Gli israeliani abbandonano la sinistra politica per le preoccupazioni sulla sicurezza dopo il 7 ottobre

Dic 20, 2023 | Notizie

di Sheera Frenkel,

The New York Times, 19 dicembre 2023. 

Disincantati dalla prospettiva di pace dopo un devastante attacco terroristico, gli israeliani stanno diventando più conservatori in politica.

Un piccolo gruppo di attivisti che chiedono un cessate il fuoco, nei pressi del Ministero della Difesa, questo mese a Tel Aviv. Marco Longari/Agence France-Presse – Getty Images

Maya Mizrachi ha fatto una smorfia al gruppo di otto israeliani che chiedevano la pace con i palestinesi davanti al quartier generale militare di Israele questo mese a Tel Aviv.

Un anno fa, Maya Mizrachi, 25 anni, aveva protestato insieme a loro, portando un cartello che chiedeva a Israele di porre fine all’occupazione militare della Cisgiordania. Ora li ha incontrati per caso, mentre tornava a casa da una manifestazione vicina che chiedeva il ritorno dei cittadini israeliani tenuti in ostaggio nella Striscia di Gaza.

“Non credo che in tutto Israele ci siano più di otto persone che protestano contro l’esercito in questo momento”, ha detto Maya, che è una studentessa. “Anch’io non riuscirei a farlo”.

Maya fa parte di un numero crescente di cittadini israeliani che si sottraggono alla politica di sinistra – idee che includono la promozione di colloqui di pace con i palestinesi, la fine dell’occupazione israeliana della Cisgiordania e il sostegno alla soluzione dei due Stati – dal 7 ottobre, quando gli uomini armati di Hamas sono entrati in Israele con un attacco a sorpresa e hanno ucciso circa 1.200 persone.

Dal pozzo di tristezza, rabbia e paura che ha attanagliato Israele da quel giorno, è emerso un consenso sul fatto che Israele debba adottare una linea più dura con i palestinesi e abbracciare uno stato ancora più militarizzato. E mentre il consenso dell’opinione pubblica al Primo Ministro Benjamin Netanyahu sta vacillando, il sostegno alle politiche sostenute dal suo governo di destra sta crescendo.

Se la sinistra ha perso il sostegno del mainstream, il campo pacifista di Israele è stato spinto praticamente sottoterra. I gruppi di attivisti dicono che molti membri hanno abbandonato la causa e quelli che sono rimasti impegnati hanno faticato a trovare luoghi pubblici disposti ad accogliere le loro proteste contro la guerra.

I pochi appelli per un cessate il fuoco, che hanno guadagnato terreno tra il pubblico, sono stati guidati dalle famiglie degli ostaggi israeliani rapiti a Gaza il 7 ottobre. Queste famiglie hanno chiesto al governo di sospendere i combattimenti per negoziare il ritorno dei loro cari. Sebbene questi appelli si siano rafforzati questa settimana dopo che l’esercito israeliano ha annunciato di aver ucciso per errore tre ostaggi, la maggior parte delle famiglie ha sottolineato di sostenere ampiamente lo sforzo bellico e di ritenerlo necessario.

Secondo i sondaggi condotti nei due mesi successivi al 7 ottobre, gli israeliani si sono spostati decisamente a destra su una serie di questioni politiche, tra cui il sostegno ai coloni in Cisgiordania, l’appoggio a politici di estrema destra e persino il ripristino dell’occupazione militare di Gaza.

 “Il trauma di ciò che è accaduto il 7 ottobre ha spostato la società israeliana. Li ha portati a mettere in discussione i principi più elementari della sicurezza nelle loro case”, ha dichiarato Tal Schneider, editorialista politica del Times of Israel. “Ora chiedono di più: più militari, più protezione, più politiche dure”.

Attivisti che a maggio hanno bloccato una strada dalla Cisgiordania occupata a Gerusalemme per impedire ai coloni di partecipare a una marcia della destra. Ahmad Gharabli/Agence France-Presse – Getty Images

I partiti di sinistra in Israele hanno registrato un costante declino negli ultimi 20 anni. Nell’ultimo ciclo elettorale, il Partito Laburista di centro-sinistra ha ottenuto solo quattro seggi alla Knesset, il parlamento israeliano, con un calo significativo rispetto ai 19 seggi del 2015. Il partito Meretz, uno dei pochi partiti di sinistra israeliani ad aver ottenuto un seggio nell’ultimo decennio, non ha ottenuto abbastanza voti per qualificarsi alle ultime elezioni.

La scorsa settimana, il capo del Partito Laburista, Merav Michaeli, ha annunciato le sue dimissioni in seguito alle critiche che la vedevano responsabile degli scarsi risultati elettorali del partito.

“Nessuno in questo paese vuole parlare di pace in questo momento”, ha detto la Schneider. “Essere di sinistra è diventata una parola sporca”, ha detto, aggiungendo che mentre le cause socialmente progressiste, come il welfare sostenuto dal governo, rimangono popolari in Israele, sono sempre più separate dai movimenti di sinistra israeliani. “Molti israeliani vogliono più programmi di welfare governativo, ma una leadership politica conservatrice”.

I sondaggi condotti in Israele dal 7 ottobre mostrano la portata del cambiamento politico. Un sondaggio di Channel 12, una delle emittenti più popolari del paese, ha rilevato che circa un terzo degli israeliani si è descritto come “spostatosi a destra” nel mese successivo agli attentati del 7 ottobre, mentre un numero molto inferiore ha dichiarato che la propria politica si è spostata più a sinistra.

In un altro sondaggio, l’Università Israeliana di Tel Aviv ha rilevato che a novembre la percentuale di israeliani favorevoli alla soluzione dei due Stati è diminuita rispetto al mese precedente, scendendo sotto un terzo degli intervistati.

Se la guerra ha accelerato il declino della sinistra, ha anche danneggiato la popolarità di Netanyahu.

Per mesi, prima della guerra, il primo ministro ha tenuto insieme una coalizione indisciplinata di partiti di estrema destra che controllava 64 seggi sui 120 della Knesset israeliana. Recentemente, le veglie per gli israeliani uccisi si sono trasformate in proteste contro la leadership di Netanyahu e in richieste di dimissioni.

“Il paese si è spinto a destra, ma non vuole più Netanyahu come leader della destra”, ha detto Schneider. “Si tratta di capire chi può rappresentare le nuove opinioni di destra di tanti israeliani di oggi”.

Gli attivisti israeliani tradizionali per la pace hanno detto che la sbandata di Israele verso destra è tangibile. Negli uffici di Standing Together, un’organizzazione fondata congiuntamente da israeliani e palestinesi, l’atmosfera è stata cupa dal 7 ottobre in poi.

Attivisti di Standing Together sostituiscono i manifesti che invocano un’escalation della guerra tra Israele e Hamas con cartelli che invitano alla solidarietà tra israeliani e arabi. Amit Elkayam per il New York Times

Le adesioni sono diminuite, ha dichiarato Alon-Lee Green, fondatore dell’organizzazione. Quando il gruppo ha cercato di organizzare manifestazioni di solidarietà tra israeliani e palestinesi in luoghi pubblici, la domanda è stata respinta dalle municipalità locali e dalla polizia.

“Ci hanno vietato l’accesso ai luoghi pubblici”, ha detto Green. “Ci dicono che oggi non c’è pubblico per il nostro messaggio”, ha aggiunto. “Non c’è mai stato un momento più difficile per chi vuol chiedere la pace”.

Il gruppo è ricorso all’affitto di luoghi privati, come ristoranti e sale per matrimoni, per tenere i propri raduni, ha detto Green.

Ha detto di comprendere l’esigenza di molti israeliani di chiedere più sicurezza e una maggiore presenza militare dopo il 7 ottobre.

“Ricordo che nei giorni successivi agli attacchi mi guardavo costantemente alle spalle”, ha detto Green. “Non si può sottovalutare ciò che questo tipo di cose fa alla psiche: insinuare paura in modo così profondo”. Ma alla fine, lui si sente più che mai sicuro che lottare per un futuro di pace sia l’unica strada percorribile.

“Sono uscito dalla mia paura e ho capito che questo era il momento più importante della mia vita per lottare per la pace, anche se sembra più irraggiungibile che mai”, ha detto Green.

Ma molti altri attivisti israeliani di lunga data hanno dichiarato di non poter più sostenere il movimento.

Le città e le comunità agricole che costeggiano il confine israeliano con Gaza erano un tempo bastioni della sinistra. Molti villaggi sono stati fondati come kibbutzim, comunità agricole socialiste. Nel corso degli anni, molti residenti hanno sfruttato la loro vicinanza ai palestinesi di Gaza per aiutare a consegnare aiuti e gestire campagne di solidarietà.

Soldati israeliani osservano le distruzioni a Kfar Azza, in Israele, una comunità vicino al confine con Gaza attaccata dai terroristi di Hamas il 7 ottobre. Tamir Kalifa per il New York Times

Il 7 ottobre, la vicinanza di queste comunità al confine le ha rese vulnerabili all’attacco dei terroristi di Hamas. Tra le vittime anche noti attivisti per la pace, tra cui Vivian Silver, fondatrice di Women Wage Peace. L’attacco ha fatto ripensare ai sopravvissuti le politiche che avevano sostenuto in precedenza.

Prima del 7 ottobre, Larry Butler, 73 anni, residente a Nir Oz, si considerava un uomo di sinistra. Come membro di Peace Now, aveva partecipato alle manifestazioni che chiedevano l’evacuazione degli insediamenti israeliani a Gaza, smantellati nel 2005.

Ora, sfollato in un hotel di Eilat, una città turistica sul Mar Rosso, Butler ha messo in discussione le sue convinzioni. “Credo di trovarmi da qualche parte nel mezzo”, ha detto, “ma di sicuro non sono né di sinistra né di destra”.

A Tel Aviv, la svolta di Maya Mizrachi contro la sinistra è arrivata subito dopo il 7 ottobre, quando ha scoperto che una sua compagna di liceo era tra le vittime del festival musicale Tribe of Nova.

“L’ironia è che lei era la più grande attivista per la pace che conoscessi”, ha detto Mizrachi. “È stata lei a coinvolgermi nel movimento”, ha aggiunto. “Scherzavo sul fatto che mi avesse fatto diventare di sinistra. Ora non posso più dire di esserlo”.

Alcuni resti del festival musicale Tribe of Nova, attaccato da uomini armati di Hamas il 7 ottobre. Tamir Kalifa per il New York Times

Adam Sella ha contribuito con un servizio.

Sheera Frenkel è una reporter con sede nell’area della Baia di San Francisco e si occupa dell’impatto della tecnologia sulla vita di tutti i giorni, con particolare attenzione alle aziende di social media, tra cui Facebook, Instagram, Twitter, TikTok, YouTube, Telegram e WhatsApp.

https://www.nytimes.com/2023/12/19/world/middleeast/israel-oct-7-left-wing-peace.html?campaign_id=2&emc=edit_th_20231220&instance_id=110592&nl=todaysheadlines&regi_id=70178108&segment_id=153043&user_id=189440506a0574962c5baaf044befaca

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

Non sempre AssoPacePalestina condivide gli articoli che pubblichiamo, ma pensiamo che opinioni anche diverse possano essere utili per capire.

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio