Diritti umani, Israele contro le Nazioni Unite: un giro di vite che non risparmia nessuno.

Set 6, 2022 | Notizie

di Riccardo Noury ,

https://www.ilfattoquotidiano.it, 5 settembre 2022

Da due anni, ormai, le autorità israeliane rifiutano di rinnovare o emettere nuovi visti per il personale dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani nei Territori palestinesi occupati. Nel 2020 – come ha reso noto in un comunicato stampa Michelle Bachelet, l’Alta commissaria che ha terminato il suo mandato il 31 agosto – i 15 funzionari del suo ufficio non hanno avuto altra scelta se non andarsene, interrompendo 26 anni di presenza sul campo. Da allora, ogni richiesta di rinnovo o emissione dei visti è stata respinta. Questa situazione, se non impedisce alle Nazioni Unite di continuare a monitorare la situazione dei diritti umani, la dice lunga sulla crescente ostilità delle autorità israeliane nei confronti della presenza di “occhi e orecchie” sul campo.

Da due anni, ormai, le autorità israeliane rifiutano di rinnovare o emettere nuovi visti per il personale dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani nei Territori palestinesi occupati. Nel 2020 – come ha reso noto in un comunicato stampa Michelle Bachelet, l’Alta commissaria che ha terminato il suo mandato il 31 agosto – i 15 funzionari del suo ufficio non hanno avuto altra scelta se non andarsene, interrompendo 26 anni di presenza sul campo. Da allora, ogni richiesta di rinnovo o emissione dei visti è stata respinta. Questa situazione, se non impedisce alle Nazioni Unite di continuare a monitorare la situazione dei diritti umani, la dice lunga sulla crescente ostilità delle autorità israeliane nei confronti della presenza di “occhi e orecchie” sul campo.

Ma il giro di vite del governo israeliano non riguarda solo le Nazioni Unite. Ha colpito anche le organizzazioni non governative internazionali per i diritti umani, come Amnesty International e Human Rights Watch, soprattutto dopo che hanno accusato le autorità israeliane di praticare un sistema di apartheid nei confronti dei palestinesi.

Soprattutto, si è abbattuto sulle organizzazioni della società civile palestinese. Il 18 agosto l’esercito israeliano ha fatto irruzione nelle sedi di sette Ong palestinesi (sei delle quali hanno stretti legami di collaborazione con la società civile italiana), causando gravi danni alle loro proprietà e imponendo la chiusura dei loro uffici. Questo grave atto era stato preceduto, alla fine del 2021, dalla designazione ufficiale delle sette Ong come “terroristiche” e “illegali”senza alcuna prova concreta a loro carico.

Il 24 agosto l’azione repressiva israeliana è stata condannata dagli esperti e dalle esperte delle Nazioni Unite sui diritti umani, prima tra tutte Francesca Albanese, relatrice speciale sulla situazione dei diritti umani nei Territori palestinesi occupati dal 1967.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2022/09/05/diritti-umani-israele-contro-le-nazioni-unite-un-giro-di-vite-che-non-risparmia-nessuno/6786615/

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio