Cresce la pressione sul Dipartimento di Stato USA: se Navalny merita supporto, perché non Issa Amro?

Feb 6, 2021 | Riflessioni

di Philip Weiss,

Mondoweiss, 4 Febbraio 2021. 

Natalie Strecker con un poster di solidarietà per Issa Amro. (Screenshot da video Youtube. 4 febbraio 2021)

L’8 febbraio, l’attivista anti-apartheid Issa Amro riceverà la sentenza da un tribunale militare israeliano per una serie di accuse inventate relative alla sua resistenza non violenta nel corso di molti anni. E come abbiamo notato ieri, politici di tutto il mondo hanno messo in dubbio il caso e Amnesty International così come l’ONU hanno chiesto a Israele di archiviare le accuse.

Il caso ha una risonanza speciale perché Amro lavora in una città, Hebron, che è l’incarnazione dell’apartheid e solo il mese scorso il principale gruppo israeliano per i diritti umani B’Tselem ha detto che Israele è uno stato di apartheid, poiché mantiene un “regime di supremazia ebraica” dal fiume fino al il mare.

Ma un tribunale militare è pronto a condannare Amro per attività non violente contro quel regime.

Due funzionari britannici hanno messo il loro peso dalla sua parte. Il membro del parlamento Lou Haigh e una pari, Tessa Blackstone, hanno chiesto al governo britannico di agire a sostegno di Issa Amro.

Jamil Dakwar (di ACLU) e Khaled Elgindy (di Brookings) pongono entrambi l’ovvia domanda su Twitter: dov’è il governo degli Stati Uniti a proposito dell’attivista palestinese, nel momento in cui sbandiera il diritto di altri gruppi di protestare (in particolare il leader dell’opposizione Alexei Navalny imprigionato in Russia).

Dakwar:

Se @Issaamro fosse stato uno dei difensori dei diritti umani russi o cinesi imputati di accuse fasulle e condannati ingiustamente da un tribunale militare, avremmo sicuramente sentito il suo nome nell’aula del Senato o durante una conferenza stampa della Casa Bianca.

Elgindy:

L’attivista nonviolento Issa Amro sarà giudicato l’8 febbraio per un’accusa del tribunale militare israeliano che non soddisfa nemmeno un minimo standard di correttezza. Eppure, poiché è palestinese, coloro che sostengono le cause di altri prigionieri politici in altre parti del Medio Oriente ora tacciono.

Il segretario di Stato Tony Blinken lo scorso fine settimana ha condannato la repressione cinese contro i manifestanti per la democrazia a Hong Kong e ha affermato che gli Stati Uniti avrebbero aiutato quei dissidenti.

In un’intervista di domenica con NBC News, Blinken ha affermato che la Cina ha agito “in modo vergognoso” per frenare le libertà di cui gode da decenni la regione semi-autonoma di Hong Kong. Blinken ha affermato che gli Stati Uniti “dovrebbero fare qualcosa” per dare “rifugio” ai dissidenti e ai manifestanti che hanno dovuto affrontare un giro di vite sempre più stretto da parte delle autorità della Cina continentale.

Gli Stati Uniti hanno lanciato una dura sfida alla Russia per la condanna dell’avvocato per la democrazia Alexei Navalny: 3 anni e mezzo in una colonia penale. Martedì Blinken ha affermato che anche se gli Stati Uniti “lavoreranno con la Russia” su alcune questioni, gli Stati Uniti chiedono il rilascio di Navalny.

Ribadiamo la nostra richiesta al governo russo di rilasciare immediatamente e incondizionatamente il signor Navalny, così come le centinaia di altri cittadini russi ingiustamente detenuti nelle ultime settimane per aver esercitato i loro diritti, tra cui il diritto alla libertà di espressione e di riunione pacifica.

Mercoledì, il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price ha sottolineato queste richieste in un incontro con la stampa. Gli Stati Uniti stanno intraprendendo una “revisione integrale” delle azioni “malvage” della Russia.

Ovviamente esamineremo con molta attenzione il deterioramento della situazione dei diritti umani in Russia, in particolare cosa è successo con il signor Navalny, cosa è successo con le detenzioni di massa di coloro che sono coraggiosamente scesi in piazza all’indomani dell’arresto di Navalny….

Il presidente Biden è stato molto chiaro, anche il segretario di Stato Blinken è stato molto chiaro: non accetteremo il tipo di cose che abbiamo visto negli ultimi anni da parte dei Russi, ed è esattamente ciò che questa revisione intende fare: passare in rassegna quei fatti e preparare una risposta politica appropriata.

Ma se gli Stati Uniti vogliono applicare tali standard alla Russia, perché non stanno facendo lo stesso con il nostro favorito, Israele, che pratica l’apartheid contro 6 milioni di residenti non Ebrei e brutalizza o uccide i manifestanti?

Tra le lobby israeliane che hanno influenza sull’amministrazione Biden, poche hanno avuto una parola da dire sul caso di Issa Amro, al di fuori di alcuni sionisti liberali. J Street ha fatto una dichiarazione ieri. Il rabbino Jill Jacobs di T’ruah ha scritto oggi di aver portato dei rabbini a incontrare Amro.

[Amro] è uno straordinario leader e fautore dell’azione non violenta che viene ingiustamente punito per il suo attivismo.

Jeremy Ben-Ami di J Street concorda:

La storia onora coloro che mettono in gioco la propria vita per i diritti umani e civili –rischiando la prigione o peggio– non quelli che li perseguitano.

Attivisti di solidarietà internazionali e Youth Against Settlements, l’organizzazione di Amro, stanno pianificando una tempesta di twitter per domenica 7 febbraio, un giorno prima della sentenza militare. Ecco Natalie Strecker che annuncia la manifestazione, a nome di tutti i prigionieri palestinesi:

Israele ha preso di mira Issa da molto tempo, a causa della sua lunga storia di resistenza non violenta all’apartheid … Questo è un tentativo di stroncare qualsiasi forma di resistenza palestinese ai 73 anni di oppressione per mano dello stato israeliano.

Amro rischia una “lunga pena detentiva, o, se è fortunato, una multa salata”, dice Strecker, e esorta gli altri a chiedere che le accuse siano ritirate, in modo da “assicurare che Israele non possa commettere i suoi crimini in silenzio”, ma paghi il prezzo di aver violato il diritto internazionale in Cisgiordania.

Traduzione di Donato Cioli – AssopacePalestina

1 commento

  1. Sebastiano Comis

    Amro viene processato per la resistenza non violenta ai crimini commessi da Israele nei confronti dei palestinesi. Quelli invece che provano a organizzare una resistenza violenta vengono eliminati senza processo. Questo è israele.

    Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

Fai una donazione

Fai una donazione tramite Paypal alla nostra associazione:

Fai una donazione ad Asso Pace Palestina

Oppure versate il vostro contributo ad
AssoPace Palestina
Banca BPER Banca S.p.A
IBAN IT 93M0538774610000035162686

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio