Un micidiale commercio di rifiuti sta avvelenando i palestinesi in Cisgiordania

Gen 18, 2022 | Riflessioni

di Aaron Boxerman,

The Times of Israel, 10 gennaio 2022. 

Bruciare rottami israeliani per ottenere preziosi metalli grezzi è una fonte di reddito letale per migliaia di palestinesi e manda alle stelle la frequenza di cancro nei villaggi vicino a Hebron

Maysoon Sweity, una palestinese di 54 anni di Beit Awwa, si siede sul tetto della sua casa e guarda mentre rifiuti elettronici e spazzatura bruciano vicino al muro di cemento che separa il suo villaggio da Israele il 26 aprile 2019. (Credit: Tamir Kalifa)

BEIT AWWA, Cisgiordania – Quando al figlio di quattro anni di Israa è stata diagnosticata la leucemia, la madre ha passato poco tempo a chiedersi perché. La risposta era intorno a lei: lo smog acre e tossico creato dai palestinesi che bruciano i rifiuti elettronici israeliani per estrarre preziosi metalli grezzi.

“Non c’è una casa nella nostra strada senza qualcuno che abbia avuto il cancro o sia morto”, ha detto Israa, che vive a Beit Awwa, una piccola città vicino a Hebron.

Sulle ondulate colline a ovest di Hebron, i palestinesi vivono in mezzo a nuvole di fumo nero, causato dai loro vicini che danno fuoco ai rifiuti, quasi tutti provenienti da Israele, per raccogliere il prezioso rame che contengono.

La lucrativa industria sostiene migliaia di palestinesi e le loro famiglie, portando milioni di shekel nell’economia locale. Ma i palestinesi pagano anche un alto prezzo per l’inquinamento causato da chi brucia.

I tassi di cancro nelle città vicine sono alle stelle, con i bambini che si ammalano di questa malattia distruttiva a quattro volte il tasso del resto della Cisgiordania, secondo una ricerca dell’ambientalista israeliano Yaakov Garb.

Beit Awwa, con una popolazione di 8.000 abitanti, ha seppellito quattro vittime di cancro in una sola settimana a metà novembre, la maggior parte di loro giovani, ha detto un funzionario sanitario locale.

“Stiamo vivendo su un terreno avvelenato”, ha detto Shadi Sweity, un abitante della piccola città. Suo fratello, Mohammad, è morto di cancro al fegato a fine novembre, all’età di 48 anni.

Shadi Sweity, il cui fratello Mohammad è morto di cancro a fine novembre, davanti alla sua casa a Beit Awwa il 22 dicembre 2021 (Aaron Boxerman/The Times of Israel)

Israa, che ha chiesto di non essere identificata pubblicamente, cerca di proteggere il resto dei suoi figli chiudendo le finestre quando l’aria fuori si riempie di fumo acre. Mette piante verdi e frondose in tutta la casa nel tentativo di contrastare l’inquinamento.

 “Se potessi, prenderei i miei figli e fuggirei da questo posto. Ho paura che un giorno si ammalino anche loro, Dio non voglia”, ha detto.

Il velenoso fumo nero attraversa la barriera di sicurezza della Cisgiordania nella regione meridionale di Lachish in Israele, preoccupando anche gli israeliani per il futuro dei loro figli.

“Non abbiamo ancora visto alcun effetto, ma sappiamo che è solo una questione di tempo. Continuiamo a respirare questo fumo, ed è terrificante”, ha detto Timna Idan, una residente di Eliav, una tranquilla cittadina israeliana a due chilometri da Beit Awwa.

Israele e l’Autorità Palestinese hanno entrambi promesso di reprimere i roghi tossici. Ma i palestinesi vivono sotto una serie di regimi che si sovrappongono, rendendo la promessa una sfida quasi impossibile.

I tentativi di porre fine ai roghi sono falliti, impantanati nelle dispute tra Ramallah e Gerusalemme. Così, per ora, la pratica tossica continua.

Per pochi shekel

La maggior parte dei rifiuti del mondo non viene riciclata. Le nazioni ricche di tutto il mondo spediscono invece i loro rifiuti ai paesi poveri. La stessa dinamica si svolge tra Israele e i palestinesi: uno stato ricco accanto a comunità impoverite.

Israele genera circa 130.000 tonnellate di rottami elettronici all’anno, secondo le stime ufficiali. La maggior parte di essi viene contrabbandata in Cisgiordania, dove viene rivenduta o setacciata dai palestinesi che cercano i preziosi metalli grezzi al suo interno.

“Vediamo questo fenomeno in tutto il mondo, ma il ‘terzo mondo’ di Israele è a soli 10-15 minuti di macchina dal centro di Israele”, ha detto Garb, un professore della Ben-Gurion University che ha passato anni a studiare l’industria e il suo impatto.

Tamer Abu Jhaisheh, comproprietario di Safa Recycling, tiene in mano la plastica macinata e staccata dai cavi elettronici dalle macchine della sua fabbrica. I cavi sono spesso bruciati per le loro preziose materie prime in Cisgiordania, e gli incendi di rifiuti tossici portano ad alti tassi di cancro (Aaron Boxerman/The Times of Israel)

Sia la legge israeliana che quella palestinese vietano il trasferimento di rifiuti israeliani in Cisgiordania, ma le spedizioni continuano senza sosta. Alcune aziende e individui israeliani risparmiano migliaia di shekel, o addirittura ne traggono profitto, inviando i loro rifiuti ai contrabbandieri, che li vendono ai depositi di rottami palestinesi.

“Smaltire una tonnellata di rifiuti elettronici o altra spazzatura può essere centinaia di shekel più economico nell’Autorità Palestinese che in Israele. C’è un incentivo economico molto potente in questo”, ha detto l’ex direttore generale del ministero della protezione ambientale Yisrael Dancziger, che ha ricoperto l’incarico dal 2015 al 2018.

Un fuoco che smaltisce rifiuti elettronici e spazzatura a Deir Samet.11 gennaio 2019 (Tamir Kalifa)

Le città di Beit Awwa, Idhna e Deir Samet sono emerse come il centro del commercio di rifiuti della Cisgiordania. I tre villaggi sono collegati tra loro da una strada tortuosa e semilastricata, fiancheggiata da cantieri pieni di alti cumuli di rottami metallici.

Alla periferia di Idhna, verdeggianti oliveti si sciolgono, sostituiti da sacche di terra carbonizzata. I contadini locali dicono che il terreno una volta era fertile e coltivato; ora, squarciato dal piombo, produce solo raccolti acidi e avvizziti. Le olive, un tempo preziose, ora forniscono un olio amaro e inutilizzabile.

Il muro della Cisgiordania incombe sul paesaggio. Le lastre di cemento sono nere di cenere e carbone per le sessioni notturne di combustione condotte vicino al muro. I gusci dei frigoriferi, spogliati dell’acciaio e svuotati del freon, sono disseminati nella fuliggine.

Palestinesi bruciano rifiuti vicino alla barriera di sicurezza nelle città a ovest di Hebron (Tamir Khalifa)

L’inquinamento dilagante ha lasciato poche famiglie indenni. I ricercatori hanno trovato livelli pericolosamente alti di piombo nei bambini locali, ciò che può causare danni neurologici a lungo termine. Altri residenti palestinesi hanno sofferto di improvvise e debilitanti malattie respiratorie dopo essere stati esposti ai rifiuti bruciati.

Il sindaco di Idhna, Muammar Tmeize, incolpa lo smog tossico della morte per cancro dei suoi due fratelli, entrambi sui 40 anni.

“Presto, ogni casa di Idhna sarà colpita da tutto questo”, ha detto Tmeize. “Tutto per pochi shekel”.

Tmeize ha detto che simpatizza con i suoi vicini israeliani oltre la barriera, che soffrono anche loro gli effetti dell’inquinamento. “Povera gente. Sono stati fregati”, ha detto.

Prima della Seconda Intifada, i palestinesi delle città per lo più camminavano lungo la strada sterrata che portava in Israele e ottenevano una paga come lavoratori giornalieri. Ma dopo decine di attentati suicidi palestinesi nei primi anni 2000, Israele ha costruito la barriera di sicurezza e ha dato un giro di vite ai palestinesi che cercano di attraversare il confine senza permesso.

Allo stesso tempo, stimolato dalla rivoluzione globale delle comunicazioni, il prezzo del rame è salito da 2.200 a 8.800 dollari la tonnellata. Migliaia di palestinesi, privi dei preziosi permessi di lavoro israeliani, si sono messi a setacciare i rottami per il prezioso metallo. Il commercio ora sostenta la maggioranza delle famiglie della zona, secondo Garb.

Ogni giorno, contrabbandieri israeliani ebrei e arabi acquistano elettronica dismessa e rottami da aziende israeliane. Guidando furgoni con vecchi cavi e apparecchi, i commercianti passano attraverso i posti di blocco israeliani e arrivano in Cisgiordania, dove depositano il loro carico.

A Beit Awwa, centinaia di negozianti partecipano a un’asta notturna di rottami. Decine di camion sono in attesa, con vecchi elettrodomestici ammucchiati. Alcuni vengono venduti ai negozianti, che sperano di rimettere a nuovo gli apparecchi e ricavarne un profitto. Il resto viene inviato alle discariche, dove i palestinesi strappano la plastica con i martelli, cercando di spremere ogni grammo di metallo prezioso.

Il lavoratore giornaliero medio a Hebron porta a casa circa 110 NIS al giorno, secondo i dati dell’AP. Ma lavorare nei rifiuti è molto più redditizio: un lavoratore che smonta e rivende vecchi beni israeliani può guadagnare tra i 200 e i 250 NIS, un salario paragonabile al lavoro in Israele.

Il grande guadagno, tuttavia, sta nel bruciare. I vecchi cavi elettronici costano pochissimo, ma bruciare il loro rivestimento di plastica per trovare il rame all’interno può far guadagnare a un normale operaio circa 500 NIS per una giornata di lavoro, dicono quelli che hanno familiarità con il mestiere.

Alcuni palestinesi acquistano individualmente i cavi e li bruciano. Altri lavorano in squadre ben oliate – un funzionario della sicurezza palestinese le ha definite “bande organizzate” – che si dividono i proventi. Altri ancora lavorano per un singolo boss, bruciando i suoi cavi per una piccola parte del bottino.

“Il nostro problema è che le leggi semplicemente non vengono applicate. I nomi di coloro che bruciano sono noti, ma viviamo in uno stato di illegalità”, ha detto Tamer Abu Jhaisheh, il comproprietario di Safa Recycling, una fabbrica a Idhna che mira a riciclare in modo pulito i cavi in rame.

Il sindaco di Idhna Muammar Tmeize durante un’intervista nel suo ufficio comunale il 27 novembre 2021 (Aaron Boxerman/The Times of Israel)

Il magazzino di Safa è pieno di macchinari impressionanti e costosi, ma la struttura fatica a competere con i bruciatori. Le discariche israeliane preferiscono lavorare con i contrabbandieri, che non pagano tasse e non lasciano tracce cartacee ai posti di blocco israeliani, ha detto Abu Jhaisheh.

Nessun sistema stabile

I roghi provocano incendi impetuosi e torreggianti colonne di fumo visibili a chilometri di distanza. Ma gli inquinatori sono raramente catturati, poiché le loro attività spariscono tra le crepe dei diversi regimi in Cisgiordania.

Dagli accordi di Oslo negli anni ’90, la Cisgiordania è stata divisa in tre regioni amministrative. Israele si è ritirato dalle principali città e paesi palestinesi nelle aree A e B, permettendo all’Autorità palestinese di assumersi alcune responsabilità.

Nell’Area C, che comprende il 60% della Cisgiordania, Israele ha mantenuto il controllo diretto. Ma l’applicazione della legge israeliana si concentra principalmente sugli insediamenti dove la polizia palestinese non può entrare liberamente, il che significa che nessuno dei due mantiene il controllo nelle comunità palestinesi.

I bruciatori palestinesi spesso vivono nelle aree amministrate dall’AP, ma quando vogliono bruciare la plastica da un carico di cavi appena contrabbandati, si dirigono nell’Area C per eseguire la combustione. La polizia palestinese non può inseguirli senza l’approvazione israeliana.

“Queste bande hanno imparato a sfruttare il fatto che le nostre forze di sicurezza e la polizia non possono andare lì senza coordinarsi con Israele. Inoltre, non si sa quanto tempo ci vorrà, non c’è un sistema stabile – potrebbe essere veloce o lento o addirittura un rifiuto”, ha detto il vice governatore di Hebron Khaled Dodin.

Secondo il sistema di Oslo, i funzionari palestinesi locali devono prima chiamare l’unità di coordinamento regionale dell’AP, che poi chiama le autorità israeliane, che esaminano la richiesta e concedono il permesso. Quando la polizia dell’AP o l’esercito israeliano arrivano – ore o addirittura giorni dopo – gli inquinatori se ne sono andati da tempo, lasciandosi dietro solo cenere e braci morenti.

Sia a Gerusalemme che a Ramallah, i funzionari dicono che Israele deve impedire ai camion carichi di rottami elettronici di entrare in Cisgiordania. I rifiuti entrano per lo più nel territorio attraverso i checkpoint israeliani, sotto lo sguardo vigile dei soldati israeliani.

“È contro il diritto internazionale. È contro la responsabilità di Israele come potenza occupante. Non diventeremo una discarica per i pericolosi rifiuti israeliani”, ha detto un funzionario ambientale dell’Autorità Palestinese, che ha accettato di parlare a condizione di anonimato.

Idhna, una città sulle colline a ovest di Hebron che è specializzata nel trattamento dei rottami israeliani (Aaron Boxerman/The Times of Israel)

Le autorità israeliane si sono impegnate per anni a reprimere il traffico dei camion che trasportano rifiuti e a imporre sanzioni contro i riciclatori che fanno affari con i contrabbandieri. Ma Dancziger, l’ex funzionario del ministero, ha avvertito che un controllo più rigoroso da solo probabilmente non metterebbe fine al contrabbando.

“Finché la motivazione economica non viene rimossa, si rimane al cane che rincorrere la propria coda”, ha detto Dancziger.

I palestinesi che vivono nelle città dicono che porre completamente fine alle spedizioni di rifiuti significherebbe la distruzione dei loro mezzi di sussistenza. Ma molti dei depositi di rottami non si dedicano a bruciare e guadagnano bene semplicemente smontando o rimettendo a nuovo i rifiuti elettronici israeliani.

 “Questo settore ha bisogno di essere adeguatamente regolato, non eliminato. Stiamo parlando di un’industria che impiega decine di migliaia di persone in tutta la Cisgiordania”, ha detto Abu Jheisha, il proprietario dell’impianto di riciclaggio Safa.

Il funzionario dell’Autorità Palestinese ha respinto la preoccupazione che moltitudini di palestinesi sarebbero senza lavoro se il commercio si fermasse improvvisamente.

“La gente di questi villaggi una volta si guadagnava da vivere con l’agricoltura. Non è un grosso problema: una volta che questi rifiuti pericolosi saranno spariti, la gente tornerà a coltivare la propria terra. Nessuno morirà di fame”, ha detto il funzionario.

Ma i palestinesi delle città povere e rurali hanno criticato questo atteggiamento come troppo distaccato. Quando la barriera di sicurezza si è insinuata tra i villaggi, dicono, ha anche frammentato la terra una volta coltivata dai contadini palestinesi, rendendo il rottame l’unico gioco in città.

“Abbiamo poca terra rimasta per l’agricoltura, e la terra e l’acqua che abbiamo sono contaminate. L’industria del rottame crea un po’ di prosperità e autosufficienza. Vogliono che torniamo all’età della pietra?” ha chiesto Abu Jheisha.

Una storia di successo contrastata

Nel 2017, palestinesi, israeliani e donatori internazionali hanno ideato un progetto ambizioso che ha fermato il rogo per alcuni mesi, pur permettendo agli abitanti del luogo di prosperare ancora dallo smantellamento dei rifiuti elettronici.

L’idea era semplice: invece di cercare di eliminare il commercio dei rifiuti, le autorità avrebbero convertito la comunità al riciclaggio abbandonando i roghi. Garb, l’ambientalista, ha progettato il cambiamento insieme ai leader locali palestinesi; le autorità israeliane hanno acconsentito.

Con i finanziamenti svedesi, i sindaci hanno arruolato decine di responsabili locali per far rispettare il divieto di bruciare. Hanno stabilito una linea diretta di comunicazione con l’esercito israeliano –bypassando la burocrazia di coordinamento dell’AP– permettendo loro di arrestare i bruciatori in pochi minuti. Sono stati forniti sussidi per permettere ai bruciatori di riciclare i loro cavi, mentre le squadre hanno ripulito i siti di combustione tossica.

Un ragazzo sta in piedi vicino a un rogo di rifiuti su una collina di fronte a una scuola a Beit Awwa. 26 novembre 2017. (Tamir Kalifa)

Il progetto ha dato i suoi frutti: per una primavera memorabile, i cieli si sono liberati dal fumo anche se la gente ha mantenuto il suo lavoro nei depositi di rottami. Sia il sindaco di Idhna Tmeize che Abdullah Sweity, all’epoca sindaco di Beit Awwa, iniziarono a sperare che il futuro sarebbe stato un po’ più luminoso.

“Catturavamo i bruciatori, sequestrando i loro cavi. Li abbiamo consegnati alla polizia, con prove che dimostravano i loro crimini, e ne abbiamo visto alcuni processati”, ha detto Sweity.

Sweity è una figura improbabile per spingere al contatto diretto con il governo militare di Israele. Ha scontato diversi anni di prigione israeliana durante la Prima Intifada per aver partecipato a violenti scontri con i soldati e dice che non ci potrà mai essere una vera pace tra Israele e i palestinesi.

Ma sui roghi, Sweity ha detto: “Questa è una guerra contro ogni essere vivente. Ebrei e palestinesi devono cooperare, e se lasciamo che la questione politica si metta in mezzo, continueremo a morire”.

Tutte le parti sono d’accordo che l’iniziativa ha fermato con successo l’inquinamento. L’agenzia di sviluppo svedese ha promesso altri 3 milioni di dollari per espandere il programma e dare ulteriori risorse alle squadre locali palestinesi capaci di risposte rapide contro i bruciatori. Con la cessazione dei roghi, migliaia di tonnellate di terreno tossico venivano inviate a un impianto israeliano a Ramat Hovav per essere trattate.

Ma il piano è crollato in seguito a battibecchi politici tra l’AP, Israele e i sindaci locali, secondo ex funzionari e osservatori che hanno familiarità con il progetto.

L’Autorità per la Qualità Ambientale dell’AP ha insistito che i milioni di aiuti fossero incanalati attraverso le sue casse. Sweity e Tmeize hanno risposto che se il denaro fosse andato a Ramallah piuttosto che alle città, la corruzione dilagante avrebbe fatto sì che non avrebbero mai visto uno shekel.

Durante i colloqui con gli israeliani, l’AP ha preteso che Israele firmasse una convenzione internazionale in cui dichiarava che i rifiuti stavano attraversando i confini di uno stato vicino. Israele, che non riconosce uno stato palestinese, ha rifiutato.

“Se Israele avesse accettato, sarebbe stato un riconoscimento della Palestina in modo inedito. E l’AP, nella trattativa, non era disposta a fare accordi informali o taciti che potessero permettere che questo andasse avanti senza di lei”, ha detto Johan Schaar, un ex funzionario dello sviluppo svedese che ha gestito il progetto.

L’ambientalista israeliano Yaakov Garb, a sinistra, e l’allora sindaco di Beit Awwa Abdullah Sweity individuano un vicino incendio di rifiuti elettronici dal municipio. 26 novembre 2017 (Tamir Kalifa)

Secondo Sweity, questa presa di posizione si estendeva anche a piccoli dettagli, come il fatto se sulle ricevute del terreno da bonificare ci fosse scritto “Stato di Palestina” oppure “Autorità Palestinese” dopo l’invio in Israele.

Altri che hanno familiarità con il progetto dicono che le vere preoccupazioni di Ramallah sono altrove. Secondo gli accordi di Oslo, solo l’Autorità Palestinese può trattare con Israele. Ma il progetto ha aperto un canale diretto tra i sindaci palestinesi e gli israeliani, aggirando completamente l’AP, hanno detto.

Garb ha condotto un’intensa attività diplomatica su ambedue i fronti ed è riuscito a raggiungere accordi provvisori tra funzionari di medio livello. Ma quando gli accordi hanno raggiunto le alte sfere palestinesi per l’approvazione, c’è stato lo stallo.

Con i colloqui ad un punto morto, il governo svedese ha sospeso il suo coinvolgimento. I roghi sono presto ripresi, oscurando i cieli sopra le città.

L’organo di controllo ambientale dell’AP ha rifiutato di commentare.

Ogni progetto ambientale congiunto israelo-palestinese in Cisgiordania è “straordinariamente sensibile”, a “lotte politiche sull’indipendenza e sull’apparenza di indipendenza”, ha detto Dancziger.

In assenza di un processo di pace, Israele e i palestinesi sono presi in un tiro alla fune in cui gli attori di entrambe le parti cercano di spingere verso la loro soluzione preferita del conflitto. Combattere minacce condivise cade inevitabilmente nel vortice della politica, ha detto Dancziger.

“Ci sono innumerevoli esempi di iniziative che sono state bloccate dal desiderio dei palestinesi di dimostrare la loro indipendenza da Israele e dal desiderio di Israele di dire che non c’è confine, che non sono due stati separati”, ha detto Dancziger.

Non c’è confine

I rifiuti tossici colpiscono sia i palestinesi che gli israeliani, su entrambi i lati della barriera della Cisgiordania. Timna Idan, residente a Eliav, spera che possano unirsi per combattere il problema.

“Il muro non blocca il transito di niente. Non c’è confine, viviamo uno accanto all’altro: qui c’è una città con dei bambini e laggiù, dall’altra parte, la stessa cosa”, ha detto Idan.

Israeliani e palestinesi ordinari hanno tenuto riunioni a Eliav per discutere il loro problema comune; i palestinesi hanno dovuto ricevere permessi militari speciali per passare dall’altra parte.

Timna Idan, una residente della città israeliana di Eliav, nella sua casa il 27 novembre 2021 (Aaron Boxerman/The Times of Israel)

“Abbiamo davvero sentito che eravamo tutti insieme in questo, che avevamo un destino comune. Abbiamo finito con un abbraccio”, ha detto Idan.

In una telefonata con The Times of Israel, il parlamentare blu e bianco Alon Tal ha detto che il capo del suo partito – il ministro della difesa Benny Gantz – stava seguendo la questione.

“Se capiscono da dove vengono i rifiuti, li martellino duramente con l’applicazione di provvedimenti amministrativi, o con procedimenti penali se necessario: il problema potrebbe sparire in sei mesi”, ha detto Tal. “Questo non è un problema che durerà per sempre”.

Abdullah Sweity, l’ex sindaco di Beit Awwa, è meno ottimista. Dopo che il progetto finanziato dalla Svezia è crollato, ha inveito pubblicamente contro l’Autorità Palestinese durante le riunioni cittadine e sui social media.

L’AP ha risposto congelando i fondi del comune e arrestando suo fratello Mohammad. Un convoglio armato di forze dell’AP ha cercato di prendere d’assalto la città e si è scontrato con i residenti di Beit Awwa. Di fronte alla crescente pressione, Sweity ha presentato le sue dimissioni alla fine del 2017, solo otto mesi dopo aver assunto l’incarico.

Ramallah ha nominato il proprio sindaco, un funzionario dell’intelligence dell’AP, non originario di Beit Awwa, per gestire la città. Sweity è tornato al suo precedente lavoro di operaio edile in Israele.

“Qui tutto viene bloccato da tutto il resto. Cerchi di fare qualcosa di buono per la tua città natale. Ma ti ritrovi a parlare di politica, di confini, di statualità e di tutto il resto”, riflette Sweity.

“E su questi temi non ci potrà mai essere un accordo. Non c’è soluzione”.

https://www.timesofisrael.com/a-deadly-trash-trade-is-poisoning-palestinians-in-the-west-bank/

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio