Ho ritrovato la casa che Israele ha rubato a mio nonno

Set 5, 2022 | Notizie

di Jalal Abukhater

Aljazeera, 28 agosto 2022.  

È una questione personale quando sento che l’ambasciata statunitense a Gerusalemme sarà costruita su un terreno rubato ai palestinesi.

Una donna regge un cartello con la scritta “stop all’occupazione” mentre attivisti palestinesi, israeliani e stranieri si riuniscono per una manifestazione contro l’occupazione israeliana e le attività di insediamento nel territorio palestinese, nel quartiere palestinese di Sheikh Jarrah a Gerusalemme, il 4 giugno 2021 [Ahmad Gharabli/AFP].

Il mese scorso, in concomitanza con la visita del Presidente degli Stati Uniti Joe Biden a Gerusalemme, il Centro legale Adalah di Haifa ha pubblicato un rapporto che illustra come i terreni destinati alla costruzione di un’ambasciata statunitense fossero in realtà di proprietà dei palestinesi prima di essere rubati da Israele dopo la Nakba del 1948.

Tra i discendenti dei proprietari originari ci sono residenti palestinesi di Gerusalemme Est e palestinesi americani. Adalah, insieme a questi discendenti, ha condiviso in una relazione i documenti originali che servono a dimostrare la proprietà della terra a Gerusalemme. Le parti hanno chiesto che l’amministrazione Biden annulli il progetto di costruire una sede diplomatica su un terreno rubato.

Le testimonianze e la lotta dei palestinesi per reclamare la loro terra mi sembrano personali. Ricordano una battaglia simile per il nostro passato che mio nonno, e molti altri, hanno condotto.

Dopo il 1948, Israele ha legalizzato il furto sistematico di case e proprietà palestinesi a Gerusalemme Ovest, in particolare attraverso la legge sulla proprietà degli assenti. Questa legge del 1950 dichiarava i rifugiati di Nakba “assenti” anche se si trovavano nella parte orientale di Gerusalemme e permetteva al Custode delle proprietà assenti del governo israeliano di appropriarsi delle loro terre.

All’epoca, gli stessi americani riconobbero questo fatto in un telegramma inviato dal console generale degli Stati Uniti a Gerusalemme nel dicembre 1948. Il console generale scrisse al Segretario di Stato americano, affermando che Israele stava cercando di “eliminare” la possibilità che i rifugiati palestinesi tornassero a casa, in barba a una risoluzione delle Nazioni Unite approvata all’inizio del mese e sostenuta dagli Stati Uniti.

La mia famiglia è stata una delle tante famiglie palestinesi a cui è stato negato il diritto alla casa nella zona ovest di Gerusalemme.

La nostra oasi

Prima di Israele, mio nonno possedeva una casa ad al-Qatamon, un quartiere moderno e benestante di Gerusalemme, situato a 2 km (1,2 miglia) a sud della Città Vecchia. Fondato nel 1860, al-Qatamon comprendeva 204 case palestinesi su un terreno di 20 ettari (49 acri). Fu fondato per ospitare le famiglie di Gerusalemme di classe medio-alta che trovavano troppo affollata la vita all’interno delle mura della Città Vecchia.

La popolazione del quartiere era principalmente musulmana e cristiana, insieme ad alcune famiglie straniere che vivevano lì durante il mandato britannico. Crescendo, la scrittrice e medico palestinese Ghada Karmi mi ha fatto rivivere al-Qatamon attraverso il suo libro di memorie del 2002, Alla ricerca di Fatima. Nel suo libro, Karmi descrive la casa di pietra della sua famiglia e il suo giardino pieno di agrumi e ulivi. Karmi e la sua famiglia furono costretti a lasciare il quartiere quando aveva otto anni, durante la Nakba.

In seguito, sono venuto in possesso di documenti che mio nonno e mio padre avevano conservato con cura, che provavano la proprietà della nostra casa di al-Qatamon. I documenti mostravano che mio nonno aveva registrato la proprietà il 21 aprile 1939. L’aveva acquistata da un’altra famiglia palestinese di Gerusalemme, gli Zmourrod.

Tutto cambiò nel 1948, dopo il trasferimento della mia famiglia a Gerusalemme Est. Mio nonno, pur trovandosi ad appena 1 km di distanza da al-Qatamon, si trovò improvvisamente ad essere un “assenteista” secondo la legge israeliana.

Gli atti catastali che avevo tra le mani mostravano come il 28 luglio 1957 il Custode delle proprietà assenti avesse venduto la casa della mia famiglia all’Autorità israeliana per lo sviluppo, in modo che potesse essere rilevata da nuovi inquilini ebrei. Negli stessi atti catastali che riportavano mio nonno come proprietario di questa proprietà, ora c’era un’altra parte che la vendeva.

  • Discriminazione giuridica

Nel 1970, la Knesset israeliana approvò la Legge sulle questioni legali e amministrative, che di fatto significava che i proprietari ebrei che avevano dovuto abbandonare le loro proprietà a Gerusalemme Est nel 1948 non sarebbero stati considerati “assenti” nella parte della città allora appena occupata. Potevano tornare a reclamare le loro case. Quella stessa legge, tuttavia, non estendeva benefici simili ai residenti di Gerusalemme Est che un tempo possedevano proprietà a Gerusalemme Ovest. Quei palestinesi, come mio nonno, rimasero “assenti”.

Tuttavia, mio nonno decise di reclamare la sua casa. Il 28 marzo 1972, come residente di una Gerusalemme “unificata” sotto l’autorità israeliana, scrisse una lettera al Custode delle Proprietà Assenti. Chiedeva che gli venisse restituita la sua casa, poiché ora era residente a Gerusalemme e non più “assente”. Terminò la lettera con queste parole enfatiche: “Questa casa è una mia proprietà privata e nessun altro ha alcun legame con essa”.

Quasi un mese dopo, il Custode della proprietà degli assenti a Gerusalemme rispose, citando la Legge sulla proprietà degli assenti come motivo per respingere la richiesta di mio nonno.

Con i documenti in mano e basandomi sulle conoscenze di mio padre, ho individuato l’esatta posizione della casa e ho portato mio padre a visitarla nell’estate del 2021. Non fummo sorpresi di scoprire che era ancora lì e che era occupata da una famiglia ebrea israeliana. L’edificio aveva due piani in più rispetto alla casa originale a un piano. Ovunque guardassi nel quartiere, vedevo le prove della nostra esistenza palestinese e sentivo lo strazio della nostra scomparsa.

La legge del 1970 ha permesso ai gruppi ebraici di rivendicare la proprietà di immobili a Gerusalemme Est, soprattutto nelle aree di Sheikh Jarrah e Silwan. Ad oggi, i palestinesi sfollati da Israele non godono di questo diritto a Gerusalemme Ovest.

Mentre i palestinesi di Sheikh Jarrah, Silwan e di altri quartieri di Gerusalemme Est subiscono ordini di sfratto a favore di insediamenti ebraici, non riesco a smettere di pensare alla pura ingiustizia di tutto questo.

Sostengono che Gerusalemme è una città unita, eppure ci sono due leggi che regolano due popoli nel modo più diseguale. Sostengono che abbiamo dei diritti, ma credo che si limitino a tollerare la nostra esistenza. Ci manca il diritto di voto, il diritto alla casa, il diritto alla proprietà – e con il furto delle case dei nostri antenati, il diritto alla nostra storia.

https://www.aljazeera.com/opinions/2022/8/28/tracking-down-the-house-israel-stole-from-my-grandfather

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio