Dopo le proteste internazionali, la polizia apre un’indagine sulle violenze al funerale di una giornalista

Mag 15, 2022 | Notizie

da Times of Israel Staff,

The Times of Israel, 14 maggio 2022.          

La polizia afferma che gli agenti sono stati “esposti alla violenza” e hanno “successivamente” usato la forza; le immagini della bara di Shireen Abu Akleh quasi rovesciata hanno suscitato un’ampia condanna

La polizia israeliana affronta i fedeli che trasportano il feretro della giornalista veterana di Al Jazeera Shireen Abu Akleh durante il suo funerale a Gerusalemme Est, venerdì 13 maggio 2022. (Foto AP/Maya Levin)

Di fronte alla crescente indignazione internazionale, la polizia israeliana ha annunciato sabato l’apertura di un’indagine sugli eventi che hanno accompagnato le violenze al funerale della giornalista di Al Jazeera Shireen Abu Akleh.

L’annuncio è arrivato sulla scia della condanna internazionale dopo che gli agenti hanno caricato i palestinesi che reggevano e circondavano il feretro al funerale di venerdì e li hanno picchiati con i manganelli, facendo quasi cadere la bara. La polizia ha affermato che la bara è stata sequestrata da una folla in tumulto, contro il volere della famiglia, fuori dall’ospedale St. Joseph di Gerusalemme, provocando l’intervento dei poliziotti. Il fratello di Abu Akleh, tuttavia, ha dichiarato che la famiglia e i partecipanti al lutto speravano di organizzare una “piccola processione”, ma sono stati “bombardati” dagli agenti mentre lasciavano l’ospedale.

In un comunicato di sabato, la polizia ha dichiarato di aver pianificato un funerale “calmo e dignitoso” per la giornalista, ma “centinaia di rivoltosi hanno cercato di sabotare la cerimonia e di attaccare la polizia”.

La dichiarazione in lingua inglese dice che gli agenti sono stati “esposti a violenze” e “successivamente” hanno usato la forza.

“La Polizia di Israele indagherà sugli eventi che si sono verificati durante il funerale”, si legge nel comunicato. “La Polizia di Israele sostiene i suoi agenti, ma essendo un’organizzazione di professionisti che cercano di imparare e migliorare, trarrà anche lezioni dall’incidente”.

La polizia ha dichiarato che l’indagine è stata ordinata dal commissario di polizia Kobi Shabtai, insieme al ministro della Pubblica Sicurezza Omer Barlev, e che i risultati saranno presentati ai funzionari nei prossimi giorni.

Il commissario di polizia Kobi Shabtai (sin.) e il ministro della Pubblica Sicurezza Omer Barlev presso la sede nazionale della Polizia di Israele a Gerusalemme, il 1° maggio 2022 (Arie Leib Abrams/Flash90)

Secondo l’emittente pubblica Kan, l’annuncio è arrivato dopo che Barlev, il cui ministero supervisiona la polizia, ha spinto per l’apertura dell’indagine.

Più di diecimila palestinesi hanno reso omaggio ad Abu Akleh –uccisa durante uno scontro a fuoco mercoledì scorso tra truppe israeliane e uomini armati palestinesi a Jenin– nel lungo e teso corteo funebre che venerdì ha attraversato la città dal quartiere di Sheikh Jarrah al cimitero del Monte Sion.

Tuttavia, le immagini della polizia che picchiava i fedeli all’inizio del funerale hanno provocato un ampio shock e una dura condanna.

L’addetto stampa della Casa Bianca, Jen Psaki, ha definito le immagini “profondamente inquietanti” e il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha dichiarato che l’incidente “deve essere indagato”. L’Unione Europea si è detta “sconvolta”.

La polizia israeliana ha dichiarato venerdì che gli agenti sono intervenuti al funerale dopo che dei “rivoltosi” avevano sequestrato la bara della donna in ospedale, contro la volontà della famiglia.

Palestinesi in lutto sventolano bandiere nazionali mentre trasportano il feretro della giornalista di Al Jazeera Shireen Abu Akleh, durante il suo corteo funebre fuori dalle mura della Città Vecchia di Gerusalemme, il 13 maggio 2022. (Ronaldo Schemidt/AFP)

Gli scontri sono scoppiati all’ospedale Saint Joseph dopo che i palestinesi avevano cercato di portare la bara di Abu Akleh a piedi, sventolando diverse bandiere palestinesi, fino alla Città Vecchia.

La polizia aveva stabilito che il corteo sarebbe partito dalla Porta di Giaffa, a meno di due miglia di distanza.

La polizia ha chiesto alla folla di riportare la bara al carro funebre, “ma la folla si è rifiutata”, ha dichiarato la polizia. “La polizia è intervenuta per disperdere la folla e impedirle di prendere la bara, in modo che il funerale potesse svolgersi come previsto, secondo i desideri della famiglia”.

La folla si è impossessata della bara portando a spalle il feretro, mentre i palestinesi riuniti nel piazzale dell’ospedale applaudivano.

Dopo un breve stallo, gli agenti di polizia si sono scagliati sulla folla, picchiando i fedeli e sparando granate stordenti. La bara di Abu Akleh è quasi caduta a terra durante la scaramuccia.

Il feretro di Shireen Abu Akleh cade quasi al suolo fuori dall’ospedale Saint Joseph di Gerusalemme, 13 maggio 2022 (Screenshot / Washington Post)

Il corpo di Abu Akleh è stato poi portato con un furgone, circondato da una scorta di polizia, alla chiesa greco-melchita vicino alla Porta di Giaffa.

Gli agenti hanno strappato le bandiere palestinesi dal furgone prima di scortarlo verso l’antico santuario, come si vede nei filmati.

La polizia israeliana ha poi dichiarato che sei persone sono state arrestate dopo i disordini “che hanno incluso il lancio di pietre”.

Il video diffuso dalla polizia israeliana ha mostrato che almeno un palestinese ha scagliato un oggetto contro gli agenti israeliani prima dell’inizio della dispersione. Il filmato mostra poi i palestinesi che lanciano oggetti contro la polizia dopo che gli agenti si sono mossi per disperdere la folla.

La versione dei fatti fornita dalla polizia è coerente con alcuni resoconti del funerale, anche se ci si è chiesti perché gli agenti non avessero usato più moderazione. All’inizio della settimana, il fratello di Abu Akleh ha detto che il piano era di spostare la bara in un carro funebre dall’ospedale alla chiesa. Dopo la funzione, sarebbe stata trasportata per le strade fino al cimitero.

La bara della giornalista di Al Jazeera Shireen Abu Akleh viene portata  a spalla, Gerusalemme 13 maggio 2022. (Yonatan Sindel/Flash90)

Tuttavia, in un’intervista con la BBC venerdì, il fratello di Abu Akleh è sembrato contestare la versione degli eventi fornita dalla Polizia israeliana, affermando che la famiglia e i partecipanti al lutto speravano di organizzare una “piccola processione”, ma sono stati “bombardati” dagli agenti mentre lasciavano l’ospedale. Non ha chiarito se la processione prevista fosse a piedi o in auto.

“È davvero molto triste vedere che questo accade durante un funerale. Speravamo di fare una piccola processione dall’ospedale alla chiesa e poi al cimitero”, ha raccontato. “Ma purtroppo appena abbiamo iniziato a camminare fuori dall’ospedale, siamo stati attaccati da diversi poliziotti israeliani, e senza alcun motivo. Stavamo lasciando l’ospedale per andare in chiesa. Siamo rimasti scioccati nel vedere che hanno iniziato a picchiare le persone, a lanciare granate stordenti e gas lacrimogeni. Tutto questo è per noi incomprensibile. È successo senza alcuna spiegazione”.

Il fratello della giornalista uccisa ha anche detto che, prima del funerale, le autorità israeliane gli avevano chiesto di fornire il numero esatto di persone previste, nonché le loro generalità.

“Abbiamo detto chiaramente che non eravamo in grado di conoscere il numero degli intervenuti. Questo funerale era per tutto il popolo palestinese, non solo per la famiglia o gli amici di Shireen. Le stanno rendendo omaggio per quello che ha fatto per la Palestina, per i suoi 25 anni di servizi giornalistici”, ha detto.

Abu Akleh, 51 anni, era una delle giornaliste palestinesi più amate dai media arabi. Corrispondente di lunga data per la rete panaraba Al Jazeera, molti la consideravano anche un modello di avanguardia per le donne in un campo dominato dagli uomini.

La sua uccisione ha attirato molte dettagliate domande e ipotesi perché Abu Akleh era molto conosciuta nella regione ed era anche una cittadina statunitense. La Casa Bianca ha chiesto un’indagine “immediata e approfondita” sulla morte di Abu Akleh.

Shireen Abu Akleh, 51 anni, giornalista veterana di Al Jazeera, uccisa durante gli scontri tra le truppe dell’IDF e gli uomini armati palestinesi mentre copriva un raid dell’IDF a Jenin, mercoledì 11 maggio 2022. (Gentilmente concessa)

Nata a Gerusalemme, Abu Akleh ha trascorso un periodo negli Stati Uniti da bambina e ha ottenuto la cittadinanza statunitense insieme alla residenza a Gerusalemme.

Abu Akleh era partita per Jenin mercoledì mattina per coprire gli scontri tra le truppe israeliane e gli uomini armati palestinesi. È stata colpita alla testa mentre indossava un giubbotto antiproiettile, e le autorità israeliane e palestinesi hanno fornito resoconti diversi su chi l’ha uccisa.

Testimoni e funzionari palestinesi hanno detto che i soldati israeliani hanno ucciso Abu Akleh. In un primo momento, i funzionari israeliani hanno affermato che è probabile che uomini armati palestinesi le abbiano sparato per errore, ma in seguito hanno detto che anche una pallottola vagante dei cecchini israeliani potrebbe aver causato la sua morte.

Israele insiste che non può determinare chi le ha sparato senza esaminare il proiettile estratto dal collo della vittima, ha riferito venerdì Channel 12, aggiungendo che Israele ha chiesto assistenza agli Stati Uniti per convincere l’Autorità Palestinese a collaborare.

Sabato, l’Autorità Palestinese ha dichiarato che mentre gli organismi internazionali potevano “partecipare” alle indagini, non avrebbero permesso a Israele di partecipare alle ricerche sulla morte di Abu Akleh.

https://www.timesofisrael.com/after-international-outcry-police-open-probe-into-violence-at-reporters-funeral/

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio