Un anno oltre la Linea Verde: come il governo Bennett-Lapid ha operato in Cisgiordania

Giu 26, 2022 | Notizie

di Hagar Shezaf,

Haaretz, 26 giugno 2022.   

La presenza di partiti di sinistra nella coalizione non ha impedito al ‘governo del cambiamento’ di continuare a costruire in Cisgiordania e a distruggere le residenze palestinesi.

I palestinesi costruiscono nuove case nell’insediamento ebraico di Bruchin in Cisgiordania, vicino alla città palestinese di Nablus, nel 2021. Ariel Schalit /AP

In una realtà diversa, Har Bracha sarebbe considerato un sobborgo di Nablus, probabilmente con un altro nome. L’insediamento, con i suoi 3.000 residenti, confina con la seconda città più grande della Cisgiordania, ma è relativamente isolato. Quando in Israele si parla di “blocchi di insediamenti”, non ci si riferisce a questo. Comunque, nell’ultimo anno, sotto il governo Bennett-Lapid, Har Bracha ha potuto piantare ulteriori paletti nel terreno.

Sotto il naso di Meretz, Labor e della Lista Araba Unita, il governo ha supervisionato la costruzione di un nuovo quartiere in quella zona, con 300 unità abitative. Questo è solo un esempio. Infatti, nel suo primo e ultimo anno di mandato, il Governo ha promosso la costruzione di migliaia di unità abitative al di là dei confini del 1967, principalmente al di fuori dei blocchi di insediamenti, nel profondo della Cisgiordania.

L’ingresso dell’insediamento Evyatar, a febbraio. Credito: אמיר לוי

Anche il controverso piano di costruzione nell’area E1, vicino a Ma’aleh Adumim, è stato messo in moto di recente. Inoltre, per la prima volta, sono stati trasferiti fondi ai consigli regionali dei coloni allo scopo di agire contro le costruzioni palestinesi.

Se nei prossimi mesi i partiti di sinistra della coalizione in disfacimento tenteranno di nascondere questi fatti, è probabile che i loro partner di destra cercheranno, a loro volta, di non rivelare altre tendenze dell’anno appena trascorso. Queste includono l’aumento dell’applicazione della legge contro i cosiddetti Giovani delle Colline e il fatto che una pletora di promesse, come un accordo sullo status dell’avamposto di Evyatar e l’allacciamento degli avamposti alla rete elettrica nazionale, sono ben lungi dall’essere realizzate.

Piani di costruzione negli insediamenti

Se la storia consistesse in numeri assoluti, le 7.292 nuove unità abitative in fase di approvazione nei territori racconterebbero l’intera storia, soprattutto considerando che la media sotto l’ex primo ministro Benjamin Netanyahu era inferiore a 6.000 all’anno.

Ma i dati, compilati da Peace Now, mostrano che le cose sono un po’ più complesse. In primo luogo, perché gli ultimi anni di Netanyahu hanno comportato un aumento delle costruzioni rispetto agli anni precedenti. In secondo luogo, perché la maggior parte dei piani che hanno ricevuto l’approvazione devono ancora affrontare un lungo percorso prima di essere ufficialmente autorizzati a costruire. Infatti, solo 3.000 unità hanno superato tutti i passaggi richiesti.

La complessità di queste cifre si riflette ulteriormente nell’identità di coloro che le hanno rese possibili. In contrasto con le politiche che promuovono, Meretz e il Partito Laburista hanno fatto parte di un governo che ha approvato la costruzione di insediamenti isolati, tra cui Har Bracha ed Elon Moreh vicino a Nablus, Kiryat Arba vicino a Hebron e Dolev vicino a Ramallah. Particolarmente importante è stata l’approvazione di un aumento di cinque volte dell’insediamento di Shvut Rachel, situato nel cuore della Cisgiordania e non incluso nei cosiddetti “blocchi di insediamenti”. La persona principale dietro tutte queste approvazioni è stato il Ministro della Difesa Benny Gantz (del Kahol Lavan).

Questi fatti potrebbero non essere in sintonia con le dichiarazioni dei partiti di sinistra in vista delle loro campagne elettorali, e danno fastidio anche ad altri. La comunità internazionale, che sta monitorando le costruzioni in Cisgiordania, è preoccupata. Alcune fonti hanno riferito ad Haaretz che c’è delusione per il fatto che il governo Bennett-Lapid ha di fatto continuato le politiche del governo Netanyahu, in un modo che non è spiegabile soltanto con la crescita naturale di questi insediamenti.

L’insediamento di Shvut Rachel, 2016. BAZ RATNER

Nemmeno i coloni hanno accolto con favore le azioni del Governo. Il Consiglio della Yesha (Giudea e Samaria) ritiene che il Governo abbia effettivamente peggiorato la situazione delle costruzioni nei territori, citando il fatto che il Comitato supremo di pianificazione si è riunito meno che in passato (anche se al crepuscolo del Governo Netanyahu non aveva certo fretta di riunirsi). Inoltre, dicono che non tutte le unità abitative previste sono state portate in discussione. I coloni affermano che 2.000 unità abitative promesse sono rimaste sulla carta.

Appalti di costruzione

Sia i coloni che i palestinesi sanno che i piani di costruzione potrebbero benissimo essere solo la prima fase. Gli insediamenti urbani, sotto la responsabilità del Ministero delle Costruzioni e degli Alloggi, devono indire una gara d’appalto per la costruzione – con l’approvazione del Ministro della Difesa. Questa regola è stata sicuramente applicata sotto il governo Bennett-Lapid. Secondo un rapporto pubblicato da Peace Now, “Il governo dell’annessione inequivocabile: un anno di governo Bennett-Lapid”, che analizza le politiche dell’attuale Governo in merito agli insediamenti, sembra che esista un elenco non tanto breve di gare d’appalto.

Un elenco parziale comprende gli insediamenti di Adam, Emanuel, Karnei Shomron ed Elkana. Un appalto particolarmente importante per i coloni comprendeva 364 unità abitative a Beit El – sul terreno dove si trova la brigata regionale di Binyamin. Il piano è stato a lungo bloccato a causa degli alti costi di evacuazione della base militare.

Un altro progetto prevede la costruzione di un nuovo quartiere nella città di Ariel con 730 unità abitative. Sembrerebbe che il progetto sia destinato ad espandere la città, che è un blocco di insediamenti a sé stante, ma non è del tutto vero: il nuovo quartiere non ha continuità territoriale con l’area già costruita della città.

Piani strategici

L’E1, un termine che sembrava essere stato consegnato ai libri di storia, ha fatto un sorprendente ritorno ed è diventato di nuovo rilevante. Alla fine di maggio, lo Stato ha informato l’Alta Corte di Giustizia che il grande piano di costruzione vicino a Gerusalemme, una parte di Ma’aleh Adumim, è tornato all’ordine del giorno, nonostante abbia attirato parecchie critiche internazionali. Questo potrebbe essere il piano più controverso della Cisgiordania. È particolarmente preoccupante per la comunità internazionale secondo la quale, se il piano dovesse andare in porto, ciò potrebbe porre fine alla soluzione dei due Stati.

Il mese prossimo, si terrà un’udienza sulle obiezioni al piano ed è possibile che, con lo scioglimento della Knesset, ci sarà una nuova opposizione politica.

Nell’ultimo mese, è iniziata la costruzione di un ascensore presso la Tomba dei Patriarchi a Hebron, un progetto destinato a rendere il luogo sacro accessibile alle persone disabili sul lato ebraico del complesso.

Per anni, il progetto è stato ritardato a causa di una lunga lista di petizioni in tribunale da parte di gruppi di sinistra e palestinesi. Alla fine, tutte le petizioni sono state respinte e il progetto è ora in corso. Questo non è l’unico progetto che riguarda Hebron: quest’anno è iniziata la costruzione di un nuovo quartiere ebraico con 31 unità abitative nella città vecchia.

Avamposti

Sebbene non si possa lodare il Governo – o in alternativa condannarlo – per gli avamposti sorti nell’ultimo anno, secondo Peace Now sotto il Governo Bennett-Lapid sono stati costruiti sei nuovi avamposti: Givat Hadegel nelle colline a Sud di Hebron, Karnei Re’em nell’area di Salfit, Havay Mevo’ot Yeriho a nord di Gerico, la fattoria Yulious nella Valle del Giordano settentrionale, la fattoria orientale di Neria nella Valle del Giordano e Givat Ohavei-Yah a ovest di Betlemme.

La maggior parte di questi sono avamposti agricoli, il che significa che non utilizzano la terra per la costruzione, ma ne prendono il controllo per il pascolo. Per questo motivo, in linea di principio, sono più facili da rimuovere rispetto agli avamposti con un numero maggiore di residenti. Ad esempio, Givat Ohavei-Yah è stato demolito questa settimana – anche se non per la prima volta – e per il sito è stato emesso un ordine di zona militare chiusa per un anno.

In generale, il governo Bennett-Lapid era orgoglioso della sua tolleranza relativamente bassa riguardo alla creazione di avamposti. Gli avamposti costruiti dalla Gioventù delle Colline sono stati rimossi molto più frequentemente di quanto abbia fatto l’Amministrazione Civile in passato.

Mentre la creazione di un avamposto può essere fatta senza che il Governo sia necessariamente d’accordo, rendere legale un avamposto esistente è una storia completamente diversa. Ce ne sono tre in questa categoria: Mitzpe Dani, Oz e Givat Habustan. Allo stesso tempo, sono stati compiuti alcuni passi verso la legalizzazione di avamposti più vecchi e consolidati che si stavano muovendo in questa direzione. Le obiezioni a uno di essi, Adi Ad, sono state respinte ad aprile.

Un altro esempio è Havat Yair, che è stato collegato alla rete elettrica – secondo i coloni, come parte di una promessa fatta ai tempi del governo Netanyahu. Sotto l’attuale governo, il collegamento degli avamposti alla rete elettrica era la priorità più importante per il deputato Nir Orbach del partito Yamina.

Come condizione per il suo voto a favore della legge per collegare le comunità beduine non riconosciute alla rete elettrica, Orbach ha chiesto di permettere a un gran numero di avamposti non ancora legalizzati di collegarsi alla rete della Israel Electric Corporation. Secondo un funzionario della Difesa, l’ordine è ancora in fase di elaborazione da parte dei team legali e non si prevede che venga approvato a breve. Alla luce degli sviluppi politici, non è certo che ciò avvenga mentre l’attuale governo è ancora in carica.

Uno dei primi nomi apparsi sul piano di azione del governo Bennett-Lapid è stato Evyatar. L’avamposto, sorto sopra la città palestinese di Beita durante l’operazione Guardian of the Walls nella Striscia di Gaza nel maggio 2021 – con case già costruite e strade asfaltate – sembrava essere entrato nella corsia preferenziale per la legalizzazione nei primi giorni del governo.

L’ingresso dell’avamposto di Evyatar a marzo. Moti Milrod

Il governo ha firmato un accordo con i coloni in base al quale essi sarebbero stati evacuati e il governo avrebbe avviato l’iter di esame della legalizzazione dello status della terra. Il Governo ha promesso che, se fosse stato possibile, vi sarebbe stata costruita una yeshiva o una comunità. Nulla di tutto questo è accaduto e, dato che il governo ha esaurito il tempo a sua disposizione, non è detto che lo farà mai. In ogni caso, ai palestinesi è ancora vietato entrare nel sito e l’esercito è schierato sulla collina 24 ore al giorno.

Demolizione di strutture palestinesi

L’anno scorso si è classificato al terzo posto nella discutibile gara del maggior numero di strutture palestinesi demolite dal 2009, con il 2016 e il 2020 al primo e secondo posto. Il totale è stato di 614 edifici, secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari (OCHA). Non tutte queste strutture erano residenziali al momento della loro demolizione; alcune erano vuote, altre erano utilizzate per l’agricoltura o come cucine. In cima alla lista delle demolizioni c’è Ras al-Tin, una comunità di pastori che vive nell’area vicino a Kochav Hashahar, dove 84 persone hanno perso la loro casa.

Ma non si è trattato solo di distruzione per i Palestinesi. I numeri possono essere relativamente piccoli rispetto alle costruzioni per i coloni, ma nell’ultimo anno è stata avanzata la costruzione di 1.303 unità abitative per i Palestinesi, il numero più alto degli ultimi anni. Tuttavia, oltre 1.100 di queste unità hanno superato solo la fase di approvazione preliminare, e sembra che ci vorrà molto tempo prima che i palestinesi vedano arrivare i bulldozer per fare qualcosa di diverso dalla demolizione.

Anche l’avanzamento delle costruzioni per i palestinesi sulla carta non è durato a lungo. Dopo che il Consiglio degli insediamenti di Yesha ha condannato la mossa, l’avanzamento delle costruzioni in Cisgiordania è stato interrotto – per chiunque non sia un colono.

Bilanci di esecuzione

Una delle innovazioni nell’assegnazione dei fondi in Cisgiordania nell’ultimo anno è una sorta di dote del precedente governo Netanyahu: 18,6 milioni di shekel (5,4 milioni di dollari) sono stati assegnati agli insediamenti allo scopo di istituire un dipartimento per il rilievo del territorio.

L’obiettivo era chiaro: rilevare e mappare le costruzioni palestinesi illegali nell’Area C e riferire in merito all’Amministrazione Civile, l’ente responsabile dell’applicazione della legge in Cisgiordania. Oltre agli stipendi degli ispettori sul campo, questo budget ha finanziato droni, l’acquisto di fotografie aeree, recinzioni, veicoli e lezioni di arabo per gli ispettori – e non è ancora chiaro se questo bilancio sarà rinnovato il prossimo anno.

Una somma solo leggermente inferiore, 18,5 milioni di shekel, è stata messa a bilancio per “la battaglia per l’Area C”, il titolo dato ai tentativi del governo israeliano di limitare le costruzioni illegali palestinesi. Il budget è il risultato dell’accordo di coalizione tra Yamina e Yesh Atid, ed è destinato a pagare altri 46 dipendenti dell’Amministrazione Civile, 15 dei quali prenderanno parte a questa unità di supervisione.

https://www.haaretz.com/israel-news/2022-06-26/ty-article/a-year-behind-the-green-line-how-the-bennet-lapid-government-ruled-over-the-west-bank/00000181-9eba-db6b-afbf-fffe02260000

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio