La prossima crisi di Gaza potrebbe essere peggiore di qualsiasi cosa abbiamo mai visto

Mar 31, 2022 | Notizie

Di Dr Ramzy Baroud

Pubblicato il 29 Marzo 2022

Articolo originale: https://www.middleeastmonitor.com/20220329-gazas-next-crisis-might-be-worse-than-anything-we-have-ever-seen/

I bambini palestinesi riempiono le taniche di acqua potabile dai rubinetti pubblici in un campo profughi a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, il 30 luglio 2019 [SAID KHATIB/AFP/Getty Images]

“L’acqua è tornata”, annunciava un membro della famiglia in un misto di eccitazione e panico, spesso a tarda notte. Nel momento in cui veniva fatto un tale annuncio, tutta la mia famiglia correva a riempire ogni serbatoio, contenitore o bottiglia che riusciva a trovare. Molto spesso, l’approvvigionamento idrico dura solo pochi minuti, lasciandoci con un senso collettivo di sconfitta e preoccupandoci per le probabilità di sopravvivenza.

Quella era la nostra vita sotto l’occupazione militare israeliana a Gaza. La tattica di tenere i palestinesi in ostaggio della “beneficenza” israeliana per l’acqua era molto diffusa durante la prima Intifada palestinese (1987-1993) al punto che negare l’approvvigionamento idrico a campi profughi, villaggi, città o intere regioni è stata la prima misura adottata dall’occupazione israeliana forze per sottomettere la popolazione nativa ribelle. Questo è stato spesso seguito da incursioni militari, arresti di massa e violenze mortali; ma quasi sempre iniziava con l’interruzione dell’approvvigionamento idrico.

La guerra per l’acqua di Israele contro i palestinesi è cambiata da quei giorni, soprattutto perché la crisi del cambiamento climatico ha accelerato la necessità dello stato di apartheid di prepararsi per cupe possibilità future. Naturalmente, tale preparazione è in gran parte a spese dei palestinesi occupati. In Cisgiordania, ad esempio, il governo israeliano continua a usurpare le risorse idriche palestinesi dalle principali falde acquifere montane e costiere della regione. In modo frustrante, la compagnia idrica israeliana Mekorot vende poi l’acqua rubata ai palestinesi ai villaggi e alle città palestinesi, specialmente nella Cisgiordania settentrionale, a prezzi esorbitanti.

A parte il continuo profitto derivante dal furto d’acqua, Israele continua a usare l’acqua come forma di punizione collettiva in Cisgiordania, negando spesso ai palestinesi, specialmente nell’Area C, il diritto di scavare nuovi pozzi per aggirare il monopolio idrico dello stato coloniale. .

Secondo Amnesty International, i palestinesi della Cisgiordania occupata consumano in media 73 litri di acqua a persona al giorno. Confronta questo con la quantità che consuma un cittadino israeliano, circa 240 litri di acqua a persona, al giorno. Ancora peggio, guarda quanto consumano i coloni ebrei israeliani illegali: oltre 300 litri a persona, al giorno. La quota di acqua assegnata ai palestinesi non è solo molto al di sotto della media consumata dai cittadini israeliani, ma anche al di sotto del minimo giornaliero raccomandato di 100 litri pro capite stabilito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Per quanto difficile sia la situazione per i palestinesi della Cisgiordania, a Gaza la catastrofe umanitaria sta già avendo un effetto terribile. In occasione della Giornata mondiale dell’acqua del 22 marzo, l’Autorità per la qualità dell’acqua e dell’ambiente di Gaza ha avvertito di una “crisi massiccia” se le fonti d’acqua del territorio assediato continuano a esaurirsi al ritmo pericoloso attuale. Il portavoce dell’autorità, Mazen Al-Banna, ha detto ai giornalisti che il 98% delle riserve idriche di Gaza non sono adatte al consumo umano.

Le conseguenze di questa terrificante statistica sono ben note ai palestinesi e, di fatto, anche alla comunità internazionale. Lo scorso ottobre, Muhammed Shehada dell’Euro-Med Monitor con sede a Ginevra, ha dichiarato alla 48a sessione del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite che circa un quarto di tutte le malattie a Gaza sono causate dall’inquinamento idrico e che si stima che circa il dodici per cento dei decessi tra i bambini di Gaza sono “legati a infezioni intestinali legate all’acqua contaminata”.

La domanda è: come è arrivata Gaza a questo punto?

Un’immagine mostra una veduta di Wadi Gaza, una zona umida nella striscia centrale di Gaza il 9 febbraio 2022. [MOHAMMED ABED/AFP tramite Getty Images]

Il 25 maggio dello scorso anno, quattro giorni dopo la fine dell’ultima offensiva militare israeliana contro i civili palestinesi a Gaza, l’organizzazione benefica Oxfam ha annunciato che 400.000 persone nella Striscia di Gaza non hanno accesso alle normali forniture d’acqua. Questo non sorprende, dato che le offensive militari israeliane iniziano sempre con il bombardamento delle reti elettriche palestinesi, delle reti idriche e di altre infrastrutture pubbliche vitali. Secondo Oxfam, “Undici giorni di bombardamenti… hanno avuto un grave impatto sui tre principali impianti di desalinizzazione della città di Gaza”.

È importante tenere a mente che la crisi idrica a Gaza è in corso da anni e ogni aspetto di questa prolungata crisi è legato a Israele. Con infrastrutture danneggiate o malate, gran parte dell’acqua di Gaza ha un livello di salinità pericolosamente alto ed è inquinata dalle acque reflue e dai fertilizzanti chimici portati via dagli insediamenti israeliani.

Anche prima che Israele ridistribuisse le sue forze e spostasse i suoi coloni nel 2005 per imporre un assedio alla popolazione palestinese via terra, mare e aria, Gaza ha avuto una crisi idrica. La sua falda acquifera costiera era interamente controllata dall’amministrazione militare israeliana, che deviava acqua di qualità alle poche migliaia di coloni ebrei, mentre occasionalmente assegnava acqua altamente salina agli allora 1,5 milioni di residenti palestinesi, purché i palestinesi non protestassero o resistessero all’occupazione israeliana in ogni modo.

Quasi 17 anni dopo, la popolazione di Gaza è cresciuta fino a raggiungere i 2,1 milioni e la sua falda acquifera, già in difficoltà, è in condizioni molto peggiori. Il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF) ha riferito che l’acqua dalla falda acquifera di Gaza si sta esaurendo a causa della “eccessiva estrazione (perché) le persone non hanno altra scelta”.

L’UNICEF ha aggiunto: “Il peggio, l’inquinamento e l’afflusso di acqua di mare significano che solo il quattro per cento dell’acqua della falda acquifera è potabile. Il resto deve essere purificato e dissalato per renderlo potabile”. Quando le forniture di elettricità sono soggette a frequenti interruzioni, questo è un processo tortuoso.

In altre parole, il problema di Gaza non è la mancanza di accesso alle riserve di acqua dolce esistenti poiché queste ultime semplicemente non esistono o si stanno esaurendo rapidamente, ma la mancanza di tecnologia e carburante che darebbero ai palestinesi di Gaza la capacità di produrre la loro acqua almeno nominalmente potabile. Anche questa, però, non è una soluzione a lungo termine, perché Israele sta facendo del suo meglio per distruggere ogni opportunità palestinese di riprendersi da questa crisi in corso.

Inoltre, sembra che Tel Aviv stia solo investendo nel peggiorare la situazione per mettere a repentaglio le possibilità di sopravvivenza dei palestinesi. Ad esempio, l’anno scorso i palestinesi hanno accusato Israele di aver inondato deliberatamente migliaia di acri di terra a Gaza quando ha aperto le chiuse sulle sue dighe meridionali, che lo stato usa per raccogliere l’acqua piovana. Questo rituale ormai quasi annuale da parte di Israele continua a devastare le aree agricole sempre più ridotte di Gaza, la spina dorsale degli sforzi di sopravvivenza dei palestinesi sotto l’assedio ermetico di Israele.

La comunità internazionale di solito presta almeno una certa attenzione a Gaza durante i periodi dei bombardamenti israeliani, ma anche in quel caso la risposta è per lo più negativa, con i palestinesi accusati di aver provocato Israele ad agire per “autodifesa”. La verità è che anche quando le campagne militari di Israele finiscono e le sue bombe smettono di cadere sui civili palestinesi, Tel Aviv continua a muovere guerra agli abitanti della Striscia di Gaza.

Sebbene sia potente militarmente – dopotutto è uno stato dotato di armi nucleari – Israele afferma di trovarsi di fronte a una “minaccia esistenziale” in Medio Oriente. Nel mondo reale, al di là della propaganda israeliana, è l’esistenza del popolo della Palestina occupata ad essere minacciata. Quando quasi tutta l’acqua di Gaza non è idonea al consumo umano a causa di una deliberata strategia israeliana, è facile capire perché i palestinesi continuano a resistere all’occupazione israeliana come se la loro vita dipendesse da essa. La semplice verità è che le loro vite dipendono da questo. Senza un adeguato approvvigionamento idrico, moriranno. A meno che la comunità internazionale non si alzi, prenda atto e faccia effettivamente qualcosa per l’approvvigionamento idrico nella Striscia di Gaza, la prossima crisi potrebbe essere peggiore di qualsiasi altra cosa che abbiamo mai visto.

Le opinioni espresse in questo articolo appartengono all’autore e non riflettono necessariamente la politica editoriale di Middle East Monitor.

Traduzione a cura di Assopace Palestina

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio