L’occupazione israeliana ha oltrepassato la “linea rossa della legalità”, afferma la nuova Relatrice delle Nazioni Unite

Apr 11, 2022 | Notizie

In un’intervista, la nuova relatrice speciale delle Nazioni Unite per i palestinesi, Francesca Albanese, parla dei suoi piani per affrontare le violazioni dei diritti umani nei Territori Palestinesi, respingendo una campagna diffamatoria lanciata contro di lei da Israele.

Di Daoud Kuttab

7 aprile 2022

Fonte: english version

Immagine di copertina: La giurista internazionale italiana Francesca Albanese (twitter)

La giurista internazionale italiana Francesca Albanese è entusiasta e pronta a svolgere il mandato che le è stato recentemente affidato. Albanese ha affermato che la posizione di Relatore Speciale per i palestinesi, per la quale è stata eletta a febbraio per un mandato di sei anni, è destinata a un esperto indipendente. Sebbene molte posizioni simili delle Nazioni Unite siano basate su aree tematiche, questa posizione ha un chiaro mandato geografico. “Il Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite mi ha incaricato di indagare e riferire sulla situazione dei diritti umani nei Territori Palestinesi Occupati, ciò significa che la Cisgiordania, inclusa Gerusalemme Est e la Striscia di Gaza”, ci ha detto intervistata tramite Zoom da Tunisi, dove risiede.

La giurista e ricercatrice italiana, prima donna a ricoprire questo incarico dell’ONU, afferma di credere nell’importanza del rigore accademico e svolgerà il suo incarico con assoluta integrità.

Esperta di diritto internazionale che si occupa di questioni relative ai diritti umani, Albanese è anche la prima persona che attualmente lavora per una rispettata organizzazione non governativa araba a ricevere questo mandato.

Albanese ha lavorato per 10 anni con le Nazioni Unite, inclusa l’UNRWA, prima di passare al mondo accademico. È orgogliosa di lavorare attualmente con l’organizzazione no-profit Rinascimento Arabo per la Democrazia e lo Sviluppo (Arab Renaissance for Democracy and Development – ARDD) con sede ad Amman.

“In ARDD, ho sentito che le mie capacità sono state messe a frutto per affrontare le questioni critiche che circondano la questione della Palestina e dei rifugiati palestinesi, a cui avevo già dedicato 10 anni della mia vita. Volevo continuare il mio lavoro accademico e delle Nazioni Unite sulla Palestina e sui rifugiati palestinesi, e l’ARDD mi ha dato questa opportunità”, ha detto.

“ARDD, dove ora coordino il Programma Migrazione, Spostamento Forzato e Apolidia, mira a creare una camera di discussione come il Reale Istituto per gli Affari Internazionali, un circolo di pensiero noto comunemente come Chatham House in Medio Oriente, su questioni che implicano una trasformazione positiva e inclusiva del mondo arabo, e sono onorata di fare parte di questo sforzo”, ha continuato.

Durante i suoi anni di lavoro con l’UNRWA e di ricerca sulla questione dei rifugiati palestinesi, Albanese ha acquisito importanti conoscenze. “Come parte della mia ricerca accademica sulla questione dei rifugiati palestinesi, credo di essere ben consapevole delle profonde cause del conflitto”.

Dice che il suo ruolo nel nuovo lavoro, che inizierà ufficialmente il 1° maggio, è indagare sulle violazioni israeliane commesse nei Territori Palestinesi Occupati in violazione del diritto internazionale. “Il mio lavoro includerà la comunicazione con le parti interessate, i governi e la società civile, nonché i testimoni, e riferire al Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite sulle mie scoperte in merito alle violazioni nei Territori Palestinesi Occupati”.

Albanese è consapevole che le cose sono cambiate radicalmente dal 1993. “Le mie intenzioni saranno di guardare alle violazioni dei diritti umani in un contesto più ampio”. Ha affermato di essere disposta a esaminare qualsiasi grave violazione dei diritti umani da parte di tutte le parti, in particolare nell’area della “persecuzione dei difensori dei diritti umani e della riduzione dello spazio della società civile”.

L’esperta di diritto internazionale ha detto che, come esposto dal 2017 da Michael Lynk, l’attuale Relatore Speciale, l’occupazione israeliana ha superato la linea rossa della legalità. “Secondo il diritto internazionale, l’occupazione deve essere temporanea, giustificata da necessità militari e nell’interesse del popolo occupato”, ha affermato.

L’aver lavorato duramente nella ricerca di un importante libro sui rifugiati palestinesi ha permesso ad Albanese di essere pronta per questo nuovo mandato. “Prendo sul serio il mio mandato con piena consapevolezza e autorità perché ho molta familiarità con la situazione sul campo. Per cinque anni mi sono immersa nello studio della storia palestinese e ho gli strumenti legali per consigliare su come dovrebbe funzionare il diritto internazionale”.

La questione dell’applicabilità del diritto internazionale è incombente con la guerra in Ucraina. Albanese ha espresso la sua profonda solidarietà al popolo ucraino. “L’attuale situazione in Ucraina è una tragedia e quanto è stato detto sulla sua illegalità secondo il diritto internazionale è corretto”.

Albanese ha affermato che la guerra “smaschera anche su un ampio spettro il doppio standard della comunità internazionale, sia per quanto riguarda il conflitto stesso e i diritti umani, sia per il modo in cui vengono assistiti i rifugiati ucraini”.

Ha affermato che “ignorare il caso della Palestina, tra gli altri, non è più giustificato laddove si verificano continue violazioni dei diritti umani, mentre la comunità internazionale non può essere vista come un sostenitore dei diritti umani in Ucraina ma non facendo nulla per la Palestina”.

Sul rifiuto di Israele di accettare il fatto che le somiglianze abbiano un senso, Albanese ha affermato: “Il governo israeliano e le ripetute affermazioni di eccezionalismo dei suoi sostenitori sono state abusate, e ciò ha portato ad ulteriori abusi e doppiezze. È giunto il momento che la comunità internazionale si metta in discussione e agisca di conseguenza”.

Alla domanda sui molteplici attacchi contro di lei il primo giorno della decisione del Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite con sede a Ginevra di nominarla, Albanese ha affermato con fermezza: “Non sono né sorpresa né particolarmente contrariata. So che questi attacchi sono contro chiunque faccia luce sui fatti sul campo e sulle relative violazioni”.

Non nega di avere opinioni. “Ogni persona su questa terra ha delle opinioni, ma a quanto pare non mi è permesso avere un’opinione. Chiaramente, ho opinioni legalmente informate, che mi sono fatta dopo anni di lavoro in e su Israele/Palestina. Ma anche nei tre anni che ho lavorato per l’UNRWA in Palestina. Sono rimasta inorridita da quello che ho visto. Era molto più di quanto potessi sopportare. A quel tempo, ho visto e sentito chiaramente la politica dell’Apartheid. Ma a quel tempo, non avevo gli strumenti per affrontarlo”.

Ha continuato: “L’attuale Relatore Speciale, il professor Michael Lynk, si è unito a molti altri nel denunciarlo, e intendo continuare il rigoroso lavoro di indagine e di documentazione svolto da lui e altri illustri Relatori”.

“Come disse una volta Michael Lynk, ‘Assumo questo incarico con mente aperta, non a vuota’”, ha aggiunto.

“Quello che mi infastidisce, però”, ha detto Albanese, “è che ci si aspetta che non risponda ad accuse totalmente infondate. Non sono antisemita. Non ho mai detto che gli ebrei sono nazisti, e certamente non ho mai insinuato che non posso svolgere la mia responsabilità in modo obiettivo e professionale”.

Ha detto che la legge viene applicata per stabilire i fatti e, quando i fatti sono accertati: “Non possiamo permettere che ciò ostacoli la nostra visione di ciò che è come una violazione del diritto umanitario internazionale”.

Alla domanda su cosa pensa delle critiche contro di lei per non aver perseguito la pace, Albanese è stata molto chiara: “Non c’è contraddizione tra cercare di documentare i diritti umani e cercare la pace. Non vedo nessuno raggiungere la pace senza rispettare i diritti umani, che è una precondizione per la pace”.

Albanese afferma che il suo mandato non è quello di un pacificatore, ma che non c’è “niente che voglio di più che perseguire la pace. Tuttavia, la pace non fondata sul rispetto del diritto internazionale e dei diritti umani fondamentali è irrealizzabile”.

In conclusione Albanese ha tracciato il proprio pensiero su come dovrebbe essere giudicata in questa posizione. “Mi sento obbligata a svolgere il mandato del Relatore Speciale in modo imparziale, avvicinandomi a tutti con dignità, cercando imparzialmente la verità e analizzando i fatti. Alla fine, questo è ciò su cui sarò giudicata”.

Traduzione: Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio