Lev Grinberg : Israele non è apartheid, è peggio. Il regime suprematista ebraico

Mar 3, 2022 | Riflessioni

– febbraio 24, 2022

Autore: Lev Grinberg

link: http://frammentivocalimo.blogspot.com/2022/02/lev-grinberg-israele-non-e-apartheid-e.html

articolo originale: https://www.haaretz.com/opinion/.premium-it-isn-t-apartheid-it-s-worse-1.10630937?fbclid=IwAR0yGZtSuMHgOEw_I6c8D7429mv40XRx6CkS8IugbCT_dPjmkFComEDZ0L4

The Qalandiya checkpoint.Credit: Emil Salman

Il rapporto di Amnesty International sbaglia il punto a causa di una sola parola: “apartheid”. Le persone che non hanno letto il rapporto lo condannano come “antisemita”, o almeno infondato rispetto al Sud Africa. Anche coloro che sostengono la condanna di Israele e lo considerano uno stato di apartheid non devono leggere il rapporto – dopotutto, quasi tutto ciò che vi è scritto ci è noto e familiare.Il problema con il concetto di “apartheid” non è che quasi certamente impedisce la lettura di questo importante e dettagliato rapporto, ma blocca anche la discussione sul regime israeliano, pieno di discriminazioni. Se vuoi capire cosa sta succedendo qui, devi fare delle distinzioni di base, piuttosto che creare un regime uniforme di discriminazione.Il successo del dominio israeliano sui palestinesi si basa sulla separazione fisica e su una varietà di regimi discriminatori . Sebbene la Linea Verde, il confine di Israele del 1967, sia stata cancellata per quanto riguarda gli ebrei, non è così per i palestinesi. I palestinesi in Cisgiordania vorrebbero beneficiare dei diritti civili e politici dei cittadini palestinesi di Israele, nonostante il regime intrinseco di segregazione e discriminazione all’interno dello stato ebraico. E nessun cittadino palestinese israeliano è disposto a trasferire il suo villaggio in Cisgiordania, che è sotto il governo militare, simile a quello che esisteva in “Israele vero e proprio” dal 1948 al 1966.Ecco il segreto del successo del regime discriminatorio israeliano: è un apartheid potenziato , se volete, ma non un regime uniforme. Non sono contrario all’uso del termine apartheid per enfatizzare la legalità del trattamento riservato da Israele ai palestinesi. Tuttavia, credo che manchi il primo obiettivo politico: la comprensione della situazione, che è la prima condizione per la sua riparazione.Il regime israeliano riesce a dividere e governare i palestinesi con maggiore efficienza rispetto al regime di discriminazione razziale in Sud Africa ai suoi tempi. Se la discriminazione razziale lì ha creato unità politica tra i neri discriminati e una richiesta politica di uguaglianza – “una persona, un voto” – il regime suprematista ebraico e la discriminazione graduale dividono i palestinesi a tal punto che non possono stabilire una congresso nazionale che convocherebbe palestinesi dall’interno di Israele, Gerusalemme Est, Cisgiordania, Striscia di Gaza e Libano.I negazionisti delle ingiustizie dell’apartheid potenziato affermano che qui non c’è discriminazione razziale, ma piuttosto un “conflitto nazionale”. Se il conflitto è davvero nazionale, perché i palestinesi, che sono dispersi in regimi diversi tra loro, non possono istituire un congresso nazionale? È vero che la discriminazione non è basata sulla razza, ma non è nemmeno un conflitto puramente nazionale.In ogni caso questo è un conflitto tra i coloni e la popolazione locale originaria. In questi casi, l’obiettivo dei coloni è spostare e cancellare la presenza fisica e l’identità collettiva della popolazione originaria per impossessarsi di sempre più terra. Nel caso israeliano l’hanno definita “una terra senza popolo per un popolo senza terra” – uno slogan che esprimeva come il sionismo cercasse di compiere due mosse contemporaneamente: stabilire gli ebrei come popolo-nazionalità e smantellare la nativi della loro identità condivisa.A differenza del Sud Africa, dove volevano mantenere i neri come manodopera a basso costo priva di diritti, il progetto sionista è un progetto di insediamento, noto anche come colonizzazione, come l’insediamento britannico in Nord America, Australia e Nuova Zelanda. Fino al 1967, la principale forza politica del sionismo, il movimento dei coloni laburisti, rifiutava il tipico interesse economico colonialista dello sfruttamento della manodopera locale e cercava di spodestarlo dal mercato del lavoro e dalla loro terra.Tuttavia, già nel 1948 la popolazione locale palestinese si era consolidata come movimento nazionale, a causa della opposizione agli sforzi per cacciarli fuori. Dall’espulsione e dalla fuga degli arabi durante la Guerra d’Indipendenza del 1948, il regime israeliano è stato impegnato a imporre la segregazione fisica tra ebrei e arabi, praticando su di loro politiche di “divide et impera” al fine di rafforzare il controllo israeliano e mantenere un regime in cui gli ebrei hanno maggiori diritti.È vero che, nonostante la loro segregazione, oppressione e discriminazione, la situazione dei cittadini palestinesi israeliani è migliore di quella dei neri nel regime dell’apartheid. la situazione dei palestinesi in Cisgiordania e a Gaza è peggiore di quella che è accaduta durante l’apartheid. L’assedio dei palestinesi nella Striscia di Gaza ha creato la prigione più grande del mondo e il presunto diritto di Israele di bombardare dall’aria e uccidere i civili non era uno strumento comune usato dai bianchi in Sud Africa quando opprimevano i neri oppositori dell’apartheid .Nell’apartheid potenziato c’è una separazione tra i tipi di palestinesi: un gruppo in condizioni relativamente buone, gli altri che vivono in regimi oppressivi di varie gradazioni peggiori di quelle imposte ai neri nel regime dell’apartheid.Questo è il problema del ricorso al concetto di apartheid: offusca le differenze e smussa il successo di Israele nel continuare a dividere e governare. Questa condanna è la più dura possibile, ma ci impedisce di capire perché l’oppressione ha tanto successo. Secondo la mia analisi, l’attuale regime è peggio dell’apartheid, perché non consente ai palestinesi di combattere insieme per un obiettivo comune.Ci sono cinque gruppi separati di palestinesi soggetti a regimi discriminatori di vario tipo, e hanno obiettivi politici diversi: entro il confine del 1967 la richiesta è di uguaglianza, in Cisgiordania chiedono uno stato indipendente e a Gaza una revoca del assedio. I rifugiati chiedono il diritto al ritorno e i palestinesi di Gerusalemme est sono confusi: hanno libertà di movimento e diritti di assistenza sociale come gli altri cittadini israeliani, ma come i palestinesi della Cisgiordania gli viene negata la cittadinanza e come loro sono minacciati da sfratto dalle loro case, attacchi di “coloni” e uccisioni arbitrarie.Se è così, cosa hanno in comune tutti e cinque questi gruppi? Come possiamo chiamare questo regime, che è riuscito a fare ciò che i bianchi in Sud Africa non erano in grado di fare?Ciò che hanno in comune è che ovunque tra il fiume Giordano e il Mar Mediterraneo, e anche al di fuori dei confini di Israele, gli ebrei hanno più diritti degli abitanti originari. Il regime è di supremazia ebraica.Il divario non è uniforme: i privilegi degli ebrei in Cisgiordania sono maggiori di quelli degli ebrei all’interno di Israele; gli ebrei, tramite le Forze di difesa israeliane, hanno il controllo totale su ciò che entra nella Striscia di Gaza, così come su chi entra e chi esce; al di fuori dei confini di Israele il regime di supremazia è più clamoroso di tutti: i discendenti dei palestinesi che hanno vissuto qui per centinaia di anni e sono diventati rifugiati nel 1948 non possono tornare nella contea o ricevere un risarcimento per le loro proprietà. Considerando che ogni ebreo, sebbene manchi di un legame genuino con Israele a parte nella migliore delle ipotesi le preghiere e le festività ebraiche, ha il pieno diritto di ottenere la cittadinanza israeliana e il sostegno finanziario dal governo subito dopo il suo arrivo.Quindi qui abbiamo il regime unico stabilito in Israele, come risultato di uno speciale sviluppo storico che differisce dalla situazione in altri luoghi, differisce anche dal sogno dei fondatori di costruire una società ebraica etica, una “luce per nazioni”. Questo regime è l’opposto, porta oscurità, favorisce la discriminazione e le ingiustizie anche tra gli ebrei – un regime senza confini che è incapace di fermare l’impulso nazionalista-razzista di continuare a cacciare i palestinesi.Il concetto di apartheid ci sta costringendo a uno sterile dibattito semantico e distogliendo l’attenzione dal regime suprematista ebraico, che merita una forte condanna e necessita di un cambiamento radicale. La soluzione per l’apartheid in Sud Africa era semplice: uguali diritti per tutti i cittadini. Una soluzione simile non funzionerà qui, perché è lontana dall’affrontare la complessità del regime suprematista ebraico.Lo scrittore è il presidente dell’Israeli Sociological Association e autore di “Politics and Violence in Israel/Palestine: Democracy vs. Military Rule” (Routledge, 2010).

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio