sfamarli e si è recato in ristoranti e sale per matrimoni chiedendo donazioni di cibo avanzato.

Dopo un anno, il prestito è scomparso e ha dovuto vendere la sua auto per raccogliere fondi. Fece adottare alcuni degli animali, altri li collocava su qualsiasi terra che riusciva a trovare.

Proprio quando pensava di dover chiudere, le autorità gli hanno chiesto di aprire il rifugio di Gaza City. Un secondo rifugio è stato aperto di recente nel nord di Gaza.

“Ogni giorno ricevo circa 10 telefonate su animali che devono essere salvati. Vorrei avere mezz’ora solo per me stesso”, dice.

Err durante una missione di salvataggio di animali nella striscia centrale di Gaza

Err durante una missione di salvataggio nella striscia centrale di Gaza: “Voglio salvarli tutti, ma a decine di chiamate al giorno è molto difficile rispondere”. Fotografia: Anas Baba

Raramente vede i suoi otto figli. “Mia moglie [Sally] è responsabile di tutto. Inoltre si prende cura di tutti i gatti malati che ho in casa: dà loro medicine, cibo e cure. Non avrei potuto fare nulla senza di lei”.

“All’inizio è stato difficile”, dice Sally. “La chiave è la gestione del tempo. Per me, la parte difficile è quando ho a che fare con un gatto la cui mascella è rotta, devo rompere il cibo e dargli da mangiare con cura. Ma non mi dispiace. È una buona azione”.

La parte più difficile del suo lavoro, dice Err, è “quando vedi un animale morire. La gente in generale sente parlare dei successi e degli animali che salviamo”. Non è sempre così. “È positivo per gli animali avere qualcuno intorno a loro durante i loro ultimi momenti, per morire in pace invece di essere soli e spaventati”.

Ma ci sono stati molti momenti gioiosi.

Un cane, di nome Lucy, è rimasto paralizzato quando un’auto le ha schiacciato le gambe posteriori. Non ci sono arti protesici per gli animali a Gaza, quindi Err si è costruito da solo usando macchine e parti di biciclette. Chiese a suo fratello, un ingegnere meccanico, di aiutarlo con il progetto e lo fece costruire.

Lucy, un cane che è rimasto paralizzato quando un'auto le ha schiacciato le gambe posteriori, usa le ruote attaccate alla sua schiena per muoversi di nuovo

La prima volta che Lucy è stata messa nella protesi si è bloccata. “Era confusa da quella cosa di metallo aggiuntiva attaccata al suo corpo”, dice Err. “Ho portato del cibo e l’ho messo davanti a lei. Ha iniziato ad andare avanti, ma all’inizio non riusciva a tenersi in equilibrio. Poi all’improvviso si è resa conto che poteva camminare di nuovo”.

Il primo giorno, Lucy ha indossato la protesi per mezz’ora. Una settimana dopo, lo indossava per due ore al giorno.

La pandemia ha presentato ulteriori sfide con il salvataggio degli animali durante il blocco. Non ha aiutato quando si sono diffuse voci su cani e gatti che trasmettevano il Covid, ed Err ha dovuto collegarsi online per rassicurare le persone.

Err dice che ora c’è molta più consapevolezza e sostegno per il benessere degli animali a Gaza.

Mubarak, 20 anni, con alcuni dei 350 cani del centro di soccorso.

Mubarak, 20 anni, con alcuni dei 350 cani del centro di soccorso. Fotografia: Anas Baba

Nel 2019, l’Università Al-Azhar della città ha lanciato un corso di medicina veterinaria, che Err vede come un passo positivo per migliorare la cura degli animali domestici e dei piccoli animali. (Ci sono veterinari a Gaza, ma secondo Err si concentrano sul bestiame.)

Nel frattempo, i volontari del centro di soccorso visitano asili nido e scuole per insegnare ai bambini l’importanza di prendersi cura degli animali.

Err ha anche ricevuto il sostegno della comunità internazionale. Un’organizzazione si è offerta di pagare lo stipendio di due lavoratori del rifugio per sei mesi. Diversi comuni lo hanno contattato per aprire i propri rifugi e ora sempre più persone stanno adottando animali. Prima di approvare qualsiasi adozione, Err si assicura che gli animali andranno in una casa sicura e cerca di fare visite di controntrollo.

Minwar, il gatto di Err, lo accoglie a casa dopo una giornata trascorsa a salvare animali randagi.

Minwar, il gatto di Err, lo accoglie a casa dopo una giornata trascorsa a salvare animali randagi. Fotografia: Anas Baba

Ma Err dice che c’è ancora molto da fare. “Abbiamo fatto molta strada, ma il viaggio è ancora all’inizio. Spero che, un giorno, avvierò un ospedale specializzato che serva tutti gli animali. Desidero avere rifugi completamente attrezzati e sensibilizzare tutte le persone sugli animali”.

Nel corso degli anni ha aiutato centinaia di animali, inclusi asini e cavalli, ma il suo preferito è un gatto chiamato Minwer.

“Alla fine di lunghe giornate arrivo a casa e Minwer mi sta aspettando. Se mi copro con una coperta per stare al caldo, mi toccherà la mano per sollevare la coperta in modo che possa unirsi a me. Sogno che un giorno tutti gli animali troveranno uno spazio sicuro come Minwer.

Ziad Ali è un giornalista palestinese che vive nella Striscia di Gaza e scrive principalmente di società civile e argomenti culturali. Ha collaborato con l’organizzazione culturale tedesca IFA.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio