Profughi dell’apartheid: Perché gli israeliani devono parlare del ritorno dei palestinesi.

Mar 24, 2022 | Notizie

Il rapporto bomba di Amnesty e la crisi dei rifugiati in Ucraina sono un’opportunità per gli israeliani di ripensare alla negazione del ritorno dei palestinesi in patria.

Di  Yaara Benger Alaluf  

Pubblicato il 17 Marzo 2022

Articolo originale: https://www.972mag.com/amnesty-apartheid-return-palestinians/

Il dibattito in Israele intorno al recente “rapporto sull’apartheid” di Amnesty, per quanto ce ne fosse uno, consisteva in tre familiari valutazioni del suo contenuto: alcuni lo hanno liquidato come una calunnia antisemita; altri lo hanno scrollato di dosso come una dichiarazione dell’ovvio; e altri si sono chiesti se questo fosse uno sviluppo con concrete ramificazioni legali. Quello che mancava e continua a mancare nel frattempo è una franca discussione sulla nostra responsabilità come ebrei israeliani non solo per il passato, ma per il futuro di questo paese.

Pubblicato all’inizio di febbraio, il rapporto di Amnesty International è sistematico e completo, ma non offre nuove informazioni significative e le sue raccomandazioni sono limitate. Le prove delle violazioni del diritto internazionale da parte di Israele elencate nel rapporto non saranno una sorpresa per nessun israeliano che abbia mai ascoltato i notiziari – figuriamoci per gli attivisti di sinistra. La sua importanza e il suo significato pratico risiedono piuttosto nei suoi due meta-argomenti. Il primo è che la variante israeliana dell’apartheid non è limitata ai territori occupati o a una particolare parte della popolazione palestinese, ma è inerente alla stessa divisione del territorio e della popolazione in unità con diversi status legali.

La seconda meta-argomentazione è che negare ai rifugiati palestinesi il diritto di tornare alla terra e alle case da cui sono stati sfollati nel 1948 è il meccanismo centrale di questo principio politico.

La decisione di fare riferimento ai rifugiati palestinesi in un rapporto sulla responsabilità attuale di Israele e sui passi necessari per un futuro di giustizia, uguaglianza e riconciliazione è una decisione unica, che rompe gli stretti confini del discorso politico ebraico-israeliano. All’interno di questo discorso, il diritto al ritorno viene solitamente affrontato in termini provenienti dalla macchina della propaganda israeliana: da “c’è stata una guerra e l’hanno persa”, all’affermazione che il ritorno dei rifugiati palestinesi è sinonimo della fine dell’esistenza ebraica in Israele. Leggere il “rapporto sull’apartheid” offre l’opportunità di rendersi conto che è vero il contrario: è impedire il ritorno dei rifugiati che costituisce una minaccia esistenziale continua.

1948: Mossa d’apertura

Il rapporto afferma che la politica di apartheid di Israele è stata attuata in modo esplicito e coerente fin dal suo primo giorno. Uno dei suoi argomenti principali è che prima della fondazione dello Stato di Israele nel 1948, le condizioni erano mature per stabilire la superiorità demografica ebraica e per massimizzare il controllo ebraico delle terre e delle risorse naturali. I numeri dietro la guerra del 1948 chiariscono bene questo punto: fino a quell’anno, i palestinesi rappresentavano circa il 70% degli abitanti del paese, detenendo circa il 90% della sua terra, mentre gli ebrei erano meno del 30% della popolazione e possedevano meno del 7% della terra. Due passi intrapresi dal nascente stato gli permisero di ribaltare completamente la situazione: la decisione presa nel 1948 di impedire il ritorno dei rifugiati e la legge sulla proprietà degli assenti del 1950.

Nel maggio 1948, mentre la guerra infuriava, fu istituito un comitato speciale per esaminare come trasformare la fuga dei palestinesi “in un fatto compiuto.”

Il comitato raccomandò alla leadership israeliana di distruggere i locali palestinesi, impedire la coltivazione della terra, insediare gli ebrei nei villaggi spopolati, approvare leggi per congelare la situazione attuale e investire nella propaganda. Le raccomandazioni furono attuate religiosamente: già in una riunione di gabinetto del 16 Giugno, fu annunciato che Israele non avrebbe permesso a nessun rifugiato di ritornare; unità militari furono inviate a far saltare in aria i villaggi o ad incendiarli (601 villaggi furono distrutti, la maggior parte dei quali entro la prima metà del 1949); nuovi immigrati ebrei furono alloggiati in case palestinesi spopolate (350 dei 370 nuovi insediamenti ebraici creati nel 1948-1953 erano situati in terre di rifugiati); e i palestinesi che cercavano di tornare per recuperare alcune delle loro proprietà, per procurarsi del cibo o per riunirsi alle famiglie rimaste, furono sommariamente uccisi. 

La prevenzione del ritorno non è finita con l’armistizio del 1949. Continua ancora oggi, in violazione del diritto internazionale, senza alcuna giustificazione legata alla difesa, e spesso anche senza giustificazione demografica.

Inoltre, la legge sulla proprietà degli assenti autorizzava lo stato a trattenere le proprietà appartenenti a chiunque fosse assente durante il primo censimento del paese nel novembre 1948, che fosse presente o meno nei confini dello stato. Questo permise a Israele di espropriare la maggior parte delle terre coltivabili del paese, decine di migliaia di unità abitative ed edifici commerciali, veicoli e attrezzature agricole e industriali, conti bancari, mobili e tappeti, circa un milione di animali da fattoria, e così via.

Anche se la legge doveva essere temporanea, e anche se al Custode della Proprietà Absente è stato impedito di rivendere i beni espropriati, ulteriori leggi e regolamenti sono stati approvati nel corso degli anni per consentire a Israele di sequestrare terreni privati palestinesi su entrambi i lati della Linea Verde e designarli per uso militare, per l’uso dei coloni ebrei, o per parchi e strutture destinati, in quasi tutti i casi, al beneficio e al benessere dei cittadini ebrei di Israele.

Approfondire il controllo, sopprimere la resistenza:

Il vantaggio spaziale e demografico per la popolazione ebraica è stato approfondito e mantenuto da allora dividendo i palestinesi in unità di status giuridico distinto: i rifugiati nei paesi non arabi, i rifugiati nei paesi arabi, i palestinesi che sono rimasti all’interno dello Stato d’Israele, compresi gli sfollati interni, i residenti di Gerusalemme Est, gli abitanti dei villaggi beduini “non riconosciuti” nel Naqab/Negev, e gli abitanti della Cisgiordania occupata e della striscia di Gaza assediata. Come nota Amnesty:

L’esistenza stessa di questi regimi giuridici separati […] è uno dei principali strumenti attraverso i quali Israele frammenta i palestinesi e impone il suo sistema di oppressione e dominazione, e serve, come nota la Commissione economica e sociale delle Nazioni Unite per l’Asia occidentale (ESCWA), “[…] a sopprimere qualsiasi forma di dissenso sostenuto contro il sistema che hanno creato.

Il rapporto enumera i tipi di oppressione esercitati sotto ogni regime legale, come gli arresti di massa, la tortura, l’accaparramento delle terre, i massacri, le restrizioni di movimento, la negazione dell’accesso alle risorse, lo sconvolgimento della vita familiare, e così via. Questo è stato fatto prima. Ma la massima importanza è l’avvertimento del rapporto che l’opposizione alle caratteristiche specifiche dell’oppressione, senza riferimento al fatto stesso della frammentazione, serve di per sé lo stesso sistema oppressivo. Per esempio, concentrarsi solo sui crimini israeliani nei territori occupati copre le ulteriori violazioni del diritto internazionale riguardanti i rifugiati, mentre allo stesso tempo copre la discriminazione dei palestinesi rimasti dietro la Linea Verde e a Gerusalemme Est, o al massimo li travisa come parte del discorso sui diritti delle minoranze in una società liberale.

Gli autori del rapporto sostengono che il quadro concettuale dell’apartheid permette una comprensione coerente della metalogia delle varie forme di oppressione: l’intento di mantenere un sistema di controllo, stabilendo e preservando l’egemonia ebraica. Questo è precisamente il significato di ciò che i palestinesi hanno a lungo definito la “Nakba in corso”. Inoltre, apartheid è anche un termine radicato nel diritto internazionale, che comporta quindi sanzioni convenzionali. Il riferimento all’obiettivo del controllo, piuttosto che ai soli mezzi, chiarisce anche che il problema non è – e non è mai stato – riducibile a un “gruppo di estremisti”. La responsabilità del problema è di tutti gli istituti statali e quasi statali, dell’Organizzazione Mondiale Sionista, di tutti i governi statali indipendentemente dall’affiliazione al partito, del ramo giudiziario, del Custode della Proprietà Assente, del Fondo Nazionale Ebraico.

La chiave del problema:

Impedire il ritorno dei rifugiati, dal 1948 al 1967 e fino ad oggi, è presentato nel rapporto come uno dei principali meccanismi della versione israeliana dell’apartheid. Il diritto al ritorno è menzionato nel rapporto più di 50 volte, guidando la sua analisi legale, storica e spaziale.

In termini legali, un’implicazione della negazione del ritorno è che il controllo israeliano non è limitato ai confini di Israele, ma è diretto anche ai palestinesi che sono stati sradicati nel corso degli anni, dato che la loro assenza è essenziale per mantenere una maggioranza ebraica. Non meno importante è l’implicazione che l’apartheid prevarrà necessariamente finché ai rifugiati sarà impedito di tornare.

Storicamente, l’espulsione e la prevenzione del ritorno rappresentano la logica esplicita delle mosse di Israele, anche dopo il 1948. Nell’immediato dopoguerra, Israele ha imposto un governo militare all’85% dei palestinesi rimasti nel suo territorio, nonostante il loro status formale di cittadinanza. Per non meno di 18 anni, Israele ha negato loro i diritti fondamentali come il diritto alla proprietà, la libertà di parola e la libertà di movimento, mentre confiscava le loro terre e altre proprietà e stabiliva un intricato sistema di monitoraggio e supervisione che limitava la loro capacità di organizzarsi politicamente e modellare il loro destino. Sulla base di documenti ufficiali, il rapporto afferma che il governo militare fu annullato nel 1966 solo quando ci fu sufficiente certezza che i rifugiati non erano più in grado di tornare, soprattutto dopo che quasi tutti i villaggi palestinesi furono distrutti e rimboschiti.

Anche se l’occupazione della Cisgiordania iniziò l’anno successivo, la reimposizione del dominio militare dall’altra parte della linea verde non può essere compresa separatamente dalla politica di spopolamento di Israele. Nel corso della guerra del 1967, più di 350.000 palestinesi furono sradicati, la metà dei quali rifugiati dalla guerra del 1948. Alcuni furono costretti a salire su convogli diretti in Giordania, tra cui le migliaia di abitanti dei villaggi di Imwas, Yalu e Beit Nuba. Altri furono costretti a fuggire in vari modi, come bombardamenti e demolizioni massicce, come nel campo profughi di Iqbat Jaber a sud di Gerico, che era il più grande campo del Medio Oriente, finché il 90% dei suoi abitanti fu deportato in Giordania. Ai rifugiati del 1967 sono anche negati i diritti garantiti dal diritto internazionale.

Un’opportunità per la società ebraica:

Questi sono tutti argomenti avanzati dalla società palestinese per oltre sette decenni, ed è un passo positivo che la comunità internazionale abbia iniziato a dar loro credito, sia in linea di principio che attraverso la ricerca e la diffusione di informazioni.

Ma che dire della società ebraica in Israele? Il rapporto di Amnesty International rappresenta un’altra opportunità per questa società, o almeno per coloro che credono nell’umanesimo e nell’uguaglianza, di riconoscere la centralità del rifugio palestinese nella storia dell’esistenza sionista in Israele. Farlo, tuttavia, significherebbe dover rinunciare a diversi miti persistenti:

“È stata una conseguenza non voluta”. In effetti, fin dai suoi inizi, l’insediamento sionista in Israele ha cercato di ottenere il maggior numero di territori a esclusivo beneficio degli ebrei. Anche se non tutti i pensatori e i decisori sionisti erano d’accordo con questa interpretazione del sionismo, questa era l’ideologia che fu effettivamente implementata. Ci sono prove che ben 57 villaggi palestinesi furono sradicati prima del 1948, così come spiegazioni che minano la pretesa che la terra da cui furono rimossi sia stata acquistata con mezzi legali.

“Hanno iniziato loro”. Il 1948 non è il punto di partenza ma lo zenit di un processo di spopolamento sistematico. Anche la narrazione che suggerisce che la leadership sionista accettò il piano di spartizione dell’ONU del 1947, che migliaia di ebrei ballarono nelle strade di Tel Aviv e che gli arabi iniziarono la guerra è propaganda mendace. Le fonti storiche mostrano che la leadership sionista non aveva assolutamente intenzione di accontentarsi del territorio designato allo stato ebraico secondo i vari piani di spartizione. Sia il primo ministro israeliano David Ben Gurion che altri leader sionisti hanno dichiarato senza mezzi termini che accettare il piano è una mossa diplomatica progettata per accelerare l’evacuazione britannica e facilitare l’acquisizione di quanto più territorio possibile.

Anche l’equilibrio di potere sul terreno non riflette una situazione di difesa ebraica contro un’offensiva araba, come la narrazione “pochi contro molti” o “Davide contro Golia” ha fatto fatica a dimostrare. Alla fine del 1947, la comunità ebraica in Palestina aveva una forza militare organizzata di circa 40.000 combattenti, di fronte a soli 10.000 combattenti palestinesi per lo più non addestrati e mal organizzati e volontari provenienti da paesi arabi, la maggior parte dei quali senza esperienza militare. Anche nel maggio 1948, quando la guerra si estese agli eserciti arabi, Israele aveva il duplice vantaggio di maggiori risorse e armi di migliore qualità.

“Cosa si può fare? La guerra è una cosa terribile”

 Se non altro per la sua portata, la deportazione e l’espropriazione dei palestinesi non può essere liquidata come una parte necessaria dei combattimenti. Circa 750.000 donne e uomini sono diventati rifugiati in questa guerra, e le loro proprietà sono state sequestrate. Circa la metà furono costretti a fuggire o furono espulsi prima che gli eserciti arabi si unissero alla guerra. Dal punto di vista legale, anche la distinzione tra “fuga” e “deportazione” è fasulla: i civili tendono a fuggire dalle guerre e da altri disastri, cercando un rifugio temporaneo con l’intenzione di tornare a casa dopo che l’incendio si è placato, e il diritto internazionale garantisce loro questo diritto. Questi casi si sono effettivamente verificati durante la guerra del 1948, accanto a casi documentati di sradicamento forzato.

In entrambi i casi, l’impedimento del ritorno è imperdonabile e non ha nulla a che vedere con la questione della responsabilità dello scoppio della guerra.

“Le cose stanno così”. Il rifugiato palestinese è spesso associato ad altri casi storici di pulizia etnica che servono a giustificarlo. Nessuna deportazione è mai giustificata, e i crimini degli altri non giustificheranno mai i propri. Anche gli ebrei sono stati sradicati e deportati con grande crudeltà, e questa è una delle ragioni per cui il mondo ha riconosciuto il loro diritto a uno stato sovrano. In molti casi (compresi gli attuali eredi della Spagna medievale e della Germania nazista), i discendenti dei criminali si sono scusati dopo il fatto, hanno pagato risarcimenti, eretto monumenti, sviluppato programmi di studio, e permesso alle vittime di seconda e terza generazione di ottenere la cittadinanza e recuperare le proprietà. Nessuno di questi passi è stato compiuto nel contesto palestinese, e inoltre l’oppressione continua senza sosta.

“Che il passato sia passato”. La convinzione che il risultato della guerra del 1948 possa essere separato da tutto ciò che è successo prima e dopo, e che Israele possa semplicemente “andare avanti”, si basa su una supremazia ebraico-sionista che non ha alcuna giustificazione politica, legale o morale. Mentre il vantaggio demografico ebraico era assicurato dal 1948, la politica di pulizia etnica di Israele non si è limitata al tempo di guerra. In secondo luogo, un tale approccio cancella completamente i palestinesi: la catastrofe è lungi dall’essere finita per i palestinesi a cui è negato persino il diritto di visitare le rovine del loro villaggio, per le famiglie divise che non possono gioire o piangere insieme, per un abitante di Jaffa la cui sorella è assediata a Gaza o per un Hebronita a cui è impedito di sposare la sua fidanzata di Haifa.

È arrivato il momento di parlare del ritorno:

Ciò che il rapporto di Amnesty International afferma, come hanno sempre fatto i palestinesi, è che qualsiasi soluzione che mantenga il sistema dei diritti divisi e non protegga le libertà dell’intero popolo palestinese – nella diaspora, in Israele, in Cisgiordania, a Gerusalemme Est e a Gaza – non offrirà una soluzione sostenibile per l’ingiustizia in corso. “Smantellare questo crudele sistema di apartheid è essenziale per i milioni di palestinesi che continuano a vivere in Israele e nei territori occupati, così come per il ritorno dei rifugiati palestinesi […] in modo che possano godere dei loro diritti umani liberi dalla discriminazione.”

Lo smantellamento del regime di supremazia ebraica è essenziale anche per milioni di ebrei dentro e fuori Israele – non perché lo dice Amnesty, ma perché farlo porterà a un futuro migliore per tutti noi.

La storia dimostra che le società fondate su un’ideologia suprematista ed esclusivista sono necessariamente razziste e militariste; questa è infatti la direzione in cui si sta dirigendo la società israeliana. Riconoscere i diritti dei rifugiati come fondati nel diritto internazionale è un prerequisito per porre fine al regime di supremazia ebraica, e quindi per la riconciliazione, la democrazia e l’uguaglianza. Tale riconoscimento permetterà di stabilire una politica d’immigrazione equa che beneficerà la società, la cultura e l’economia, e anche di promuovere la giustizia distributiva all’interno della società ebraica in Israele.

Realizzare il diritto al ritorno richiede agli ebrei di rinunciare ai loro privilegi; questo è vero. Ma qual è il costo del mantenimento di uno “stato ebraico”? Finora, nonostante abbia giustificato la sua legittimità attraverso promesse di pluralismo e appelli a diritti universali come il diritto all’autodeterminazione, questo stato ha aderito a un’interpretazione stretta e rigida della legge ebraica, creando disuguaglianze ed esclusioni che contraddicono qualsiasi nozione di liberalismo o universalismo (esemplificato più chiaramente nel diritto matrimoniale e nella politica di immigrazione). La definizione ebraica dello stato di Israele danneggia in primo luogo i non-ebrei, ma esige un pedaggio considerevole anche da molti ebrei – specialmente neri, LGBTQ, e donne che non possono ottenere il divorzio.

Danneggia la vita ebraica stessa, imbrigliandola sia al progetto sionista che alla legge ortodossa ashkenazita, impedendo così lo sviluppo indipendente e spontaneo della tradizione come è avvenuto e avviene tuttora nella diaspora. In contrasto con la vita delle istituzioni comunitarie, gli ebrei in Israele sono costretti a finanziare e a sottostare al monopolio del Rabbinato sui servizi religiosi.

Inoltre, la costante paura della “minaccia demografica” continua a giustificare l’assegnazione di risorse alle esigenze militari e agli insediamenti illegali nei territori occupati, piuttosto che alla salute pubblica, all’alloggio e all’istruzione. La necessità di giustificare la costante ansia e difensività istruisce, a sua volta, un sistema educativo profondamente razzista e militarista. “Il futuro promesso da questo percorso non è il futuro che voglio. Non c’è niente di coraggioso nel cercare la sicurezza totale per la paura costante di una presunta minaccia esistenziale. Possiamo e dobbiamo liberarci dal concetto che la liberazione ebraica debba avvenire a spese degli altri. Dobbiamo cominciare ad assumerci la responsabilità del nostro futuro”.

Chi si impegna per la giustizia e l’uguaglianza, chi si oppone al razzismo, chi semplicemente non vuole prendere parte a un crimine contro l’umanità, e chi semplicemente vuole che le cose siano migliori qui deve osare, pensare e parlare seriamente del ritorno. Un buon primo passo sarebbe quello di ascoltare i rifugiati stessi e le organizzazioni della società civile palestinese, e scoprire che il ritorno non equivale a deportare gli ebrei da questo paese. Al-Awda, The Palestine Right to Return Coalition, che è la più ampia associazione globale democratica e apartitica che sostiene l’attuazione del diritto al ritorno, nota chiaramente che “i rifugiati palestinesi accettano ampiamente che l’esercizio del loro diritto al ritorno non sarebbe basato sullo sfratto dei cittadini ebrei ma sui principi di uguaglianza e diritti umani.” Allo stesso modo, BADIL Resource Center for Palestinian Residency and Refugee Rights, spiega:

Quello che è successo nel 1948 è storia. Non si può tornare indietro. Il diritto al ritorno, tuttavia, non riguarda il tornare indietro nel tempo. Il ritorno riguarda molto di più: il futuro. Si tratta davvero di cominciare a vivere, di rispondere al profondo senso di appartenenza alla terra da cui i rifugiati sono stati strappati decenni fa, e di costruire relazioni tra palestinesi ed ebrei che siano basate sulla giustizia e l’uguaglianza.

Questa posizione cambierà una volta che l’equilibrio di potere si sarà spostato? Può darsi. Alcuni definiscono l’omofobia come “la paura che i gay ti trattino come tu tratti le donne”.

La fobia del ritorno sarebbe la paura che i rifugiati palestinesi ti trattino come il sionismo ha trattato loro. Io scelgo di non vivere nella paura, ma piuttosto di avere fiducia nelle persone che credono nei diritti umani e nell’uguaglianza. Scelgo di avere fiducia nei rifugiati, come Isma’il Abu Hashash, sradicato dall’Iraq al-Manshiyah che risiede oggi in Cisgiordania, che dice:

Non dobbiamo ripetere gli errori degli israeliani e condizionare la nostra esistenza nella nostra terra alla non esistenza delle persone che ora vi abitano. Gli israeliani, o gli ebrei, pensavano di poter vivere in Palestina solo se gli altri non possono. Non è quello che crediamo noi. Noi vediamo il diritto al ritorno come una richiesta di un diritto individuale e collettivo alla terra da cui siamo stati espulsi. Non vogliamo dire loro di andarsene, né vogliamo dividere il loro paese.

Potete anche sentire dagli ebrei che sostengono il ritorno perché credono che sarebbe un beneficio anche per gli ebrei di questo paese. Scoprirete che per quanto la questione del ritorno sia molto controversa ed emotiva nella società israeliana, molto è stato scritto su di essa negli ultimi anni. Poi possiamo passare a discussioni più pragmatiche. 

Salman Abu Sitta è un geografo palestinese in esilio che ha dedicato la sua vita ad analizzare gli aspetti pratici del ritorno. I suoi studi indicano, tra l’altro, che la grande maggioranza delle terre in cui i rifugiati cercano di tornare è attualmente disabitata. 

Il Documento di Città del Capo, una visione del ritorno formulata congiuntamente da Zochrot, un’organizzazione israeliana che promuove il diritto al ritorno, e Badil, un’organizzazione palestinese per i diritti dei rifugiati, offre uno schema legale per la realizzazione del ritorno. Ci sono anche molte informazioni sui rifugiati che tornano nei loro paesi d’origine in tutto il mondo e sulle sfide e le opportunità poste dal ritorno volontario, ad esempio nel numero di ottobre 2019 di Forced Migration Review.

Se c’è una cosa che gli ebrei israeliani possono imparare dal rapporto di Amnesty, è che il tentativo di scollegare gli eventi del 1948 dall’esistenza palestinese nel 2022 è artificiale e cinico, e che la richiesta di riconoscerlo non è una richiesta di empatia ma una richiesta di riparazione. Perché la Nakba è uno sforzo deliberato e continuo per cancellare il popolo palestinese da questa terra, in nostro nome e con la nostra partecipazione. 

È importante opporsi alle demolizioni di case e accompagnare i pastori palestinesi nella Valle del Giordano. 

È importante chiedere acqua ed elettricità per i soggetti dell’occupazione, monitorare la costruzione degli insediamenti in Cisgiordania e parlare di pace. 

Tuttavia, realizzare il diritto al ritorno dei rifugiati è l’unica mossa che riconosce onestamente l’ingiustizia fondamentale che ha creato le relazioni di oppressione tra ebrei e palestinesi, che continuano ancora oggi. È l’unica mossa che risponde ai veri desideri delle vittime, e che ha un vero aspetto di giustizia e di guarigione. È spaventoso, ma anche eccitante. 

È complicato, e ci vorrà del tempo. Questo è esattamente il motivo per cui dovremmo iniziare a prenderlo sul serio.

Traduzione a cura di Assopace Palestina

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio