Le barche della morte e chi cerca la patria

Nov 12, 2021 | Notizie

EG 24 News

di Ashraf Saleh

https://www.amad.ps/ar/post/429838


Il profeta Maometto disse che “chi muore straniero è un martire; chi muore annegando è un
martire e chi muore in cerca di sostentamento è un martire”. Il Profeta ha detto la verità; queste
tre caratteristiche sono state fuse in un’unica persona, il cittadino che cerca una patria che gli
fornisca il pane quotidiano e che gli assicuri il futuro che ha sempre sognato. Questa persona è il
martire Nasrallah Farra, che Dio abbia pietà della sua anima. Farra era in mare alla ricerca di una
patria, insieme ad altri 10 palestinesi. Otto di loro sono sopravvissuti e due sono ancora dispersi.
Tutti loro stavano navigando verso un’altra patria, diversa da quella che conosciamo e sentiamo
dire nelle storie e nelle poesie: stavano semplicemente cercando una patria chiamata “un pezzo di
pane”.
Nei romanzi e nelle poesie si dice che la patria è un luogo, un popolo, uno stato con confini e
istituzioni e nostalgia per la famiglia, gli amici ei vicini. Tuttavia, non tutto ciò che è stato detto è
vero. La patria, attraverso gli occhi di Farra e di chi è con lui, è il loro sostentamento, il loro pane
quotidiano. Molti potrebbero avere problemi con questo punto di vista e dire che rimanere nella
patria che conosciamo è meglio che immigrare verso un destino sconosciuto. Tuttavia, questo
punto di vista è legato alla loro vita personale e al loro status sociale e anche a quanto possono
sopportare circostanze difficili. Questo con la consapevolezza che la patria è una pagnotta di pane
mai cambiata e mai sostituibile. Ne è prova che coloro che si oppongono al principio
dell’immigrazione su una nave a rischio di capovolgimento, saranno i primi immigrati a cercare una
vita all’estero alla prima occasione. Ad esempio, ci sono persone che preferirebbero rimanere
affamate nelle loro terre d’origine piuttosto che rischiare di immigrare su una barca che potrebbe
affondare, ma sarebbero molto felici se si assicurassero un lavoro o un contratto in un altro paese.
Sarebbero felici se ottenessero un permesso di lavoro in Israele. Questo ci conferma solo che il
principio dell’immigrazione all’estero è un principio accettabile dalla maggioranza del popolo
palestinese, ma ognuno coglie l’opportunità giusta per sé e per la propria situazione.
Per molti anni abbiamo sentito storie tristi su palestinesi che preferirebbero immigrare su una
barca della morte piuttosto che restare. Alcuni sono sopravvissuti e altri sono morti. Queste storie
continueranno a fare notizia e continueranno a farlo finché la madrepatria non potrà essere la
madre nutriente e tenera che abbraccia i suoi figli. È mia convinzione che la divisione politica e la
corruzione siano i fattori principali nel trasformare la patria in un cimitero per i vivi. Gli affamati
non possono parlare e gli oratori non sono mai pieni. Non è solo che… la battaglia non è solo tra il
sovrano e il governato, ma si è allargata e si è estesa fino a diventare tra la popolazione generale,
che diventa frammentata, dispersa e politicizzata e parte della divisione stessa, e la patria, che
abbiamo vissuto e purtroppo è diventata insopportabile. Per questo motivo, è naturale che
chiunque abbia la fortuna di ottenere un permesso di lavoro in Israele o chiunque abbia la fortuna
di ottenere un contratto di lavoro al di fuori della Palestina, o anche coloro che non hanno la
fortuna di immigrare legalmente, provino e scendere su una barca a rischio di capovolgersi proprio
come Nasrallah Farrah, che cercava una patria che gli fornisse il pane quotidiano.

Traduzione a cura di Assopace Palestina

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio