Perché un’organizzazione universitaria pro-Israele sta portando gli studenti ebrei a Ramallah

Ago 29, 2022 | Notizie

di Judy Maltz,

Haaretz, 25 agosto 2022. 

Questo mese Hillel ha portato quasi 50 studenti universitari statunitensi in Israele e in Cisgiordania, per “offrire loro prospettive multiple”. Cosa hanno portato a casa gli studenti da questa esperienza?

Alcuni dei 48 partecipanti al programma inaugurale Israeli Insight Fellowship, sul Monte del Tempio a Gerusalemme. Credit: Courtesy of Hillel International

All’inizio di questo mese, Hillel ha portato 48 studenti universitari statunitensi in un viaggio che non ci si aspetterebbe da un’organizzazione spesso accusata di essere troppo “pro-Israele” per essere sponsorizzata.

L’organizzazione, che promuove la vita ebraica nei campus universitari, è uno dei principali coordinatori dei viaggi Birthright in Israele. Ma questo viaggio era qualcosa di completamente diverso.

I partecipanti hanno visitato la città cisgiordana di Ramallah, dove hanno incontrato uomini d’affari palestinesi. Hanno visitato la città di Kafr Qara, nel nord di Israele, dove hanno ascoltato i cittadini arabi su cosa significhi essere una minoranza in uno Stato ebraico. A Gerusalemme, infine, hanno organizzato una visita al Monte del Tempio e un tour dei quartieri musulmani e cristiani della Città Vecchia.

Lo scopo di questo nuovissimo programma – chiamato Israeli Insight Fellowship – non era solo quello di esporli alle voci palestinesi, ma anche a quelle dei diversi estremi dello scenario ebraico. Per esempio, durante una visita all’Area C della Cisgiordania, che è sotto il completo controllo israeliano, hanno ascoltato sia i coloni radicali che un attivista anti-occupazione.

Alcuni dei partecipanti al programma inaugurale Israeli Insight Fellowship. Credit: Courtesy of Hillel International

“Siamo stati molto espliciti sul fatto che non si trattava di un viaggio Birthright“, ha detto il rabbino Benjamin Berger, vicepresidente per l’educazione ebraica di Hillel International (l’organizzazione madre degli Hillel universitari). “Non era assolutamente un viaggio per chi si reca per la prima volta in Israele. Lo scopo era quello di porre a questi studenti domande impegnative e di presentare loro molteplici prospettive”.

I 48 partecipanti, provenienti da università e college di tutto il Nord America, sono stati scelti uno ad uno. “Cercavamo studenti che fossero impegnati nella vita ebraica e in Israele, studenti che fossero considerati di mentalità aperta, pronti ad ascoltare e a guidare”.

A loro si è unito per tutti gli otto giorni del viaggio un gruppo di 12 studenti universitari israeliani.

E sono arrivati al momento opportuno, atterrando un giorno dopo la proclamazione del cessate il fuoco nell’ultimo conflitto tra Israele e Gaza. Ma questo non era assolutamente previsto.

In realtà, il viaggio avrebbe dovuto svolgersi esattamente un anno fa, sull’onda degli eventi del maggio 2021: la mini-guerra tra Israele e Hamas e le violenze scoppiate contemporaneamente nelle città israeliane miste ebraico-arabe.

“All’epoca gli studenti ci parlavano dell’enorme ondata di disinformazione sui social media e del loro desiderio di comprendere più a fondo ciò che stava accadendo”, ha ricordato Berger. Il viaggio è stato annullato a causa delle restrizioni per il COVID-19, così come un secondo viaggio, per ragioni simili, che era stato programmato per la fine di dicembre.

Tre anni fa, J Street – il movimento statunitense che si definisce “pro-Israele” e “pro-pace” – ha fatto qualcosa di simile. Ha portato 40 giovani ebrei americani in un tour “Birthright alternativo” con l’obiettivo di fornire loro un quadro più equilibrato del conflitto israelo-palestinese che non ignorasse la narrazione palestinese.

Ma l’organizzazione non ha mai dato seguito al suo progetto di organizzare altri viaggi di Let My People Know nella regione.

Partecipanti di Hillel in visita al Centro Culturale Greco di Gerusalemme.Credit: Courtesy of Hillel International

Vedere le cose di persona

Il nuovo viaggio di Hillel vanta un itinerario simile, ma sembra avere uno scopo un po’ diverso da quello concepito da J Street: Questa versione sembra non avere tanto lo scopo di convincere gli studenti universitari ebrei della legittimità della narrazione palestinese, quanto quello di fornire loro strumenti migliori per difendere Israele nei campus.

Jordan Robinson, un partecipante di 21 anni che ha recentemente iniziato i suoi studi universitari alla Wayne State University di Detroit, ha detto che l’esperienza non ha cambiato realmente il suo punto di vista su Israele e sul conflitto. “Ma ora mi sento più a mio agio come attivista nel campus”, ha detto. “Ora ho più informazioni ed esperienze da cui attingere, in modo da poter affrontare le discussioni con fiducia, perché ho assistito alle cose in prima persona”, ha aggiunto.

O come ha detto Rachel Cusnir, 19 anni, studentessa al secondo anno dell’Università del Michigan: “Mi ha dato la possibilità di dire: “Sì, ho visto cosa succede lì””.

L’esperienza sembra essere stata un po’ diversa per Sarah Austin, 21enne all’ultimo anno della Cornell University, che ha detto di esser stata influenzata rispetto alla sua visione del conflitto. “Mi sono resa conto che non si tratta di un conflitto in bianco e nero, e il viaggio mi ha aperto la mente sul fatto che è molto più grigio di quanto avessi mai immaginato”.

Nel 2010, Hillel International ha istituito delle linee guida che vietavano di ospitare o collaborare con organizzazioni ritenute anti-Israele. Un gruppo di studenti progressisti, infastiditi da quello che ritenevano un tentativo di soffocare il discorso su Israele, ha reagito creando un contromovimento chiamato Open Hillel.

Quando gli è stato chiesto se il nuovo programma fosse destinato a rispondere ad alcune delle critiche rivolte a Hillel negli ultimi anni, Berger ha risposto: “Hillel è una rete molto ampia. Ci definiamo pluralisti e teniamo molto al nostro pluralismo e crediamo che all’interno di questo contenitore sia compreso ogni tipo di prospettiva. Siamo anche impegnati nel sionismo e crediamo che gli studenti abbiano una grande capacità di gestire la complessità e le sfumature e di abbracciare una comprensione più profonda di ciò che è Israele. Ecco cosa c’era dietro questo viaggio. Non si trattava di critiche o di movimenti alternativi. È stato perché abbiamo fiducia nei nostri studenti e crediamo che educarli sia un modo per aiutarli a crescere nel loro impegno verso Israele”.

Gli studenti di Hillel si mettono in viaggio durante il loro tour in Cisgiordania e Israele all’inizio del mese. Credit: Courtesy of Hillel International

Come Birthright, l’Israel Insight Fellowship è un viaggio gratuito; il primo gruppo è stato finanziato dalla Crown Family Philanthropies di Chicago. Il piano, secondo Berger, è di trasformarlo in un programma continuativo.

Anche se non ha ancora ottenuto i finanziamenti per i viaggi futuri, Berger ha detto che spera nei prossimi anni di “portare molti studenti, persino centinaia di studenti, in esperienze come questa”.

https://www.haaretz.com/israel-news/2022-08-25/ty-article/.highlight/why-a-pro-israel-campus-organization-is-bringing-jewish-students-to-ramallah/00000182-d520-d9c0-a3d3-fd32b5fb0000

Traduzione a cura di AssoPacePalestina.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio