Il nuovo documento segreto di Israele non riesce ancora a collegare le ONG palestinesi al “terrorismo”

Gen 17, 2022 | Notizie

di Oren Ziv e Yuval Abraham,  

+972 Magazine, 13 gennaio 2022.

Un soldato israeliano durante un’incursione dell’esercito nel villaggio palestinese di Burqa in Cisgiordania, ritratto vicino a un simbolo del PFLP dipinto con lo spray. (Oren Ziv)

+972 e Local Call hanno ottenuto un nuovo rapporto inviato ai diplomatici stranieri in un nuovo tentativo di giustificare la messa fuori legge di sei gruppi della società civile palestinese. Il documento, pieno di affermazioni infondate, ha lasciato i leader europei poco convinti.

Per la maggior parte dell’anno scorso, il governo israeliano è stato impegnato a convincere i paesi europei che sei delle più importanti organizzazioni della società civile palestinese sono in realtà una copertura per il terrorismo. Tuttavia, nonostante i suoi sforzi, che includevano un dossier confidenziale di 74 pagine dello Shin Bet inviato ai diplomatici lo scorso maggio, Israele non è riuscito a convincere i leader europei delle sue accuse.

Non essendo riuscito a convincere i diplomatici, Israele il mese scorso ha iniziato a far circolare un nuovo documento redatto dal Ministero degli Esteri –acquisito da +972 e Local Call, e rivelato qui per la prima volta– con informazioni aggiuntive, in un nuovo tentativo di collegare le organizzazioni al terrorismo. Ancora una volta, tuttavia, sembra che Israele non sia stato in grado di dimostrare le sue affermazioni, e i leader europei rimangono non convinti. Nel frattempo, Israele ha respinto la richiesta delle sei organizzazioni di ricevere dettagli sulle accuse, anche se ha esteso il periodo per presentare un appello sulla decisione dal 10 al 18 gennaio.

Il nuovo documento –che è designato “segreto” nonostante non presenti alcun logo di stato che lo definisca come ufficiale, e che è stato inviato in inglese o in ebraico a diversi paesi– non presenta alcuna prova reale contro i gruppi, ma piuttosto fa affermazioni generali sul loro presunto sostegno al Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (PFLP), che è proscritto come organizzazione terroristica da Israele, Stati Uniti e UE. Si concentra anche su presunti legami personali tra i membri anziani dei sei gruppi e il PFLP.

Il documento arriva sulla scia di un dossier dello Shin Bet di 74 pagine che Israele ha inviato a vari paesi europei nel maggio 2021. L’obiettivo di quel documento era provare che le sei organizzazioni – Al-Haq, Addameer, Bisan Center, Defense For Children International-Palestine, l’Unione dei comitati di lavoro agricolo e l’Unione dei comitati delle donne palestinesi – fanno parte del PFLP, sostengono le sue attività e servono come mezzo per incanalare denaro verso di esso. Mezzo anno dopo la sua diffusione, il ministro della difesa israeliano Benny Gantz ha dichiarato le organizzazioni “gruppi terroristici”.

I direttori di cinque gruppi palestinesi per i diritti dichiarati “organizzazioni terroristiche” da Israele (da sinistra a destra): Shawan Jabarin di Al-Haq, Ubai Al-Aboudi di Bisan Center, Fuad Abu Saif di UAWC, Sahar Francis di Addameer, e Khaled Quzmar di DCI-Palestina, a Ramalah, Cisgiordania, 28 ottobre 2021. (Oren Ziv)

Un’indagine congiunta di +972, Local Call e The Intercept subito dopo la dichiarazione di Gantz ha scoperto che le accuse dello Shin Bet contro le organizzazioni erano prive di fondamento e basate principalmente su testimonianze di seconda mano di due contabili palestinesi che non hanno mai lavorato per le organizzazioni in questione. L’indagine ha rivelato inoltre che le attività “criminali” in cui queste ONG erano coinvolte includevano presumibilmente lezioni di danza tradizionale palestinese e assistenza ai malati.

L’indagine ha anche scoperto che i paesi europei che hanno ricevuto il rapporto dello Shin Bet non credevano che costituisse una “prova concreta” contro le sei organizzazioni; dopo la dichiarazione di Gantz di ottobre, Israele ha iniziato una campagna per convincere i paesi europei e gli Stati Uniti che aveva ulteriori prove di legami tra le organizzazioni e il PFLP. Il documento non firmato, a differenza del dossier dello Shin Bet, “profila” le sei ONG ed elenca il personale di alto livello di ciascuna di esse che presumibilmente hanno o hanno avuto legami personali con il PFLP. Il documento non include accuse che questi alti funzionari siano mai stati coinvolti nelle attività militari o violente del PFLP.

Il nuovo dossier descrive Addameer come “un’organizzazione molto importante per il PFLP”, che è stata fondata per “inviare un chiaro messaggio agli operativi del PFLP e al pubblico palestinese in generale che l’organizzazione [PFLP] non abbandona coloro che compiono attività terroristiche contro Israele, ma piuttosto compensa loro e i loro familiari e assicura il loro benessere”. Il documento sostiene inoltre che Addameer “promuove il sostegno pubblico ai prigionieri e ai leader del PFLP”.

Il documento nomina la direttrice esecutiva di Addameer, Sahar Francis, come un “operativo del PFLP”, e sostiene che “la maggior parte dei dipendenti dell’organizzazione sono noti e prominenti operativi/sostenitori del PFLP”. Il documento afferma inoltre che Addameer partecipa a progetti del PFLP, senza includere alcun dettaglio, e che i suoi “dipendenti sono impegnati in attività organizzative per conto del PFLP che non sono direttamente collegate all’organizzazione [Addameer], per esempio, passando messaggi e istruzioni tra i prigionieri del PFLP.” Il documento afferma anche che gli uffici di Addameer sono usati per attività del PFLP, anche se non approfondisce come o quando.

Il documento afferma inoltre che Al-Haq, la più antica e rispettata ONG palestinese per i diritti umani, è un’organizzazione del PFLP, i cui dipendenti sono tutti “agenti del PFLP”. Al-Haq, dice il documento, “si concentra sulla guerra legale contro Israele e agisce in coordinamento [con] e sotto la direzione della leadership del PFLP. Quest’ultima vede le attività [di Al-Haq] come strategicamente importanti nella lotta contro Israele, e questo è visto come un sostegno alla lotta armata del PFLP”.

Sahar Francis, direttrice di Addameer, vista negli uffici dell’organizzazione a Ramallah, in Cisgiordania, il 19 febbraio 2019. (Foto: Mohannad Darabee per +972 Magazine)

Il ministero degli Esteri israeliano sostiene che Al-Haq si è “astenuto dal presentare pubblicamente la sua appartenenza al PFLP, e la nega. Si tratta di una decisione consapevole volta a trattenere i donatori e a dissipare qualsiasi dubbio che possa sorgere da parte della comunità internazionale sulla credibilità dell’organizzazione”.

Il direttore esecutivo di Al-Haq, Shawan Jabarin, è descritto nel documento come “un membro anziano del PFLP… poiché, come parte del suo lavoro, Jabarin incontra gli operativi del PFLP in vari distretti”. Il documento afferma che Jabarin fa parte del PFLP dagli anni ’80, ha preso parte ad attività organizzative, ha fatto parte della cellula studentesca del PFLP durante i suoi studi all’Università di Birzeit, e ha iniziato a lavorare ad Al-Haq mentre “apparteneva al PFLP.”

Il documento sostiene inoltre che sia Kitan Safin, che dirige l’Unione dei Comitati Femminili Palestinesi (UPWC), sia Abla Sa’adat, dipendente dell’organizzazione e moglie di Ahmad Sa’adat – il segretario generale del PFLP che sta scontando una pena detentiva per aver organizzato l’assassinio del ministro israeliano di estrema destra Rehavam Ze’evi nel 2001 – sono entrambe membri anziani del PFLP.

Secondo il dossier, l’UPWC “gestisce vari progetti in Cisgiordania, compresi quelli che servono il PFLP, per esempio, centri culturali e asili.” Il documento afferma anche che l’organizzazione si concentra, tra l’altro, sul “sostegno a popolazioni speciali, famiglie di martiri e prigionieri di sicurezza”. Il documento afferma inoltre che i membri dell’UPWC hanno svolto attività per conto del PFLP, come il trasferimento di fondi, la formazione organizzativa e le dichiarazioni, e che l’infrastruttura dell’organizzazione è stata utilizzata per le riunioni del PFLP. Nessuna delle affermazioni era accompagnata da dettagli, date o altre prove.

Il documento afferma anche che l’Unione dei Comitati di Lavoro Agricolo (UAWC) serve come “organizzazione chiave” del PFLP, che è soggetta ai suoi membri anziani e aiuta a finanziare il PFLP. Il documento elenca due membri anziani dell’organizzazione, Abed al-Razaq e Samer Arbid, che sono attualmente sotto processo per aver tramato ed eseguito nel 2019 l’omicidio della 17enne Rina Shnerb presso una sorgente nella Cisgiordania occupata.

Il documento afferma inoltre che l’UAWC riceve milioni di dollari in donazioni da paesi europei ed è coinvolta in “falsificazioni e frodi”, ma, come per le precedenti accuse, non fornisce alcuna prova. Il documento afferma anche che gli uffici della UAWC sono usati per riunioni del PFLP.

“State togliendo loro l’ultimo cane da guardia”.

Come il dossier dello Shin Bet che lo ha preceduto, il nuovo documento non è riuscito a convincere i paesi europei che le organizzazioni erano coinvolte in attività terroristiche.

“Non una sola prova incriminante è stata presentata, non un solo paese ha accettato o è stato convinto dalle accuse”, ha detto il mese scorso a +972 e a Local Call un diplomatico occidentale con sede a Ramallah che ha chiesto di rimanere anonimo. “Secondo le informazioni esistenti, [gli stati donatori] in Europa non erano convinti che i documenti forniti da Israele giustificassero la designazione delle organizzazioni come terroristiche”.

Israeliani di destra protestano contro le ONG di sinistra, fuori dal tribunale di Tel Aviv il 7 luglio 2020. (Miriam Alster/Flash90)

Lo stesso diplomatico stima che questi paesi dovranno presto prendere una decisione se continuare il loro sostegno finanziario alle sei organizzazioni. “La maggior parte dei paesi non ha fermato i finanziamenti, perché non abbiamo visto prove”, ha detto il diplomatico. “Questi paesi non possono aspettare ancora a lungo. Nei prossimi mesi verrà presa una decisione, molto probabilmente per continuare il sostegno”.

Secondo il diplomatico, la decisione di Israele di dichiarare le organizzazioni illegali “non reggerà in un tribunale europeo”, poiché la legge israeliana è “basata su una definizione molto più ampia di ciò che costituisce il “terrorismo”, che non corrisponde al modo in cui lo definisce l’Unione europea”. In Israele, chiunque sostenga un gruppo che è stato designato come “organizzazione terroristica” è automaticamente designato come “sostenitore del terrorismo”. In Europa, ha spiegato il diplomatico, semplicemente non è così. “Anche se hai espresso il tuo sostegno [per un gruppo considerato “organizzazione terroristica”], non sarai processato per averlo fatto”, ha detto.

“Non possiamo punire le organizzazioni perché Israele le ha designate ‘terroriste’ su una base giuridica diversa dalla nostra”, ha continuato il diplomatico. “Queste organizzazioni criticano le due dittature che sono state create per il popolo palestinese: la dittatura di Israele e quella dell’Autorità Palestinese. Voi state togliendo loro l’ultimo cane da guardia”, ha aggiunto.

Le osservazioni del diplomatico sono in linea con le dichiarazioni ufficiali pubblicate da un certo numero di paesi europei, così come i commenti fatti da altri diplomatici. La Danimarca e l’Irlanda hanno già annunciato che non accettano le accuse di Israele e continueranno a finanziare le organizzazioni, mentre i rappresentanti di altri 10 paesi hanno detto a +972 e a Local Call di non essere convinti dai materiali aggiuntivi forniti da Israele a partire dall’ottobre 2021.

La settimana scorsa, tuttavia, il governo olandese ha annunciato che avrebbe smesso di finanziare l’UAWC, dopo aver apparentemente trovato “legami personali” tra i suoi dipendenti e il PFLP, e perché l’organizzazione non era trasparente su questi legami. La decisione, che è arrivata dopo una sospensione di 18 mesi dei finanziamenti all’UAWC, usa un linguaggio simile a quello del nuovo documento, che si concentra sui legami personali tra i membri anziani delle sei ONG e il PFLP.

Tuttavia, l’annuncio del governo olandese ha anche respinto alcune delle affermazioni centrali di Israele riguardo alle presunte connessioni organizzative tra l’UAWC e il PFLP. A seguito di un’indagine esterna del gruppo di consulenza sui rischi Proximities, con sede nei Paesi Bassi, che è iniziata all’inizio del 2021 e ha coperto il periodo tra il 2007 e il 2020, durante il quale l’UAWC ha ricevuto finanziamenti dai Paesi Bassi, il governo ha detto di non aver trovato prove di “flussi finanziari tra l’UAWC e il PFLP… Né è stata trovata alcuna prova di unità organizzativa tra l’UAWC e il PFLP o che il PFLP abbia fornito direttive all’UAWC”. L’indagine ha anche detto che non sono state trovate prove che lo staff o i membri del consiglio abbiano usato le loro posizioni nell’organizzazione per pianificare attacchi armati.

L’annuncio olandese è quindi in linea con le dichiarazioni di vari paesi europei nei confronti delle sei organizzazioni. Durante una sessione al parlamento danese il 21 dicembre, il ministro degli Esteri Jeppe Kofod ha detto che il suo governo non ha ricevuto la documentazione relativa alla decisione di Israele di dichiarare Al-Haq un’organizzazione terroristica, e quindi la Danimarca intende continuare a finanziare l’organizzazione come previsto, almeno fino al 2023. Kofod ha aggiunto che, se Israele dovesse fornire delle prove, “rivaluterà la situazione”.

Il governo irlandese ha annunciato nel novembre 2021 che Israele non aveva fornito prove adeguate contro le organizzazioni. Il ministro degli Esteri Simon Coveney ha dichiarato che “[continueremo] a parlare con entrambe queste ONG [Al-Haq e Addameer] su come possiamo continuare a sostenere il loro lavoro.” Nel dicembre 2021, l’ambasciatrice irlandese all’ONU Gerladine Byrne Nason ha detto che “in assenza di prove che confermino queste accuse, l’Irlanda continuerà a sostenere le organizzazioni interessate”.

Mentre altri paesi hanno respinto le accuse di Israele, non hanno annunciato ufficialmente che continueranno a sostenere le sei organizzazioni. La ministra degli Esteri belga Sophie Wilmès ha annunciato all’inizio di dicembre che “il presunto abuso di fondi da parte di alcuni partner palestinesi non è stato provato, e neanche la loro associazione con il PFLP. Finora, anche le nuove accuse non sono state comprovate”. Wilmès ha inoltre dichiarato che “in una prossima fase, durante la quale è importante coordinarsi con i nostri partner europei, sarà necessario determinare la nostra linea d’azione a livello operativo a sostegno della società civile.”

La ministra degli Esteri belga Sophie Wilmès alla Camera dei Rappresentanti, 23 gennaio 2020. (Thomasdaems89/CC BY-SA 4.0)

La ministra degli Esteri norvegese Anniken Huitfeldt ha dichiarato il 29 ottobre di essere preoccupata che la decisione di Israele “ridurrà il già limitato spazio per l’impegno della società civile in Palestina, in particolare lo spazio per il lavoro sui diritti umani” e che “la Norvegia dà alta priorità agli sforzi per promuovere i diritti umani e il sostegno alla società civile in Palestina”. Mona Juul, ambasciatrice della Norvegia all’ONU, ha annunciato il 30 novembre che “se non ci verranno presentate – in tempi ragionevoli – informazioni sufficienti per corroborare queste accuse, chiederemo a Israele di annullare la decisione.”

I governi di Francia, Germania, Italia, Svezia e vari organismi dell’UE hanno anche espresso “preoccupazione” per la dichiarazione, notando che precedenti accuse di uso improprio dei fondi dei donatori sono state esaminate ma non provate.

“I donatori hanno paura”

Il tentativo delle sei organizzazioni di acquisire ulteriori informazioni dalle autorità israeliane non ha dato frutti. Il 16 dicembre 2021, poco meno di quattro settimane prima del termine iniziale fissato dalle autorità israeliane per un’udienza sulla decisione, il team legale che rappresenta le organizzazioni ha richiesto i materiali che Israele ha usato come base per la sua dichiarazione. “Senza il dettaglio delle accuse di atti concreti (atto, documento, data, luogo), e senza le prove che presumibilmente li stabiliscono, le organizzazioni non hanno l’opportunità reale ed effettiva di rispondere e affrontare l’accusa contro di loro”, dice il ricorso. “Un’udienza in cui le prove non vengono divulgate è un procedimento viziato che manca della caratteristica più elementare di un processo equo”.

La procura militare ha risposto all’inizio di gennaio che si rifiutava di trasmettere l’intelligence confidenziale su cui si basava la dichiarazione, ed era disposta a trasmettere solo l’intelligence non confidenziale, poiché, sosteneva, “il nucleo delle dichiarazioni è basato su intelligence classificata, incrociata e affidabile”. La procura militare ha esteso il termine per l’appello fino al 18 gennaio.

Shawan Jabarin di Al-Haq ha detto a +972 che negli ultimi mesi ha incontrato i rappresentanti di Francia, Germania, Paesi Bassi, Svezia, Danimarca, Norvegia, Spagna, Belgio e Irlanda. “Mi è stato detto in tutti gli incontri che credono che le accuse contro di noi non siano provate”, ha detto, aggiungendo che i rappresentanti hanno affermato che pubblicheranno le dichiarazioni dopo le vacanze.

Sahar Francis di Addameer ha anche detto che negli ultimi due mesi, la sua organizzazione ha tenuto numerosi incontri con i rappresentanti dei paesi europei, in cui è emerso che Israele non ha presentato ulteriori prove dopo il dossier di maggio dello Shin Bet. “Dicono che non è sufficiente e che non è convincente. Ma stanno ancora aspettando di vedere se Israele invierà altre prove. Pensiamo che questi paesi dovrebbero fare una coraggiosa dichiarazione pubblica che dica: ‘Sono passati due mesi, il tempo sta per scadere. Non siamo convinti, e continueremo a sostenere le organizzazioni”.

Fuad Abu Saif, che dirige l’UAWC, ha detto che la sua organizzazione ha chiesto all’UE di fissare una scadenza per dichiarare pubblicamente se sono convinti delle accuse, e se continueranno a sostenere le organizzazioni. Ha detto che alcuni dei rappresentanti che ha incontrato gli hanno detto che avrebbero rilasciato una tale dichiarazione a gennaio. “C’è paura. I donatori hanno paura, e le organizzazioni internazionali hanno paura”, ha detto Abu Said a +972. “Da un lato, credono che la dichiarazione contro le sei organizzazioni sia basata su nulla. Ma dall’altro lato, aspettano una decisione collettiva per continuare a sostenere le organizzazioni, per non restare soli davanti a Israele. Per esempio, questo potrebbe assumere la forma di una decisione congiunta di tutti i paesi dell’UE”.

All’inizio di questa settimana, un certo numero di organizzazioni israeliane per i diritti umani, tra cui B’Tselem, Breaking the Silence, Physicians for Human Rights-Israel, HaMoked, hanno chiesto ai paesi donatori europei di continuare a sostenere le organizzazioni palestinesi e persino di aumentare le loro donazioni.

Questo articolo è stato pubblicato in collaborazione con Local Call.

https://www.972mag.com/israel-document-palestinian-ngos/

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN: IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio