Dopo una settimana drammatica a Gaza, a che punto è la guerra?

Mag 10, 2024 | Notizie

da Uffici Economist a Gerusalemme e Dubai,

The Economist, 9 maggio 2024. 

L’offensiva di Rafah non è ancora iniziata e un cessate il fuoco è probabilmente ancora lontano, nella migliore delle ipotesi, di settimane.

Foto: Getty Images

Per mesi i diplomatici del Medio Oriente sono stati ossessionati da due questioni. Una è il tentativo di mediare un cessate il fuoco tra Israele e Hamas, che vedrebbe il gruppo armato liberare alcuni dei suoi ostaggi. L’altra è l’offensiva israeliana a lungo minacciata a Rafah, la città più meridionale di Gaza, che ora ospita 1,5 milioni di persone sfollate da altre parti dell’enclave. Si tratta di una scelta netta: o un accordo per mettere in pausa la guerra o un’offensiva per allargarla.

Poi è sembrato che accadessero entrambe le cose contemporaneamente. Il 6 maggio l’esercito israeliano ha lanciato dei volantini su Rafah invitando circa 100.000 civili a evacuare la zona sud-est della città. I residenti, presi dal panico, hanno raccolto le loro cose e sono fuggiti. Più tardi, quella sera, Hamas ha annunciato inaspettatamente di aver accettato la proposta di cessate il fuoco. I gazawi pensavano che il loro calvario di sette mesi fosse finito, ma la loro speranza era prematura. Alcune ore dopo, in mezzo a pesanti attacchi aerei, i carri armati israeliani sono entrati nella periferia di Rafah.

È stata una giornata drammatica, ma meno drammatica di quanto sembrasse. Sia Israele che Hamas hanno ora accettato un piano di cessate il fuoco, ma non lo stesso. Probabilmente ci vorranno almeno una o due settimane per raggiungere un compromesso – ammesso che venga raggiunto. Se la guerra non si è fermata, tuttavia, non è nemmeno iniziata l’offensiva di Rafah. In una settimana in cui tutto sembrava cambiare, forse non è cambiato nulla, almeno non ancora.

Mappa: The Economist

I carri armati israeliani che hanno attraversato il sud di Gaza non sono entrati a Rafah. Si sono invece impadroniti di parte del corridoio Philadelphi, una striscia di terra vicina all’Egitto, e del valico di frontiera (chiamato anche valico di Rafah) tra i due territori (vedi mappa). I funzionari dell’esercito affermano che non è stato ancora ordinato loro di entrare nella città stessa, né di avanzare più a nord lungo il corridoio.

Da quando Hamas ha preso il controllo di Gaza nel 2007, il confine con l’Egitto e i tunnel di contrabbando sotto di esso sono stati un’ancora di salvezza per Hamas. Le armi entravano e i militanti uscivano per cercare cure mediche o sicurezza. Abdel-Fattah al-Sisi, il presidente egiziano, si è periodicamente prodigato per distruggere i tunnel. Ma il contrabbando è redditizio: i soldati della parte egiziana sono felici di prendere la loro parte. Israele ha una motivazione strategica per conquistare il confine. Alcuni ufficiali dell’esercito ritengono che si sarebbe dovuto fare nelle prime settimane di guerra.

Ma il confine non è vitale solo per Hamas. Il valico di Rafah è l’unico modo in cui i gazawi comuni possono fuggire dalla Striscia. Nei primi due mesi di guerra è stato l’unico canale per gli aiuti umanitari. Anche se negli ultimi mesi è stato eclissato da Kerem Shalom, un valico commerciale tra Israele e Gaza, esso rimane importante: il 23% dei 5.671 camion che sono entrati nel sud di Gaza il mese scorso sono passati da Rafah.

Quando è arrivato l’ordine di impadronirsi del corridoio Philadelphi, il 6 maggio, i generali israeliani sono rimasti sorpresi. Non si aspettavano di entrare nel sud di Gaza per almeno un’altra settimana. L’incursione affrettata significava che non c’erano piani per mantenere operativo il valico di Rafah. L’esercito ha preso in considerazione la possibilità di portare un’unità ora di stanza ai valichi nella Cisgiordania occupata o una società di sicurezza privata americana per sorvegliare il posto di confine. Si tratta di una questione urgente: il valico di Kerem Shalom è stato temporaneamente chiuso all’inizio del mese dopo che Hamas vi ha lanciato due razzi, anche se l’esercito israeliano ha dichiarato che è stato riaperto l’8 maggio.

La manovra militare affrettata è stata una scelta politica. Quando il gabinetto di guerra si è riunito il 6 maggio, ha preso due decisioni: procedere con l’incursione nel sud di Gaza e inviare un gruppo di negoziatori di basso livello al Cairo per discutere la proposta di cessate il fuoco di Hamas. Per Binyamin Netanyahu, il primo ministro, il primo ordine doveva bilanciare il secondo. I suoi alleati di estrema destra hanno minacciato di lasciare la coalizione se avesse fatto un accordo con Hamas. La paura di questo abbandono è ciò che guida le sue decisioni.

Più vicini di quanto si pensi

I negoziatori non hanno reso nota l’esatta proposta di cessate il fuoco che Israele ha accettato il mese scorso. Ma hanno informato i giornalisti sui suoi punti principali e i media arabi simpatizzanti di Hamas hanno pubblicato quello che dicono essere il testo completo della controproposta del gruppo armato. Le due proposte sono sostanzialmente simili. Entrambe prevedono un cessate il fuoco in tre fasi, iniziando con un periodo di sei settimane in cui Hamas rilascerebbe 33 ostaggi israeliani – donne, bambini, anziani e malati – in cambio di centinaia di prigionieri palestinesi nelle carceri israeliane.

Nella seconda fase, anch’essa di sei settimane, le due parti avrebbero lavorato per raggiungere una “calma sostenibile” a Gaza. Questo termine coniato ad arte è fatto per sorvolare su un importante punto dolente: Hamas vuole che l’accordo porti a un cessate il fuoco permanente; Israele ne accetterà solo uno temporaneo. La formulazione vaga è stata scelta per soddisfare entrambe le parti. Se riusciranno a raggiungere questa calma sfuggente, Hamas rilascerà tutti i prigionieri rimasti. La terza fase vedrebbe uno scambio di corpi e la fine della guerra.

Ma ci sono alcune differenze notevoli tra i due testi. Le più significative riguardano il rilascio degli ostaggi nella prima fase dell’accordo. La proposta precedente prevedeva che Hamas liberasse tre ostaggi vivi ogni tre giorni, fino a un totale di 33. Hamas ha risposto con un programma più lungo: solo tre ostaggi a settimana fino alla sesta e ultima settimana, quando il gruppo avrebbe liberato il resto dei 33 prigionieri concordati.

Hamas ha anche abbandonato l’impegno di liberare ostaggi vivi. Potrebbe invece consegnare un numero imprecisato di corpi. I funzionari israeliani ritengono che oltre un quarto dei 132 ostaggi ancora a Gaza siano già morti. Si tratta solo di una stima. Per mesi, Hamas si è rifiutato di fornire dettagli sul loro stato di salute. Non si tratta di differenze banali, ma probabilmente potrebbero essere risolte attraverso ulteriori colloqui.

La questione è se Netanyahu vuole risolverle. La maggior parte degli israeliani è favorevole a un accordo. Un sondaggio condotto all’inizio del mese dall’Israel Democracy Institute, un gruppo di studio, ha rilevato che il 62% dei cittadini (e il 56% degli israeliani ebrei) ritiene che un accordo sugli ostaggi dovrebbe avere la priorità sull’offensiva di Rafah. Tra gli ebrei di destra, invece, i numeri sono invertiti: il 55% pensa che conquistare Rafah sia più importante. E si tratta del principale gruppo elettorale di Netanyahu.

Il Primo Ministro non può accettare l’accordo e mantenere la sua coalizione. Non è solo sotto pressione da parte dei piccoli partiti di estrema destra. Anche i membri anziani del suo partito Likud lo spingono a rifiutare la tregua e a entrare a Rafah. Se non lo fa, potrebbe perdere il loro sostegno. Yair Lapid, il leader dell’opposizione, ha detto che sosterrebbe Netanyahu se il Primo Ministro avesse bisogno di aiuto per un accordo sugli ostaggi, ma il suo sostegno sarebbe di breve durata. Seguirebbero elezioni anticipate.

Se Hamas si rifiuta di modificare la sua proposta di cessate il fuoco, Netanyahu potrebbe sostenere di aver negoziato in buona fede ma di aver dovuto rifiutare un accordo imperfetto. In tal caso, però, si troverebbe di fronte a un altro dilemma: ordinare o meno l’offensiva di Rafah.

Se lo facesse, Joe Biden si infurierebbe. Finora, la crescente rabbia del presidente americano nei confronti di Netanyahu non è andata molto oltre le parole forti. Ma l’8 maggio ha dichiarato che non avrebbe fornito a Israele le armi che potrebbero essere utilizzate in un attacco a Rafah. È stata l’azione più forte di Biden contro Israele. Se diventasse una politica più ampia, metterebbe in difficoltà l’esercito israeliano, che non può sostenere una guerra senza i rifornimenti americani.

Nella sua lunga carriera, Netanyahu ha fatto dell’indecisione una forma d’arte. Ha trascorso gli ultimi mesi accettando a malincuore i colloqui per il cessate il fuoco e facendo vuote promesse su un’offensiva a Rafah, cercando di ottenere entrambe le cose, ma senza ottenere nessuno dei due risultati. Ora, però, sia l’America che i suoi alleati di destra stanno perdendo la pazienza. Forse non potrà tergiversare ancora a lungo.

https://www.economist.com/middle-east-and-africa/2024/05/09/after-a-dramatic-week-in-gaza-where-does-the-war-stand

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

Non sempre AssoPacePalestina condivide gli articoli che pubblichiamo, ma pensiamo che opinioni anche diverse possano essere utili per capire.

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio