Come si è svolta l’incursione israeliana contro un gruppo a sostegno dei diritti dei palestinesi

Set 18, 2022 | Notizie

di Miriam Berger,  

The Washington Post, 16 settembre 2022.  

Uno screenshot tratto dalle riprese delle telecamere a circuito chiuso di un’incursione israeliana nell’ufficio del gruppo palestinese per i diritti umani Al Haq, il 18 agosto, mostra i soldati che si scattano dei selfie, a destra. (Per gentile concessione di Forensic Architecture)

Si vedono i soldati sfondare le porte e rovistare tra i documenti. Si scattano selfie con disinvoltura e distribuiscono beffardamente biglietti da visita.

I filmati delle telecamere a circuito chiuso di un raid israeliano del mese scorso contro il principale gruppo palestinese per i diritti umani gettano nuova luce sull’operazione e mettono in discussione la narrazione ufficiale sui motivi per cui l’organizzazione è stata presa di mira.

L’incursione del 18 agosto alle prime ore del mattino nell’ufficio di Ramallah di Al Haq, così come in quello di altri sei organizzazioni per la difesa dei diritti, ha provocato un contraccolpo diplomatico e una condanna internazionale dell’inasprimento delle restrizioni imposte da Israele alla società civile palestinese.

Israele ha designato sei delle organizzazioni come sostenitori del terrorismo nell’ottobre 2021, sostenendo che avessero legami con il Fronte Palestinese per la Liberazione della Palestina (PFLP), che ha organizzato attacchi mortali contro Israele. Al Haq e gli altri gruppi hanno respinto le accuse, accusando Israele di averli presi di mira per il loro lavoro di documentazione di presunti abusi contro i palestinesi.

“L’occupazione israeliana ha fatto cose peggiori dell’irruzione in Al Haq”, ha detto Michael Sfard, un avvocato israeliano che rappresenta il gruppo in due procedimenti contro la sua designazione come organizzazione terroristica. “Ma c’è qualcosa con cui si  superara il limite nel colpire le organizzazioni che criticano i centri di potere. È il massimo della sottomissione e del dominio”.

Attivisti palestinesi appendono uno striscione che chiede solidarietà alle sei organizzazioni della società civile presso la sede di Al Haq, nella città cisgiordana di Ramallah. (Atef Safadi/EPA-EFE/Shutterstock)

Il giorno del raid di agosto, le missioni diplomatiche di 17 Paesi, per lo più europei, tra cui Gran Bretagna e Francia, e le Nazioni Unite, hanno condannato l’operazione israeliana e si sono riunite presso l’ufficio di Al Haq in segno di solidarietà. L’Ufficio statunitense per gli Affari palestinesi a Gerusalemme non ha partecipato.

Il mese precedente, nove Stati membri dell’Unione Europea avevano dichiarato che avrebbero rimandato la sospensione dei fondi ad Al Haq dopo che Israele non aveva fornito prove sufficienti del suo sostegno al PFLP.

Il gruppo di studio Forensic Architecture, che ha sede presso l’Università di Londra e gestisce un’unità investigativa in collaborazione con Al Haq, ha mappato e sincronizzato i filmati dell’irruzione dalle quattro telecamere a circuito chiuso dell’ufficio e li ha condivisi in esclusiva con il Washington Post.

“Il filmato mostra una vera e propria contraddizione tra ciò che il Ministero della Difesa [israeliano] dice che Al Haq e le organizzazioni per i diritti umani che lo seguono sono, e il modo in cui i suoi soldati si comportano sul campo”, ha dichiarato il ricercatore principale del rapporto, che ha parlato a condizione di anonimato per timore di un eventuale attacco da parte delle autorità israeliane.

L’ufficio principale di Al Haq si trova nel centro di Ramallah, la capitale palestinese de facto della Cisgiordania occupata da Israele. La città è controllata dall’Autorità Palestinese, ma l’esercito israeliano vi conduce operazioni armate.

I filmati delle telecamere a circuito chiuso hanno ripreso l’arrivo di almeno nove veicoli militari israeliani con a bordo più di una dozzina di soldati alle 3 del mattino. I soldati possono essere visti sfondare la porta di una chiesa episcopale al primo piano dell’edificio prima di fare irruzione nell’ufficio di Al Haq poco dopo le 3:20. I soldati sono rimasti all’interno per più di un’ora.

Il filmato li mostra mentre frugano tra i documenti di una scrivania e di un armadietto e si introducono negli uffici, tra cui quello del direttore, e nella sala informatica e dei server. Hanno registrato gli eventi sui loro smartphone e hanno scattato selfie e altre fotografie insieme. A un certo punto, un soldato ha fatto girare i biglietti da visita di Al Haq dalla reception. Altri sembravano chiacchierare con disinvoltura mentre si aggiravano per i corridoi dalle pareti bianche dell’ufficio.

Le forze israeliane hanno interrotto l’alimentazione e l’accesso alle telecamere a circuito chiuso interne circa 40 minuti dopo l’inizio dell’incursione, ha dichiarato la Forensic Architecture, lasciando circa 20 minuti senza alcun riscontro.

Uno screenshot tratto da un filmato delle telecamere a circuito chiuso di un’incursione israeliana nell’ufficio del gruppo palestinese per i diritti umani Al Haq. (Per gentile concessione di Forensic Architecture)

Le telecamere esterne hanno ripreso i soldati mentre prendevano una grande lastra di metallo da un camion e la saldavano per chiudere la porta d’ingresso. Hanno usato la stessa tattica per sigillare le porte d’ingresso delle altre organizzazioni perquisite quella mattina, tra cui Defense for Children International-Palestine, Union of Palestinian Women’s Committees, Bisan Center for Research and Development e Addameer, che si occupa dei prigionieri palestinesi.

“Tutte le organizzazioni in questione operano sotto copertura e per conto del PFLP in Giudea e Samaria, così come all’estero”, ha dichiarato il Ministero della Difesa in un comunicato al momento del raid, usando il nome israeliano per la Cisgiordania.

Forensic Architecture ha già analizzato in precedenza filmati di demolizioni di case israeliane, attacchi a Gaza e altri episodi di violenza contro i palestinesi. Ma il ricercatore ha dichiarato che questa è la prima volta che vede un filmato di un raid militare così dettagliato.

Un dipendente di Al Haq, che ha parlato a condizione di anonimato per proteggere la sua sicurezza, ha detto che sembra che nessun documento fisico sia stato preso dall’ufficio, anche se non può esserne certo. I lavoratori sono tornati in ufficio, ma restano preoccupati per la sorveglianza e la sicurezza digitale.

“Non è ancora un ambiente sicuro”, ha detto il dipendente. “Non conosciamo davvero l’entità dei danni in termini di infiltrazioni, cimici e cose del genere”.

“È stata un’operazione militare contro un’organizzazione della società civile”, hanno aggiunto. “In quale distopia sto vivendo?”.

Il portavoce del Dipartimento di Stato, Ned Price, ha dichiarato ai giornalisti dopo il raid di agosto che gli Stati Uniti erano “preoccupati” per le chiusure e avevano “trasmesso il messaggio che ci deve essere un limite molto alto per prendere provvedimenti contro le organizzazioni della società civile”.

Price ha dichiarato ai giornalisti questa settimana che Israele ha recentemente fornito ulteriori informazioni e che stanno “continuando a rivederle”.

Le Nazioni Unite hanno condannato il raid e la designazione di Al Haq come organizzazione terroristica, affermando che “non è stato accompagnato da alcuna prova concreta e credibile”.

Un uomo palestinese è visto attraverso la finestra rotta dell’ufficio di Al Haq nella città cisgiordana di Ramallah. Le forze israeliane hanno fatto irruzione negli uffici di sei organizzazioni della società civile palestinese dopo averle dichiarate “organizzazioni terroristiche”. (Atef Safadi/EPA-EFE/Shutterstock)

Al Haq non accetta fondi dall’Agenzia degli Stati Uniti per lo Sviluppo Internazionale in segno di protesta per il sostegno statunitense all’occupazione militare dei territori palestinesi da parte di Israele.

“Purtroppo, non abbiamo visto gli Stati Uniti impegnarsi in alcun modo per i diritti umani o per la protezione dei difensori dei diritti umani, né tantomeno preoccuparsi della democrazia e del diritto internazionale”, ha dichiarato il collaboratore di Al Haq.

Al Haq ha ricevuto diversi premi internazionali. L’organizzazione documenta anche i presunti abusi commessi dall’Autorità palestinese e da Hamas, il gruppo militante che controlla la Striscia di Gaza.

Sfard, l’avvocato israeliano di Al Haq, ha dichiarato che le cause legali si sono trascinate per mesi e che Israele si è ripetutamente rifiutato di fornire le prove che dice di avere contro il gruppo. I suoi appelli sono stati respinti e l’avvocato ha dichiarato di essere stato minacciato di scontare sette anni di carcere per aver rappresentato un gruppo terroristico senza l’approvazione del governo.

L’esercito “probabilmente farà un’altra incursione”, ha detto il collaboratore di Al Haq. “È solo una questione di tempo, a meno che non ci sia una responsabilità per le loro azioni”.

https://www.washingtonpost.com/world/2022/09/16/israel-al-haq-raid-palestinians/?fbclid=IwAR0LybWka4FjhoAeVy88keBIyrsOX6qxX2dcw4xZ2y-3NiZcLw28cqAVNI8

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

1 commento

  1. Sebastiano Comis

    Il problema è che i crimini commessi da Israele nei confronti del popolo palestinesi non si sommano tra loro fino a formare un macigno che pesi in modo insostenibile sulla coscienza dei paesi occidentali, e in particolare dell’Europa. Per una qualche misteriosa ragione i delitti commessi da Israele hanno vita brevissima, come particelle subatomiche: pochi giorni, una settimana o due al massimo e poi si dissolvono, si nebulizzano, perdono peso e consistenza. Quando viene commesso il crimine successivo, quello precedente è già scomparso, perso di vista, dimenticato, cancellato, e Israele può ripresentarsi sulla scena politica internazionale come l’unica democrazia del M.O. che esercita con moderazione il suo diritto di difendersi dai terroristi arabi.

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio