Mandato biblico: gli evangelici statunitensi dietro l’ultima appropriazione dei terreni in Cisgiordania

Set 1, 2022 | Notizie

di Judy Maltz

Haaretz, 22 agosto 2022.  

L’organizzazione no-profit Hayovel spera di piantare 3.000 alberi in Cisgiordania entro la fine dell’anno ed è già quasi a metà strada. Tuttavia, i terreni da coltivare sembrano appartenere principalmente a contadini palestinesi.

Il cartello del Progetto Greening Israel in Cisgiordania, di fronte all’insediamento di Har Bracha.Credit: Judy Maltz

Guardando verso sud dall’insediamento di Har Bracha, in Cisgiordania, e attraversando la valle, si nota un’ampia macchia verde sul pendio altrimenti arido. Se non fosse stato per il cartello di legno dipinto di fresco che accoglie i visitatori in questo belvedere, sarebbe stato difficile capire esattamente cosa vi crescesse.

Il cartello rivela che si tratta di una foresta finanziata da una televisione cristiana norvegese, Vision Norway. Questa foresta fa parte del progetto Greening Israel, una nuovissima iniziativa volta a coprire le montagne e le colline della Cisgiordania con centinaia di migliaia di alberi.

Le grandi lettere in grassetto alla base del cartello indicano il nome dell’organizzazione che sta dietro a questo ambizioso progetto: Hayovel.

Fondata e gestita da evangelici statunitensi, Hayovel è stata per molti anni fortemente schierata con il movimento dei coloni israeliani. Finora, però, la maggior parte dei suoi sforzi si è concentrata sul reclutamento di volontari cristiani per la raccolta dell’uva nei vigneti di proprietà ebraica negli insediamenti.

Greening Israel è il primo progetto autonomo dell’organizzazione in Cisgiordania.

Per procedere con la prossima grande fase, Hayovel ha recentemente lanciato una campagna di raccolta fondi. Secondo l’ultimo aggiornamento inviato alla sua mailing list, l’organizzazione è quasi a metà strada dall’obiettivo di raccogliere fondi sufficienti per piantare 3.000 alberi in Cisgiordania entro la fine dell’anno.

Il piano successivo prevede di piantare 20.000 alberi – equivalenti a circa 100 ettari di terreno – ogni anno in siti “situati in tutta la catena montuosa centrale di Israele nelle regioni di Giudea e Samaria [la Cisgiordania]”, secondo il sito web del progetto.

Hayovel è registrata come 501c3 no-profit negli Stati Uniti, il che significa che tutte le donazioni a questo progetto sono detraibili dalle tasse.

La foresta finanziata dai norvegesi nella prima fase di questo progetto viene descritta come un “terreno di prova”. Circa 2.000 alberi assortiti sono stati piantati lì due anni fa, per vedere quali si sarebbero adattati meglio al terreno arido. Sono stati coinvolti esperti stranieri per consulenze e circa 100 volontari cristiani da tutto il mondo hanno partecipato alla semina.

Una vista della foresta di fronte all’insediamento di Har Bracha, in Cisgiordania.Credit: Judy Maltz

Ma questa terra non è di proprietà di questi evangelici. Non appartiene nemmeno ai coloni di Har Bracha. Praticamente l’intero appezzamento, secondo uno dei maggiori esperti israeliani di terreni della Cisgiordania, appartiene ai contadini palestinesi del villaggio di Burin, situato proprio a est della foresta.

“Nei miei 20 anni di lavoro in Cisgiordania, ho affrontato innumerevoli casi di ebrei che rubano la terra palestinese, ma mai prima d’ora era successo che a farlo fossero i cristiani provenienti dagli Stati Uniti”, ha dichiarato il fondatore di Kerem Navot, Dror Etkes, la cui organizzazione no-profit monitora e studia la politica fondiaria israeliana in Cisgiordania.

Etkes è in grado di fare questa affermazione sulla base delle informazioni che la sua organizzazione ha ottenuto dall’Amministrazione civile (l’autorità israeliana che attua la politica civile in Cisgiordania) attraverso un’indagine sulla legge sulla libertà d’informazione, oltre alle foto aeree che l’organizzazione ha commissionato nel corso degli anni.

Come prassi, l’Amministrazione civile, che opera sotto gli occhi del Coordinatore delle Attività Governative nei Territori (COGAT) dell’esercito israeliano, non risponde alle domande relative alla giurisdizione sui terreni della Cisgiordania.

Secondo Etkes, le foto aeree indicano che il terreno in questione è stato coltivato in modo intensivo fino alla seconda intifada, all’inizio degli anni 2000.

“Chiaramente, il motivo per cui è rimasta incolta negli ultimi anni – e, quindi, ideale per un’appropriazione di terra di questo tipo – è che ai proprietari palestinesi è stato negato l’accesso alla loro terra, sia dai coloni di Har Bracha che dall’esercito israeliano”, ha affermato.

Una fotografia aerea commissionata da Kerem Navot, sovrapposta a una mappa fornita all’organizzazione dall’Amministrazione civile. L’immagine mostra che la foresta, delimitata in rosso, non fa parte delle terre dichiarate di proprietà dello Stato.Credit: Kerem Navot

Una delle domande presenti nella sezione FAQ del nuovo sito web di Greening Israel è se Hayovel ha diritti legali sulla terra dove vengono piantati gli alberi.

Questa è stata la risposta di Hayovel: “Non possediamo nessuno dei terreni dove piantiamo gli alberi. Lavoriamo a stretto contatto con i singoli agricoltori, le comunità ebraiche locali e le amministrazioni comunali. La maggior parte dei siti forestali del Progetto Greening Israel si trova su terreni di proprietà e controllati dallo Stato di Israele”.

Non è affatto così, ha dichiarato Etkes, che la settimana scorsa ha visitato il sito con questo reporter per confermare le sue scoperte iniziali. Secondo i suoi calcoli, al massimo il 10% della foresta si trova su “terra di Stato” – il termine usato per indicare la terra della Cisgiordania dichiarata tale da Israele e che spetta ad Israele amministrare.

Alla richiesta di un commento, una portavoce del COGAT ha dichiarato che le piantagioni su terreni statali oltre la Linea Verde (la linea di demarcazione armistiziale precedente alla Guerra dei Sei Giorni che separa Israele dalla Cisgiordania) sono vietate senza il permesso dell’Amministrazione Civile. “Nel caso a cui lei fa riferimento, non siamo mai stati contattati”, ha detto.

Ma il fondatore di Hayovel, Tommy Waller, ha dichiarato questa settimana in una conversazione con Haaretz che “ovviamente” ha avuto il permesso “da molte fonti diverse e da molte agenzie diverse”. Non ha voluto specificare quali.

“Non stiamo semplicemente uscendo e prendendo qualsiasi terreno vogliamo”, ha detto.

Quando gli è stato chiesto se fosse a conoscenza del fatto che la maggior parte del terreno vicino ad Har Bracha, dove era stata piantata la foresta sperimentale, era di proprietà privata dei palestinesi di Burin, ha risposto: “Dal nostro punto di vista, non hanno giurisdizione su quella terra”.

Davanti ad una mappa dell’area, Bashar Eid, residente a Burin, è stato in grado di nominare diverse famiglie, tra cui la sua, i cui terreni, a suo dire, sono stati destinati alla foresta. “Più di un ettaro di terreno là fuori è mio”, ha detto, “ma non ho più modo di raggiungerli”.

Waller ha detto che la sua organizzazione non ha ancora definito con esattezza il luogo dove hanno pianificato di piantare ulteriori foreste, ma ha insistito sul fatto che si terrà lontano dalle aree coltivate.

“Non voglio che pensiate che siamo una sorta di persone malvagie che vogliono fare del male ai palestinesi”, ha detto. “Non è quello che siamo. Noi ci occupiamo solo della terra. Per noi, vedere la terra rivivere è ciò di cui hanno parlato i profeti, e questo è come un mandato biblico per noi”.

Sebbene Hayovel non si sia mai preoccupata di ottenere i permessi necessari per il progetto Greening Israel dalle parti interessate, come rivela questa indagine, l’organizzazione ha promesso ai finanziatori che i loro alberi saranno piantati entro sei mesi dal giorno in cui hanno ricevuto la loro donazione. L’organizzazione chiede 25 dollari per ogni albero.

Cani da guardia, operazioni dell’esercito

Con sede a Patterson, nel Missouri, negli ultimi 15 anni Hayovel ha portato migliaia di volontari evangelici – soprattutto dagli Stati Uniti – negli insediamenti della Cisgiordania. L’organizzazione ha un campus a Har Bracha, dove Waller e la sua famiglia vivono e dove i volontari vengono ospitati.

L’organizzazione lavora solo nel “cuore della terra biblica”, come preferisce descrivere la Cisgiordania. Sebbene la maggior parte della comunità internazionale non consideri la Cisgiordania parte di Israele, Hayovel descrive la sua missione, nei moduli depositati presso l’Internal Revenue Service statunitense, come “servire e sostenere le comunità agricole in Israele”.

In un comunicato stampa di qualche mese fa, in cui presentava il progetto Greening Israel, Hayovel ha sottolineato che ciò che lo distingue da altri progetti forestali in Terra Santa è che gli altri si sono astenuti dal piantare alberi vicino agli insediamenti “a causa della politica e delle pressioni internazionali”.

“Una delle principali convinzioni di Hayovel è che la Giudea e la Samaria fanno parte del cuore biblico di Israele, ed è per questo che stiamo concentrando i nostri sforzi di piantagione di alberi proprio in queste aree”, si legge.

Secondo Etkes, è inconcepibile che Hayovel possa realizzare un progetto di questa natura senza il sostegno e la collaborazione dei coloni di Har Bracha. Ma, interpellato da Haaretz, Yaakov Weinberger, il portavoce di questo insediamento militante della Cisgiordania, ha dichiarato di non aver mai sentito parlare di Greening Israel.

Volontari di Hayovel al lavoro su un vigneto in Cisgiordania, 2018Credit: Kyle S Mackie

“Ho dovuto fare una ricerca su Google per capire di cosa stavate parlando”, ha detto. “Conosco le persone di Hayovel. Sono persone fantastiche, ma questo non è il nostro progetto e non è stato fatto in coordinamento con noi”.

Al momento del lancio, Hayovel ha pubblicato un documentario di 30 minuti a scopo di raccolta fondi. Il filmato racconta vari tentativi da parte di estranei di sradicare gli alberi e bruciare la foresta piantata di fronte a Har Bracha. Per prevenire ulteriori atti di sabotaggio, nel dicembre 2020 il gruppo cristiano ha acquistato due cani da guardia.

Quando, qualche settimana dopo, questi cani sono scomparsi, i Waller hanno chiesto ai soldati israeliani di entrare a Burin nel cuore della notte per cercarli. Il film documenta che i Waller ricevono aggiornamenti in diretta dai militari sui progressi dell’operazione. I cani non furono mai ritrovati.

Documentario di Hayovel (è possibile aiutarsi con i sottotitoli in inglese)

Quando gli è stato chiesto se l’organizzazione chiede spesso all’esercito di entrare nei villaggi palestinesi per conto loro, il patriarca della famiglia ha risposto che questo caso non ha precedenti. “È stata una situazione unica”, ha detto, aggiungendo che i suoi figli erano molto turbati per aver perso i loro cani.

Alla richiesta di un commento, l’ufficio del portavoce dell’IDF ha dichiarato: “A causa del tempo trascorso, non siamo stati in grado di trovare dettagli su questo incidente. Le forze dell’IDF operano in Giudea e Samaria secondo le loro valutazioni della situazione e in base a considerazioni operative volte a fornire sicurezza ai residenti dell’area”.

https://www.haaretz.com/israel-news/2022-08-22/ty-article/.highlight/biblical-mandate-the-u-s-evangelicals-behind-the-latest-west-bank-land-grab/00000182-c64e-d6fa-abbe-d74f90570000

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio