Pieno sostegno: Smotrich, Netanyahu dell’opposizione, appoggiano l’operazione su Gaza; la lista comune la boccia

Ago 9, 2022 | Notizie

di TOI STAFF,

The Times of Israel, 5 agosto 2022.

I deputati arabi denunciano i “crimini di guerra” nella Striscia, altri politici però approvano fortemente l’offensiva militare dopo giorni di minacce della Jihad islamica al Sud.

Benjamin Netanyahu, leader dell’opposizione

Politici israeliani di quasi tutto lo scenario politico hanno espresso venerdì il loro sostegno all’operazione militare israeliana lanciata nella Striscia di Gaza, tra cui i principali rivali nell’opposizione del Primo Ministro Yair Lapid.

Il leader dell’opposizione Benjamin Netanyahu ha concentrato il suo sostegno sulle forze di sicurezza piuttosto che sul governo, twittando: “Offro il mio sostegno all’IDF e alle nostre forze di sicurezza. Vi amiamo e preghiamo per il vostro successo”.

Ma il capo del partito di estrema destra Sionismo Religioso, MK Bezalel Smotrich, ha scritto in un messaggio indirizzato a Lapid: “Signor Primo Ministro, c’erano e ci sono molte divergenze di opinione tra noi sul governo, sulla sua costituzione e sul suo funzionamento.

“In questo momento, lei ha il nostro pieno sostegno per un attacco esteso contro il nemico… una continua chiusura a causa delle minacce della Jihad islamica è inaccettabile. Attaccate con forza e determinazione, avete il pieno appoggio dell’opposizione”.

La Lista congiunta della maggior parte dei partiti arabi, tuttavia, ha criticato l’operazione, accusando Israele di crimini di guerra e sostenendo che Lapid ha agito per aumentare la sua posizione politica in vista delle elezioni di novembre.

Israele ha annunciato l’inizio di un’operazione militare nella Striscia di Gaza nel pomeriggio di venerdì, con attacchi multipli contro obiettivi del gruppo terroristico della Jihad islamica palestinese, con i leader che hanno affermato che le azioni sono state necessarie dopo che il gruppo si è rifiutato di fare marcia indietro sulle sue intenzioni di compiere attacchi contro il Paese. Il PIJ aveva minacciato da martedì di attaccare in risposta al recente arresto del suo leader in Cisgiordania, causando giorni di chiusura delle strade e delle comunità nelle aree vicine al confine sotto immediata minaccia.

In una dichiarazione rilasciata al momento del lancio dell’operazione, Lapid e il ministro della Difesa Benny Gantz hanno affermato che “il governo israeliano non permetterà alle organizzazioni terroristiche di stabilire il programma nelle città vicine alla Striscia di Gaza e di minacciare i cittadini di Israele”.

Lapid ha dichiarato: “Chiunque cerchi di danneggiare Israele deve sapere che lo raggiungeremo. Le forze di sicurezza agiranno contro i terroristi della Jihad islamica, per allontanare la minaccia dai cittadini di Israele”, ha aggiunto.

Bezalel Smotrich, leader di Sionismo Religioso

Gantz ha aggiunto: “Il compito è quello di proteggere le città israeliane e i cittadini di Israele. Non permetteremo a nessuno di minacciare o danneggiare i cittadini di Israele. Chiunque ci provi, sarà colpito”.

Il primo ministro supplente Naftali Bennett ha augurato “uno Shabbat sicuro per i residenti del sud” su Twitter, offrendo il suo sostegno all’IDF e aggiungendo: “In giorni come questo, siamo tutti uniti”.

Il presidente Isaac Herzog ha dichiarato di “abbracciare e offrire forza all’IDF e ai combattenti nella guerra contro il terrorismo” e ha espresso la speranza di “uno Shabbat sicuro e protetto”.

Il leader del partito laburista Merav Michaeli ha dichiarato che “i residenti israeliani meritano di vivere in sicurezza. Nessun Paese sovrano accetterebbe che un gruppo terroristico assediasse i suoi residenti”.

Il Ministro degli Interni Ayelet Shaked ha dichiarato a Canale 12 che la Jihad islamica “ha cercato di portare la vita ad un punto morto nelle comunità di confine con Gaza e non eravamo disposti a permettere che ciò accadesse”.

Per contro, diversi legislatori arabi hanno criticato l’operazione israeliana.

Il presidente della Lista congiunta, Ayman Odeh, notando la morte di una bambina di cinque anni in uno degli attacchi israeliani, ha affermato che “il governo israeliano sta compiendo crimini di guerra per servire ristretti interessi politici, e gli abitanti di Gaza ne stanno pagando il prezzo con sangue. Il fuoco deve cessare immediatamente”.

MK Ayman Odeh

La deputata del partito Aida Touma-Suleiman ha dichiarato: “Fermate la guerra di preventiva a Gaza! Assassinii e bombardamenti porteranno più sofferenza e distruzione a Gaza e non porteranno sicurezza ai cittadini israeliani”.

Il collega della Lista congiunta Ofer Cassif ha affermato che Lapid ha ordinato l’operazione per rafforzare le sue possibilità alle elezioni di novembre. L’azione dell’IDF è un caso di “sangue in cambio di voti”, sostiene Cassif.

Il capo della fazione Balad della Lista comune, Sami Abu Shehadeh, ha dichiarato: “Gli ultimi sondaggi elettorali hanno preoccupato molto Lapid e Gantz. Come [gli ex primi ministri] Peres e Olmert prima di loro, stanno cercando di spianarsi la strada verso la leadership sul sangue palestinese”.

https://www.timesofisrael.com/full-support-from-the-opposition-netanyahu-smotrich-back-gaza-op/

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio