Dichiarazione dell’UE- Consiglio di sicurezza dell’ONU: dibattito aperto sul Medio Oriente, compresa la questione palestinese

Lug 29, 2022 | Notizie

Press and information team of the Delegation to the UN in New York,

26 luglio 2022.

Signor Presidente,

Membri del Consiglio di sicurezza,

Ho l’onore di rilasciare questa dichiarazione a nome dell’Unione europea e dei suoi Stati membri.

I paesi candidati, Macedonia del Nord* e Montenegro*, aderiscono a questa dichiarazione.

L’UE è preoccupata per le persistenti tendenze negative sul terreno, tra cui l’espansione degli insediamenti illegali, la violenza contro i civili commessa da tutte le parti, gli attacchi terroristici e l’aumento delle demolizioni e degli sfratti, che minacciano gravemente la soluzione dei due Stati. L’UE riafferma il suo impegno per una risoluzione equa e globale del conflitto israelo-palestinese, sulla base della soluzione dei due Stati, con lo Stato di Israele e uno Stato di Palestina indipendente, democratico, contiguo, sovrano e vitale, che vivono fianco a fianco in pace, sicurezza e riconoscimento reciproco, e con Gerusalemme che fungerà da futura capitale di entrambi gli stati.

 L’UE condanna tutti gli atti di violenza e chiede responsabilità. L’UE deplora l’aumento della violenza che non solo provoca tragiche perdite di vite umane, ma alimenta anche tensioni e animosità. L’UE condanna fermamente i recenti attacchi terroristici in Israele e continua a impegnarsi nella prevenzione e nella lotta al terrorismo e all’estremismo violento. L’UE condanna fermamente l’aumento della violenza dei coloni e chiede responsabilità. L’UE è profondamente preoccupata per il numero sempre più elevato di vittime, compresi i bambini. L’UE ricorda che qualsiasi uso della forza deve essere proporzionato e in linea con il diritto internazionale, compresi i diritti umani internazionali e il diritto umanitario, e deve essere applicato solo come ultima risorsa quando è strettamente inevitabile al fine di proteggere la vita. L’UE ribadisce la sua richiesta di condurre un’indagine approfondita sull’uccisione della giornalista Shireen Abu Akleh durante un’operazione di sicurezza israeliana nella Cisgiordania occupata e che i responsabili siano assicurati alla giustizia.

L’opposizione dell’UE alla politica degli insediamenti di Israele e alle azioni intraprese in questo contesto, anche a Gerusalemme est, e soprattutto in aree sensibili come E1, è ben nota. L’UE ribadisce che gli insediamenti sono illegali ai sensi del diritto internazionale e chiede di interrompere tutte le attività di insediamento. Azioni come la costruzione della barriera di separazione oltre la linea del 1967, demolizioni e confische – compresi i progetti finanziati dall’UE – sfratti, trasferimenti forzati anche di beduini, avamposti illegali, violenza dei coloni e restrizioni alla circolazione e all’accesso minacceranno gravemente la soluzione dei due stati e intensificheranno solo un ambiente già teso. L’UE è preoccupata per l’aumento delle demolizioni e degli sfratti, anche a Gerusalemme est. Sarà importante non procedere con demolizioni e sgomberi programmati.

L’UE ricorda il significato speciale dei luoghi santi e chiede di mantenere lo status quo stabilito nel 1967 per il Monte del Tempio/al-Haram al-Sharif in linea con le intese precedenti e nel rispetto del ruolo speciale della Giordania. Sottolineando la necessità di rispettare lo status quo anche per i luoghi santi cristiani, l’UE ribadisce l’importanza di mantenere la pacifica convivenza di tutte e tre le religioni monoteiste. L’UE seguirà da vicino gli sviluppi e le loro implicazioni sul campo e resta pronta a contribuire ulteriormente alla protezione e alla fattibilità della soluzione dei due Stati.

L’UE ribadisce l’imperativo di consolidare il cessate il fuoco a Gaza e ricorda la sua posizione inequivocabile secondo cui il lancio di razzi, il lancio di ordigni incendiari e altri attacchi da parte di Hamas e di altri gruppi terroristici sono inaccettabili. L’UE chiede un’ulteriore revoca delle restrizioni, sottolineando la necessità di un accesso umanitario senza ostacoli a Gaza. L’UE invita tutte le parti ad adottare le misure necessarie per apportare un cambiamento fondamentale alla situazione politica, di sicurezza ed economica nella Striscia di Gaza, compresa la fine della chiusura e la piena apertura dei valichi, affrontando nel contempo le legittime preoccupazioni di Israele in materia di sicurezza.

L’UE ribadisce il suo invito all’Autorità palestinese a organizzare le elezioni nazionali rinviate senza ulteriori indugi ed esorta tutte le fazioni palestinesi a impegnarsi in buona fede nel processo di riconciliazione, ad aderire agli accordi precedenti, a rinunciare alla violenza e al terrorismo e a riconoscere il diritto di Israele di esistere e si impegnano a rispettare i principi democratici, compreso lo Stato di diritto. Le istituzioni democratiche palestinesi basate sul rispetto dello stato di diritto e dei diritti umani sono vitali per il popolo palestinese e, in definitiva, per la soluzione dei due stati.

La società civile palestinese deve essere autorizzata da tutte le parti a svolgere liberamente il suo importante compito, mentre la libertà di espressione deve essere salvaguardata. L’UE ricorda la necessità di ritenere responsabili i responsabili della morte di Nizar Banat. L’UE è orgogliosa del suo continuo sostegno alla società civile, che contribuisce agli sforzi di pace e al rafforzamento della fiducia tra israeliani e palestinesi. L’UE esorta le parti ad astenersi dall’utilizzare la legislazione antiterrorismo per minare la società civile e il loro prezioso lavoro e contributi al perseguimento della responsabilità.

Fino a quando non sarà trovata una soluzione giusta, equa, concordata e realistica alla questione dei rifugiati in conformità con il diritto internazionale, l’UNRWA rimane fondamentale per fornire la necessaria protezione e servizi essenziali ai rifugiati palestinesi, sostenendo la pace e la stabilità nella regione. L’UE continuerà a sostenere l’UNRWA in tutti i suoi campi operativi, compresa Gerusalemme est. Accogliamo con favore il recente Comitato Ad Hoc dell’Assemblea Generale per l’annuncio dei contributi volontari alla conferenza dell’UNRWA del 23 giugno e invitiamo tutti i partner ad incrementare i loro contributi all’UNRWA.

L’UE incoraggia un ulteriore impegno tra le parti per ripristinare un orizzonte politico e aprire al più presto la strada verso il rilancio del processo di pace. L’UE accoglie con favore le misure volte a migliorare i mezzi di sussistenza dei palestinesi e chiede l’attuazione degli impegni durante la riunione del comitato di collegamento ad hoc a Bruxelles del 10 maggio. A tal fine, l’UE ribadisce l’importanza di un dialogo approfondito tra le parti e incoraggia l’allentamento delle restrizioni alla circolazione dei palestinesi. Insieme alla necessaria riforma dell’Autorità Palestinese, ciò contribuirà anche a migliorare la sua terribile situazione fiscale.

Signor Presidente,

Più di dieci anni dopo l’inizio del conflitto siriano, il popolo siriano continua a subire violenze e disagi. È essenziale che la comunità internazionale continui a perseguire una soluzione politica sostenibile e globale in Siria. L’Unione Europea resta ferma nel suo impegno verso questo obiettivo.

Una soluzione duratura del conflitto richiede una transizione politica genuina e inclusiva con la partecipazione piena, equa e significativa delle donne in linea con la risoluzione 2254 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e con il comunicato di Ginevra del 2012. L’UE sostiene pienamente gli sforzi dell’inviato speciale delle Nazioni Unite Geir Pedersen per portare avanti tutti gli aspetti dell’UNSCR 2254, compreso il suo approccio “passi per passi” nel promuovere il processo politico.

Secondo il più recente rapporto dell’OHCHR, oltre 300.000 civili sono stati uccisi in Siria tra il 2011 e il 2021 – ovvero 83 al giorno – come diretta conseguenza del conflitto. Il rapporto conferma l’entità della sofferenza umana in Siria. I civili devono essere protetti in ogni momento e quindi, ancora una volta, l’UE fa eco agli appelli del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per l’attuazione di un cessate il fuoco a livello nazionale.

Il regime siriano deve cooperare pienamente con l’OPCW, anche nelle sue indagini sull’uso di armi chimiche nel conflitto.

Tutte le parti responsabili di violazioni del diritto internazionale umanitario e dei diritti umani, alcune delle quali possono costituire crimini di guerra e crimini contro l’umanità, devono essere ritenute responsabili. L’UE ribadisce la sua richiesta di deferire la situazione in Siria alla Corte penale internazionale.

La responsabilità e la giustizia per le vittime sono essenziali per una Siria stabile e pacifica, basata su una soluzione politica credibile, inclusiva e praticabile in conformità con l’UNSCR 2254.

In assenza di giustizia internazionale, il perseguimento dei crimini di guerra sotto la giurisdizione nazionale ove possibile, attualmente in corso in diversi Stati membri dell’UE, rappresenta un importante contributo per garantire la giustizia. Inoltre, i Paesi Bassi e il Canada sono impegnati in un’importante iniziativa per ritenere la Siria responsabile della violazione della Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura.

L’UE continuerà a sostenere gli sforzi volti a raccogliere prove in vista di future azioni legali, anche da parte del meccanismo internazionale, imparziale e indipendente per la Siria, e il lavoro della commissione d’inchiesta.

Le preoccupazioni in materia di sicurezza della Turchia che arrivano dal nord della Siria dovrebbero essere affrontate con mezzi politici e diplomatici, non con un’azione militare, e nel pieno rispetto del diritto umanitario internazionale. A questo proposito, i recenti annunci su un’altra operazione militare nel nord della Siria sono allarmanti e chiediamo moderazione.

Le cause alla base della crisi dei rifugiati e degli sfollamenti devono essere affrontate ai sensi dell’UNSCR 2254. L’UE continua a mettere in guardia contro qualsiasi ulteriore sfollamento in qualsiasi parte della Siria, nonché contro il potenziale sfruttamento di tali sfollamenti a fini di ingegneria sociale e demografica. Restano da soddisfare le condizioni per il ritorno sicuro, volontario e dignitoso dei rifugiati e degli sfollati ai loro luoghi di origine, in linea con i parametri definiti dall’UNHCR e in conformità con il diritto internazionale. L’UE sarà in grado di sostenere i rimpatri solo una volta soddisfatte queste condizioni.

I progetti di pronta guarigione sono importanti anche per la dignità del popolo siriano e per il suo futuro. I progetti finanziati dall’UE sono destinati e progettati per coloro che ne hanno veramente bisogno. L’UE non finanzierà sforzi di ripresa precoce che potrebbero sostenere l’ingegneria sociale e demografica.

I bisogni umanitari in Siria continuano ad aumentare: più di 12 milioni di persone – il 55% della popolazione – sono insicure dal punto di vista alimentare. Ci sono circa 14,6 milioni di persone bisognose in Siria. L’UE e i suoi Stati membri sono il principale donatore e hanno fornito 25 miliardi di EUR per soddisfare le esigenze derivanti dalla crisi nell’ultimo decennio.

Alla sesta conferenza di Bruxelles sul sostegno al futuro della Siria e della regione del  9 e 10 maggio 2022 ospitata dall’UE, la comunità internazionale ha promesso quasi 6,4 miliardi di euro per il 2022 e oltre. Di tale importo, oltre 4,8 miliardi di euro sono stati impegnati dall’Unione Europea, con oltre 3,1 miliardi di euro provenienti dalla Commissione Europea (1,56 miliardi di euro per il 2022 e 1,56 miliardi di euro per il 2023) e 1,7 miliardi di euro dagli Stati membri dell’Unione Europea. Questo finanziamento aiuterà le persone in Siria e nei paesi vicini che ospitano i rifugiati siriani. Continueremo a dimostrare solidarietà al popolo siriano e faremo appello alla comunità internazionale per aumentare i propri impegni. Elogiamo i paesi vicini per aver ospitato un gran numero di rifugiati siriani per più di un decennio e invitiamo tutti i leader a evitare una retorica divisiva sui rifugiati siriani.

Il 12 luglio 2022 il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha prorogato per sei mesi, fino al 10 gennaio 2023, l’autorizzazione all’ONU per l’utilizzo del valico di Bab al-Hawa dalla Turchia alla Siria per consegne umanitarie, con un’ulteriore estensione di sei mesi che richiedono una risoluzione separata (risoluzione UNSC 2642). L’UE si rammarica che il meccanismo non sia stato rinnovato per 12 mesi, come richiesto dal Segretario generale delle Nazioni Unite e dalla comunità umanitaria e sostenuto dalla maggior parte dei membri del Consiglio di sicurezza. L’estensione è un imperativo umanitario per preservare il funzionamento di un’ancora di salvezza umanitaria fondamentale per i 4,1 milioni di uomini, donne e bambini siriani, inclusi 2,8 milioni di sfollati interni, nel nord-ovest della Siria che dipendono dall’assistenza umanitaria vitale fornita attraverso questo meccanismo per aiutarli a sopravvivere. L’Unione europea continuerà a sostenere che tutte le parti si depoliticizzino e consentano la consegna senza ostacoli e continua di aiuti umanitari a tutti coloro che ne hanno bisogno. L’assistenza transfrontaliera continuerà a essere fondamentale per soddisfare gli immensi bisogni umanitari in Siria, soprattutto nel contesto della crescente insicurezza alimentare nella regione causata dalla guerra di aggressione non provocata e ingiustificata della Russia in Ucraina. L’UE sostiene pienamente il rinnovo di questo meccanismo essenziale che dovrebbe essere votato nel gennaio 2023.

L’UE ribadisce la sua richiesta di una soluzione politica e sottolinea che nessuna normalizzazione, revoca delle sanzioni o ricostruzione sarà possibile fino a quando il regime siriano non intraprenderà una transizione politica, nel quadro dell’UNSCR 2254 e del processo di Ginevra.

L’UE attende con impazienza la relazione del Segretario generale su un possibile meccanismo indipendente con mandato internazionale per chiarire la sorte e l’ubicazione delle persone scomparse in Siria.

L’UE continua a impegnarsi per l’unità, la sovranità e l’integrità territoriale dello Stato siriano e invita ancora una volta tutte le parti in conflitto a promuovere una soluzione politica credibile, sostenibile e inclusiva basata sull’attuazione piena e globale dell’UNSCR 2254. È il unica via per una pace sostenibile in Siria.

Grazie.

https://www.eeas.europa.eu/delegations/un-new-york/eu-statement-%E2%80%93-un-security-council-open-debate-middle-east-including_en?s=63

Traduzione a cura di AssoPacePalestina



			

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio