I coloni israeliani attaccano il Sumud Freedom Camp di Sarura, Colline a sud di Hebron

Ago 11, 2020 | Notizie

da Youth of Sumud, 9 agosto 2020


Solo poco tempo fa, il 31 maggio per l’esattezza, i Youth of Sumud (Giovani della Resilienza) avevano festeggiato il terzo anno dalla fondazione del Sumud Freedom Camp nel villaggio palestinese evacuato di Sarura, che è stato poi rioccupato utilizzando grotte, scavate e ingrandite dal paziente lavoro di questi giovani, uomini e donne, di At-Tuwani.
Ieri, nel tardo pomeriggio, i coloni hanno fatto irruzione nel Freedom Camp, distruggendo e rubando. I coloni hanno tagliato i cavi elettrici del sistema di energia solare che l’associazione Commit aveva donato e hanno rubato l’intero sistema, hanno distrutto il sistema idrico, le tubature e i serbatoi, hanno tagliato e danneggiato gli alberi, hanno distrutto tutto quello che c’era dentro e fuori la grotta.

Ecco il racconto dei volontari di Youth of Sumud (YOS).

Eravamo tre volontari e ci trovavamo al Campo, quando un pastore ci ha chiesto di accompagnarlo per pascolare la sua pecora. Poiché c’erano molti coloni sparpagliati vicino a casa sua, aveva paura di essere attaccato da loro.

Abbiamo subito informato il gruppo che noi tre stavamo lasciando il Campo e ci siamo diretti verso il pastore. Siamo arrivati a casa sua e, dopo averlo accompagnato per un’ora, l’attivista Sami (YOS) ci ha chiamato dicendo che i coloni avevano saccheggiato il Sumud Freedom Camp.
Dieci minuti dopo aver parlato con Sami, che aveva ricevuto una chiamata dai volontari presenti nel campo, io e Adeeb abbiamo guidato dal villaggio di At-Tuwani verso il campo, ma purtroppo nel tragitto una gomma si è rotta. L’abbiamo aggiustata, e ci è voluta più o meno mezz’ora. Quando eravamo vicini all’ingresso del campo, abbiamo visto un’auto blu dei coloni uscire molto velocemente fuori dal campo verso l’avamposto di Havat Ma’on, ma non siamo riusciti a scattare nessuna foto dell’auto a causa della sua velocità.

Quando siamo arrivati al campo, abbiamo visto quanto era grande la distruzione: hanno tagliato i cavi elettrici del sistema ad energia solare che era stato donato dall’associazione Commit e hanno rubato l’intero sistema. Hanno distrutto il sistema idrico, i tubi e i serbatoi, tagliato e distrutto gli alberi, hanno distrutto tutto, dentro e fuori dalla grotta

Dall’istituzione del Campo della libertà di Sumud tre anni fa fino ad ora abbiamo subito attacchi e raid da parte dei coloni e dell’esercito e di occupazione israeliana. Il loro obiettivo è quello di fare pressione sugli attivisti di Youth of Sumud per sfrattarli da questo campo, in modo che i coloni possano impossessarsi facilmente del nostro villaggio.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivi

il 5X1000 ad Assopace Palestina

Il prossimo viaggio