Israele chiude l’ufficio di al-Haq. L’ONG torna al lavoro il giorno stesso

Ago 30, 2022 | Notizie

di Hagar Shezaf,

Haaretz, 29 agosto 2022.   

Dopo il raid, molte persone sono venute all’ufficio di Al-Haq a Ramallah per mostrare solidarietà: “Siamo preoccupati, ma continuiamo a lavorare”, dice il direttore Shawan Jabarin. Vogliono metterci a tacere e controllarci”.

Il primo ministro palestinese Mohammad Shtayyeh parla alla Fondazione palestinese Al-Haq nella città cisgiordana di Ramallah dopo il raid israeliano, questo mese. Credito: ABBAS MOMANI – AFP

Pochi giorni dopo l’incursione dei militari israeliani negli uffici di Al-Haq in Cisgiordania, diverse persone hanno lavorato per riparare le porte che erano state forzate. Il gruppo per i diritti umani è stato una delle sette ONG che hanno subito un’incursione il 18 agosto, più di sei mesi dopo che Israele le aveva dichiarate organizzazioni terroristiche. Le forze dell’ordine hanno confiscato documenti, stampanti e scanner da alcune organizzazioni, ma questo non è accaduto ad Al-Haq, che è stata relativamente fortunata da questo punto di vista.

L’esercito, tuttavia, ha rotto alcune porte dell’ufficio e i soldati hanno saldato la porta d’ingresso quando se ne sono andati. Su di essa, l’esercito ha incollato un ordine militare, firmato dal Magg. Gen. Yehuda Fuchs del Comando Centrale dell’esercito israeliano, che ordinava la chiusura del locale perché illegale. La gente dalla strada ha presto aperto la porta e il personale dell’organizzazione è tornato al lavoro il giorno stesso.

L’ufficio di Al-Haq si trova nel centro di Ramallah, vicino a Piazza Manara. Dopo il raid, diplomatici stranieri, politici palestinesi e persino scolari sono venuti a esprimere la loro solidarietà, come hanno fatto con le altre organizzazioni che Israele ha designato come organizzazioni terroristiche a ottobre.

Shawan Jabarin, direttore generale di Al-Haq, sembra che non dorma da giorni. Durante l’intervista, Jabarin afferma di credere che il suo ufficio sia stato messo sotto controllo. Tre giorni dopo il raid, ha ricevuto una telefonata da qualcuno che diceva di essere dello Shin Bet e lo ha convocato per un colloquio. Dice che l’agente dello Shin Bet ha minacciato che se avesse continuato a lavorare con l’organizzazione, ne avrebbe affrontato le conseguenze. “Tutto ciò che sta accadendo interrompe il nostro lavoro. Non posso dire che tutto si svolga normalmente. Anche il nostro personale è preoccupato”, dice Jabarin. “Ma abbiamo deciso di continuare a lavorare, perché secondo noi questo è un ordine militare arbitrario e l’obiettivo principale è quello di metterci a tacere e controllarci”.

Al-Haq ha uno staff di 45 persone, la maggior parte delle quali lavora presso l’ufficio di Ramallah, mentre alcune si trovano in Europa e negli Stati Uniti. Jabarin, 61 anni, padre di tre figli, lavora presso l’organizzazione da oltre 30 anni. Ha iniziato a lavorare come ricercatore sul campo quando ancora viveva a Sa’ir, la città del governatorato di Hebron in cui è cresciuto. Nel primo rapporto annuale dell’organizzazione, che copre il periodo della prima Intifada, c’è una dedica a Jabarin, che insieme ad altri tre ricercatori di Al-Haq era in detenzione amministrativa all’epoca.

L’ingresso danneggiato dell’ufficio dell’organizzazione per i diritti umani Al-Haq, che ha subito un’incursione delle forze israeliane nella città cisgiordana di Ramallah, due settimane fa. Credito: Nasser Nasser /AP

Jabarin racconta di essere stato sottoposto a torture durante i vari arresti effettuati dalle forze israeliane nel corso degli anni. Il primo è stato quando era ancora uno studente. Racconta che il suo sogno era quello di diventare medico, ma i suoi piani sono stati vanificati perché Israele gli ha impedito di lasciare il Paese, in quanto, a suo avviso, aveva testimoniato contro un colono che era stato accusato e poi scagionato per aver sparato a una giovane donna di Halhoul nel 1979. Nel corso degli anni, Israele ha affermato in diverse occasioni che Jabarin è un membro del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (PFLP), affermazione che lui continua a negare ancora oggi.

Jabarin dirige Al-Haq da 16 anni. Quando gli viene chiesto di raccontare il suo lavoro, sceglie di iniziare con le questioni interne palestinesi. “Facciamo visite a sorpresa nei centri di detenzione gestiti dai servizi di intelligence e di sicurezza preventiva palestinesi per vedere come vengono trattati i detenuti palestinesi, se vengono torturati o trattati male – e quando dico visite a sorpresa dico sul serio”, afferma. L’organizzazione spera che anche la polizia palestinese le permetta di condurre controlli simili nei suoi centri di detenzione.

Al-Haq presta assistenza anche in casi individuali. Jabarin racconta di ricordarne uno che riguardava un uomo che era stato arbitrariamente licenziato dal suo lavoro presso uno degli uffici del governo palestinese. “Ci sono voluti 13 anni prima che facessimo giustizia per lui e che tornasse a lavorare”, dice. Jabarin cita anche le sessioni di formazione che il suo gruppo offre a organizzazioni palestinesi, diplomatici internazionali e studenti di diritto internazionale e studiosi interessati alla situazione nei territori palestinesi. È particolarmente orgoglioso della formazione che l’organizzazione offre agli attivisti di tutto il Medio Oriente – Iraq, Libia e Yemen – su come costruire un caso e un’argomentazione legale e sui metodi di documentazione.

Nel maggio 2021, Israele ha inviato ai rappresentanti europei un documento in cui accusava l’organizzazione di legami con il PFLP (il contenuto è stato poi pubblicato da Haaretz). Sebbene ciò sia avvenuto prima che Israele mettesse ufficialmente fuori legge il gruppo, e sebbene altre nazioni non abbiano preso provvedimenti simili, l’UE ha deciso di sospendere i finanziamenti per un progetto di Al-Haq. Secondo Jabarin, il progetto doveva offrire formazione alle organizzazioni della società civile palestinese in seguito all’adesione della Palestina a una serie di trattati delle Nazioni Unite. “La formazione riguardava il funzionamento del sistema delle Nazioni Unite e le modalità di presentazione dei rapporti ombra. L’obiettivo era quello di rafforzare le capacità delle organizzazioni della società civile e di spingere per i diritti umani dei palestinesi al loro interno”, spiega. Lo scorso giugno, un anno dopo il congelamento dei fondi e dopo che l’organizzazione aveva intentato una causa contro l’UE, la Commissione Europea ha annunciato di aver concluso la sua revisione e di voler ripristinare i finanziamenti del progetto.

Attivisti appendono uno striscione fuori dalla Fondazione palestinese Al-Haq, nella città cisgiordana di Ramallah, dopo che Israele ha fatto irruzione e chiuso il loro ufficio, due settimane fa. Credito: ABBAS MOMANI – AFP

Trovare la verità

Al-Haq (in arabo “giustizia” o “diritti”) è stata fondata nel 1979 dagli avvocati Raja Shehadeh, Jonathan Kuttab e Charles Shammas. In un recente articolo apparso sulla New York Review of Books, Shehadeh ha descritto le prime attività dell’organizzazione rivolte a documentare le vaste modifiche apportate da Israele alle leggi locali dopo l’occupazione della Cisgiordania. “Questi ordini militari erano stati concepiti per consentire a Israele di effettuare acquisizioni di terra – acquisizioni che violavano chiaramente il diritto internazionale – per la costruzione di insediamenti israeliani, anch’essi illegali”, ha scritto.

Un articolo del 1987 di Ori Nir su Haaretz descriveva l’attività di Al-Haq e la situazione nei territori all’epoca, e sembra che poco sia cambiato. L’articolo cita l’avvocatessa Mona Rishmawi, che lavorava per Al-Haq, e dice che avevano avvertito il procuratore generale sul fatto che non esisteva una procedura che obbligasse l’esercito a notificare alla famiglia di un detenuto palestinese il suo arresto. “Su queste questioni c’è stato un certo miglioramento, ma non ci illudiamo di poter fermare l’uso di misure amministrative, che sta solo peggiorando e diventando la norma”, ha detto Rishmawi. Ancora oggi, le famiglie dei palestinesi arrestati possono non sapere per diverse ore dove si trovino i loro cari.

Negli uffici di Al-Haq, un ricercatore dell’organizzazione sta esaminando un rapporto ricevuto. Tali rapporti sono presentati dagli operatori sul campo dell’organizzazione e descrivono le violazioni dei diritti che hanno riscontrato. Sono composti da testimonianze di vittime e testimoni oculari, video, esami della scena e impressioni generali del ricercatore sulla credibilità delle fonti e dell’evento.
Il ricercatore, che ha voluto rimanere anonimo, dice di lavorare ad Al-Haq da quasi 40 anni. “Siamo stati addestrati su come fare la documentazione. Abbiamo imparato da esperti europei e giapponesi, oltre che da avvocati israeliani, come raccogliere le testimonianze e come scriverle. E ora nessuno lo fa meglio di noi”. Inizialmente ha lavorato lui stesso come ricercatore sul campo. Ha persino raccolto testimonianze dai detenuti delle carceri israeliane mentre era in detenzione amministrativa negli anni Ottanta.
Un caso particolarmente memorabile, dice, è quello di Imran Abu Hamdiyeh, un ragazzo di 17 anni di Hebron che fu ucciso quando gli agenti della Polizia di Frontiera lo gettarono da una jeep in movimento nel 2002. “C’erano cinque testimoni oculari che hanno visto l’accaduto e ci hanno fornito le loro testimonianze”, racconta il ricercatore. I testimoni hanno aiutato a identificare la jeep coinvolta e Al-Haq è riuscito anche a convincere la famiglia del ragazzo a consentire un’autopsia. Quattro poliziotti di frontiera sono stati condannati per aver ucciso Abu Hamdiyeh.

Le recenti indagini dell’organizzazione riguardano i combattimenti a Gaza e l’uccisione della giornalista Shireen Abu Akleh. In precedenza, hanno indagato sull’uccisione di Nizar Banat, un duro critico dell’Autorità Palestinese, durante la sua detenzione, e sulle manifestazioni che si sono tenute dopo la sua morte. “Durante le manifestazioni, molte persone sono venute a chiedere il nostro aiuto”, racconta il ricercatore. Inizio modulo

In alcuni casi, i resoconti dei media e i fatti che aveva scoperto nella sua ricerca non corrispondevano. “C’è stato un caso in cui una bambina di 5 anni di Anata è stata colpita alla testa da un proiettile, e si affermava che l’esercito israeliano le aveva sparato”, racconta. “Quando sono arrivato sulla scena, ho visto che non aveva senso che il fuoco dell’esercito arrivasse così lontano. Si è poi scoperto che era stata colpita da un colpo di arma da fuoco sparato dal fratello”, racconta.

Attivisti appendono uno striscione fuori dalla Fondazione palestinese Al-Haq, nella città cisgiordana di Ramallah, dopo che Israele ha fatto irruzione e chiuso il loro ufficio, questo mese. Credito: ABBAS MOMANI – AFP

Spingere la narrazione

Se si chiede ai membri dello staff di Al-Haq cosa ha portato Israele a classificare il gruppo come organizzazione terroristica, la risposta è certa: i suoi sforzi per promuovere l’indagine contro Israele da parte della Corte Penale Internazionale dell’Aia. Nel 2015, l’organizzazione ha presentato alla Corte prove di presunti crimini di guerra e contro l’umanità commessi da Israele durante la guerra di Gaza del 2014. Recentemente è stato presentato un rapporto simile sull’operazione di Israele a Gaza del 2021. In precedenza, Al-Haq ha anche presentato un’analisi legale a sostegno della tesi che la Corte ha giurisdizione sui territori palestinesi, il che le consente di indagare su ciò che accade nei territori stessi. Questo lavoro ha talvolta messo i collaboratori di Al-Haq nel mirino degli avversari. Nel 2016, le autorità olandesi hanno indagato sulle minacce di morte ricevute dall’avvocatessa di Al-Haq Nada Kiswanson e dalla sua famiglia mentre lavorava all’Aia. Uno degli attuali responsabili dell’organizzazione ha accettato di essere intervistato, ma ha voluto rimanere anonimo per paura di ricevere minacce simili.
Ha raccontato che il suo lavoro consiste nell’esercitare pressioni su istituzioni come la Corte Penale Internazionale e il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, nonché su parlamentari e diplomatici in tutta Europa. Viaggia spesso per lavoro. Nei mesi scorsi è stato a Londra e poi in Turchia (a una conferenza in lingua araba sull’apartheid) e a una conferenza sull’apartheid all’Aia. “Il nostro lavoro è uno dei fattori principali che ha aperto al grande pubblico la narrazione dell’apartheid“, dice, parlando per telefono dall’Aia. “Abbiamo una buona reputazione e credo che questa sia una delle cose che fanno arrabbiare Israele”. Al-Haq collabora con grandi organizzazioni internazionali come Amnesty International. L’organizzazione ha lavorato anche con organizzazioni israeliane come B’Tselem, una collaborazione insolita.

Descrivendo alcune questioni particolari su cui sta lavorando, parla di un tentativo di promuovere la cooperazione tra il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e la Corte Penale Internazionale, in modo che il Consiglio di Sicurezza trasferisca alla Corte Penale Internazionale le informazioni raccolte sugli insediamenti israeliani, sulla scia della Risoluzione 2334 delle Nazioni Unite, che stabilisce che gli insediamenti sono una flagrante violazione del diritto internazionale. “Pensiamo che ci debba essere un canale aperto per lo scambio di informazioni tra le organizzazioni che lavorano su Israele”, ha spiegato.
Lo scorso dicembre, poco dopo la designazione di Al-Haq come organizzazione terroristica da parte di Israele, il rappresentante dell’organizzazione Jabarin ha tenuto un discorso all’evento annuale dei Paesi membri della Convenzione di Roma. Nel discorso, ha affermato che la designazione è di per sé un atto disumano che rientra nella definizione del crimine di apartheid.
Tornato a Ramallah, Jabarin racconta che pochi giorni prima dell’irruzione nell’ufficio, un libero professionista che lavora con l’organizzazione ha ricevuto una risposta in merito alla richiesta di ricongiungimento familiare che aveva presentato due anni prima. La richiesta del lavoratore, sposato con una donna residente a Gerusalemme, è stata respinta. Riferisce di aver saputo che è stata respinta a causa del suo lavoro per Al-Haq. “C’è una mentalità di vendetta. Puniscono persino le famiglie”, dice Jabarin. Si chiede se Israele gli imporrà delle restrizioni la prossima volta che cercherà di viaggiare all’estero. Non sarebbe la prima volta. A Jabarin è stato vietato di lasciare il Paese dal 2006 al 2012.

Una sfida fondamentale che Al-Haq e altre organizzazioni inserite nella lista nera potrebbero dover affrontare in futuro è rappresentata dalle restrizioni imposte da Israele sul trasferimento di fondi a loro favore. Jabarin afferma di aspettarsi che i Paesi donatori li assistano comunque. “Ho detto [agli europei] che devono trovare un modo per proteggerci e sostenerci. Voi, l’UE, avete incoraggiato Israele a fare queste cose perché non avete agito e loro hanno pensato di godere dell’impunità e di poter fare qualsiasi cosa. Penso che sia giunto il momento di imporre sanzioni, lo chiedo a gran voce”. Aggiunge che dopo il raid, molti palestinesi della Cisgiordania li hanno contattati e si sono offerti di donare spazi per uffici e fondi. “Farò il mio lavoro volontariamente. Il lavoro sui diritti umani non è un lavoro, e la chiusura di Al-Haq non fermerà la storia né mi impedirà di continuare. Porterò avanti Al-Haq finché potrò”.

https://www.haaretz.com/middle-east-news/palestinians/2022-08-29/ty-article-magazine/.premium/israel-shut-down-al-haqs-office-the-ngo-returned-that-same-day/00000182-eae0-dcde-a9d6-eeefc92c0000?utm_source=App_Share&utm_medium=iOS_Native

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio