Gli attacchi alla Corte Penale Internazionale devono essere condannati

Giu 2, 2021 | Notizie

Lettera di 54 ex primi ministri, ministri degli esteri e alti funzionari internazionali.

The Guardian, 31 maggio 2021. 

I tentativi di screditare la Corte Penale Internazionale e di ostacolarne il lavoro non possono essere tollerati se vogliamo seriamente sostenere la giustizia a livello globale, scrivono più di 50 ex primi ministri, ministri degli esteri e alti funzionari internazionali

Fatou Bensouda, procuratrice capo della Corte Penale Internazionale, parla lunedì ai giornalisti a Nyala, in Sudan. Abdelmoniem Madibo/AFP/Getty Images

Accogliamo con favore il sostegno che i leader europei hanno espresso per la Corte Penale Internazionale (CPI) e il suo mandato unico di far avanzare la giustizia in seguito a crimini di guerra, crimini contro l’umanità e genocidio. Il sostegno costante alla CPI e la promozione della sua portata universale evidenziano il serio impegno dell’Europa a scoraggiare tali violazioni e a promuovere un ordine, una pace e una sicurezza internazionali basati sulle leggi.

È chiaro che l’Europa ha beneficiato a lungo del multilateralismo radicato nel diritto internazionale e nelle istituzioni che lo sostengono. Ora, in un momento di crescenti sfide all’ordine multilaterale e a una magistratura indipendente in molte parti del mondo e all’interno della stessa Europa, preservare la legittimità e il mandato della CPI diventa un imperativo.

Ci rammarichiamo di vedere un aumento degli attacchi alla CPI, al suo personale e ai gruppi della società civile che con essa cooperano. Abbiamo assistito con grave preoccupazione all’ordine esecutivo emesso negli Stati Uniti dall’ex presidente Donald Trump e alle sanzioni destinate al personale del tribunale e ai loro familiari. Profondamente preoccupante è ora l’ingiustificata critica pubblica al tribunale riguardo alle sue indagini su presunti crimini commessi nel territorio palestinese occupato, comprese accuse infondate di antisemitismo.

È ben stabilito e riconosciuto che chieder conto delle proprie azioni a tutte le parti in conflitto per gravi violazioni dei diritti è una cosa essenziale per raggiungere una pace sostenibile e duratura. È il caso di Israele-Palestina, così come di Sudan, Libia, Afghanistan, Mali, Bangladesh/Myanmar, Colombia e Ucraina. Laddove non vi è attribuzione di responsabilità per gravi violazioni dei diritti umani, sono le vittime che cercano giustizia e le persone che desiderano una pace duratura a pagarne il prezzo.

I tentativi di screditare la Corte e di ostacolare il suo lavoro non possono essere tollerati se siamo seri nel promuovere e sostenere la giustizia a livello globale. Comprendiamo il timore che si possano verificare denunce e indagini motivate politicamente. Eppure crediamo fermamente che lo Statuto di Roma garantisca i più alti criteri di giustizia e fornisca una strada essenziale per eliminare l’impunità per i crimini più gravi del mondo. Il mancato intervento avrebbe gravi conseguenze.

In questo contesto, sottolineiamo l’importanza che tutti i governi europei sostengano fermamente l’indipendenza della CPI e proteggano l’istituzione e il suo personale da qualsiasi pressione o minaccia esterna. Ciò include l’astenersi da critiche pubbliche alle decisioni della CPI, che potrebbero contribuire a minare l’indipendenza del tribunale e la fiducia del pubblico nella sua autorità.

Accogliamo con favore la decisione dell’amministrazione Biden di revocare l’ordine esecutivo e revocare altresì le sanzioni contro la CPI. Ciò creerà le basi per poter lavorare sul rafforzamento delle istituzioni e delle norme della giustizia internazionale insieme al nostro principale alleato transatlantico.

L’ICC è una parte vitale dell’ordine internazionale basato sulle leggi. Oggi più che mai, l’Europa deve dare l’esempio nella protezione dell’indipendenza della Corte.

Douglas Alexander Ex ministro dello sviluppo internazionale, Regno Unito

Jean-Marc Ayrault Ex ministro degli esteri e primo ministro, Francia

Hans Blix Ex ministro degli esteri ed ex direttore generale dell’AIEA, Svezia

Emma Bonino Ex ministro degli Esteri ed ex ministro degli Affari europei ed ex commissario europeo

Ben Bradshaw Ex ministro di stato per il Medio Oriente, Regno Unito

Gro Harlem Brundtland Ex primo ministro, Norvegia

John Bruton Ex primo ministro, Irlanda

Micheline Calmy-Rey Ex ministro degli esteri e presidente della Svizzera

Ingvar Carlsson Ex primo ministro, Svezia

Gunilla Carlsson Ex ministro per la cooperazione internazionale allo sviluppo, Svezia

Menzies Campbell Ex leader del partito liberaldemocratico, UK

Willy Claes Ex ministro degli esteri e segretario generale della Nato, Belgio

Joe Costello Ex ministro di stato presso il dipartimento degli affari esteri e del commercio, Irlanda

Massimo d’Alema Ex ministro degli Esteri e presidente del Consiglio, Italia

Teresa Patrício de Gouveia Ex ministro degli Esteri, Portogallo

Karel de Gucht Ex ministro degli Esteri e commissario europeo, Belgio

Ruth Dreifuss Ex presidente, Svizzera

Alan Duncan Ex ministro di Stato per l’Europa e le Americhe e ministro di Stato per lo sviluppo internazionale, Regno Unito

Espen Barth Eide Ex ministro degli esteri, Norvegia

Jan Eliasson Ex ministro degli esteri e presidente dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, Svezia

Uffe Ellemann-Jensen Ex ministro degli esteri e presidente dei Liberali europei, Danimarca

Benita Ferrero-Waldner Ex ministro degli esteri e commissario europeo per le relazioni esterne, Austria

Charles Flanagan Ex ministro degli affari esteri, Irlanda

Sigmar Gabriel Ex ministro degli esteri e vicecancelliere, Germania

Bjørn Tore Godal Ex ministro degli Esteri, Norvegia

Bertel Haarder Presidente del Consiglio nordico, ex ministro degli Affari europei e ministro degli interni, Danimarca

Peter Hain Ex ministro per il Medio Oriente, Regno Unito

Lena Hjelm-Wallén Ex ministro degli esteri e vice primo ministro, Svezia

Lionel Jospin Ex primo ministro, Francia

Tom Kitt Ex ministro di Stato per lo sviluppo estero e i diritti umani, Irlanda

Neil Kinnock Ex commissario europeo, ex leader del partito laburista, UK

Bert Koenders Ex ministro degli Esteri, Paesi Bassi

Yves Leterme Ex ministro degli esteri e primo ministro, Belgio

Martin Liedegaard Ex ministro degli Esteri, Danimarca

Mogens Lykketoft Ex ministro degli esteri e presidente dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, Danimarca

Michael McDowell Ex ministro della giustizia ed ex procuratore generale, Irlanda

Per Stig Møller Ex ministro degli Esteri, Danimarca

Holger K Nielsen Ex ministro degli Esteri, Danimarca

Lindsay Northover Ex sottosegretario di Stato parlamentare per lo sviluppo internazionale, UK

Andrzej Olechowski Ex ministro degli Esteri, Polonia

Marc Otte Ex rappresentante speciale dell’UE per il processo di pace in Medio Oriente, Belgio

Ana Palacio Ex ministro degli Esteri, Spagna

Chris Patten Ex vicepresidente della Commissione europea e commissario europeo per le relazioni esterne, Regno Unito

Jacques Poos Ex ministro degli Esteri, Lussemburgo

Mary Robinson Ex presidente e alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Irlanda

Soraya Rodriguez Ex segretario di Stato per la cooperazione internazionale, Spagna

Robert Serry Ex coordinatore speciale delle Nazioni Unite per il processo di pace in Medio Oriente, Paesi Bassi

Javier Solana Ex ministro degli esteri, segretario generale della Nato e alto rappresentante dell’UE per la politica estera e di sicurezza comune, Spagna

Erkki Tuomioja Ex ministro degli Esteri, Finlandia

Ivo Vajgl Ex ministro degli Esteri, Slovenia

Jozias van Aartsen Ex ministro degli Esteri, Paesi Bassi

Hubert Védrine Ex ministro degli Esteri, Francia

Joris Voorhoeve Ex leader del partito liberale VVD ed ex ministro della difesa, Paesi Bassi

Margot Wallström Ex vice primo ministro e ministro degli esteri, Svezia

Sayeeda Warsi Ex ministro del governo e ministro degli Esteri per le Nazioni Unite, i diritti umani e la Corte penale internazionale, UK

https://www.theguardian.com/law/2021/may/31/attacks-on-the-icc-must-be-condemned

Traduzione di Donato Cioli – AssopacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio