I coloni israeliani lanciano una massiccia operazione di costruzione di avamposti

Lug 21, 2022 | Notizie

di Yumna Patel,  

Mondoweiss, 20 luglio 2022.   

I coloni israeliani di estrema destra hanno lanciato una campagna senza precedenti per stabilire decine di nuovi avamposti in Cisgiordania con il tacito sostegno del governo, insieme a una nuova ondata di violenza contro i palestinesi.

Soldati israeliani sorvegliano volontari e attivisti palestinesi e stranieri che raccolgono olive accanto all’avamposto israeliano di Evytar, in solidarietà con i palestinesi la cui terra è stata confiscata dai coloni israeliani, nel villaggio di Beita, a nord di Nablus, in Cisgiordania, 10 ottobre 2021. Foto di Ayman Ameen

Soldati israeliani sorvegliano volontari e attivisti palestinesi e stranieri che raccolgono olive accanto all’avamposto israeliano di Evytar, in solidarietà con i palestinesi la cui terra è stata confiscata dai coloni israeliani, nel villaggio di Beita, a nord di Nablus, in Cisgiordania, 10 ottobre 2021. Foto di Ayman Ameen

Centinaia di coloni israeliani sono partiti mercoledì per la Cisgiordania occupata per prendere parte a uno sforzo senza precedenti per costruire una serie di avamposti illegali nel territorio.

L’impresa è stata lanciata dal movimento di insediamento di estrema destra Nachala, la cui missione è quella di aumentare gli insediamenti ebraici in Cisgiordania. Secondo le notizie, i coloni stanno cercando di costruire almeno tre avamposti nella giornata di mercoledì, anche se si prevede che potrebbero cercare di installarne di più.

Il gruppo ha pianificato l’iniziativa per mesi, mobilitando i coloni in tutto il territorio, raccogliendo fondi nelle città israeliane e ricevendo il sostegno di personalità politiche e funzionari governativi.

Guidati da Daniella Weiss, leader del movimento religioso-sionista dei coloni e sostenitrice di uno Stato ebraico “senza arabi”, i progetti sono iniziati con l’obiettivo di stabilire “10 Evyatar” – dal nome dell’avamposto Evyatar a Beita, che il gruppo considera uno dei suoi progetti di insediamento di maggior successo negli ultimi anni.

La strategia principale dell’operazione prevede che i coloni arrivino in massa nei diversi siti che sono stati loro assegnati, vi stabiliscano una presenza usando tende e roulotte mobili e la dichiarino come un nuovo insediamento.

Si prevede che l’operazione continuerà nelle prossime settimane, in quanto Nachala assegna pezzi di terra che intende acquisire ai suoi diversi ‘gruppi principali’, ognuno dei quali cercherà di stabilire il proprio avamposto. Il Times of Israel ha riferito che il movimento ha creato 28 gruppi di questo tipo, composti principalmente da studenti delle scuole superiori e della Yeshiva.

L’UE ha denunciato i piani, dicendosi “preoccupata” per le pericolose implicazioni che potrebbero avere, in quanto “gli avamposti spesso servono a stabilire o espandere ulteriormente gli insediamenti israeliani e sono una potenziale fonte diretta di aumento della violenza dei coloni contro i palestinesi”.

A differenza degli insediamenti israeliani, che sono pre-approvati e sovvenzionati dal governo israeliano, gli avamposti sono illegali secondo la legge israeliana, in quanto vengono eretti senza alcuna autorizzazione governativa. Sia gli insediamenti che gli avamposti dei coloni sono illegali secondo il diritto internazionale.

Il Ministro della Difesa israeliano Benny Gantz ha rilasciato una dichiarazione all’inizio della settimana in cui denuncia l’iniziativa, affermando che l’esercito e la polizia hanno ricevuto l’ordine di bloccare l’iniziativa e di impedire la costruzione degli avamposti.

L’esercito ha dichiarato in un comunicato che sta “preparando le strade, i posti di blocco e i punti chiave per mantenere la sicurezza e l’ordine pubblico nell’area della Giudea e Samaria”, riferendosi al nome biblico della Cisgiordania.

Gli attivisti dell’osservatorio sugli insediamenti Peace Now hanno dichiarato a Mondoweiss che mercoledì mattina almeno un avamposto era già stato eretto dai coloni, ma successivamente smantellato dalle autorità israeliane.

Peace Now ha mobilitato i suoi attivisti per contrastare i piani dei coloni in tutta la Cisgiordania e “fermare i teppisti degli avamposti illegali”.

I video pubblicati sui social media, tuttavia, hanno mostrato che le forze israeliane reprimevano gli attivisti che erano venuti a protestare contro i coloni e l’erezione degli avamposti. Almeno un’attivista del gruppo israeliano Mother’s Against Violence sarebbe stata arrestata.

Fino al pomeriggio di mercoledì non ci sono state segnalazioni di coloni israeliani del movimento Nachala arrestati per le loro attività.

‘Il governo sapeva’.

Attualmente ci sono tra i 450.000 e i 650.000 coloni israeliani che vivono in più di 280 avamposti e insediamenti nella Cisgiordania occupata, in violazione del diritto internazionale, che proibisce ai governi di trasferire i propri cittadini nel territorio occupato.

Secondo i numeri di Peace Now, attualmente esistono 150 avamposti illegali in Cisgiordania. Il numero degli avamposti supera quello degli insediamenti formalmente istituiti dal governo israeliano, che sono 132.

La dottoressa Dana Mills di Peace Now ha dichiarato a Mondoweiss che il progetto del movimento Nachala ha implicazioni di vasta portata per la situazione geopolitica nel territorio occupato, in quanto i coloni tentano di “creare dei fatti sul terreno”.

“Il piano è di contravvenire esplicitamente al diritto internazionale, e i coloni lo hanno fatto in modo sfacciato ed esplicito nei media israeliani e sui social media”, ha detto Mills, aggiungendo che il gruppo ha organizzato raccolte di fondi nel centro di Tel Aviv e di altre città israeliane e, secondo quanto riferito, ha raccolto 5 milioni di shekel (1,4 milioni di dollari) per il progetto.

“Non voglio dire che tutto ciò che stava accadendo prima con l’espansione degli insediamenti non fosse orribile, ma questo è un passo avanti diretto nel disprezzo dello Stato di diritto”, ha detto. “Stanno commettendo un crimine e invitano gli altri a contribuire a commettere un crimine, raccogliendo fondi per operazioni illegali”.

Mills ha aggiunto che la pianificazione e la raccolta di fondi dell’evento non solo si sono svolte in piena vista e con la conoscenza del governo, ma anche che diversi membri della Knesset, il Parlamento israeliano, compresi i membri dell’attuale governo, sono stati coinvolti nella pianificazione dell’azione.

Solo dopo la convocazione di nuove elezioni, ha detto, funzionari come Gantz e altri hanno iniziato a denunciare apertamente i piani di Nachala.

“Resta da vedere se il Governo fermerà effettivamente questi piani”, ha detto Mills, aggiungendo che il suo scetticismo deriva dal fatto che molti avamposti, come Homesh ed Evyatar nel distretto settentrionale di Nablus, pur avendo ricevuto l’ordine di evacuazione o di demolizione da parte del Governo, sono ancora in piedi e mantengono fino ad oggi una frequente presenza di coloni.

Violenze contro i palestinesi

I coloni israeliani attaccano frequentemente i palestinesi e le loro proprietà in Cisgiordania, un fenomeno ben documentato dai gruppi per i diritti, secondo i quali gli attacchi avvengono spesso sotto la supervisione, e l’assistenza, dell’esercito israeliano.

Solo quest’anno, l’Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari (OCHA) ha documentato 343 attacchi dei coloni contro i palestinesi, tra cui aggressioni fisiche ai palestinesi e attacchi alla loro terra e al bestiame.

Mills ha detto che gli avamposti sono la principale fonte di violenza dei coloni in Cisgiordania e che, se l’azione di mercoledì avrà successo, avrà l’effetto di rafforzare i coloni, ponendo ulteriori rischi ai palestinesi e alla loro terra.

L’operazione di avamposti del movimento Nachala ha già causato conseguenze mortali per i palestinesi. Il mese scorso, durante un’operazione di pianificazione e scouting da parte degli attivisti di Nachala nel distretto di Salfit, in Cisgiordania, i coloni hanno accoltellato e ucciso Ali Harb, 27 anni, un uomo palestinese del villaggio di Iskaka, vicino all’insediamento di Ariel.

Un colono ha colpito Harb al cuore, secondo quanto riferito, in presenza di una guardia di sicurezza dell’insediamento e di un soldato israeliano, dopo che Harb e altri residenti di Iskaka erano usciti per respingere i coloni dalla loro terra.

Il Times of Israel ha detto che l’avvocato del principale sospettato dell’accoltellamento ha confermato che “l’assalitore aveva partecipato a una missione di scouting per Nachala“.

Martedì, la sera prima dell’operazione di Nachala, i coloni israeliani hanno lanciato un attacco su larga scala al villaggio di Burin, nel distretto di Nablus, attaccando le case e incendiando i terreni del villaggio.

“Intorno alle 17.30, un grande gruppo di coloni si è riunito dalle aree circostanti sulla Strada 60, fuori dall’insediamento di Yitzhar. Quindici minuti dopo, sono scesi nel villaggio e hanno iniziato ad attaccare le case che si trovavano vicino alla strada”, ha dichiarato a Mondoweiss Ghassan al-Najjar, un attivista locale di Burin.

“Hanno attaccato le case e le auto con colpi di grossi bastoni, rompendo le finestre e danneggiando le proprietà delle persone”, ha detto al-Najjar, aggiungendo che i coloni hanno tentato di entrare nella casa di una famiglia palestinese del villaggio.

“I giovani del nostro villaggio si sono riuniti per andare a proteggere la casa della famiglia e sono stati attaccati dai soldati israeliani, che hanno sparato gas lacrimogeni contro di loro e hanno arrestato uno dei giovani”, ha detto al-Najjar.

I soldati hanno anche fatto irruzione nella casa in questione, chiedendo alla famiglia di consegnare “il ragazzo”. Al-Najjar ha detto che la famiglia non ha figli e che i soldati hanno “terrorizzato la famiglia senza motivo”.

I coloni hanno anche dato fuoco agli uliveti di Burin, bruciando circa mezzo ettaro di terreno e almeno 10 ulivi.

Al-Najjar ha detto che i soldati israeliani sono stati presenti per tutto il tempo, dal momento in cui i coloni si sono radunati sulla strada, durante l’assalto al villaggio e fino alla loro partenza.

“I soldati sono venuti per proteggere i coloni e ci hanno attaccato per aver difeso le nostre case”, ha detto.

Mentre Mondoweiss non ha potuto confermare in modo indipendente se i coloni che hanno attaccato Burin appartenessero al movimento Nachala, al-Najjar ha detto di ritenere che l’attacco a Burin e l’operazione dell’avamposto di mercoledì facciano “parte di un piano più ampio dei coloni per terrorizzare i Palestinesi e rubare la nostra terra”.

‘Cambiare la narrazione nell’Area C’

In vista degli eventi di mercoledì, Nachala e altri gruppi di coloni si sono impegnati in quella che il dottor Mills di Peace Now definisce una campagna più ampia all’interno del movimento dei coloni per aumentare gli insediamenti ebraici nell’Area C della Cisgiordania, che è sotto il pieno controllo militare israeliano e dove esiste la maggior parte degli insediamenti e degli avamposti.

L’Area C comprende oltre il 60 percento della Cisgiordania. La maggior parte dell’Area C è di proprietà privata palestinese, ma a causa del controllo militare dell’area, ai palestinesi viene impedito in gran parte di usare o costruire sul terreno.

Storicamente, il governo israeliano ha impedito la costruzione e lo sviluppo dell’Area C da parte dei palestinesi, ha utilizzato diverse leggi e regole per confiscare la terra palestinese di proprietà privata e convertirla in “terra di Stato”, promuovendo contemporaneamente la costruzione di insediamenti nell’area.

Secondo i dati del governo israeliano, Israele respinge oltre il 98% delle richieste di permessi edilizi palestinesi nell’Area C. Allo stesso tempo, il governo ha ampliato rapidamente gli insediamenti e, a maggio, ha presentato piani per la costruzione di 4.000 nuove case di coloni in Cisgiordania.

Nonostante la chiara disparità tra palestinesi e coloni israeliani nell’Area C, e il fatto che l’Area C sia terra palestinese, il movimento dei coloni ha continuato a promuovere una narrativa secondo cui essi stanno lottando contro quella che hanno definito una “presa di possesso palestinese” dell’area.

“È assurdo”, ha detto Mills. “La lobby dei coloni ha intrapreso una campagna contro quella che chiamano la ‘presa di possesso palestinese dell’Area C’, ma la realtà è che si tratta di una presa di possesso dell’Area C da parte dei coloni”.

“Hanno preso la realtà e l’hanno completamente ribaltata”, ha detto. “Hanno organizzato conferenze e campagne contro qualsiasi costruzione palestinese ‘illegale’, allo scopo di mobilitare la lobby dei coloni”, ha detto Mills.

All’inizio di questo mese, l’organizzazione di coloni Regavim ha denunciato l’approvazione da parte del governo israeliano di sei piani regolatori per villaggi palestinesi nell’Area C della Cisgiordania. In un thread su Twitter, Regavim ha definito i villaggi palestinesi “insediamenti” e ha definito il piano una “catastrofe”.

Puntando il dito contro un certo numero di funzionari governativi, il gruppo ha detto: “È vostra responsabilità bloccare questo folle piano di condonare migliaia di strutture illegali, che taglierà fuori da Gerusalemme i blocchi di insediamenti ebraici e renderà permanente la criminale acquisizione palestinese dell’Area C!”.

Mills ha criticato la nuova narrazione come “messianica” e fatta per promuovere la supremazia ebraica, aggiungendo che il movimento dei coloni sta tentando di distorcere i fatti e di legittimare le proprie attività illegali, definendo falsamente le costruzioni palestinesi come “illegali” e “criminali”.

“Sono riusciti a prendere il controllo della narrazione all’interno della società israeliana e la distorsione della narrazione è stata molto dannosa”, ha detto Mills.

“Ora le persone che non conoscono la situazione reale penseranno che l’Area C sia un luogo conflittuale e che i Palestinesi si stiano impossessando della terra ebraica, anziché il contrario, che è l’unica verità”.

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio