Coloni filmati mentre attaccano una famiglia palestinese in Cisgiordania

Mar 26, 2021 | Notizie

di  Hagar Shezaf

Haaretz, 13 marzo 2021. 

I coloni hanno lanciato pietre contro i genitori e i loro otto figli e li hanno aggrediti con i bastoni, secondo B’Tselem. Il padre della famiglia è stato ferito e portato in un ospedale di Hebron.

Il padre della famiglia è stato aggredito nei pressi dell’avamposto di Mitzpe Yair in Cisgiordania oggi. Credit: B’Tselem

Alcuni coloni israeliani sono stati filmati mentre attaccavano una famiglia palestinese nei pressi dell’avamposto di Mitzpeh Yair, in Cisgiordania, nelle colline a sud di Hebron.

Secondo un rapporto [con video] del gruppo israeliano per i diritti umani B’Tselem, circa 10 coloni mascherati hanno lanciato pietre contro i genitori e i loro otto figli e li hanno aggrediti con mazze. Il padre della famiglia è stato ferito al volto e portato in un ospedale di Hebron dalla Mezzaluna Rossa palestinese. La famiglia ha detto che ha subito fratture alla mascella e che domenica sarà sottoposto ad intervento chirurgico.

La polizia ha detto di aver aperto un’indagine sull’incidente.

Un video girato da B’Tselem mostra i coloni che lanciano pietre e attaccano la famiglia. Si vede un colono che si avvicina alla donna con una mazza in mano. La donna viene poi sentita gridare “vai via, hanno sfasciato la macchina” e “la polizia non è qui, dove sono?”

Un attivista di B’Tselem arrivato sulla scena poco dopo ha detto che entrambi i genitori erano stati evacuati in barella.

La madre, Rima Alwan, ha detto che la famiglia va in quel posto ogni sabato. Questa volta erano venuti con i loro otto figli, il più giovane dei quali ha un anno.

“Non appena siamo arrivati, abbiamo visto i coloni che si avvicinavano a noi e abbiamo subito chiamato la polizia, ma non sono venuti”, ha detto Alwan ad Haaretz. “Erano circa 15. Ci hanno lanciato pietre ed erano armati di bastoni; uno mi ha colpito alla gamba e mi ha ferito”.

Secondo una dichiarazione della polizia israeliana, gli agenti sono arrivati ​​sulla scena nel giro di pochi minuti.

Secondo Alwan, questa è la prima volta che la famiglia è stata attaccata in questo modo dai coloni. “I bambini erano molto spaventati perché hanno rotto anche la nostra macchina, ma grazie a Dio non sono rimasti feriti”. Ha detto che la polizia è arrivata sulla scena solo molto tempo dopo la fine dell’incidente.

In risposta al video, il Consiglio Regionale degli insediamenti di Mount Hebron ha affermato che è impossibile avere un quadro completo di ciò che è accaduto e che le autorità stanno indagando sulla situazione.

“Un’indagine preliminare ha rivelato che [i presunti aggressori] non vivono nell’insediamento e comunque noi non crediamo nell’uso della violenza o della forza”, si legge nella loro dichiarazione.

“Detto questo, è importante notare che i residenti di Mount Hebron hanno subìto episodi di vandalismo, violenza, furto e scasso negli ultimi mesi; proprio la scorsa settimana un Palestinese ha fatto irruzione nella casa di un residente di Havat Ma’on ed è stato catturato dalle forze dell’IDF.”

In passato, l’accesso della famiglia a quella terra è stato bloccato dai militari a causa della sua vicinanza all’avamposto di Mitzpeh Yair, ma una decisione del tribunale del 2011 ha permesso loro l’accesso. Da allora, lavorano su quella terra più volte all’anno dopo aver ricevuto l’autorizzazione dal Coordinatore delle Attività Governative nei Territori.

All’inizio di marzo, un colono è stato filmato mentre cercava di espellere una famiglia araba da un’area pubblica, per la seconda volta in meno di un mese. Il video di Zvi Bar Yosef, un residente del vicino avamposto non autorizzato di Havat Zvi vicino al villaggio di Jibiya, si è unito ad altri rapporti palestinesi dello scorso anno su episodi di allontanamento dall’area.

L’avamposto non autorizzato, in parte costruito su terreno statale e in parte su terreno di proprietà privata, è uno dei tanti che sono proliferati in Cisgiordania e che controllano ampie zone di cui negano l’accesso agli Arabi.

Il mese scorso, i soldati hanno detto a una famiglia di cittadini arabi israeliani che stavano facendo un picnic di andarsene: i coloni dell’avamposto non autorizzato li avevano chiamati sul posto. Nei filmati di quell’incidente, si vedono i coloni, incluso un armato Bar Yosef [un noto archeologo, NdT], che chiedono alla famiglia di lasciare l’area, che è un sito pubblico e che è persino al di fuori dell’area municipale di qualunque insediamento.

https://www.haaretz.com/middle-east-news/palestinians/.premium-settles-filmed-attacking-palestinian-family-in-the-west-bank-1.9615990

Addendum:

Gli ex-soldati di Breaking the Silence annunciano che sono di nuovo nelle Colline a Sud di Hebron

Venerdì scorso abbiamo portato tre autobus carichi di persone da Tel Aviv, Haifa e Gerusalemme alle colline meridionali di Hebron. Dopo un lungo anno di restrizioni imposteci dalla pandemia, questa è stata per noi la prima vera occasione di portare le persone a vedere con i propri occhi il regime militare nei territori occupati. Come ex soldati che hanno preso parte attiva a quel regime, sappiamo che è impossibile rimanere indifferenti dopo aver visto da vicino l’occupazione.

Proprio la scorsa settimana abbiamo visto un filmato di coloni che picchiano un padre palestinese davanti ai suoi figli. Abbiamo visto bambini palestinesi di età compresa tra 8 e 12 anni arrestati dai soldati. Abbiamo visto come il servizio di sicurezza dello Shin Bet abbia invitato l’attivista palestinese che aveva filmato un incidente a venire a fare “due chiacchiere” per avvertirlo di non “creare guai”. Nessuno di questi sono stati incidenti isolati. Questa è la realtà quotidiana per i residenti delle colline a Sud di Hebron. Questa è la routine violenta che i Palestinesi locali devono sopportare, una realtà di cui troppo pochi di noi sono a conoscenza.

Faremo altri tour a Hebron e nelle colline a Sud di Hebron, perché ci rendiamo conto che ci sono alcune cose che bisogna semplicemente vedere con i propri occhi per apprezzarle appieno. Se stai leggendo questo da un altro paese e non sarai in grado di farci una visita nel prossimo futuro, non preoccuparti. Ora siamo in grado di offrire l’esperienza del tour completo, incluso l’incontro con un attivista palestinese locale e la visita guidata da un ex soldato, al pubblico di tutto il mondo. Abbiamo utilizzato vari strumenti multimediali per portarti le immagini e i suoni della più grande città palestinese della Cisgiordania direttamente nel tuo salotto. Il nostro nuovo tour virtuale di Hebron può essere ora prenotato all’indirizzo: benzi@shovrimshtika.org .

Traduzione di Donato Cioli – AssoPacePalestina

.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio