La risposta dell’UE al funerale di Shireen Abu Aklek è stata soddisfacente?

Giu 4, 2022 | Notizie

di Sami Abu Shehadeh,

EUobserver, 2 giugno 2022. 

Il funerale di Shireen Abu Akleh il mese scorso (Foto: Screengrab/Al Jazeera)

L’assassinio della giornalista Shireen Abu Akleh è stato ampiamente condannato, soprattutto dall’Unione Europea.

L’immagine del Rappresentante dell’Unione Europea in Palestina che cerca di mediare affinché le forze di occupazione israeliane permettano lo svolgimento del funerale è entrata in quasi tutte le case palestinesi.

Così come gli attacchi brutali contro coloro che trasportavano la bara all’Ospedale Francese; contro il veicolo che la trasportava; contro le persone in lutto che uscivano dalla chiesa cattolica della Porta di Giaffa, nella Città Vecchia di Gerusalemme; contro la riunione in cui la famiglia riceveva le condoglianze e le migliaia di persone a cui è stato impedito di unirsi al corteo a causa delle restrizioni di movimento imposte da Israele.

Nonostante gli sforzi dei diplomatici europei sul campo e le forti dichiarazioni provenienti da Bruxelles e da altre capitali europee, Israele ha fatto esattamente ciò che voleva.

Le aggressioni sono state motivate principalmente dal fatto che i partecipanti al lutto avevano innalzato bandiere palestinesi per dare l’addio a un’eroina palestinese brutalmente assassinata.

Bandiera palestinese al bando

Questa settimana il Parlamento israeliano ha fatto un passo avanti, votando una risoluzione per vietare la bandiera palestinese. Solo 16 voti sono stati espressi contro, principalmente da cittadini palestinesi di Israele.

L’Unione Europea potrebbe fare molto di più che lasciare il suo rappresentante in Palestina da solo nel tentativo di ricordare a Israele, la potenza occupante, i suoi obblighi secondo il diritto internazionale.

A cominciare dalla messaggistica: una semplice analisi delle delegazioni dell’Unione Europea in Israele e Palestina mostra che esse hanno approcci radicalmente diversi: mentre quelle in Palestina si concentrano sui diritti umani e sul rispetto del diritto internazionale, quelle in Israele sembrano considerare l’occupazione di insediamento coloniale della Palestina, e il suo regime di apartheid, una questione secondaria rispetto alle questioni economiche.

In altre parole, la delegazione dell’UE a Tel Aviv invia agli israeliani il messaggio che le gravi e sistematiche violazioni dei diritti umani non sono una priorità e che nessuno ne sarà ritenuto responsabile.

Questo è simile a ciò che la speaker del Parlamento europeo Roberta Metsola ha detto al Parlamento israeliano il mese scorso.

Siamo rimasti stupiti a vedere che evitava di fare riferimento all’occupazione israeliana e ai crimini e alle violazioni quotidiane.

Ha persino ignorato che oltre il 20% della popolazione israeliana è costituita da cittadini palestinesi e ha incentrato il suo discorso sugli ebrei israeliani, che sono stati felici di vedere che qualcuno, nonostante i rapporti di Amnesty International e Human Rights Watch sulle politiche di apartheid di Israele, ha deciso di affermare che l’Europa e Israele condividono “valori comuni”.

Naturalmente, la giustizia per Shireen Abu Akleh non faceva parte della dichiarazione di chi dovrebbe essere veramente preoccupato per la sistematica violazione da parte di Israele dei principi fondamentali degli accordi con l’UE, compreso l’articolo 2 dell’Accordo di Associazione che condiziona la sua attuazione al rispetto dei diritti umani.

Quello che vediamo è che, da parte di Bruxelles, l’enfasi sulle responsabilità avviene solo contro il popolo palestinese.

L’ossessione anti-palestinese del commissario Oliver Varhelyi è riuscita a impedire agli ospedali palestinesi di ricevere i fondi europei. Questo non è molto diverso da ciò che ha fatto l’Amministrazione Trump.

La questione dei libri di testo palestinesi

La cosa peggiore è che i suoi attacchi contro il governo palestinese, in particolare per quanto riguarda i libri di testo palestinesi, si basano in gran parte sui think tank israeliani di destra e persino sui coloni, piuttosto che su ciò che rapporti imparziali hanno mostrato.

Nel 2022, la voce dei coloni israeliani sembra essere più considerata a Bruxelles rispetto a ciò che Amnesty International dice sulle politiche di apartheid israeliane. Purtroppo, c’è dell’altro ancora.

Alcuni dei ministri dell’attuale governo preferiti dalle loro controparti europee, tra cui Yair Lapid e Omer Barlev, hanno contribuito alla campagna di disinformazione sull’uccisione di Shireen Abu Akleh e hanno sostenuto la marcia fascista che ha avuto luogo a Gerusalemme Est occupata.

Barlev, membro del Partito Laburista, ha approvato una manifestazione che domenica scorsa ha trasformato parti di Gerusalemme Est occupata in una violenta sommossa con migliaia di sionisti radicali che gridavano “Morte agli arabi”.

Solo un giorno dopo questo evento, la Ministra degli Interni tedesca Nancy Faeser è stata vista sorridere mentre incontrava Barlev, impegnandosi a una maggiore cooperazione.

Le ha forse chiesto del suo ruolo negli attacchi contro il funerale di Shireen Abu Aklek? Su come è stato impedito ai cristiani di raggiungere il Santo Sepolcro a Pasqua? Degli attacchi contro la moschea di Al-Aqsa durante il Ramadan? Credo che tutti conosciamo la risposta.

È difficile spiegare alla nostra gente come l’UE abbia utilizzato immediatamente tutti gli strumenti diplomatici a sua disposizione nel caso dell’Ucraina dopo cinque giorni di conflitto, ma abbia evitato di fare lo stesso in Palestina negli ultimi 74 anni.

L’Europa non può continuare a evitare di assumersi le proprie responsabilità in Palestina.

Questa negligenza mina l’intero concetto di un ordine mondiale basato su regole multilaterali. Con il caso di Shireen Abu Akleh, l’UE ha avuto l’opportunità di invertire questo percorso.

Purtroppo, ha mostrato una mancanza di volontà politica di intraprendere qualsiasi tipo di azione – e Israele lo sa bene.

Sami Abu Shehadeh è un deputato arabo-israeliano della Joint List nella Knesset israeliana.

https://euobserver.com/opinion/155118

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio