Dove le strade non hanno un nome arabo, un gruppo di donne ci ricorda la storia palestinese

Gen 20, 2022 | Notizie

di Ester Zandberg,

Haaretz, 20 gennaio 2022. 

Dietro il progetto Shawari’a Yafa (“Strade di Jaffa”), c’è un mix di residenti arabi ed ebrei, che cercano di ricordare i nomi delle strade arabe che sono stati ebraizzati, affiggendo segnali stradali aggiuntivi. Un’impresa della massima importanza

Un nuovo cartello pianificato con lo storico nome arabo di una strada a Jaffa, accanto all’attuale insegna stradale con il nome di un generale dell’esercito israeliano. Credito: Nawal Arafat

“A una montagna non importa quale sia il suo nome”, affermò uno dei principali relatori in un seminario tenuto all’Università di Tel Aviv dieci anni fa, sul tema dei significati palesi e nascosti nella denominazione dei luoghi pubblici. Mentre le lezioni si concentravano su cose come “la cancellazione dei nomi dei luoghi arabi in Israele come mezzo di controllo e copertura del passato”, era abbastanza ovvio che, a differenza della montagna, gli esseri umani si preoccupano di queste cose e che questo processo di denominazione è un’estensione della politica usando altri modi.

Oppure, come disse Ben-Gurion al momento della fondazione dello stato: “Dobbiamo rimuovere i nomi arabi per ragioni politiche. Così come non riconosciamo la proprietà politica degli arabi sulla terra, non riconosciamo la loro proprietà spirituale e i loro nomi” (citato nel libro di Noga Kadman “Erased from Space and Consciousness: Israel and the Depopulated Arab Villages of 1948”). Anche se non molto è cambiato riguardo a questo doloroso argomento dai tempi di Ben-Gurion, negli ultimi anni la consapevolezza di questo tipo di distorsione dei nomi sta iniziando a crescere, facendo sperare in un possibile cambiamento.

Il luogo più attivo per quanto riguarda i nomi, o forse quello che riceve più attenzione da parte dei media, è Jaffa. I nomi delle strade ebraizzati e convertiti in questa città mista arabo-ebraica sono diventati un triste scherzo molto tempo fa. Può essere difficile da credere, ma molte strade che portano nomi ebraici originariamente avevano nomi arabi. Ad esempio, Resh Galuta Street era originariamente Al-Kutub Street. She’erit Yisra’el Street era Abu Ubeyda Street e Olei Zion Street era Al-Salahi Street. E questa è solo la punta dell’iceberg.

Illustrazione di un piano per dipingere il nome originale della strada araba accanto a un attraversamento pedonale a Jaffa. Credito: Nawal Arafat

Una risposta militante a questo sarebbe tornare indietro nel tempo e ripristinare i nomi originali, a tutti i costi. Ma un approccio più costruttivo, ottimista e lungimirante viene adottato da un gruppo di donne che vivono a Jaffa e che hanno appena lanciato il progetto Shawari’a Yafa (Strade di Jaffa) che mira a dare ai nomi delle strade storiche una presenza nello spazio pubblico. Il gruppo cerca di collegare le varie comunità della città, in particolare ebrei e arabi. La decisione di “arruolare” le strade nel progetto “è nata in parte da un senso di mancanza di connessione personale, anche per gli ebrei, con gli attuali nomi delle strade”, scrivono. L’obiettivo non è un’ulteriore cancellazione o abrasione dei nomi attuali, ma la creazione di una presenza condivisa.

La forza motrice dietro questo attivismo politico-urbano è Rachel Hagigi, artista, cuoca e attivista sociale. È stata raggiunta dal regista e produttore cinematografico Shani Egozin e dall’artista e designer Nawal Arafat, insegnante allo Shenkar College of Engineering Design and Art. Hagigi afferma che l’idea originale del gruppo era quella di posizionare segnali aggiuntivi accanto agli attuali segnali stradali con i nomi storici delle strade che sono stati cancellati. Ma sarebbe stata un’azione illegale se non fosse stato concesso un permesso dalla città. “Conosco il tipo di pensiero che c’è da quelle parti”, dice Hagigi, “Huldai (il sindaco di Tel Aviv-Jaffa) sarebbe stato d’accordo solo se si fosse trattato di un festival temporaneo o qualcosa del genere. Non è un caso che il comitato del comune che sceglie i nomi non abbia un solo membro arabo». Così, hanno deciso di creare dei cartelli a forma di piccoli striscioni appuntiti e cercare di convincere i proprietari di case ad appenderli ai balconi e alle finestre che danno sulla strada. In questo momento, gran parte dello sforzo deve essere destinato alla raccolta di fondi, poiché il progetto richiede una notevole somma di denaro. Il gruppo prevede di raccogliere fondi attraverso donazioni e vendendo stampe, capi di abbigliamento e cartelli a persone interessate ad appenderli.

Illustrazione di un cartello con il nome arabo originale a Jaffa. “È anche un modo per aumentare la conoscenza e l’apprezzamento della lingua araba.” Credito: Nawal Arafat

Un’altra dimensione per Jaffa

Anche se sono convinto che questo attivismo sui nomi possa fomentare il cambiamento, creare aperture e favorire la fiducia, ho voluto chiedere agli attivisti cosa secondo loro verrà fuori da tutto questo. “Partecipo perché desidero documentare il progetto e quindi aggiungere un’altra dimensione a Jaffa, una dimensione che è già di per sé un risultato”, afferma Egozin, osservando che altri attivisti locali si sono uniti allo sforzo e che si sono tenuti incontri e discussioni con i giovani di Jaffa, con storici e architetti della conservazione, e con i registi di Jaffa che seguiranno il modo in cui la comunità partecipa al progetto. “Speriamo che abbia un buon effetto”.

Arafat vorrebbe credere che “il progetto metterà l’intera questione all’ordine del giorno e farà parlare la gente e imparare qualcosa sulla storia del luogo. C’è tutta una storia. È una narrazione molto importante da imparare, per capire cosa è successo qui”. Arafat è consapevole del fatto che molte persone a Jaffa non sanno cosa c’era prima “perché non lo imparano a scuola. Arabi o ebrei. Sono molto soddisfatto del progetto e credo che la partecipazione all’attivismo e i cartelli arabi aiuteranno i residenti arabi a sentirsi sempre più parte di questo luogo. È anche un modo per aumentare la consapevolezza e l’apprezzamento della lingua araba”.

Hagigi dice di avere “la sensazione reale che questo progetto possa cambiare le cose. Le persone devono volere che il cambiamento avvenga. Convincerli è un duro lavoro e io sono pronta a farlo”. Dopo essersi diplomata alla Scuola per la Pace di Neve Shalom, Hagigi ha iniziato a studiare l’arabo alcuni anni fa. “Sono un’attivista ‘giovane'”, dice. “Ho iniziato non molto tempo fa. Ho recuperato molti anni di ignoranza e ora sono davvero immersa nell’attivismo. All’inizio, il senso di colpa era la cosa principale che provavo. Mi ha spezzato il cuore e ho sentito di essere nata dalla parte sbagliata. E anche se il senso di colpa mi ha portato cose buone, non potevo sopportarlo, ho dovuto sostituirlo con l’azione”.

Il progetto del nome delle strade, la cui importanza e le cui buone intenzioni non possono essere sottovalutate, viene realizzato con la collaborazione e il sostegno di Zochrot, la Scuola per la Pace (SFP) di Neve Shalom-Wahat al-Salam (NSWAS), Hand in Hand, e la Lega per gli arabi di Giaffa. Il lessico di decine di nomi di strade si basa su ricerche storiche, mappe e libri. Storici, architetti e attivisti politici arabi ed ebrei stanno tutti dando una mano alla missione. Giaffa sta aspettando.

https://www.haaretz.com/israel-news/.premium.MAGAZINE-where-the-streets-have-no-arabic-names-a-group-of-women-remind-us-of-history-1.10550382?utm_source=App_Share&utm_medium=iOS_Native

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio