Cineasti israeliani contro il Settler Film Fund: “E’ parte del meccanismo dell’apartheid”

Set 12, 2022 | Notizie

Fonte: english version

Nirit Anderman – 1 settembre 2022

Circa 140 registi israeliani hanno dichiarato che rifiuteranno di collaborare con un fondo cinematografico israeliano che opera in Cisgiordania. In una lettera pubblica partita dai registi Avi Mograbi, Rachel Leah Jones, Liran Atzmor, Yasmin Kini, Noam Sheizaf e altri, essi affermano che non collaboreranno con il Samaria Film Fund: non chiederanno sovvenzioni, non lo faranno partecipare ai loro progetti e non lavoreranno per lui.

Scrivono che l’istituzione “non è un fondo pluralistico, ma piuttosto parte del meccanismo dell’apartheid”. Invitano anche i capi dell’Accademia cinematografica israeliana a rifiutarsi di tenere la cerimonia degli Ophir Awards – l’equivalente israeliano degli Oscar – in Cisgiordania.

“La fondazione e il festival invitano i registi israeliani a prendere parte attiva nell’imbiancare l’occupazione”.

Il fondo è stato approvato tre anni fa dall’allora ministro della Cultura Miri Regev del Likud e, insieme ad altri fondi cinematografici regionali, offre sostegno finanziario ai residenti locali interessati allo sviluppo e alla produzione di documentari e altri generi cinematografici. Dichiara sul suo sito web che non è politico. Secondo le sue linee guida, i creativi che si candidano al percorso di sviluppo non devono necessariamente essere della Samaria (il nome biblico della Cisgiordania settentrionale), ma devono essere residenti in Cisgiordania, nella Valle del Giordano o nell’area settentrionale del Mar Morto ed essere cittadini israeliani – cioè è limitato quasi esclusivamente agli ebrei presenti in questi territori contesi.

I firmatari della lettera includono Ari Folman (“Waltz with Bashir”), Shira Geffen (“BeTipul”, “Jellyfish”), Hagai Levi (“Scenes from a Marriage”, “Our Boys”) e altri coinvolti nell’industria cinematografica . La lettera fa seguito a un acceso dibattito  innescato dal primo Samaria Film Festival, tenutosi a giugno, e a un incontro del Forum del documentario, a cui ha partecipato un rappresentante del Samaria Film Fund.

Alla cerimonia di apertura del Samaria Film Festival ad Ariel hanno partecipato il ministro della Cultura Chili Tropper, i capi della Rabinovich Foundation for the Arts e il produttore cinematografico e proprietario di Cinema City Moshe Edery, che hanno espresso la speranza che la cerimonia degli Ophir Awards si tenga un giorno in Samaria. Il regista Nir Bergman (“In Treatment”, “Hostages”) era presente e Ron Omer (“Rain in Her Eyes”) e Avi Nesher (“Image of Victory”) hanno inviato rappresentanti per accettare un premio a loro nome.

“Dietro questo festival, così come dietro l’istituzione del Samaria Film Fund, non c’è l’amore per la cultura ma per la politica, che mira a cancellare la linea verde e la distinzione tra regime militare e civile”, afferma la lettera “Pertanto, non sorprende che a guidare questa fondazione politica siano Esther Allouche, portavoce del Consiglio regionale della Samaria, e Yossi Dagan, presidente del Consiglio regionale della Samaria. La fondazione e il festival invitano i creativi israeliani a partecipare attivamente imbiancando l’occupazione in cambio di sostegno finanziario e premi”.

Le decine di registi che hanno firmato la lettera dichiarano che non collaboreranno con il Samaria Film Fund, “né negli incubatori, né nelle revisioni o nel cinema. Non acconsentiremo a tenere la cerimonia degli Ophir Awards in un’area soggetta a regime militare. Chiediamo all’Accademia israeliana di cinema e televisione, ai suoi membri e leader, di non trasformare il cinema israeliano in un altro strumento di oppressione del popolo palestinese”.

Nella lettera si afferma inoltre che l’istituzione del Fondo Samaria è stata accompagnata da dichiarazioni sulla diversità dell’arte israeliana e dall’espressione di voci emarginate. Sebbene questo sia un obiettivo degno, afferma: “Non ha senso parlare di diversità, quando in pratica si nascondono violenze sistematiche e gravi violazioni dei diritti umani. I cineasti hanno una responsabilità per l’immagine della società in cui vivono. Nella realtà in corso, di occupazione e di un processo di annessione strisciante, dobbiamo tracciare una linea rossa”.

Il ministro della Cultura Chili Tropper è stato critico nei confronti della lettera: “La fede nel valore della libertà di espressione non dovrebbe essere limitata o applicarsi solo a determinati punti di vista”, ha affermato. “Anche se ci sono disaccordi o opere impegnative e persino irritanti, questa libertà deve essere preservata, purché aderisca alle leggi del Paese. Certi lavori sono molto difficili anche per me, ma mi sforzo di mantenere una separazione tra politica e cultura, e suggerisco a tutti gli altri, da ogni parte, di fare lo stesso”.

Tropper ha sottolineato che il Samaria Film Fund rappresenta la società israeliana esattamente allo stesso modo delle fondazioni all’interno della Linea Verde. “I fondi cinematografici nazionali che si trovano a Tel Aviv e Gerusalemme, così come le fondazioni cinematografiche nel Negev, Galilea, Samaria e Arava, operano con piena libertà artistica e hanno lo scopo di consentire alla pluralità di voci nella società israeliana di essere ascoltate”, ha spiegato.

I registi possono scegliere a quali fondi fare richiesta, ha affermato, ma le fondazioni e la loro posizione non dovrebbero essere utilizzate come strumento per attacchi politici. “Mescolare politica e arte non produce cose buone, solo odio inutile. Il luogo della cerimonia degli Ophir Awards è scelto dall’Accademia israeliana di cinema e televisione. Come notato in precedenza, non vi è alcuna interferenza politica in questa materia. Il Samaria Film Fund opera in conformità con la legge e serve tutti gli israeliani, proprio come ogni altro fondo cinematografico”.

Yossi Dagan, capo del Consiglio regionale della Samaria e presidente del fondo per il cinema, ha anche commentato la lettera: “Ci sono alcune persone di estrema sinistra che pensano erroneamente che vivere in una determinata zona non sia di loro gradimento, così come avere in politica opinioni diverse dalle loro. Ho delle notizie per loro: mezzo milione di cittadini israeliani in Giudea e Samaria respirano, vivono, amano, viaggiano e fanno anche film. Il fondo cinematografico fa parte di un’iniziativa del governo per istituire fondi cinematografici regionali, proprio come i fondi cinematografici regionali nel Negev, nell’Arava e in Galilea, e continuerà come tale”.

https://www.invictapalestina.org/archives/46725

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio