Perché combattere l’islamofobia è così importante per questa deputata ebrea statunitense?

Dic 17, 2021 | Riflessioni

di Ben Samuels,

Haaretz, 15 dicembre 2021. 

La deputata dell’Illinois Jan Schakowsky dice che bisogna creare un diplomatico per l’islamofobia e che gli ebrei americani stanno abbracciando sempre più la giustizia sociale per quanto riguarda l’arena israelo-palestinese

La parlamentare Jan Schakowsky, (Democratica, Illinois), parla al Campidoglio di Washington due anni fa. House Television/AP

WASHINGTON – La Camera dei Rappresentanti ha approvato martedì una legge che richiede al Dipartimento di Stato di creare un diplomatico per l’islamofobia, in modo speculare con gli sforzi dell’agenzia che combatte l’antisemitismo.

Il disegno di legge è nato da un’idea di due legislatori: la deputata Ilhan Omar, uno dei tre membri musulmani della Camera frequentemente oggetto di discorsi di odio e minacce di morte; e la deputata Jan Schakowsky, una donna bianca ebrea di 77 anni dei sobborghi di Chicago.

“Abbiamo visto in tanti modi –nella mia comunità e nel Congresso degli Stati Uniti– ciò che sappiamo sta accadendo in tutto il mondo, cioè un aumento degli episodi di drammatica islamofobia”, afferma Schakowsky. “Non solo persone che si offendono l’una con l’altra, ma vediamo anche tutte le tappe intermedie del percorso che porta alla violenza”.

Schakowsky ricorda di aver visto in prima persona tale odio nella sua comunità dell’Illinois durante i suoi primi anni in carica, dopo l’11 settembre.

“La narrazione corrente è che il paese si è unificato, ma persone della mia comunità, molte delle quali musulmane, sono state oggetto di violenza. Un tassista è stato picchiato quasi a morte, le mamme non volevano coprirsi la testa per mandare i figli alla scuola islamica. Anche allora è venuta fuori molta islamofobia”.

Tali atteggiamenti anti-musulmani non si sono dissipati durante i due decenni di Schakowsky al Congresso. Racconta di una pachistano-americana che era stata sua dipendente per molti anni.

La deputata Ilhan Omar (Democratica, Minnesota) parla durante una conferenza stampa sull’islamofobia a Capitol Hill il mese scorso. Drew Angerer – AFP

“La sua famiglia era andata a festeggiare in un ristorante nel mio distretto, che è molto vario, per celebrare il compleanno della nonna”, dice Schakowsky. “Era vestita in modo tradizionale e una donna si è alzata e ha urlato ‘Vattene da qui, non appartieni a questo posto. Torna da dove sei venuta!’ La famiglia si è fatta impacchettare il cibo e se n’è andata, e naturalmente la nonna e altri erano in lacrime.”

Come dice Schakowsky, “Solo negli Stati Uniti, abbiamo visto oltre 500 denunce documentate per espressioni di odio e pregiudizi anti-musulmani. Queste sono cose di casa nostra, ma sta accadendo lo stesso in tutto il mondo. Il Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite ha descritto l’odio verso i musulmani come un fenomeno di proporzioni epidemiche in questo momento. Questo sta accadendo ovunque”.

Alleanza intercomunale

Schakowsky ha parlato con Haaretz dopo che martedì c’era stato un voto procedurale sul disegno di legge che istituisce un diplomatico speciale per l’islamofobia e che ora sta arrivando al Senato. Ha fatto una previsione corretta: ha detto che nessun repubblicano avrebbe votato per il disegno di legge, visto che qualche giorno prima nessun repubblicano nel Comitato per gli Affari Esteri della Camera lo aveva sostenuto.

L’opposizione repubblicana ha espresso la preoccupazione che la nuova legge ostacolerebbe la lotta contro l’antisemitismo o sarebbe usata per armare le critiche a Israele, e ha inoltre attaccato Ilhan Omar con la teoria della cospirazione.

“Per me, ciò prova che c’è islamofobia tra i circoli dei repubblicani al Congresso in questo momento. Credimi, alcuni di quegli individui sono anche colpevoli di aver detto cose molto antisemite”, dice Schakowsky.

“Questo tipo di attacchi all’Altro che si verificano troppo spesso negli Stati Uniti è piuttosto devastante per la nostra democrazia e per i valori storici del nostro paese. Andare avanti con la creazione di un diplomatico per l’islamofobia è uno sforzo per farci avanzare nella direzione dei valori che dovremmo abbracciare”.

Mentre Schakowsky è stata all’avanguardia nello spingere per la creazione di un tale osservatore, molti altri democratici ebrei le hanno dato il loro sostegno, collegando questa azione alla lotta contro l’odio antiebraico. E lei dice che questo è coerente con le comunità per cui lavora.

“Capiscono che l’antisemitismo e l’islamofobia sono davvero un tutt’uno. Anche individui della comunità asiatica e afroamericana vengono presi di mira”, afferma Schakowsky. “Stiamo assistendo a una tale divisione che minaccia davvero tutti noi; vediamo diversi tipi di queste attività e l’aumento, non solo nei loro numeri, ma anche nel grado di odio, violenza e minacce che ne derivano”.

La rappresentante democratica Jan Schakowsky chiede un accesso equo ai vaccini anti-COVID-19, Washington, lo scorso luglio. Joy Asico/AP

Schakowsky, che è nativa di Evanston, Illinois, cita la sua sinagoga locale, Beth Emet, e la sua leader, la rabbina Andrea London, come esempi di come la comunità ebraica può essere un alleato.

“Lei ed io siamo state entrambe al centro islamico del mio distretto in diverse occasioni, sostenendolo quando ci sono stati attacchi alle comunità di tutto il mondo”, dice Schakowsky. “Questo fa parte dell’ambiente in cui viviamo ora. Dobbiamo prender posizione e la comunità ebraica deve partecipare ed esser presente in questi momenti cruciali”.

La convinzione di Schakowsky che la comunità ebraico-americana tradizionale stia sempre più abbracciando la giustizia sociale si estende anche al conflitto israelo-palestinese.

Durante i suoi due decenni al Congresso, Schakowsky è stata in prima linea tra i Democratici ebrei nel criticare pubblicamente la politica israeliana. Dice che la principale comunità ebraico-americana ha subìto un’inversione di tendenza, o quasi.

“Soprattutto per la generazione più giovane, essere pro-Israele in questi giorni significa sia essere pro-Israele che sostenere la giustizia anche per i palestinesi. Questo è un grande cambiamento. L’idea stessa di combattere l’islamofobia è davvero parte di ciò: i giovani pensano che la comunità ebraica e la comunità filo-israeliana debbano riflettere sui vari tipi di discriminazione che ci circondano”, afferma Schakowsky.

“Ciò non significa che Israele non dovrebbe essere in grado di difendersi quando si tratta di attacchi, ma, in generale, il fanatismo e la discriminazione non fanno parte dell’agenda ebraica, per come la vedo io”.

Vedere la realtà sul terreno

Schakowsky è profondamente consapevole del divario generazionale. “Sono cresciuta con il film ‘Exodus’ e in un’epoca in cui si trattava di sopravvissuti all’Olocausto a Skokie [sobborgo di Chicago]; ora quel gruppo sta diventando sempre più piccolo. Per le generazioni più giovani, non c’è modo di identificarsi veramente con Israele a livello viscerale e di sentire il tipo di connessione con Israele che avevo io”, dice.

“Ricordo mia nonna al telefono che mi diceva che lo Stato di Israele era stato fondato. Nessuno dei miei genitori è nato negli Stati Uniti; sono venuti ancora bambini all’inizio del secolo scorso, dovendo sostanzialmente fuggire dalla Russia. È un’esperienza completamente diversa che ti entra nel DNA”, aggiunge Schakowsky.

“La nuova generazione dice: “Israele è la patria del popolo ebraico come altri popoli hanno la loro patria, ma non possiamo adottare e sostenere pratiche discriminatorie”. Ora, per gli ebrei più giovani, il quadro è diverso. Vediamo un aumento dell’antisemitismo in tutto il mondo, e non c’è dubbio che ci debba essere una patria ebraica. Ma se questa vuole essere democratica ed ebraica, allora deve esserci un posto anche per i palestinesi».

La retorica di Schakowsky è stata sostenuta dall’azione; più di recente ha co-sponsorizzato il Two-State Solution Act, forse l’atto legislativo più completo per dettagliare come gli Stati Uniti possono spingere per una soluzione a due stati tra Israele e i palestinesi. Dice che questo riflette la posizione di lunga data degli Stati Uniti – “a prescindere da ciò che Donald Trump ha da dire su questo” e dice che il disegno di legge etichetta chiaramente l’occupazione israeliana dei territori palestinesi come una vera occupazione.

Attribuisce a un viaggio in Israele anni fa con il gruppo J Street la prima volta in cui ha usato il termine “occupazione“, osservando che “una volta che la vedi, la riconosci per quello che è. Quello che sta accadendo in termini di espansione degli insediamenti, distruzione e demolizione di case e attività commerciali … Il presidente Biden si è espresso e l’amministrazione si è pronunciata contro questo, e c’è un ampio sostegno nella comunità ebraica contro gli insediamenti”.

Un vigneto ben curato nell’insediamento di Susya in Cisgiordania. עמירה הס

Schakowsky ricorda la visita al villaggio palestinese di Sussia, destinato alla demolizione, come un’esperienza particolarmente forte.

“Su un lato della strada per Sussia, stavano scavando per installare tubazioni d’acqua per l’insediamento illegale dall’altra parte della strada”, racconta Schakowsky, dicendo di aver parlato di questo all’ambasciatore degli Stati Uniti all’epoca, David Friedman. “E lui ha detto: ‘Oh, beh, ci darò un’occhiata’. Gli ho detto che se a Sussia potessero avere un rubinetto per l’acqua, questo sarebbe di grande aiuto. Mai accaduto. Una volta che hai visto questa realtà, non puoi più ignorarla”.

https://www.haaretz.com/us-news/.premium-why-combating-islamophobia-is-so-important-to-this-u-s-jewish-lawmaker-1.10469185

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio