Coloni con bombe incendiarie scendono su un villaggio palestinese di notte, dando fuoco alle auto.

Apr 3, 2022 | Notizie

Dopo l’attacco terroristico a Hadera, Mohammed Abad, un residente del villaggio cisgiordano di Jalud, si è rifiutato di andare a dormire, temendo la vendetta dei coloni. È salito sul tetto quando ha sentito dei rumori, per trovare il suo cortile in fiamme.

Di Alex Levac

Pubblicato il 1 aprile 2022

Fonte: www.haaretz.com

La carcassa bruciata di un’auto incendiata questa settimana a Jalud. “Noi preghiamo cinque volte al giorno, ma io prego un milione di volte al giorno solo perché i coloni non vengano”, dice Mohammed Abad.

Un odore di fuoco e di fumo pendeva ancora nell’aria quando siamo arrivati lunedì di questa settimana al complesso residenziale della famiglia Abad nel villaggio cisgiordano di Jalud. Durante la notte, il loro parcheggio era diventato un cimitero di scheletri di automobili. Sulla collina di fronte, a circa 300 metri di distanza, due escavatori idraulici erano al lavoro nell’avamposto dei coloni di Ahiya, spingendo ripetutamente le loro pale nella terra, come parte dello sforzo per espandere l’avamposto. Il panorama qui è stupefacente.

La famiglia Abad una volta aveva 50 dunam (12,5 acri) di terra dove ora sorge Ahiya, ma Israele li ha espropriati con la pretesa che fossero “terre statali”. Il complesso della famiglia allargata è recintato e ha un cancello di ferro. Tutte le finestre sono coperte da spesse sbarre d’acciaio, per paura dei coloni.

Uno spettacolo brutale ci ha accolto.

Mohammed Abad con la sua auto incendiata.

Durante la notte, cinque auto che erano parcheggiate una accanto all’altra sono state ridotte a una morchia grigia di cenere e carbone, di fette di acciaio fuso. Solo una macchina, una Mazda, era sopravvissuta. Il raid ha avuto luogo lunedì mattina molto presto, circa tre ore dopo l’attacco terroristico a Hadera, in cui erano stati uccisi due poliziotti. Per i coloni negli avamposti selvaggi della valle di Shiloh, la valle più violenta dei territori, ogni momento è buono per brutalizzare i palestinesi, lanciare un pogrom e ostentare il male. Ogni attacco terroristico è per loro una buona scusa per scatenare atti di vendetta sui loro vicini innocenti.

Gli abitanti dei villaggi palestinesi qui si rannicchiano alla vista dei coloni tutto l’anno, ma dopo che c’è stato un attacco terroristico in Israele, vanno in modalità difensiva. Non c’è molto altro che questi contadini e braccianti abietti e indifesi possano fare contro le famiglie del crimine che si sono impadronite delle loro terre e le stanno sottoponendo a un regno di terrore. Non hanno protezione, né dalle Forze di Difesa Israeliane, i cui soldati a volte accompagnano e fanno da scudo ai pogromisti, come è successo qui un anno fa, né dalla polizia. Questa settimana, la polizia è arrivata sul luogo dell’incendio prima dell’alba. Tuttavia, l’esperienza passata mostra che anche loro non alzeranno un dito per portare in giudizio gli assalitori che sono piombati nel cuore della notte per bruciare auto e forse anche persone, solo perché sono palestinesi.

Il terrore dei coloni sta di nuovo alzando la testa qui in un’ondata di attacchi, e non c’è nessuno che lo fermi. Più o meno nello stesso momento in cui le auto sono state incendiate a Jalud, i coloni hanno anche bucato le gomme delle auto in un villaggio vicino e hanno picchiato a sangue un uomo anziano in una città vicina. L’organizzazione israeliana per i diritti umani B’Tselem ha documentato 15 casi di violenza dei coloni durante la scorsa settimana.

Mahmoud Hajj Mohammed, 30 anni, padre di due figli, lavora come addetto alle camere nel Crowne Plaza City Center Hotel di Tel Aviv. La notte dell’attacco a Jalud era in servizio nell’unità di preparazione improvvisata del suo villaggio, Qusra, che si trova sotto Jalud. Quasi ogni notte, e in particolar modo dopo gli attacchi terroristici in Israele, osservatori volontari sono posizionati a tutte le entrate del villaggio. Anche a Qusra gli abitanti conoscono bene le sofferenze inflitte dai coloni. Poco dopo mezzanotte, Hajj Mohammed ha notato che un grande incendio era scoppiato nella sezione meridionale di Jalud. Ha convocato alcuni dei suoi compaesani e insieme si sono diretti sul posto.

Un’auto incendiata fuori dalla casa della famiglia Abad.

Il nemico è cambiato. Gli appelli per la campagna militare israeliana in Cisgiordania sono irrilevanti.

Un adolescente esce per andare al lavoro. Pochi minuti dopo il suo corpo è trafitto da 12 proiettili.

Il terrore è l’unica via aperta ai palestinesi

Proprio allora, Mohammed Abad, 39 anni, operaio edile e padre di sei figli, che vive nel complesso della sua famiglia a Jalud, ha sentito dei rumori provenire dalla zona dove erano parcheggiate le auto. Non era ancora andato a dormire, dopo aver sentito quello che era successo a Hadera. Era certo che sarebbe successo qualcosa di brutto. I coloni avevano già bruciato le auto qui quattro o cinque volte. Sapeva che l’attacco terroristico avrebbe portato vendetta.

Aveva paura di uscire per controllare la fonte del rumore, e invece è salito sul tetto della sua casa a due piani per vedere cosa stava succedendo. Quando è arrivato sul tetto, i coloni se n’erano già andati e il cortile sottostante era in fiamme. Le fiamme sono saltate in aria per diversi metri e hanno minacciato le case delle 13 famiglie che vivono lì – sette fratelli della famiglia Abad, i loro figli e i loro nipoti. Le pareti di una casa erano già bruciate. 

B’Tselem ha pubblicato un video questa settimana che mostra le auto illuminate come torce, sullo sfondo delle grida dei residenti.

Il filmato della telecamera di sicurezza che gli abitanti del villaggio hanno installato all’ingresso del complesso molto tempo fa ha registrato le conseguenze dell’oltraggio. Mostra 11 uomini che camminano in colonna, lentamente e con sicurezza, mentre escono dalla zona dopo aver completato il loro lavoro. Secondo Mohammed Abad, il numero dei razziatori sarebbe stato doppio: Dice che un altro gruppo non ripreso dalla telecamera è partito in un’altra direzione.

I residenti locali pronunciano male Ahiya (un nome biblico) e chiamano l’avamposto “Yihyeh”. Sono certi che gli assalitori di lunedì mattina provenissero da lì, avendo visto i coloni fuggire in quella direzione. Tuttavia, la zona pullula di molti altri avamposti violenti: Esh Kodesh (Fuoco Sacro), Shvut Rachel, Kida, Adei Ad (Per sempre e sempre), Ahiya, Yeshuv Hada’at (Consapevolezza Insediata) e l’ultimo successo, Amichai (Il mio popolo vive). Gli abitanti dei villaggi palestinesi possono snocciolare tutti i nomi in un batter d’occhio. È improbabile che i residenti dell’avamposto conoscano persino i nomi dei villaggi palestinesi locali, che erano qui molto prima di loro e forse rimarranno a lungo dopo di loro.

Ahiya si chiamava originariamente Shvut Rachel D. “Sentendo un senso di missione per riscattare la terra, un primo container [di spedizione] è stato installato nel sito il 18 Tammuz 5757”, afferma il sito web del Consiglio regionale di Binyamin, riferendosi all’equivalente ebraico del 1997. “I proprietari della prima casa permanente l’hanno costruita con le loro mani. La comunità calda e vivace include una varietà di gruppi di età diverse. Se la Torah vivente è il fondamento della vostra vita quotidiana, se la colonizzazione della Terra d’Israele è una sfida per voi, se il lavoro genuinamente ebraico è importante per voi, e se volete integrare tutto questo con una comunità calda e familiare – Ahiya è il posto per voi!”

Abad è sceso dal tetto e ha cercato di spegnere le fiamme. Nel frattempo, altri nel complesso si sono svegliati, e sono arrivati i volontari di Qusra. Hanno spento il fuoco insieme, prima che potesse raggiungere le case, dove molti bambini stavano dormendo. All’inizio hanno usato l’acqua, ma le fiamme sono aumentate ancora di più. Infine, hanno soffocato il fuoco con delle coperte. Una molotov è rimasta intatta accanto a una delle auto. I coloni avevano rotto i finestrini dei veicoli con grosse pietre e poi vi avevano gettato dentro delle bombe Molotov, incendiando le auto all’istante. Usando questo semplice metodo con un’auto dopo l’altra, il tutto ha richiesto solo pochi minuti. Non sono riusciti ad arrivare alla sesta auto.

I coloni sono riusciti nel loro intento solo parzialmente anche con la prima auto, una vecchia Citroen C4 grigio argento, che apparteneva a Salem Abad, un allevatore di polli e padre di cinque figli; solo il motore era completamente bruciato. Un adesivo di parcheggio regionale del Comune di Tel Aviv, valido fino al 21 luglio 2021, è incollato nella parte intatta del parabrezza. Un altro adesivo attesta che l’auto è stata revisionata dal Lot Garage di Ramle. La prossima è una Chevrolet Spark che appartiene a Saleh Abad, il cugino di Salem, un operaio di 24 anni che lavora in Israele. Tutto ciò che rimane del suo veicolo è uno scheletro bruciato e fumante. Parcheggiata accanto c’era una Opel Ascona di Mohammed Abad, la prima persona ad arrivare sulla scena quando le auto sono andate in fiamme. Il danno qui è doppio: Il veicolo è stato completamente sventrato, e gli attrezzi di Mohammed, compresi i trapani elettrici, sono ora grumi rappresi. Solo il suo livello rimane intatto, incredibilmente.

Un parabrezza distrutto fuori dalla casa degli Abad, questa settimana.

Qual è il prossimo veicolo in questo cimitero? Una Volkswagen Golf, ora una carcassa irriconoscibile. Tutto ciò che rimane è il telaio, che giace sulla sua pancia perché tutti i pneumatici sono stati consumati nell’incendio. Il pezzo di metallo fuso che qualcuno le ha messo accanto era, fino a questa settimana, uno dei cerchioni delle gomme. La VW appartiene a Fawzi Abad, un operaio edile di 41 anni che ha due figli. Anche la Peugeot accanto, che apparteneva a Mohammed, è stata ridotta a una rovina carbonizzata.

L’ultima incursione violenta nel compound di Jalud è avvenuta circa un anno fa, sempre pochi giorni prima dell’inizio del mese sacro del Ramadan. Allora si presentarono più coloni, circa 50, insieme alle truppe dell’esercito, che si scontrarono con i residenti e lanciarono pietre contro di loro. Il risultato, naturalmente, è stato che l’esercito ha arrestato 12 palestinesi, che sono stati rilasciati 24 ore dopo. Nessuno di loro è stato processato. Questa volta, la polizia è arrivata alle 4 del mattino, poche ore dopo l’incidente, ha scattato delle foto e ha anche preso le impronte digitali. Poche ore dopo, sono arrivati gli inseguitori dell’esercito per esaminare il percorso di fuga degli assalitori. Mohammed Abad racconta di aver presentato 12 denunce alla polizia per i suoi vicini non invitati nel corso degli anni; nessuno di loro è mai stato processato. “Noi preghiamo cinque volte al giorno, ma io prego un milione di volte al giorno solo perché i coloni non vengano”, dice.

Ore dopo l’attacco incendiario, l’atmosfera tra i residenti è disperata ma calma. Le donne sono in un angolo del cortile a parlare tra di loro, come se non fosse successo nulla. I bambini toccano gli scheletri delle macchine. Gli uomini sono silenziosi. Sembrano aver accettato il male qui, come se non fosse opera dell’uomo, che potrebbe essere facilmente evitato. Piuttosto, è come una forza divina, o un terremoto o un’eruzione vulcanica, su cui non si può fare nulla, solo aspettare la prossima volta.

Giovani abitanti di Jalud che guardano l’avamposto di Ahiya, in lontananza.

Dice Hajj Mohammed, il lavoratore dell’hotel di Qusra: “Noi diciamo: grazie a Dio hanno toccato le macchine e non le persone. Che non abbiano fatto qui quello che è stato fatto alla famiglia Dawabsheh a Duma [un riferimento all’attacco incendiario del 2015 che ha ucciso tre membri di quella famiglia]. La gente qui sta soffrendo, anche a Qusra, anche a Qaryut. Una settimana fa è stata incendiata una moschea a Zeita Jamma’in. I coloni non tengono conto di nessuno. Lo Shin Bet [servizio di sicurezza] li conosce tutti e non fa nulla, e l’esercito protegge i coloni”.

Mentre eravamo lì, un giovane colono di Ahiya è apparso improvvisamente su una bicicletta. Si è posizionato di fronte a noi, come per provocazione, o forse per vedere i risultati di ciò che lui e i suoi amici avevano fatto quella notte. “Che cosa vuole qui? Chiede Mohammed Abad.

“Se la Torah vivente è il fondamento della tua vita quotidiana… Ahiya è il posto per te!y

traduzione a cura di AssoPace Palestina.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio