‘Se moriamo, moriamo insieme’: questo è quello che dico per confortare i miei figli a Gaza

Ago 11, 2022 | Notizie

di Manal,

Palestina Cultura Libertà, 8 agosto 2022.

Una ragazza palestinese osserva i danni subiti da una casa in seguito all’”Operazione Breaking Dawn”, a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, l’8 agosto 2022. (Abed Rahim Khatib/Flash90

Israele ha bombardato una torre a pochi metri da casa nostra. I miei figli sono paralizzati dalla paura. Dicono che la guerra sia contro la Jihad islamica, ma sono i civili adessere colpiti.

 Manal 8 agosto 2022

Quanto segue è stato registrato durante una telefonata il 7 agosto 2022, poche ore prima che fosse annunciato un cessate il fuoco tra Israele e la Jihad islamica per fermare le ultime escalation armate. Una versione è stata pubblicata per la prima volta in ebraico su ” We Beyond the Fence ” ed è stata modificata per chiarezza.

Ti sto parlando ora con i miei tre figli qui con me. Ho messo tutti nella stessa stanza della nostra casa, dove dormiremo tutti, in modo che se ci bombardano di notte, saremo insieme. In modo che se moriamo, moriremo insieme. Così lo spiego ai giovani; è così che li conforto, e come loro mi confortano.

Sono molto spaventati. Certo che lo sono. La Palestine Tower, bombardata venerdì da Israele, è a pochi metri da casa nostra. I miei figli letteralmente non riescono a stare in piedi a causa della paura. Il mio primogenito, che ha 10 anni, soffre così tanto che gli si paralizza una gamba. Il mio figlio di mezzo ha sei anni, il più piccolo ha solo quattro mesi.

Tutti quelli che incontro a Gaza vogliono un cessate il fuoco. Lo desiderano. La situazione è davvero difficile. Abbiamo finito. Ogni persona con cui parlo è in una terribile angoscia, desiderando che la guerra finisca.

La strada fuori adesso è terribilmente buia. Non puoi vedere niente. Per due giorni non c’è stata elettricità a Gaza. Tutto è crollato perché l’esercito israeliano impedisce l’ingresso di carburante. Prima della guerra, l’elettricità veniva accesa sei ore al giorno, a volte otto. Ora non c’è proprio niente. Si è accesa per un’ora durante la notte, ma l’abbiamo persa. La batteria del mio telefono si esaurirà in un attimo. Parlerò veloce.

I palestinesi ispezionano i danni dopo un attacco aereo israeliano nel campo profughi di Jabalia, nella Striscia di Gaza, il 6 agosto 2022. (Mohammed Zaanoun/Activestills)

Fa terribilmente caldo oggi senza elettricità per alimentare i ventilatori, ma ho paura di uscire all’aria aperta. E senza elettricità non c’è nemmeno acqua corrente nel lavandino né nel gabinetto di casa. Ho dovuto mettere un secchio in bagno.

La guerra è arrivata così all’improvviso. Nessuno se lo aspettava, nessuno se ne interessava. Avevamo programmato di andare a protestare sabato prima dell’inizio della guerra; abbiamo organizzato una manifestazione indipendente, chiamata “Vogliamo vivere”, in risposta alla situazione economica di Gaza, al blocco israeliano, al fatto che non c’è lavoro per nessuno e alle politiche del governo di Hamas. L’ultima volta che abbiamo protestato in questo modo, la polizia ha arrestato dei giovani coinvolti e ha sparato alle gambe a diverse persone.

Ora non importa. La protesta è stata annullata perché l’esercito israeliano ci ha attaccato; nessuno osa uscire. Le guerre rendono i residenti ancora più deboli di quanto non fossero già. Le persone qui sono stanche, vogliono il cambiamento. Per poter vivere.

Non so come farò adesso a fare la spesa per i miei figli. Dicono che la guerra è contro la Jihad islamica, ma in pratica stanno uccidendo molti civili. Ho paura di andare al supermercato. Proprio ora, ho sentito che hanno bombardato un’auto civile che guidava sulla strada, uccidendo anche bambini. Mi dispiace che quello che sto dicendo sia così frammentario.

Persone in lutto palestinesi fuori da un obitorio a seguito di un attacco aereo israeliano a Gaza, 5 agosto 2022. (Mohammed Zaanoun/Activestills)

Il direttore dell’ospedale mi ha rimproverato di non essere entrato al lavoro. “Non puoi lasciare il reparto qui da solo”, ha detto, “abbiamo bisogno di almeno un lavoratore ogni giorno”. La mia collega non è arrivata perché due giorni fa è stata ferita da una bomba israeliana e anche i suoi figli sono stati leggermente feriti. Sono traumatizzati. Come posso lasciare i miei figli?

C’è una sirena dell’ambulanza fuori proprio adesso. Nessuno vaga per le strade, solo ambulanze. Spero che lascino entrare un po’ di carburante, in modo che ci siano elettricità e acqua e che il blocco su di noi finisca. Questo è ciò a cui sto pensando in questo momento. Che allenteranno il blocco su Gaza. Perché è impossibile vivere così, in prigione. 

Incontro spesso bambini in terapia intensiva i cui genitori non hanno i soldi per un trattamento che costa 10 NIS. Le madri malate di cancro non vengono per le cure perché non hanno nemmeno i soldi per il biglietto dell’autobus. Ci sono pazienti che necessitano di un permesso per recarsi a Gerusalemme per farsi curare, ma Israele rifiuta loro l’ingresso. Come mai? Non c’è mai una ragione. Sono semplicemente negati, e basta. Perché l’esercito ha deciso.

Non c’è lavoro per nessuno a causa del blocco. I giovani cercano di studiare nuove lingue online per ottenere un visto e andare all’estero. Mia nipote sta studiando tedesco. In reparto ci sono alcuni che studiano turco. Ma è ancora impossibile lasciare questo posto. Se aprissero Gaza, tre quarti dei giovani scapperebbero. Anch’io sogno di partire.

I palestinesi ispezionano i danni a seguito di un attacco aereo israeliano nel quartiere di Sheikh Acleyn a Gaza City, 6 agosto 2022. (Mohammed Zaanoun/Activestills)

Cosa vogliono le persone qui? Vivere come il resto delle persone nel mondo. Avere i diritti fondamentali. Senza guerra. Senza occupazione. Senza blocco. Molte persone vogliono che il governo qui cambi e vogliono che ci sia un governo palestinese unico e diverso che ci unisca a Ramallah e che abbiamo uno stato, senza questa divisione. 

Questa guerra ha creato un’altra spaccatura, tra Jihad islamica e Hamas, perché vi ha preso parte solo la prima, non la seconda. Ha creato tensione tra di loro. Hamas non si è unito per proteggere le persone dall’attacco israeliano, perché sapevano che avrebbe intensificato la guerra e l’opinione pubblica a Gaza non vuole un’altra guerra. Le persone sono finite e arrabbiate e i bambini sono ancora traumatizzati dall’anno scorso. Anche i miei figli. La nostra casa è stata bombardata durante la guerra precedente e completamente distrutta.

Desidero un cessate il fuoco. Ascolta, ora puoi sentire i razzi. Hai sentito? Ecco com’è, ovunque.

Ok, devo stare con i bambini. Sono seduto con loro e spero che se moriamo, sarà presto. È impossibile sapere dove bombarderanno.

Manal è uno pseudonimo di uno scrittore palestinese residente a Gaza.

https://palestinaculturaliberta.org/2022/08/08/se-moriamo-moriamo-insieme-questo-e-quello-che-dico-per-confortare-i-miei-figli-a-gaza/?utm_campaign=shareaholic&utm_medium=email_this&utm_source=email

Traduzione a cura di Alessandra Mecozzi

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio