Ricostituzione dell’OLP: c’è posto per Hamas e Jihad Islamica?

Set 18, 2022 | Notizie, Riflessioni

di Belal Shobaki,

Al-Shabaka, 14 settembre 2022. 

Militanti delle Al-Quds Brigades, l’ala militare della Jihad Islamica, partecipano ai funerali dei palestinesi uccisi dalle forze israeliane nell’ultimo conflitto con Gaza. 25 agosto 2022, Jenin, Cisgiordania. Foto Shadi Jarar’ah\ apaimages

Quando Ahmad Al-Shuqairi fondò l’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP) nel 1964, immaginava un’entità che rappresentasse tutti i palestinesi. Tuttavia, non riuscì a realizzare questa visione perché Fatah espresse la sua mancanza di fiducia in lui e nella sua politica per l’OLP in una dichiarazione alla riunione dei ministri degli Esteri arabi del 9 dicembre 1967 al Cairo. Fatah si era precedentemente espressa contro la tutela araba della causa palestinese e aveva sottolineato la necessità di liberare la Palestina attraverso la lotta armata. L’attuale posizione di Hamas e della Jihad Islamica nei confronti della piattaforma politica dell’OLP ricorda quella di Fatah alla fine degli anni Sessanta.

Tuttavia, la posizione dei due movimenti islamisti si è basata non solo sulla critica alla piattaforma politica e alla struttura organizzativa dell’OLP, ma anche su basi dottrinali. Mentre Fatah ha impiegato un solo anno per aderire all’OLP dopo la sua dichiarazione del 1967, né Hamas né la Jihad Islamica sono riuscite ad aderire fino ad oggi. Ciò è dovuto principalmente al fatto che, per molti anni, nessuno dei due movimenti è stato in grado di separare le proprie convinzioni politiche da quelle religiose senza minare completamente i propri principi fondamentali e perdere i propri elettori. Tuttavia, negli ultimi tre decenni trascorsi nell’arena palestinese, sia Hamas che la Jihad Islamica, in particolare Hamas, hanno evoluto la loro posizione nei confronti dell’OLP.

Questo documento analizza l’evoluzione di ciascun movimento islamista negli ultimi tre decenni e il suo crescente pragmatismo. Discute i modi in cui gli ostacoli per portare le due organizzazioni all’ovile sono ora più politici che dottrinali e identifica le questioni prioritarie per ricostruire il movimento nazionale palestinese.

Hamas, la Jihad Islamica e il lungo cammino verso la Dichiarazione del Cairo

Quando Hamas ha emanato la sua carta nel 1988, all’articolo 27 si occupava dell’OLP:

L’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP) è la più vicina al cuore del Movimento di Resistenza Islamico… Condividiamo la stessa patria, la stessa calamità, lo stesso destino e lo stesso nemico. Influenzata dalle circostanze della sua fondazione, dalla confusione intellettuale prevalente nel mondo arabo… l’OLP ha abbracciato l’idea di uno Stato laico… L’ideologia laica è diametralmente opposta all’ideologia religiosa. L’ideologia determina posizioni, modalità di comportamento e risoluzioni. Pertanto, sebbene il Movimento di Resistenza Islamico esprima apprezzamento per l’OLP… non può scambiare la natura Islamica presente e futura della Palestina con il pensiero laico… Quando l’OLP adotterà l’Islam come linea guida della vita, sarà allora che diventeremo i suoi soldati e il combustibile del suo fuoco che brucerà i nemici.

Queste parole positive nei confronti dell’OLP non sono riuscite a colmare il divario laico-religioso tra i due movimenti. In effetti, la posizione di Hamas suggerisce che esso ha cercato di governare fin dall’inizio. Pur presentandosi come movimento di liberazione contro l’occupazione, Hamas aveva una chiara visione del futuro della Palestina come Paese islamico in cui l’Islam fosse praticato come stile di vita. Il documento suggeriva anche che il mancato abbraccio all’Islam da parte dell’OLP avrebbe impedito ad Hamas di unirsi a Fatah contro l’occupazione, e persino che non avrebbe combattuto l’occupazione sotto l’ombrello dell’OLP. In realtà, Hamas ha ripetutamente invocato atti di resistenza durante la Prima Intifada, seppure diversi da quelli richiesti dalle fazioni dell’OLP. In risposta, l’OLP ha messo in dubbio il patriottismo di Hamas e ha accusato il movimento di sabotare il consenso nazionale.

Dato che la carta di Hamas non affrontava completamente la posizione dell’organizzazione sull’OLP come legittimo rappresentante del popolo palestinese, Hamas ha successivamente rilasciato dichiarazioni più chiare riguardo ai meccanismi utilizzati per costituire il Consiglio Nazionale Palestinese (PNC) e alla piattaforma politica dell’OLP. Ad esempio, nella risposta dell’aprile 1990 all’invito dell’allora presidente del PNC, Abdul Hamid Al-Sayeh, a partecipare ai preparativi per l’imminente sessione del PNC, Hamas ha chiarito due dei suoi principali disaccordi con l’OLP:

La legittimità della rappresentanza del popolo palestinese da parte dell’OLP è subordinata al fatto che il PNC rifletta il peso rispettivo delle diverse fazioni sulla base di elezioni o di nomine; 

La piattaforma politica dell’OLP non deve essere in contraddizione con le convinzioni del popolo palestinese musulmano, come indicato nella carta di Hamas, che stabilisce che la rinuncia a qualsiasi parte della terra viola la dottrina Islamica e che la separazione della politica dalla religione svuota i movimenti, le istituzioni e le organizzazioni civili di qualsiasi ruolo significativo.

Con il placarsi della Prima Intifada e l’inizio dell’era di Oslo, l’OLP è entrata in uno stato di ibernazione, mentre la carta di Hamas era un documento trascurato a cui nessuno faceva riferimento se non gli studiosi nelle loro ricerche e i politici israeliani nei loro sforzi di condannare Hamas nei forum diplomatici o nei media. Durante gli anni Novanta, Fatah si è preoccupata di gestire l’Autorità Palestinese (AP) sotto l’occupazione e ha messo in disparte l’OLP, mentre Hamas ha intrapreso la resistenza armata, diventando il bersaglio non solo di Israele ma anche delle forze di sicurezza dell’AP.

Il fallimento dei colloqui di Camp David nel 2000 per trasformare l’AP in uno Stato palestinese, oltre allo scoppio della Seconda Intifada, hanno inaugurato una nuova fase in cui le fazioni dell’OLP sono tornate alla resistenza contro l’occupazione insieme ad Hamas e alla Jihad Islamica. Come nel caso della Prima Intifada, la resistenza di questi due gruppi non è stata condotta sotto lo stesso ombrello politico. Tuttavia, i disaccordi interni ai palestinesi erano meno acuti, soprattutto a causa dell’invasione su larga scala delle terre palestinesi da parte del Primo Ministro israeliano Ariel Sharon.

Alla fine della Seconda Intifada, l’OLP era ancora in coma, sebbene vi fossero tentativi di resuscitarla da parte dello stesso Fatah che l’aveva messa in disparte per anni. Ciò è dovuto alla morte del presidente dell’OLP e dell’AP Yasser Arafat, all’elezione di Mahmoud Abbas che si è opposto all’azione militare, al ritiro unilaterale di Israele da Gaza e ai colloqui intra-palestinesi post-Intifada, culminati nella Dichiarazione del Cairo del 2005.

La Dichiarazione del Cairo ha ottenuto un consenso palestinese sulla necessità di rilanciare l’OLP, soprattutto dopo i tentativi israeliani di minare l’AP. I partiti politici riuniti al Cairo ritenevano infatti che mantenere l’irrilevanza dell’OLP equivalesse a un suicidio politico. Nella Dichiarazione si legge che i partecipanti si sono trovati d’accordo sul progetto di:

Sviluppare l’OLP su basi che saranno stabilite consensualmente al fine di includere tutti i poteri e le fazioni palestinesi, poiché l’organizzazione è l’unico rappresentante legittimo del popolo palestinese. A tal fine è stato deciso di formare un comitato per definire queste basi, che sarà composto dal presidente del Consiglio nazionale, dai membri del Comitato esecutivo dell’OLP, dai segretari generali di tutte le fazioni palestinesi e da personalità nazionali indipendenti. Il presidente del Comitato esecutivo convocherà questo comitato.

Per Hamas, la Dichiarazione del Cairo ha rappresentato un chiaro cambiamento rispetto alle sue precedenti posizioni. In parte a seguito della Dichiarazione, ha deciso di partecipare alle seconde elezioni del Consiglio Legislativo Palestinese (PLC), anche se il Consiglio era stato creato come parte degli Accordi di Oslo, che  Hamas considerava un tradimento. In effetti, Hamas si era rifiutato di partecipare alle elezioni del PLC del 1996 e aveva vietato ai suoi membri di farlo. Tuttavia, Hamas ha considerato invalidati gli Accordi di Oslo quando i carri armati di Sharon hanno demolito la sede dell’AP. Ha inoltre attribuito il ritiro di Israele da Gaza alla sua resistenza. Le parti interessate locali e internazionali approvarono o chiusero un occhio sulla partecipazione di Hamas, pensando di addomesticarla e contenerla all’interno dell’Autorità Palestinese, come dichiarato inequivocabilmente dall’allora Consigliere per la Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti Condoleezza Rice.

Anche la Dichiarazione del Cairo si discostava nettamente dalle prime dichiarazioni della Jihad Islamica. Nonostante il fatto che la Jihad Islamica si sia scontrata raramente con l’OLP e Fatah, non essendo un rivale in grado di attrarre elettori, la sua posizione non era molto diversa da quella di Hamas. Il suo fondatore e segretario generale Fathi Shaqaqi ha esposto così la sua posizione:

I punti di debolezza del progetto nazionale palestinese risiedono nella stessa ideologia politica nazionale che escludeva l’Islam. Allo stesso tempo, il movimento islamico tradizionale non è stato coinvolto nella causa palestinese… Coloro che hanno abbracciato l’ideologia Islamica non si sono impegnati in Palestina, mentre coloro che lo hanno fatto (il movimento nazionale) hanno escluso l’Islam dalla loro retorica intellettuale e rivoluzionaria. Noi, invece, abbiamo scoperto che la Palestina era una parte fondamentale del Corano e quindi abbiamo capito che la causa palestinese era centrale per il movimento islamico e per la nazione Islamica e araba (Rifat Sayed Ahmad, Blood Beats the Sword: The Complete Works of Dr. Fathi Al-Shaqaqi, Cairo: Jaffa Center for Studies and Research, 1997, 78).

Oltre gli anni perduti nella divisione

Firmando la Dichiarazione del Cairo, con il suo invito a far rinascere l’OLP sulla base del consenso, Hamas e la Jihad Islamica ritenevano che la questione dell’ideologia dell’OLP e quella dell’adozione dell’Islam fossero state superate. Sulla base di questa dichiarazione, entrambi i movimenti potevano aderire all’OLP, poiché i prerequisiti per l’adesione erano di natura procedurale e non sostanziale.

Tuttavia, gli sviluppi politici successivi hanno ostacolato qualsiasi percorso costruttivo. Nel 2006, Hamas ha vinto le elezioni legislative, ma Fatah, così come gli attori regionali e internazionali, si sono rifiutati di accettare questo risultato e hanno cercato di sabotare il suo governo. Nel 2007, Hamas ha permesso alla sua ala militare di assicurarsi il controllo di Gaza. Da allora, il movimento nazionale palestinese è stato lacerato da lotte intestine e i palestinesi hanno speso la maggior parte delle loro energie politiche per gestire la divisione tra Fatah e Hamas, piuttosto che costruire sui successi della Dichiarazione del Cairo, al fine di rilanciare l’OLP. Il costo per il popolo palestinese e la sua causa è stato a dir poco disastroso.

Gli sviluppi degli ultimi anni hanno reso più possibile considerare una rinascita dell’OLP, anche se ci sono ancora gelosie istituzionali da superare. Ad esempio, si dice che Fatah voglia far rinascere l’OLP per creare un nuovo spazio al di fuori dell’AP che ridimensionerebbe Hamas. Inoltre, si ritiene che Fatah voglia far rinascere l’OLP senza riforme o elezioni – un punto chiave di disaccordo. Ha anche chiesto che Hamas e la Jihad Islamica riconoscano l’OLP come unico rappresentante legittimo del popolo palestinese senza precondizioni, cosa che entrambi i movimenti hanno ripetutamente rifiutato.

Tuttavia, le pressioni su entrambi i movimenti e le trasformazioni regionali associate alle rivolte arabe, al calo del sostegno siriano e iraniano e alla scomparsa dei Fratelli Musulmani in Egitto hanno spinto Hamas e la Jihad Islamica a modificare il loro discorso politico, anche nei confronti dell’OLP.

Il documento di principi e politiche generali di Hamas del 2017 ha sostituito lo statuto originale, affermando che “l’OLP è un quadro nazionale per il popolo palestinese dentro e fuori la Palestina. Dovrebbe quindi essere preservato, sviluppato e ricostruito su basi democratiche così da assicurare la partecipazione di tutti i costituenti e le forze del popolo palestinese, in modo da salvaguardare i diritti dei palestinesi”. Questa dichiarazione indica chiaramente che Hamas sta prestando maggiore attenzione ai quadri democratici e ai diritti politici piuttosto che rifarsi alla sua vecchia letteratura islamista. Questo importante cambiamento può essere utilizzato per facilitare l’adesione di Hamas all’OLP.

Per quanto riguarda la Jihad Islamica, sebbene il suo nuovo documento del 2018 abbia riaffermato che l’OLP non rappresenta l’intero popolo palestinese e deve essere riconfigurato, non ha invocato la retorica di Shaqaqi che richiedeva di basare l’azione nazionale sugli insegnamenti islamici. Ha invece chiesto di ricostruire l’OLP con mezzi democratici. Il rifiuto della Jihad Islamica di firmare la dichiarazione conclusiva degli incontri di Mosca del 2019 era pienamente in linea con il suo documento politico: Rifiuta la descrizione dell’OLP come unico e legittimo rappresentante del popolo palestinese senza alcun riferimento alla necessità di riforme e di elezioni dell’ANP.

Porre fine alla divisione e ricostruire l’OLP

Questo documento ha cercato di mostrare i modi in cui Hamas e la Jihad Islamica hanno evoluto la loro posizione nei confronti dell’OLP come unico rappresentante del popolo palestinese dagli anni ’80 alla Dichiarazione del Cairo del 2005 e alle elezioni rovesciate del 2006. Non ha cercato di affrontare l’impatto di questa divisione sul progetto nazionale palestinese o sul destino del popolo palestinese. Piuttosto, si è concentrato sui significativi spostamenti di Hamas e della Jihad Islamica da un approccio dottrinale alla governance a un approccio democratico. 

Le pressioni sia su Hamas che su Fatah sono aumentate. L’Autorità Palestinese come struttura nazionale è stata erosa e i suoi ruoli puramente funzionali sono aumentati. Hamas e la Jihad Islamica sono in difficoltà a causa dell’assedio, delle trasformazioni regionali e del loro forte impegno nella gestione degli affari pubblici a Gaza, mentre continuano a essere indeboliti in Cisgiordania. Entrambe le fazioni devono inoltre far fronte alle ripercussioni della pandemia di COVID-19.

Forse lo sviluppo più significativo che spinge i palestinesi verso l’OLP è esterno al corpo politico palestinese. Non solo gli annosi tentativi di raggiungere un accordo politico con Israele sono falliti, ma la mossa di Israele di annettere direttamente la Cisgiordania, dopo l’annessione di Gerusalemme Est e del Golan siriano, non ha lasciato nemmeno l’ombra di un possibile accordo negoziale.

Il bisogno dei palestinesi di una leadership efficace e rappresentativa non è mai stato così forte. Attualmente, non esiste un singolo organismo politico che possa affermare di essere l’unico e legittimo rappresentante del popolo palestinese e non ci sono proposte per la creazione di un tale organismo. Tutte le fazioni, comprese Hamas e la Jihad Islamica, riconoscono l’importanza e la necessità di rivitalizzare l’OLP e di recuperarne i poteri e le autorità. Hamas e la Jihad Islamica hanno superato la condizione da loro precedentemente avanzata che l’OLP adottasse l’Islam come stile di vita.

La Dichiarazione del Cairo del 2005 è ancora una solida base per riconvocare le fazioni politiche che costituiscono il nucleo fondamentale dell’OLP. Anche il documento politico di Hamas del 2017 e quello della Jihad Islamica del 2018 contribuiscono alla strada da seguire. Il consenso sulla necessità di riformare e rivitalizzare l’OLP deve portare a un consenso sul metodo di elezione del PNC. È necessario raggiungere un accordo sui meccanismi per le elezioni, laddove possibile, e su altri metodi per garantire la rappresentanza dei palestinesi che non possono partecipare alle elezioni. Il mandato del PNC appena costituito dovrebbe includere la revisione del programma politico dell’OLP e la creazione di comitati per ricostruire e ristrutturare le istituzioni dell’OLP in conformità con tale programma politico – istituzioni che rappresentino tutti i palestinesi.

Il popolo palestinese in patria e in esilio ha dimostrato nel corso di un secolo di essere in grado di ricreare il proprio progetto nazionale di autodeterminazione, libertà e diritti. Questo documento offre un modesto contributo mostrando che alcuni elementi di base sono presenti e possono – e devono – essere utilizzati senza indugio.

Questo commento è  l’estratto di un rapporto più ampio, “Reclaiming the PLO, Re-engaging Youth“, pubblicato nell’agosto 2020. Per maggiori informazioni sui contenuti e sui collaboratori, si rimanda all’introduzione del rapporto 2020.

Belal Shobaki, membro di Al-Shabaka Policy, è direttore del Dipartimento di Scienze politiche dell’Università di Hebron, in Palestina. È membro dell’American Political Studies Association e ha pubblicato su Islam politico e identità. Shobaki è l’ex caporedattore del giornale Alwaha in Malesia. È stato anche docente presso il Dipartimento di Scienze politiche dell’Università Nazionale di An-Najah e capo dell’Unità Studi del Centro palestinese per la democrazia e gli studi.

Non sempre AssoPacePalestina condivide gli articoli che pubblichiamo, ma pensiamo che opinioni anche diverse possano essere utili per capire.

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio