Un’avvocata israeliana per i diritti umani impara la dura verità sul fare politica

Nov 25, 2021 | Notizie

di Shany Littman,

Haaretz, 4 novembre 2021. 

Nemmeno 20 anni in difesa degli attivisti della pace e dei palestinesi sono bastati a preparare completamente la nuova deputata di Meretz Gaby Lasky per la frustrazione che sente o la moderazione che deve mostrare come membro della coalizione più strana nella storia di Israele.

Gaby Lasky.Credito: Emil Salman

Una domenica alla fine del mese scorso ho ricevuto una telefonata dalla deputata della Knesset Gaby Lasky. “Dimenticate tutto quello che ho detto”, mi ha detto, riferendosi a due ampie conversazioni che avevamo avuto due settimane prima, in preparazione di questo articolo. “Niente di tutto quello è più rilevante”.

In quelle precedenti discussioni, era stata attenta a proiettare un senso di cauto ottimismo, insieme alla determinazione (forse, aggiungerei, un po’ ingenua), che non sarebbe stata costretta a sacrificare i suoi principi per tenere insieme l’ampia coalizione di governo di cui il suo partito Meretz fa parte. Ora, le sue speranze sono state deluse quando il ministro della Difesa Benny Gantz ha dichiarato sei organizzazioni palestinesi per i diritti umani e della società civile in Cisgiordania come gruppi terroristici, aprendo così la porta al sequestro dei loro beni e alla loro chiusura.

“Sono terribilmente sconvolta”, ha riconosciuto Lasky, aggiungendo che la mossa l’ha colta totalmente di sorpresa. “Conosco soprattutto il lavoro di tre delle organizzazioni legali [tra le sei]: Al-Haq, Addameer e Defense for Children International-Palestine”, ha detto. (Gli altri tre gruppi sono il Bisan Research and Advocacy Center, la Union of Palestinian Women’s Committees e la Union of Agricultural Work Committees).

“Sono organizzazioni rispettate che si sono guadagnate molto credito internazionale. Come pensa Israele di continuare ad essere percepito come un’occupante illuminato, un paese democratico, se togliamo il minimo necessario perché possa essere visto come un sistema giuridico giusto? Il tentativo di trasformare la guerra contro l’occupazione in terrorismo è qualcosa di inaccettabile. È semplicemente una persecuzione”.

Per quanto tempo Meretz può resistere in una coalizione che prende tali decisioni?

“Non lo so davvero. L’esistenza di questo governo è importante, ma non può avvenire a spese dei diritti umani, e a spese della scelta di una soluzione a due stati. Se questo governo mantiene solo politiche di estrema destra, non so se può continuare. In questo caso, è stato superato un limite. Sono contenta che [il leader del partito Meretz] Nitzan Horowitz abbia chiesto un incontro con Gantz e che [la ministra della protezione dell’ambiente di Meretz] Tamar Zandberg si sia espressa fortemente contro. Ma le dichiarazioni non sono sufficienti”.

Citando un caso di tempismo ironico, Lasky ha detto che il gruppo Meretz alla Knesset era stato invitato a una giornata per fare amicizia tra i membri della coalizione parlamentare, che era prevista per lo scorso venerdì. In programma: una sessione di canto guidata dalla cantante Einat Sarouf e un numero di cabaret di Adir Miller.

“Non ho bisogno di intrattenimento. Ho bisogno di azione, in modo che la gente veda che questa coalizione include anche noi. Altrimenti, si godranno Einat Sarouf e Adir Miller senza di me. Se la vera agenda dei partiti di destra è quella di ottenere risultati di destra per poter poi entrare in un governo [esclusivamente] di destra quando Netanyahu non potrà più essere primo ministro, noi non saremo lì a dare una mano”. (Alla fine, Lasky si è tenuta lontana dalla giornata per fare amicizia).

Benny Gantz.Credito: Moti Milrod

Un’anteprima e una crisi

Tre settimane fa, si poteva ancora dire che Lasky stava vivendo il suo sogno, o almeno che non aveva ancora compreso la realtà politica in cui si trovava quando è stata eletta alla Knesset lo scorso marzo.

Prendete, per esempio, quel venerdì di fine settembre, nelle colline a Sud di Hebron, in Cisgiordania. La scena è quella di un autobus che trasportava diverse decine di donne del gruppo Madri contro la Violenza, gruppo che ha avuto origine dalle proteste davanti alla residenza del primo ministro a Gerusalemme quando Benjamin Netanyahu era in carica. L’autobus stava percorrendo una stretta strada verso l’avamposto non autorizzato di Mitzpeh Yair.

Vicino all’entrata dell’avamposto, uno dei coloni aveva posizionato la sua auto di traverso sulla strada, bloccando il percorso dell’autobus. Gli organizzatori del viaggio, del gruppo anti-occupazione Breaking the Silence, sono scesi dall’autobus per chiedere al colono di spostare la sua auto. Lui si è rifiutato.

Diversi minuti dopo, sono arrivati diversi agenti di polizia e hanno cominciato a prendere i dati identificativi delle persone sull’autobus. Nel frattempo, l’auto è rimasta dov’era. Poi il comandante del battaglione dell’esercito per la zona si è presentato e ha dichiarato il sito una zona militare chiusa – tutto questo semplicemente per evitare che un gruppo di donne di mezza età equipaggiate con giubbetti riflettenti e ombrelli dello stesso tipo girassero intorno a un sito che doveva essere una collina rocciosa libera.

Durante tutto questo tempo, la nuova deputata Gaby Lasky è rimasta sull’autobus, aspettando pazientemente che l’incidente fosse concluso e che l’autobus continuasse il suo viaggio. Dopo un po’ di tempo, si è apparentemente ricordata di essere ora un funzionario eletto che poteva modificare ciò che stava accadendo. È scesa dall’autobus e si è presentata agli agenti dell’esercito come membro della Knesset. Quelli all’inizio erano confusi, ma poi si sono resi conto che c’era una procedura stabilita appositamente per queste situazioni.

Lasky ha avuto il permesso di visitare il sito dell’avamposto da sola, mentre l’autobus e gli altri passeggeri aspettavano vicino al posto di blocco improvvisato. Ha fatto un giro simbolico intorno alla cima della collina, circondata da una dozzina di soldati, e poi, dopo una decina di minuti, è tornata all’autobus. In fin dei conti, però, lo scopo della gita non era quello di farsi un’idea del paesaggio di Mitzpeh Yair.

La tappa successiva del tour era il villaggio palestinese di Khirbet al-Mufkara. Due giorni prima, durante la festa di Simhat Torah, il villaggio era stato attaccato dai coloni, che avevano ferito sei persone, tra cui un bambino di tre anni, e causato vari danni alle proprietà. Lasky ha raccolto sul posto contenitori di gas lacrimogeni e bossoli di proiettili.

“Farò loro uno spettacolo in commissione”, ha scherzato al momento, come se avesse messo le mani su documenti iraniani del programma nucleare di quel paese, come quelli che Netanyahu aveva usato nel 2018 come oggetti di scena per una prestigiosa presentazione.

Lasky si riferiva a un’udienza della commissione per gli Affari Esteri e la Difesa della Knesset che doveva occuparsi del crescente livello di violenza dei coloni contro i villaggi palestinesi nella parte della Cisgiordania che è sotto il pieno controllo di Israele. L’udienza si è tenuta due settimane dopo, il 12 ottobre. Lasky, che è un membro supplente della commissione, era presente per la prima volta, ed è entrata nella sessione con grandi aspettative. Ma l’udienza è stata una grande delusione dal suo punto di vista, e in retrospettiva poteva essere interpretata come un presagio del futuro.

Il presidente della commissione, Ram Ben Barak (Yesh Atid), non ha permesso alcuna discussione sull’efficacia delle forze di sicurezza israeliane di fronte alla violenza dei coloni ebrei. Al contrario, i parlamentari del partito di destra Sionismo Religioso Itamar Ben-Gvir, Orit Strock e il leader del partito Bezalel Smotrich, sono stati autorizzati a intervenire e urlare a loro piacimento.

I bossoli che Lasky aveva raccolto sono rimasti nella sua borsa e non sono stati presentati alla commissione come previsto. Di fronte ai deputati di Sionismo Religioso, che hanno abilmente movimentato la seduta e l’hanno trasformata in una cacofonia di grida e accuse, i reperti presi sul campo sembravano improvvisamente impallidire e diventare irrilevanti al confronto.

Questi sono stati momenti difficili per Lasky, sotto due aspetti. Riflettevano la transizione che aveva fatto dal campo al quartier generale, come diceva lei. Era passata dall’essere un avvocato per i diritti umani e la prima persona che quasi tutti gli attivisti per la pace chiamavano se venivano arrestati in una manifestazione –come facevano i palestinesi arrestati negli scontri con i coloni– ad essere un membro della legislatura.

È un passaggio che da tempo sperava di fare e che finalmente è arrivato dopo diverse campagne elettorali senza successo come candidata del Meretz. Per le ultime elezioni di marzo, è stata messa all’ottavo posto nella lista di Meretz per la Knesset nelle primarie del partito, e inizialmente si è trovata di nuovo senza un seggio in parlamento. Ma quando il Meretz è entrato nel governo, la legge che permette ai membri del governo di dimettersi dai loro seggi alla Knesset ha liberato i seggi occupati da Horowitz, Zandberg e Esawi Freige, e ha aperto la strada all’ingresso di Lasky.

Ma ora che finalmente il passaggio è avvenuto, capisce anche che sta pagando un prezzo piuttosto caro per il suo cambiamento di status. “Sono stata un avvocato per i diritti umani per più di 20 anni. Fa parte della mia identità”, ha detto Lasky, che ha 54 anni. “Ora sono un membro della Knesset che si occupa di diritti umani, e non è la stessa cosa. Non è solo un cambiamento nei mezzi utilizzati, ma anche nella mia percezione. Pensavo che invece di occuparmi di casi individuali, attraverso la Knesset sarebbe stato possibile cambiare leggi e politiche, ma ora che vedo le cose dall’interno non mi sembra così semplice”.

La seconda ragione per cui Lasky sta avendo problemi ad adattarsi al suo status di membro della Knesset è che le questioni in cui è coinvolta e che le interessano sono anche i temi più controversi. Ed è difficile non avere la sensazione che il ghiaccio che sta calpestando sia molto sottile.

Gaby Lasky con i colleghi deputati del Meretz Esawi Freige, Tamar Zandberg e Mossi Raz.Credito: Meged Gozani

Diversi mesi fa, è andata per la prima volta vicina a gettare la spugna. In una delle lunghe sessioni notturne prima della pausa estiva della Knesset, è uscita come una furia dal plenum durante una votazione. Questo dopo aver fornito al ministero della Pubblica Sicurezza e all’Amministrazione Civile israeliana in Cisgiordania delle foto che mostravano la recinzione dell’unica sorgente che i pastori palestinesi della Valle del Giordano settentrionale avevano a disposizione per fornire acqua al loro bestiame.

“Avevo passato delle foto, ma non è stato fatto nulla per fermare l’abuso. E quando i palestinesi hanno protestato, hanno sparato contro di loro gas lacrimogeni. Non avevano fatto passare un’ambulanza e hanno arrestato uno dei manifestanti. Era troppo per me, così ho lasciato la camera”.

Non temeva che la sua assenza avrebbe portato alla sconfitta del progetto di coalizione?

“Ero sull’orlo di una crisi, così me ne sono andata, e non ho contato quanti deputati della coalizione fossero presenti. Ma per fortuna nessuna proposta di legge è stata sconfitta a causa mia. Tendo ad arrabbiarmi molto velocemente, e poi mi calmo”.

Sente la mancanza di Aloni e Sarid

Lasky vive a Tel Aviv-Jaffa con il suo compagno, Tamir Ben Dov, ed è madre di due gemelli di 12 anni. È nata a Città del Messico, dove i suoi nonni erano immigrati dall’Europa dell’Est prima della seconda guerra mondiale. Durante la scuola media, ha frequentato una scuola ebraica che mandava i suoi studenti migliori per sei mesi di studio in Israele. Lasky, che era un’ardente sionista, è arrivata in Israele e ha frequentato il collegio nel villaggio giovanile Kfar Silver, vicino ad Ashkelon. E poi ha deciso di rimanere.

Sua madre e sua sorella la seguirono. Suo padre e un’altra sorella rimangono tuttora a Città del Messico. All’undicesimo anno di scuola, si trasferì alla Gymnasia Ha’ivrit nel quartiere Rehavia di Gerusalemme, e fu allora che capì che le sue idee erano di sinistra, sia da un punto di vista socioeconomico che riguardo al conflitto con i palestinesi.

E sentiva che c’era un conflitto tra le sue opinioni sioniste e quelle di sinistra?

“Sono rimasta sorpresa dalla gravità delle violazioni dei diritti umani da parte dell’occupazione. Ho anche avuto difficoltà a capire cose come la mancanza di separazione tra religione e stato. Il Messico è un paese molto cristiano, ma i matrimoni ufficiali sono matrimoni civili. Avevo molte domande su come far quadrare la democrazia con l’occupazione e come far quadrare la coercizione religiosa e i diritti civili”.

Lasky trovò le risposte nel Movimento per i Diritti Civili e la Pace, il partito politico conosciuto all’epoca col nome ebraico Ratz. Si unì al partito il suo primo giorno da studente all’Università di Tel Aviv, nel 1989. Quando il partito si fuse con Mapam e Shinui e divenne Meretz, e dopo che un nuovo governo fu formato da Yitzhak Rabin nel 1992, Lasky divenne un’assistente parlamentare del deputato di Meretz David (Dedi) Zucker. Divenne anche molto vicina al presidente di Meretz dell’epoca, Shulamit Aloni e, come Aloni, era particolarmente interessata alla lotta per i diritti umani.

In seguito è diventata anche amica del successore di Aloni alla guida del partito, Yossi Sarid. Lasky ha detto che le mancano molto Aloni e Sarid, che sono morti rispettivamente nel 2014 e nel 2015. “Erano una bussola e un punto di riferimento. Sono membro della Knesset ormai da qualcosa di più di 100 giorni, studio molto intensamente e, nella mia testa, loro due sono seduti dietro di me tutto il tempo, continuando a indicarmi la strada. È una responsabilità pesante”.

Naftali Bennett e Ayelet Shaked.Credito: Emil Salman

Aloni e Sarid sarebbero entrati in un governo con Naftali Bennett e Ayelet Shaked?

“È una domanda che mi pongo sempre. Nel 1992 sono entrati in un governo con Shas [un partito ultraortodosso], anche se non è esattamente la stessa cosa. La situazione politica di allora era che il Partito Laburista aveva 42 seggi e Meretz 12. Oggi siamo dopo 15 anni di governi Netanyahu, e l’alternativa, se Meretz non fosse entrato nel governo, sarebbe stata l’instaurazione di un governo di destra, ultraortodosso, kahanista, messianico. Ma siamo in una posizione molto complicata. Il ruolo di Meretz è quello di ricordare costantemente alla gente che l’opzione di una soluzione con i palestinesi esiste e che dobbiamo lottare per essa, e non intraprendere azioni che impedirebbero tale soluzione in futuro, come costruire nella E1 [un’area in Cisgiordania tra Gerusalemme e Ma’aleh Adumim] o aumentare le costruzioni negli insediamenti. E allo stesso tempo, dobbiamo anche impedire il grave danno quotidiano fatto ai palestinesi nei territori”.

Ha già incontrato il primo ministro Bennett?

 “La difficile sera del voto sulla legge sulla cittadinanza [relativa ai diritti di ricongiungimento familiare dei palestinesi], Bennett ha invitato il nostro partito nel suo ufficio. Ci ha detto che suo padre, originario di San Francisco, ha partecipato alle manifestazioni per i diritti civili in America negli anni ’60 contro la disuguaglianza nei confronti dei neri. Con questo ha voluto dire che capisce perché l’eguaglianza è importante per noi e da dove veniamo ideologicamente. Ha capito che la situazione è difficile per noi. Cinque mesi fa, nessuno immaginava che saremmo stati seduti in questo governo. È davvero una costellazione che sarebbe stata difficile da immaginare. Così cerchiamo ciò che abbiamo in comune, su cosa possiamo effettivamente lavorare insieme. Ci sono concessioni da fare e hanno un prezzo pesante”.

Ho visto che il primo ministro non ha detto nulla su Khirbet al-Mufkara, per esempio.

“Vero. È deludente che il primo ministro e il ministro della difesa non abbiano condannato chiaramente quel pogrom, e la violenza dei coloni in generale. Questa è la stagione della raccolta delle olive, e finora ci sono state decine di denunce di danni ai raccoglitori. Quindi non solo non dicono nulla. Ma non c’è nemmeno una spinta a fermare i violenti”.

Non avete paura di legittimare azioni detestabili sedendo in questa coalizione?

“Siamo una nazione in post-trauma. Dopo anni di istigazioni contro di noi e uno sforzo [a sinistra]  per chiamarci traditori, per fare di noi un’eccezione, all’improvviso c’è un governo in cui non è accettabile fare istigazioni contro qualcuno. Ci sono differenze ideologiche molto chiare, e non le nascondiamo, ma diventano un dibattito legittimo in cui si discutono le nostre posizioni. Se non fossimo stati dentro al governo, tutto sarebbe peggiorato, dal punto di vista dell’occupazione, dal punto di vista economico, e anche dal punto di vista dei diritti umani. Alla cerimonia [commemorativa] di Rabin sul Monte Herzl, una gran parte dei presenti mi ha detto: ‘Tieni duro'”.

Non a tutti a sinistra piace il fatto che lei sia entrata in questo governo.

“C’è chi mi critica. Questo è chiaro. Ma ci sono persone che cercano aiuto, soprattutto nei territori, e io sto provando ad aiutarle, ma non ci riesco. Quindi la gente è frustrata. In alcuni casi, penso che abbiano ragione. O quando la coalizione tira fuori un progetto di legge antidemocratico, come la proposta di permettere le perquisizioni delle case senza mandato [all’interno di Israele stesso], allora danneggiamo la fiducia di coloro che hanno combattuto per noi sperando di avere un governo di cambiamento”.

Lasky ha aggiunto: “Malgrado tutte le difficoltà, vogliamo che questa coalizione duri almeno questa legislatura. Quindi, al momento, dobbiamo almeno creare una possibilità di sostenerla e non cercare chi potrebbe rovinare le cose. Tutti hanno delle particolari sensibilità e delle cose che vorrebbero promuovere in questo governo, ma che non si realizzeranno, a causa della composizione della coalizione. Forse Ayelet Shaked [il ministro degli interni, del partito Yamina di Bennett] avrebbe voluto promuovere il progetto di legge di Simcha Rothman [di Sionismo Religioso] su una legge fondamentale riguardante la questione dell’immigrazione. Ebbene, anche questo non accadrà”.

Nel frattempo, Shaked ha abolito la concessione dello status di rifugiato ai richiedenti asilo, nonostante il fatto che la commissione [del ministero dell’Interno] che ha esaminato una richiesta abbia deciso che era giustificata.

“Queste sono cose che sono contrarie all’essenza dello Stato di Israele, che è stato istituito per essere un rifugio per gli oppressi. La commissione che ha il potere di approvare le richieste d’asilo le approva molto raramente, e una volta che esprime una posizione a favore di una richiesta, opporsi a questa posizione è quasi inaccettabile. È stato anche un grave errore non concedere a un gruppo di cicliste afgane uno status temporaneo in Israele a scopo di transito, fino a quando non potranno essere accettate in Canada come rifugiate. Altrimenti, il loro destino è quello di vivere sotto il regime talebano. Questo è crudele e danneggia la posizione di Israele, e non posso fornire alcuna spiegazione ragionevole o etica per una tale decisione”.

Gaby Lasky con Bezalel Smotrich alla Knesset.Credito: Ohad Zwigenberg

Ha incontrato il ministro degli interni Shaked?

“No. Ma vorrei sedermi con lei. Vorrei parlarle dei rifugiati. Raccontarle dei miei nonni, che sono arrivati in Messico, un paese totalmente straniero, dove sono stati accolti e hanno avuto la possibilità di sviluppare una vita indipendente e di non essere un peso per il paese. Vorrei anche parlarle di ciò che la diversità culturale può fare per un paese e una società. Lei ha dimostrato di essere una donna d’azione”.

A differenza delle difficoltà con Shaked, Lasky ha sviluppato una stretta e positiva connessione e un rapporto di lavoro comune con Idit Silman, una collega di Shaked nel partito Yamina, che serve come capogruppo della coalizione.

“È una delle persone che ammiro di più nella Knesset, e collaboriamo su molte questioni. È molto precisa, puntuale e rispettosa. In una coalizione così complessa e complicata, il capogruppo deve essere il collante tra tutti e capire le difficoltà”.

Un altro legame sorprendente che Lasky ha stretto è quello con il deputato Moshe Arbel dello Shas. “Potrebbe essere l’unico membro della Knesset oggi che si occupa dei diritti dei prigionieri e dei detenuti e che visita le prigioni. Non l’avevo mai incontrato prima. Abbiamo presentato congiuntamente una proposta di legge al Comitato Ministeriale per la Legislazione per abbreviare il periodo massimo di detenzione, che dovrebbe cessare alla fine dei procedimenti giudiziari nei tribunali dei magistrati”.

Dal punto di vista di Lasky, c’è una correlazione diretta tra l’atteggiamento dello stato verso i procedimenti penali e le condizioni di detenzione dei prigionieri, da un lato, e la qualità stessa della democrazia dello stato. “In molte società del mondo, così come nella società israeliana, è da molto tempo che non si fa una valutazione di ciò che la punizione mira ad ottenere. Le prigioni sono più umane delle punizioni corporali che si usavano una volta, ma mettono tutti i detenuti e i prigionieri dietro un muro, ed essi diventano invisibili ed emarginati. Dobbiamo riflettere su quale sia oggi il nostro obiettivo nel bandire queste persone dalla società”.

Lasky sa che il suo impegno a favore dei prigionieri, così come il suo lavoro per ritardare lo sfratto dei residenti del quartiere Givat Amal di Tel Aviv e i suoi sforzi riguardo all’edilizia pubblica, non guadagneranno a Meretz molti voti alle prossime elezioni. Lei è consapevole del continuo fallimento del Meretz nell’attrarre voti tra i segmenti più deboli della società israeliana, ma insiste che questa non è una considerazione valida per lei, e che non la dissuade dall’occuparsi di questi problemi.

Meretz non è riuscito a scuotersi di dosso l’immagine che gli è stata appiccicata come un partito Ashkenazi privilegiato. Quando i Mizrahim hanno cercato di candidarsi alla sua leadership, sono stati respinti.

“L’intera sinistra ha bisogno di chiedersi come si è creata questa disconnessione e cosa fare al riguardo. Se non abbiamo il collegamento sul terreno con le comunità, con quelle della periferia del paese e delle città in via di sviluppo, allora la rappresentanza alla Knesset non significa nulla. Dobbiamo anche raggiungere le persone stesse e trasformarle in una parte di noi, per lavorare insieme sulle questioni. Questo, alla lunga, ha molta più influenza delle leggi in discussione”.

Per lei è importante che Israele abbia una maggioranza ebraica?

“A mio parere, non c’è ragione che la legge sullo stato-nazione, per esempio, non dica nella sua prima sezione che questo non è solo lo stato degli ebrei, ma anche uno stato di tutte le minoranze che vivono in esso. L’insicurezza di una parte dell’opinione pubblica o di una parte della leadership riguardo all’accoglienza dei rifugiati o all’unificazione familiare [dei palestinesi che vivono nei territori con membri della famiglia che sono cittadini israeliani] mostra un problema d’identità che deriva dal razzismo e che non si accorda nemmeno con le loro prospettive messianico-annessioniste. Dopo tutto, vogliono annettere i territori e poi accogliere milioni di palestinesi”.

Dopo aver rappresentato imputati minorenni palestinesi nei tribunali militari, tra cui Ahed Tamimi, l’adolescente incarcerata per aver schiaffeggiato un soldato israeliano nel 2017, Lasky non esita a dire esplicitamente che nei territori esiste un regime di apartheid. “Tamimi ha avuto otto mesi di prigione per aver schiaffeggiato un soldato armato. Questo è il caso di una minorenne che ha scontato la stessa durata della pena di Elor Azaria”, ha detto, riferendosi al soldato dell’esercito israeliano che ha sparato e ucciso un terrorista palestinese che era già stato ferito e ridotto all’impotenza.

Il membro della Knesset Gaby Lasky.Credito: Emil Salman

“Il tribunale militare permette l’arresto di giovani palestinesi nel cuore della notte, lasciandoli in custodia fino alla fine del procedimento per cose per le quali in Israele non sarebbero mai trattenuti. Niente di tutto questo avviene nel caso di minori israeliani che vengono arrestati nei territori, che sono invece protetti dalla legge minorile israeliana. Quando in un posto si invocano leggi diverse per due diverse popolazioni, questa è esattamente la definizione di apartheid”.

Il 4 ottobre, il giorno dell’apertura della sessione invernale della Knesset, è stata un’altra giornata folle per Lasky, che si è fatta strada attraverso un labirinto di corridoi da un’udienza al plenum della Knesset a una riunione, cambiando argomenti a velocità vertiginosa. Ma ha detto che il suo stile di vita non è cambiato molto da quando è diventata membro della Knesset.

“Sono ancora una persona molto accessibile. Se le persone mi avvicinano, do loro immediatamente il mio numero di telefono. Vado al supermercato e a prendere i miei figli a scuola. Il venerdì andavamo in piscina, cosa che ora facciamo meno, perché attiro di più l’attenzione. Quando guido sono anche molto più attenta a rispettare il codice della strada adesso che in passato”.

Di recente Lasky ha imparato cosa significa essere un personaggio politico, quando si è attirata le critiche della sinistra dopo un tweet in cui si complimentava con la polizia e le forze di sicurezza per aver catturato i prigionieri palestinesi fuggiti dalla prigione di Gilboa. In seguito alla reazione ostile di alcuni importanti esponenti della sinistra, ha cancellato il tweet, ma non le piace parlarne. “Era una sciocchezza. Sono stata troppo veloce a rispondere, e poi l’ho cancellato. Questo è tutto. Basta”.

Ma cosa era autentico? Il tweet o la cancellazione?

“Sono stata troppo veloce a scrivere. Non stavo pensando e non ho visto cosa hanno fatto ai prigionieri dopo la loro cattura. E anche cancellarlo è stato un errore. Prima mi hai chiesto cosa significa essere un personaggio politico. Allora ho pensato che nessuno avrebbe guardato e controllato quello che stavo scrivendo, e non mi è venuto in mente che qualcuno avrebbe fatto una foto dello schermo per confrontarmi con quello che avevo cancellato”.

Verso la fine della nostra conversazione, Lasky ha chiesto di parlare di una cosa un po’ sorprendente: adolescenti e chirurgia plastica. In qualche modo, questo sembrava essere l’argomento più sensibile dell’intervista, anche più delle politiche di apartheid nei Territori.

“Sono molto favorevole alla tendenza di accettare la propria età. La gente è alla ricerca di un aspetto giovanile, ma in realtà penso che le donne abbiano bisogno di sentirsi a proprio agio con quello che sono, con i cambiamenti che il corpo subisce, con i capelli bianchi. Come parte della mia definizione di cosa sono, devo anche evitare di nascondere ciò che sono diventata. E una parte del mio aspetto è anche parte di ciò che sono. Io, per esempio, non mi tingo i capelli e la gente mi chiede perché. La semplice risposta è che questa sono io, perché mi piace così. È difficile per la gente abituarsi al fatto che c’è un altro tipo di bellezza, una bellezza che non è giovane. Non ho più 30 anni. Questo non significa che non posso essere bella. In questo momento, per me è giusto che io lasci il mio aspetto così come si è modificato nel tempo”.

Se c’è qualcosa di cui Lasky è arrabbiata, sembra che sia soprattutto per la sua stessa ingenuità nelle nostre conversazioni precedenti. Nella nostra ultima conversazione, dopo l’annuncio del ministro della difesa Gantz sulle ONG palestinesi, la prima cosa che ha chiesto di ritrattare è stato in realtà ciò che aveva detto sul suo desiderio di sedersi con Ayelet Shaked e di raccontarle dei suoi nonni immigrati in Messico.

“Non sento più di avere qualcosa da spiegarle. È vero che la crisi attuale è opera di Gantz, ma ci sono sempre problemi con lei: come tutto il suo sforzo per raggiungere un accordo con l’opposizione sulla [proposta] di una Legge Fondamentale razzista sull’immigrazione; o come il suo sforzo per impedire che il ministro della sanità dia l’assicurazione sanitaria ai richiedenti asilo e ai coniugi dei residenti palestinesi. Quasi tutte le sue azioni esprimono una mancanza di considerazione per i partner della coalizione. Ci stiamo avvicinando a una linea rossa di divisione”.

Si pente di essersi imbarcata in questa avventura?

“Mi manca già essere un’avvocata. Sono un’avvocata difensora nel profondo dell’anima. Non sono ancora in una fase in cui posso trarre conclusioni. È troppo presto. Ma spero di non dovermi pentire. Spero che la cosa si risolva a favore della conclusione che era la cosa giusta da fare. Spero che ora abbiamo almeno quattro anni di lavoro dinanzi a noi, in ogni caso. Al momento, non ho in programma nient’altro che la Knesset. Sono completamente coinvolta in questo compito”.

https://www.haaretz.com/israel-news/.premium.HIGHLIGHT.MAGAZINE-israeli-rights-lawyer-learns-the-harsh-truth-about-becoming-a-politician-1.10355001

Traduzione a cura di AssoPacePalestina

.

1 commento

  1. Sebastiano Comis

    Nata in Messico, emigrata in Israele, gode di più diritti degli stessi palestinesi. Se vuole anche essere in pace con la coscienza, non ha che da tornare nel paese di origine.

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio