La crisi della coalizione di Bennett mette i partiti palestinesi in un dilemma

Apr 12, 2022 | Notizie

Di Wadea Awawdy

Il dramma politico che circonda la partenza del capogruppo della coalizione Idit Silman dal governo Bennett-Lapid, avvenuta la scorsa settimana, sta travolgendo i partiti palestinesi in Israele – sia la Joint List, l’alleanza tripartita guidata da Ayman Odeh, che Ra’am, il partito islamista guidato da Mansour Abbas.

A prima vista, il governo, che ha perso la sua maggioranza parlamentare e non può più approvare alcuna legge importante senza il sostegno dell’opposizione, potrebbe guardare alla Lista congiunta, che ha sei seggi alla Knesset, come un salvagente. Ma la situazione è più complicata.

Nel corso di quattro cicli elettorali in due anni, l’ultimo dei quali ha avuto luogo nel marzo 2021, i leader della Lista congiunta hanno incentrato gran parte della loro campagna elettorale sulla richiesta della caduta del lungo primo ministro Benjamin Netanyahu. Data questa agenda, sarebbe difficile per la Lista Congiunta prendere improvvisamente parte alla caduta della coalizione che alla fine lo ha sostituito. Dopo tutto, cosa direbbe la Joint List al pubblico palestinese in Israele in una quinta elezione? Non possono semplicemente chiedere agli elettori di impedire ancora una volta l’ascesa di Netanyahu. E cosa diranno ai loro sostenitori quando gli verrà chiesto perché hanno lasciato cadere il nuovo “governo del cambiamento” in primo luogo?

D’altra parte, la Lista Congiunta difficilmente è nella posizione di sostenere la coalizione: ha passato mesi ad attaccare senza sosta il governo, sostenendo che è ancora più di destra e distruttivo dei suoi predecessori verso i palestinesi su entrambi i lati della Linea Verde. Inoltre, se la Joint List accettasse di salvare il governo in cambio di alcuni vantaggi per i cittadini palestinesi, cancellerebbe effettivamente ogni differenza sostanziale tra sé e Ra’am, che ha fatto scalpore accettando di unirsi alla coalizione l’anno scorso. In un tale scenario, Ra’am si girerebbe allegramente e direbbe: “Ve l’avevamo detto”.

Parallelamente, i leader della Joint List sono consapevoli che ci sono quelli nella coalizione, come il partito di destra Nuova Speranza di Gideon Sa’ar, che sono esteriormente contrari ad affidarsi a MK palestinesi. Questo solleva la preoccupazione che anche se la Joint List accettasse di salvare il governo, il governo stesso non lo accoglierebbe a braccia aperte.

Nessuna opinione unica


Forse la cosa più importante è che è impossibile trattare la Lista congiunta – un’alleanza di tre partiti che comprende comunisti, liberali e nazionalisti – come un’unica entità con un’unica opinione.

In interviste ai media sia ebraici che arabi questa settimana, il presidente della Joint List e leader del partito Hadash Ayman Odeh è stato rapido nel rifiutare l’idea di unirsi al governo. Tra le altre cose, Odeh ha detto che non c’è alcuna possibilità che la Joint List “fornisca l’ossigeno” di cui la coalizione ha bisogno per sopravvivere, e ha sottolineato le differenze ideologiche tra la sua alleanza e Ra’am, che ha rotto dalla Joint List lo scorso anno prima di entrare nel governo Bennett-Lapid. Sami Abu Shehadeh, che guida il partito Balad, ha fatto eco a Odeh, affermando che il ruolo dell’opposizione è quello di far cadere il governo.

Non c’è voluto molto, tuttavia, prima che diventasse chiaro che il MK della Joint List e politico veterano Ahmad Tibi, che guida il partito Ta’al, ha una visione diversa.

A differenza dei loro colleghi, Tibi e il collega Ta’al MK Osama Sa’adi sono rimasti finora relativamente in silenzio sull’intera faccenda. È improbabile che Ta’al salvi la coalizione ad ogni costo, ma sembra interessato ad esplorare la possibilità di intraprendere azioni specifiche e non vincolanti per tenere a galla il governo in cambio di passi che rafforzerebbero la Lista Comune. Questo toglierebbe di fatto il monopolio di Ra’am sulle agende quotidiane del governo per la società palestinese in Israele, in particolare sulle questioni relative all’occupazione, alla pianificazione e all’edilizia.

Una fonte di Ta’al, che ha chiesto di rimanere anonima, ha confermato che il partito era insoddisfatto delle “dichiarazioni affrettate” di Odeh, che hanno ucciso la “possibilità” di ottenere importanti guadagni, indebolendo al contempo Ra’am. Ciononostante, Odeh ha confermato che i capi dei partiti della Lista congiunta stanno ancora tenendo consultazioni interne sulla questione.

Nel frattempo, i membri della Lista congiunta stanno anche tenendo colloqui con la stessa coalizione di governo. Una fonte di Ra’am, che ha chiesto di rimanere anonima, ha detto che Abbas è interessato a mantenere la coalizione in vita il più a lungo possibile, e che è stato lui ad avviare i suddetti colloqui.

I rischi delle elezioni

Tibi, con tutta la sua esperienza politica, sa bene che l’opinione pubblica palestinese in Israele, nonostante il suo malcontento per l’attuale coalizione di destra, non è interessata ad altre elezioni. Dopo quattro tumultuosi cicli elettorali, i cittadini palestinesi si sono stancati di andare a votare più e più volte con poco da guadagnare.

Allo stesso tempo, Tibi sa che i cittadini palestinesi non sono interessati a un altro governo guidato da Netanyahu, e certamente non uno di estrema destra che includa kahanisti come MK Itamar Ben-Gvir. Ricordano ancora come, per oltre un decennio come primo ministro, Netanyahu abbia completamente ignorato la piaga della violenza e della criminalità nelle loro comunità, promosso la retorica razzista contro di loro, e cercato di trasformare i palestinesi in ospiti indesiderati nella loro patria attraverso una sfilza di leggi discriminatorie come la legge sullo Stato-nazione ebraico, passata nel 2018.

Tibi capisce anche che andare alle elezioni potrebbe essere molto pericoloso per la Joint List: la sua popolarità è calata bruscamente, e il pubblico palestinese è diventato sempre più deluso dalla possibilità di effettuare un cambiamento attraverso la politica parlamentare, come Ra’am ha cercato di fare nell’ultimo anno. Anche coloro che si oppongono al percorso di Ra’am sono scontenti della Joint List, che non è stata in grado di formare una forte alternativa politica e di integrare la più ampia questione nazionale palestinese con i problemi quotidiani che affliggono i cittadini palestinesi.

Le nuove elezioni israeliane potrebbero vedere una bassa affluenza senza precedenti tra gli elettori arabi. Un recente sondaggio interno condotto dalla Joint List ha rivelato che l’affluenza dovrebbe essere di circa il 40%, rispetto al 45% delle ultime elezioni. Questo porterebbe al deterioramento della rappresentanza della Joint List dal suo picco di 15 seggi nel 2020 a soli cinque seggi nel 2022.

E tuttavia, si può supporre che anche i partiti sionisti di Israele dovranno affrontare delle sfide in qualsiasi elezione imminente di quest’anno. Questa tendenza non è solo relegata all’arena parlamentare, ma ha il potenziale di influenzare le relazioni della società palestinese con lo stato e la maggioranza ebraica nel suo complesso, in particolare in questo momento teso e politicamente carico. (https://www.972mag.com/joint-list-raam-bennett-coalition/)

Traduzione a cura di Assopace Palestina

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio