Ex Procuratore Generale di Israele: Con grande tristezza concludo che il mio paese è ora un regime di apartheid

Feb 13, 2022 | Riflessioni

di Michael Benyair,

thejournal.ie, 11 febbraio 2022. 

Michael Benyair, ex procuratore generale di Israele, è d’accordo con Amnesty International.

Michael Benyair

Nell’ultimo anno, c’è stato un dibattito pubblico tuttora in corso sul fatto che le azioni che il governo israeliano sta attuando nei Territori Palestinesi Occupati possano essere classificate come apartheid ai sensi del diritto internazionale.

Il 1° febbraio, Amnesty International è diventata l’ultima ONG a classificare Israele come apartheid, definendolo “un crudele sistema di dominio e un crimine contro l’umanità”. Ciò ha fatto seguito alle precedenti dichiarazioni di apartheid da parte di altri gruppi per i diritti umani, Yesh Din, B’Tselem e Human Rights Watch.

In qualità di ex procuratore generale di Israele, ho trascorso la mia carriera ad analizzare le questioni legali più urgenti di Israele. L’occupazione israeliana della Cisgiordania, di Gaza e di Gerusalemme Est è stata un dilemma fondamentale durante il mio mandato e oltre.

 “Una grave ingiustizia”

Il continuo dominio di Israele su questi territori è una grave ingiustizia che deve essere urgentemente rettificata.

È con grande tristezza che devo anche concludere che il mio paese è sprofondato a un tale abisso politico e morale da essere ora un regime di apartheid. È tempo che anche la comunità internazionale riconosca questa realtà.

Dal 1967 le autorità israeliane hanno giustificato l’occupazione affermando che è temporanea, fino a quando non sarà trovata una soluzione pacifica tra israeliani e palestinesi. Tuttavia, sono trascorsi cinque decenni da quando questi territori sono stati conquistati e Israele non mostra alcun interesse a revocare il suo controllo.

Impossibile concludere diversamente: l’occupazione è una realtà permanente. Questa è la realtà di uno stato, con due popoli diversi che vivono con diritti ineguali.

Violando il diritto internazionale, Israele ha trasferito più di 650.000 dei suoi cittadini ebrei a vivere negli insediamenti in Cisgiordania e Gerusalemme Est. Questi insediamenti sono stabiliti nelle aree che circondano i villaggi palestinesi, frammentando intenzionalmente le comunità palestinesi l’una dall’altra, per impedire in definitiva la possibilità di uno stato palestinese contiguo. A Gerusalemme Est, le leggi discriminatorie sulla proprietà stanno costringendo i palestinesi a lasciare le loro case in una politica di giudaizzazione della città sostenuta dallo stato.

Non ci sono “due Israele”

Nell’Area C della Cisgiordania, vengono utilizzate leggi di pianificazione discriminatorie per allontanare le comunità palestinesi dalle loro terre. Queste comunità affrontano un diluvio di violenze da parte dei coloni che vivono in avamposti non autorizzati (illegali anche secondo la legge israeliana), ma gli autori delle violenze subiscono poche o nessuna punizione.

Qualsiasi tentativo di resistere all’apartheid è pesantemente sorvegliato o criminalizzato, come esemplificato dalla falsa designazione di gruppi della società civile palestinese come terroristi da parte del Ministero della Difesa israeliano.

Successivi governi israeliani, incluso il recente governo di coalizione che si è presentato come un cambiamento rispetto all’intransigenza di Netanyahu, hanno costantemente e pubblicamente affermato di non avere alcuna intenzione di accettare uno stato palestinese.

Tuttavia, gran parte della comunità internazionale agisce come se il comportamento di Israele nei territori occupati fosse una cosa distinta dalla democrazia liberale che esiste all’interno della Linea Verde. Questo è un errore.

Semplicemente non puoi essere una democrazia liberale se applichi l’apartheid su un altro popolo. È una contraddizione in termini perché l’intera società israeliana è complice di questa realtà ingiusta.

È il gabinetto ministeriale israeliano per gli insediamenti che approva ogni insediamento illegale nei territori occupati. Sono stato io, nel mio ruolo di procuratore generale, ad approvare l’espropriazione di terre private palestinesi al fine di costruire infrastrutture come strade che hanno favorito l’espansione degli insediamenti.

Sono i tribunali israeliani a sostenere le leggi discriminatorie volte a espellere i palestinesi dalle loro case a Gerusalemme Est e dalle loro terre in Cisgiordania. E i cittadini israeliani alla fine pagano le tasse che sovvenzionano il rafforzamento del controllo e del dominio del governo in questi territori.

Tra il fiume Giordano e il Mar Mediterraneo, è Israele che priva permanentemente milioni di palestinesi dei loro diritti civili e politici. Questo è l’apartheid israeliano.

C’è speranza?

Ci sono due possibili soluzioni democratiche che possono risolvere questo status quo. Il primo è garantire a tutti coloro che vivono sotto il controllo israeliano la piena cittadinanza e l’uguaglianza.

Sfortunatamente, questo scenario porterebbe alla perdita della maggioranza ebraica e alla “balcanizzazione” dell’intero territorio, aumentando le probabilità di un conflitto intrattabile.

La seconda possibile soluzione sarebbe che Israele si ritiri dai territori occupati e stabilisca uno stato palestinese che viva fianco a fianco con Israele. Ciò non solo garantirebbe l’equa divisione della terra tra gli indigeni palestinesi e il popolo ebraico che è stato perseguitato per migliaia di anni. Garantirebbe anche sia una soluzione sostenibile al conflitto israelo-palestinese che la fine dell’apartheid.

La situazione sul campo è un abominio morale. Il ritardo della comunità internazionale nell’adottare misure significative per ritenere Israele responsabile del regime di apartheid che sta perpetuando è inaccettabile.

Michael Benyair è un ex procuratore generale di Israele ed ex giudice ad interim della Corte suprema israeliana.

https://www.thejournal.ie/readme/israel-apartheid-5678541-Feb2022/

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

1 commento

  1. Piero Caramelli

    Meglio tardi che mai o lacrime di coccodrillo?

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio