Da Israele alla Russia, le forze di occupazione stanno ricostruendo l’ordine mondiale.

Mar 28, 2022 | Notizie

Di Haggai Matar

Pubblicato il 27 Marzo 2022

Articolo originale: https://www.972mag.com/edition/russia-israel-occupiers/

L’ex primo ministro Benjamin Netanyahu con la moglie Sara con il presidente russo Vladimir Putin al Teatro Bolshoi di Mosca, 7 giugno 2016. (Haim Zach/GPO)

Questo articolo è apparso originariamente su “The Landline”, la newsletter settimanale di +972.

A poco più di un mese dall’invasione russa dell’Ucraina, Israele rimane molto indeciso sulla guerra. Mentre il governo ha rilasciato una serie di dichiarazioni blande a sostegno degli ucraini, ha negato le richieste di Kyiv per il supporto militare, cercando di mantenere buone relazioni sia con la vittima che con l’aggressore, permettendo al primo ministro Naftali Bennett di servire come un occasionale intermediario per Vladimir Putin e Volodymyr Zelenskyy.

Secondo la narrativa ufficiale, Israele deve mantenere un livello di neutralità in questo conflitto per considerazione della popolazione ebraica russa, che conta circa 180.000 persone, e per permettere a Israele la libertà di attaccare obiettivi militari in profondità in Siria, con l’approvazione di Mosca (la ripetuta violazione della sovranità siriana è vista come un dato di fatto da Israele, anche se è proprio questo tipo di violazione che il mondo sta ora cercando di fermare in Ucraina).

La guerra in Ucraina sta costringendo la comunità internazionale a fare i conti con le conseguenze del permettere a paesi potenti di sfidare apertamente il diritto internazionale senza essere colpiti da sanzioni. Questo è stato il caso delle occupazioni statunitensi di Afghanistan e Iraq; questo è il caso delle attuali guerre in Siria, Yemen ed Etiopia; e questo è il caso dei 55 anni di occupazione di Israele. È questo potenziale momento della resa dei conti che Israele sta cercando di evitare, perché riconosce che potrebbe essere bollato come un’altra Russia.

Israele sa da tempo che per evitare di essere ritenuto responsabile dei suoi crimini contro i palestinesi, ha bisogno di forti alleati politici. Nell’attuale ordine mondiale, la pressione più efficace su Israele dovrebbe venire dall’Occidente – ma siamo ancora molto lontani da questo punto, poiché gli Stati Uniti e l’Europa hanno per lo più facilitato piuttosto che inibito le azioni di Israele. Tuttavia, il timore che le opinioni su Israele cominciassero a cambiare in Occidente ha motivato l’ex primo ministro Benjamin Netanyahu a spendere gran parte dell’ultimo decennio nel formare un’alleanza di governi di destra e autoritari, tra cui Brasile, Ungheria, India, Cina, Filippine e, naturalmente, Russia.

Nel tentativo di offrire un’alternativa alla democrazia liberale e al diritto internazionale, Netanyahu voleva assicurarsi che se Israele fosse mai stato sanzionato dalle potenze americane o europee, avrebbe avuto mercati ausiliari e fornitori che non si preoccupano nemmeno di rendere un servizio a parole – come fa l’Occidente – ai diritti dei palestinesi. L’ultimo dei trionfi di Netanyahu in questo campo, facilitato dal presidente Donald Trump, è stata la firma degli accordi di Abraham, aggiungendo gli stati arabi del Golfo alla lunga lista di paesi autoritari che scelgono Israele rispetto ai palestinesi. Questo riallineamento regionale era in piena mostra domenica, quando Israele ha ospitato i leader degli Emirati Arabi Uniti, Bahrain, Egitto e Marocco nel cosiddetto vertice del Negev.

Questo asse anti-liberale è sopravvissuto a Netanyahu, e ora, mentre il governo Bennett-Lapid si rifiuta di condannare la Russia, sta operando con lo stesso obiettivo e la stessa lealtà in mente.

Questo è anche il contesto della recente ondata di rapporti che riconoscono la natura del regime di apartheid di Israele, anni dopo che i palestinesi e gli attivisti sudafricani lo hanno fatto. Solo negli ultimi due anni, questi hanno incluso i gruppi israeliani per i diritti umani Yesh Din e B’Tselem, le organizzazioni internazionali Human Rights Watch e Amnesty International, e proprio questa settimana, il relatore speciale delle Nazioni Unite sui territori palestinesi occupati.

Probabilmente il punto centrale di svolta per questi rapporti può essere trovato nella decisione israeliana, incoraggiata dalla nuova alleanza illiberale, di opporsi apertamente alla soluzione dei due stati sia a parole che nei fatti. Mentre un decennio fa, l’ordine internazionale basato sulle regole imponeva a Netanyahu, come minimo, di rendere un servizio verbale a questa soluzione (come nel suo discorso del 2009 al Bar Ilan), nel 2020, l’esistenza del nuovo asse autoritario ha permesso al primo ministro di muoversi pubblicamente verso l’annessione formale di ampie porzioni della Cisgiordania.

Anche qui, l’eredità di Netanyahu vive con i suoi successori: Lapid e Bennett dichiarano regolarmente che non ci saranno negoziati con l’Autorità Palestinese al di là della sicurezza e del coordinamento economico, e che mentre Israele non spingerà per l’annessione de jure, essi vedono lo “status quo” di occupazione, assedio e apartheid come base per una soluzione a lungo termine.

Per tre decenni, Israele è stato in grado di respingere le critiche internazionali usando la debole scusa dei “colloqui di pace”, mentre consolidava il suo dominio sui palestinesi sul terreno e portava avanti l’annessione de facto della loro terra. Il progetto di Netanyahu ha cercato di minare l’ordine mondiale legale fino al punto di poter togliere la maschera di Israele senza pagare un prezzo. Come disse una volta lo stesso ex primo ministro: “Loro [il mondo] diventeranno più simili a noi di quanto noi diventeremo simili a loro”. La grande tragedia è che aveva ragione. E ora, mentre Israele sceglie di tacere sull’occupazione dell’Ucraina, lo fa per assicurarsi che “loro” continuino ad assomigliare a “noi”.

Traduzione a cura di AssopacePalestina

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio