Quello che i soldati israeliani non demoliscono di giorno, i coloni bruciano di notte

Lug 22, 2021 | Notizie

di Ali Awad,

+972 Magazine, 20 luglio 2021. 

La violenza dei coloni rende impossibile vivere dei frutti della terra, come la mia famiglia ha fatto da generazioni. Questo fa parte della strategia di Israele per costringerci ad andar via.

Palestinesi nel villaggio di Tuba, nelle colline a sud di Hebron, guardano le loro balle di fieno a cui i coloni hanno dato fuoco. 1 giugno 2021. (Per gentile concessione di Jaber Awad)

Il 1 giugno, i coloni israeliani hanno attaccato il villaggio di Tuba nella Cisgiordania occupata e hanno bruciato tutto il fieno che la mia famiglia aveva comprato per nutrire le nostre pecore. Il cibo che doveva durare un anno intero è stato bruciato in sole due ore.  

La violenza dei coloni è solo una parte della strategia coloniale messa in atto dall’occupazione per impadronirsi della nostra terra. L’esercito israeliano demolisce le nostre case durante il giorno e i coloni distruggono i nostri mezzi di sussistenza durante la notte. 

Mentre stavo lì a guardare il fuoco, mi sentivo isolato, impotente e oppresso. Mentre ero sollevato dal fatto che la mia famiglia fosse fisicamente al sicuro, eravamo tutti emotivamente devastati. Eravamo terrorizzati. Ci siamo precipitati per impedire che il fuoco si propagasse ad altro fieno, per assicurarci che i nostri bambini e le nostre pecore fossero al sicuro e per cercare di salvare ciò che potevamo. 

I vigili del fuoco palestinesi hanno impiegato due ore e mezza per arrivare, nonostante il fatto che la caserma dei pompieri più vicina sia a poche miglia di distanza. Il camion dei pompieri ha avuto difficoltà a procedere sul sentiero fatiscente che conduce a Tuba, dove viviamo, poiché l’esercito israeliano non ci consente di mantenere le strade che portano alla nostra comunità nelle colline a sud di Hebron. 

Al mattino, avevamo paura per il nostro futuro. Non avevamo cibo per le pecore, né soldi per comprarne altro. L’incendio ha distrutto 41 balle di fieno, per un valore di circa 7.000 dollari. 

Le pecore sono il nostro sostentamento e l’unica fonte di sopravvivenza nell’Area C della Cisgiordania, che è sotto il pieno controllo militare israeliano e si trova in un’area che è stata designata dall’esercito come “Firing Zone 918“. Poiché gli insediamenti vicini si espandono e si chiudono intorno alle nostre comunità, sta diventando impossibile continuare i nostri metodi tradizionali di sopravvivenza basati sulla terra. Sotto l’occupazione, comunque, Israele ci impedisce anche di sviluppare qualsiasi altra forma di economia. 

I coloni ebrei israeliani hanno stabilito Ma’on nei primi anni ’80 e l’insediamento si è ampliato nei primi anni 2000, quando l’avamposto di Havat Ma’on è stato costruito a solo un chilometro da Tuba. Da allora, i coloni si sono impossessati della maggior parte dei pascoli che appartenevano ai villaggi palestinesi della zona.

L’esercito e i coloni sembrano lavorare in tandem per rubare le nostre risorse. I soldati prendono la nostra terra con il pretesto della sicurezza, solo per poi darla ai coloni che ci impiantano avamposti agricoli. Questo non è un caso. L’espansione e la violenza dei coloni avvengono sotto la protezione dell’esercito e con il supporto delle leggi. Sia che si tratti di una zona di fuoco, sia che si utilizzino le obsolete leggi ottomane per prendere il controllo di vaste aree di territorio che vengono poi dichiarate terra di stato, c’è una piena cooperazione tra i coloni e l’esercito.

Le truppe israeliane trattengono un Palestinese mentre demoliscono capannoni appartenenti ai Palestinesi nelle colline a sud di Hebron, 12 giugno 2019. (Wisam Hashlamoun/Flash90)

Dalla fondazione di Havat Ma’on, l’area tra Tuba e l’avamposto è stata un luogo regolare di vessazioni da parte di coloni e militari. Abbiamo continuato a pascolare nella zona, nonostante tutte le molestie e le violenze e il rischio di arresti e ferimenti. Eppure, all’inizio dell’anno, Ma’on si è di nuovo ampliata con un nuovo avamposto, che ci ha impedito di accedere ai vicini villaggi di Kharuba e Sarura, dove pascoliamo di solito.   

Una volta perduto l’accesso a queste aree di pascolo, l’unico modo per noi di rimanere in vita e nelle nostre case è acquistare mangime per animali dalla città e trasportarlo al villaggio. Negli ultimi 10 anni abbiamo dovuto acquistare balle di fieno per integrare i nostri pascoli. Ma a causa dell’espansione di Havat Ma’on, questo è il primo anno in cui abbiamo dovuto comprare le balle di fieno così presto nella stagione. 

Mio nonno e mio padre ricordano di aver portato le loro pecore a pascolare liberamente prima che gli insediamenti fossero costruiti qui. Mi hanno raccontato di come non avessero mai avuto bisogno di comprare cibo dai mercati e di come la terra fornisse alla famiglia risorse sufficienti per vivere. Ma ora che abbiamo perso uno dei nostri ultimi pascoli, i profitti dei prodotti che otteniamo dal latte di pecora, che dovrebbero essere il nostro sostentamento, saranno spesi semplicemente per mantenere in vita le pecore. 

Quello che è accaduto quella notte di giugno non è un incidente isolato; la violenza dei coloni è solo una parte della strategia coloniale di Israele per costringerci a lasciare la nostra terra. Se questa non è pulizia etnica, cos’altro è?

Ali Awad è un attivista del villaggio di Tuba nelle colline a sud di Hebron.

https://www.972mag.com/settler-violence-south-hebron-hills-fire/

Traduzione di Donato Cioli – AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio