HaMoked: Aiutare i Palestinesi a resistere alla “burocratizzazione dell’occupazione”

Feb 7, 2022 | Notizie

di Jessica Montell,

HaMoked, 4 febbraio 2022.

Quando i media coprono l’occupazione israeliana dei territori palestinesi, di solito si concentrano su eventi drammatici di morte e distruzione. Ma per la maggior parte dei palestinesi, la caratteristica dominante dell’occupazione è una schiacciante burocrazia militare. I palestinesi chiedono un permesso dell’esercito israeliano per le cose più basilari della vita quotidiana, sia che si tratti di viaggiare da un luogo all’altro o anche semplicemente di vivere nella loro casa. HaMoked aiuta i palestinesi a districarsi in questa burocrazia ostile dei permessi.

HaMoked: Center for the Defense of the Individual (Centro per la difesa dell’individuo) è un’organizzazione israeliana per i diritti umani con l’obiettivo di fornire assistenza legale ai palestinesi che vivono sotto occupazione. Riceviamo centinaia di chiamate ogni mese da persone che cercano il nostro aiuto e questa assistenza individuale fornisce ad HaMoked una prospettiva unica sull’occupazione. Mentre l’organizzazione inizialmente era dedicata all’assistenza alle vittime di violenze e detenzioni, nel corso degli anni abbiamo ampliato il nostro lavoro affrontando “la burocrazia dell’occupazione”. Ecco alcuni esempi:

  • Maqboul stava andando in Germania per i suoi studi, ma quando arrivò al ponte di Allenby per raggiungere la Giordania, scoprì che Israele aveva imposto un divieto di viaggio impedendogli di lasciare la Cisgiordania.
  • La signora Shaban, una nonna di Gerusalemme, vuole partecipare al matrimonio di sua nipote a Gaza, ma non riesce ad avere alcuna risposta alla sua richiesta per ottenere il permesso militare.
  • Nahida, originaria della Cisgiordania, vive a Gerusalemme con il marito gerosolimitano orientale da due decenni, ma ha bisogno di permessi militari temporanei solo per vivere nella sua casa.
  • Yusuf, un giovane di Gaza trasferitosi a Ramallah, è considerato uno “straniero illegale” nella sua stessa casa, a rischio costante di essere rimpatriato a Gaza.

Queste sono solo alcune delle persone che si sono rivolte di recente a HaMoked per ricevere assistenza. HaMoked corrisponde a nome loro con i militari e si rivolge ai tribunali se questa corrispondenza non riesce a risolvere il problema. Il ricorso legale nei tribunali israeliani è uno dei nostri strumenti principali per difendere i diritti umani. HaMoked è il principale fornitore di assistenza legale ai palestinesi sotto occupazione, presentando centinaia di petizioni nei tribunali israeliani ogni anno per difendere la libertà di movimento, i diritti di residenza, i diritti dei prigionieri palestinesi e per contestare le punizioni collettive.

I palestinesi possono ottenere giustizia nei tribunali israeliani?

La Corte Suprema israeliana è considerata un faro della democrazia quando si tratta di cittadini del paese, ma ha un pessimo curriculum per quanto riguarda l’occupazione. La Corte ha dato il via libera agli insediamenti israeliani, alla continua espulsione forzata dei palestinesi e allo sfruttamento delle risorse palestinesi a beneficio di Israele. Questa complicità nell’occupazione è anche aumentata nell’ultimo decennio con la nomina di giudici ultranazionalisti di destra, sia alla Corte Suprema che ai tribunali di grado inferiore.

Dato il clima sociale e legale ostile in Israele, è difficile difendere i diritti dei palestinesi nei tribunali israeliani. Eppure, la maggior parte dei casi di HaMoked alla fine si sono risolti con successo, per lo più tramite accordi extragiudiziali ma anche attraverso sentenze giudiziarie. Nonostante le difficoltà, il ricorso legale rimane probabilmente lo strumento più efficace per promuovere i diritti dei palestinesi. Questo, ovviamente, testimonia la grande debolezza di tutte le altre strategie per combattere l’occupazione. Per parafrasare ciò che Winston Churchill ha detto sulla democrazia, il ricorso legale interno è la peggiore strategia per difendere i diritti dei palestinesi, a parte tutte le altre strategie.

Oltre ai successi individuali, HaMoked si impegna anche in contenziosi strategici per contestare le violazioni dei diritti umani endemiche nell’occupazione. Ciò richiede creatività, poiché la Corte preferisce risolvere il singolo caso senza stabilire alcun precedente giudiziario. Presentiamo quindi una serie di istanze individuali, ciascuna per conto di una persona che necessita di riparazione. Spesso la Corte si limiterà ad affrontare la sofferenza di questo individuo, ma poi presentiamo un’altra petizione e un’altra ancora, finché la Corte non può più evitare di pronunciarsi sul principio. Questo è stato il caso nel 1999, dopo che HaMoked e altre organizzazioni avevano presentato oltre 100 petizioni in tempo reale per conto di palestinesi sottoposti a tortura durante gli interrogatori. Alla fine, l’Alta Corte ha stabilito che lo Shin Bet, l’Agenzia per la sicurezza israeliana, non può usare la forza fisica negli interrogatori dei palestinesi.

In altri casi, lo Stato intraprenderà un cambio di politica “all’ombra” del ricorso legale. Questo è stato il caso quando HaMoked ha presentato dozzine di petizioni per conto di cittadini stranieri sposati con palestinesi in Cisgiordania, ma che vivono in Cisgiordania senza uno status legale. Un’intera popolazione è stata considerata straniera illegale nelle proprie case perché Israele ha rifiutato di consentire all’Autorità Palestinese di aggiornare il suo registro della popolazione su cui Israele mantiene il controllo finale. Sulla scia di queste petizioni, nel 2008 Israele ha concesso il ricongiungimento familiare a 32.000 persone.

Il ricorso legale di HaMoked è stato anche determinante nel respingere il “Trasferimento Silenzioso” dei palestinesi da Gerusalemme Est dopo l’annessione. Nel corso degli anni, Israele ha revocato lo status di residenza a oltre 14.000 palestinesi di Gerusalemme Est perché avevano lasciato la città. Alcuni si erano trasferiti all’estero, ma molti si erano semplicemente trasferiti nei quartieri della Cisgiordania appena fuori dai confini della città. Il Ministero dell’Interno israeliano, tuttavia, non si è mai preso la briga di pubblicizzare che le persone che si sono trasferite “all’estero” avrebbero perso il loro status di residenza. In risposta a un determinato ricorso legale di HaMoked, nel 2000, il Ministero ha promesso che i palestinesi che mantengono “un legame con Israele” (cioè vengono in visita almeno una volta all’anno) non perderanno la residenza a Gerusalemme. Le risposte alle richieste sulla libertà di informazione di HaMoked mostrano che questa politica ha effettivamente interrotto il “trasferimento silenzioso”. Inoltre, la Corte ha ora riconosciuto i palestinesi di Gerusalemme Est come una “popolazione indigena con uno status unico”, un passo importante nella salvaguardia dei loro diritti.

In molti di questi casi, il patrocinio internazionale ha sostenuto il ricorso legale interno, un fattore che ha contribuito al cambiamento in positivo. Ciò dimostra l’importanza di un partenariato di coloro che lavorano per la giustizia sia a livello nazionale che nel mondo.

Affrontare le cause alla radice o solo i sintomi?

I successi di HaMoked illustrano l’importanza del ricorso legale interno come strategia e anche i suoi limiti. Il ricorso legale può cambiare la vita delle persone che stanno soffrendo a causa dell’occupazione. Può anche respingere e invertire determinate politiche dell’occupazione. Questa è una cosa molto importante e preziosa. Ma ci sono limiti a ciò che il ricorso legale può ottenere.

Il ricorso legale contro quelli che chiamerei i mattoni dell’occupazione non ha mai avuto successo. I tribunali israeliani non hanno mai stabilito che gli insediamenti siano illegali. Non hanno messo fuori legge l’idea che due popolazioni possano vivere fianco a fianco nei territori occupati ed essere governate da due diversi sistemi legali, il diritto civile per gli israeliani e il diritto militare repressivo per i palestinesi.

E, naturalmente, il ricorso legale non porrà fine all’occupazione, che è la radice di tutte le situazioni di sofferenza che HaMoked deve affrontare. Purtroppo, data l’attuale triste realtà del sistema politico israeliano, della leadership palestinese e della comunità internazionale, non è affatto chiaro quali strategie possano generare l’accordo diplomatico necessario per porre fine all’occupazione.

Qualunque sia il percorso politico da seguire, tuttavia, è chiaro che i diritti umani devono svolgere un ruolo. In effetti, specialmente ora, Israele deve rispondere dei suoi obblighi in materia di diritti umani.

Quindi cosa possiamo fare?

Come ho indicato sopra, la comunità internazionale può svolgere un ruolo importante nel sostenere e rafforzare gli sforzi dei difensori dei diritti umani nazionali. Tutti i cambiamenti significativi sono stati il ​​risultato di una tale partnership, che ha combinato la difesa locale e la pressione internazionale.

Tuttavia, poiché l’essenziale cambiamento macropolitico – la fine dell’occupazione – non è attualmente realistico, può essere difficile capire dove concentrare meglio i nostri sforzi e identificare importanti questioni sistemiche che siano più di un semplice cerotto.

Per il prossimo anno, HaMoked ha deciso di dare priorità alle espropriazioni create dalla Barriera di Separazione, e questo è anche un tema importante per il coinvolgimento internazionale.

Espropriazione strisciante: la barriera di separazione.

Due decenni fa, Israele ha scelto di costruire la Barriera lungo un percorso all’interno della Cisgiordania, piuttosto che sulla Linea Verde tra la Cisgiordania e Israele. Di conseguenza, la Barriera isola i terreni di quasi il 10% della Cisgiordania, gran parte dei quali sono terreni agricoli appartenenti a decine di migliaia di agricoltori palestinesi. In risposta alle critiche della comunità internazionale, Israele ha promesso un accesso praticamente illimitato, poiché la sicurezza è l’unico motivo per negare l’ingresso ai palestinesi in queste aree, che Israele chiama “la Seam Zone”(la zona di cucitura/confine).

Naturalmente, la realtà è lontana da questa promessa. Nel corso degli anni, HaMoked ha sostenuto migliaia di palestinesi nei loro sforzi per accedere a terre, aziende e case intrappolate dietro la Barriera di Separazione. Questa assistenza individuale ha fornito una visione di prima mano delle crescenti restrizioni imposte da Israele in queste aree: i cancelli attraverso la Barriera che sono aperti solo pochi giorni alla settimana per periodi molto brevi; c’è una burocrazia complicata per richiedere il permesso necessario per varcare i cancelli; e, ogni anno o due, nuove restrizioni su chi ha diritto a questi permessi.

Nel 2017, l’esercito israeliano ha deciso che quelli che definiscono “piccoli appezzamenti” (meno di 330 metri quadrati) non consentono un’agricoltura sostenibile e quindi non garantiscono un permesso per la Seam Zone. Questa è una decisione irritante: che diritto hanno i militari di imporre alle persone cosa fare con la propria terra? Le persone hanno il diritto di accedere alla loro terra anche solo per un picnic in famiglia, per non parlare di coltivare olive per il proprio consumo.

Inoltre, poiché l’esercito calcola la dimensione del lotto suddividendo artificialmente un lotto di proprietà congiunta di una famiglia allargata, ora definisce vaste porzioni della Seam Zone come composte da tali “piccoli appezzamenti” a cui l’accesso è completamente negato. HaMoked ha contestato ogni nuova limitazione all’accesso dei palestinesi e abbiamo anche una petizione pendente davanti all’Alta Corte israeliana contro questa restrizione del “piccolo appezzamento”.

Sebbene molte delle nostre petizioni abbiano avuto successo, le politiche israeliane hanno portato a un costante deterioramento dell’accesso generale dei palestinesi. I dati ottenuti attraverso le richieste di Freedom of Information mostrano che l’anno scorso i militari hanno respinto il 73% delle richieste di permessi per agricoltori alla Seam Zone! Solo l’1% delle domande di permesso viene respinto per motivi di sicurezza; in altre parole, la stragrande maggioranza dei permessi viene negata per il mancato rispetto di criteri sempre più restrittivi.

Questa è una questione estremamente importante che è sfuggita all’attenzione internazionale. Quasi il 10% della Cisgiordania è off-limits per la maggior parte dei palestinesi. Con il tempo i fertili terreni agricoli sono diventati incolti e sterili a causa delle restrizioni di Israele, danneggiando i mezzi di sussistenza di migliaia di famiglie.

Penso che questa sia una questione ideale per l’advocacy internazionale. L’impegno diplomatico al momento non porrà fine all’occupazione, né smantellerà gli insediamenti; allo stesso modo è frustrante utilizzare il capitale politico per affrontare singoli casi umanitari.

Ma credo che potremmo essere in grado di smantellare almeno parti della Barriera di Separazione e garantire una circolazione più libera per i palestinesi in queste parti della Cisgiordania. Lo spostamento di porzioni della Barriera sulla Linea Verde non comporta alcun rischio per la sicurezza e non richiede alcun negoziato di alcun tipo con l’Autorità Palestinese. Israele ha l’obbligo legale di consentire ai palestinesi la libera circolazione all’interno della Cisgiordania e deve rispettare tale obbligo. Quest’anno, il ventesimo anno della Barriera di Separazione, offre un’eccellente opportunità per evidenziare questo problema, e confido che una combinazione tra ricorso legale interno e advocacy internazionale possa portare a un vero cambiamento.

Le foto sono una gentile concessione di HaMoked

Traduzione di Gabriella Rossetti – AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio